I gentili visitatori perdoneranno qualche errore nella lettura del Testo dattiloscritto da parte dello "scanner, ma soprattutto  la perdita dell'impaginazione delle note.. Le tabelle  con  le richieste delle parti civili sono state omesse.

Saranno gradite le segnalazioni di errori o eventuali suggerimenti, utilizzando il solito indirizzo email

              webmaster@credfed.com               

N. l0/01 R.G. Trib. P G
N. 474/96 R. G. Notizie di reato P. M
N. 2090/99 R. G. G.IP.
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale di Perugia (Sezione Penale) composto da:
Dott. Massimo RlCCIARELLI Presidente estensore
Dott. Marco VEROLA Giudice
D.ssa Francesca Altrui Giudice
ha pronunciato e pubblicato in data 29.9.2002 la seguente
-SENTENZA
nei confronti di:
1) GRECO IVO. nato a Cantalupo nel Sannio (IS) il.
8.7.1?27 , residente a Roma, V .le Cortina d' Ampezzo n. 79
elett.te dom.to presso l'avv. Fabrizio Lemme, con studio in
Roma, C.so Francia 197 ;
.LIBEROASSENTE -
DIFENSORE DI FIDUCIA: Avv .TO FABRIZIO
LEMME DEL FORO DI ROMA sostituito dall ' Avv .
Michele C. Del Re del Foro di Roma .
2) CAPALDO PELLEGRINO, nato ad Atripalda (AV) il
10.7.1939, residente a Roma Via Villa Patrizi 14, elett.te
dom.to presso l'avv. Stelio Zaganelli, Via Bontempi l,
Perugia
-LIBERO ASSENTE -
DIFENSORI DI FIDUCIA: A vv .TI FRANCESCO
.VASSALLI DEL FORO DJ ROMA E Avv .to
MICHELE C. DEL RE DI FIDUCIA DEL FORO DI ROMA
3) CARBONETTI FRANCESCO. nato a Viterbo il 6.2.1941, residente a Roma,
Via Monte Parioli 25, elett.te dom.to presso l'avv. Stelio Zaganelli del Foro di
Perugia
-LIBERO ASSENTE -
DIFENSORI DI FIDUCIA: A v . FRANCESCO VASSALLI DEL FORO DI
ROMA E A vv .TO STELIO ZAGANELLI DEL FORO DI PERUGIA
4) D'ERCOLE STEFANO, nato a Lecce il 15.1.1947, residente a Roma, L.go del
Teatro Valle n.6, elett.te dom.to presso lo studio dell'avv. Giuseppe De Luca, Via
della Conciliazione 44, Roma;
-LIBERO ASSENTE -
DIFENSORI DI FIDUCIA: A vv .TO GIUSEPPE DE LUCA DEL FORO DI
ROMA E A vv .TO SAMMARCO ANGELO DEL FORO DI ROMA sostituiti
entrambi dall' A vv. Lupinacci

PARTI CIVILI

 patrocinate dall' Avv.to Francesco Rosi:

Alfano Giuseppina, Alterio Angelo Michele, Amodio Stefania. Antonelli Gjuseppe Bandiera Claudio. Barranca Claudio, Benipanni Massimo. Benigni Roberto, Bennati Eros, Berte'Daniela, Bettidi Claudio, Blandi Aurelia Franca, Bonanni Enzo Maria.Bordoni Lidia, BracalePierdomenico, Bnmo Marco~ Buffa Antonio. Cafini Maurizio, Campo Carolina, Caru11oAnna, Cerquetani Franco. Ciccozzi Giacomo, Ciolfi Angelo, Coppola Angelo, CoronaGianftanco, Daconto Sergio, De Carli Maurizio, De Simone Raffaele, De' Liguori CarinoFilippo. Duca Eugenia Elsa, Fanfoni Ernesto, Fiadini Daniela Frazzetta Fi1ippo, Frosi Mauro, Gagliardi Maurizio, Gaias Maria Antonietta, Giupponi Ettore, Gnocchi Vincenzo, Granchelli Mauro, Grassi Lama, Guido Marcello Iannello Claudio, Impiglia Romolo Ippoliti Antonio, Leaci Ulisse, Liuzzi Antonio Luigi, Lucantoni Anna Maria, Lucantoni Giovanni, Lucchini Fabio, Mammola Paola, Mannucci Sandro, Marabitti Amaranto, Marchetti Maria Elena, Marini Renzo, Martìni Mario, Marini Stefano, Martinelli Stefano, Marucci Daniela, Mastroianni Giuseppe Antonio, Matera Cinzia Mendicini Pierluigi, Molinari Claudia, Montevecchi Marcella, Monti Ferdinando, Moroni Ileanna Navarra. Bruna, Nucci Anna. Ottavi Paola, Padovan Mario Padroni Luigi. Paglialunga Antonio Palenca Ivana, Pandolfi Fabrizio Paolantoni Gianluca, Patrignani Patrizia, Pelliccioni La1tta, Pepe Biagiot Petraccia Mariarosa. Petrocchi Vittorio Roberto. Petrocelli Giovanni, Petruccioll Alberto, Pierangelini Paola, Prato Rosa, Renato Anna, Provenzano Luciano, Quarta Pierluigi, Rambaldi Sandra, Ramponi Luciano, Rom.oli Vittorio, Rossi Chiara, Rossi Massimo, Rubolotta. Maurizio Rurio Rosa Maria  Salvioni Paolo, Santangelo Enrico, Santini Gastone, Scuderini Marina, Sferrazza Michelangelo, Sibio Alfonso Simeone Roberto, Simone Massimo, Simone1li Maurizio, Sirti Aleandro, Spaziani Loredana, Tabascio Antonio, Terranova Aiberto, Tomaselli Guglielmo, Vetri Gerrnana, Zarmati Luigino Zenari Giovanni, Subiaco Elia. Corte Giuseppe, FolloWalter, Di CoIcia Giancarlo, Colabucci Maria Rita, Bidoli Simonetta, De Stefa11i Roberto, Ottavianelli Leone, D'amato Diego, Afeltra Enrico Caputo Cannine, Mariani Domenico; Di Pietro Antonio, Matera Alberta., Biancucci Mario. Pistecchia Anna Maria, VianeUo Maria, De Santis Renato, Felici Gaetano, D'Alessandro Sandra, Tosoni Augusto. Silla Bianca Maria; 

- patrocinate dall' Avv. Luca Petrucci 

Bellè Luciano Berna Francesca, Ceci Maurizio, Cesarini Maurizio Di Fortunato Serafino, Dionisi Giorgio, Fioravanti Gabriella, Fuxa Ermelinda~ Ghezzi Gilio, Gistri Mauro, Grauso Enrico, Iacobucci Piero! fnnAMOrati Chjara, Ugas Giuseppe, Lombardo Viviana, Lucarelli Giulio, Menichini Vincenzo, Mestici Luciano, Montosi Claudio) Oragano Michele Angelo.Pepe Rachele, Picchi Franco, Rocchi Anna Maria, Scali Zelinda, Spinelli Giovanna, .Toscìri Piero, Trapani Domenica;

-patrocinate da1l' Avv.to Francesco Marcello Paola:

Alberi Rossana, Ambrosino Vincenzo, Angemi Antonio, Antognozzi Paolo Maria, Antonacci Luisa Antonaroli Lucia, Avocatino Carla, Avorio Pierina Barbato Antonio, Barraco Angelo, .Bausano Rita, Bentivoglio Angela, Bcrtini Rosalina, Bonaparte Lu.cio, Bonavolonta' Adelaide, Borsetti Valter , Bruschi Amerigo. Buschettu Guido, Cacchione Franca. Campanini Giorgio. Candiloro Rosalia Canestrari Sauro, Carabeo Paolo, Caratelli Patrizia, Castelluccio Eugenio, Caiani Gabriella, Celiento Domenico, Cerrone Elena  Cesta Giorgina, Cianca Vjncenzo Ciancuto Maria Grazia, Collina Laura, Coradazzi Giorgio, D' Addato Rìta, De Luca Filippo, De Santis Sergio, Di Caro Emanuele, Di Crescenzio Sandro, Di Croce Cristina, Di Filippo Alberto Di Francesco Maria Stefania, Salustri Franco Salustri Marco e 'Salustri Luca (In qualità di eredi di D'innocente Sabina), Di Pietro Luisa, Fabrizio Antonio, Fanano Rosangela, Pani Francesco, Fatello Anna Maria, Ferrari Alessandra, Ferri Carla, Ferri Daniela, Fiori Maria "Grazia. Fontana Cipriano, Forteleoni Anna Lia, Francbini Paola, Frezza lsabella, Frongia Paola, Fusco Raffaele, Gacci Giancarlo, Ga1asso Matilde, Galavema. Gogliardo Alfonso, Gallinari Teresa, Gargiulo Vincenzo, Gini Lucia, Giorgi Bruno Giorgio Maria, Grani Loretta, Iacovelli Giorgio, Indiano Ettore, La Rocca Rosalba, Lauricel1a Umberto, Lazzaretti Giuseppina, Leoni Pierina, Levantesi Paola, Lombardini Adriana, Lucioli .Osvaldo, Lupaccini Lamberto, Madeddu Giacomina, Magrini Silverio, Mambrini Gianfranco,Manasse Bruna, Maragoni Maria, Marchegiano Franco Marchionni Maria Grazia, Marconi Paola, Massini Patrizia, Mauro Raffaele, Mazzarini Roberto, Mazzaroni Mauro, Mazzieri Ciro, Micco Antonio  Minaudo Ignazio, :Minissate Vincenzo, Morellato Gi1ùiano, Moretti And:rea Moroni Giorgio  Navana Bruna Negri Giacomo, Nocera Elena, Oliva Sandra, Ottaviani  Ottaviani Mirella Pala Giorgio, Paoli Amla Maria, Paolini Paolo  Paris Fausto7 Patane' Emanuela, Pedaccia Francesca, Pepere Giovanna, Perugini Claudio, Pesci Fabio, Pinto Stefania, Pims Luigi, Piras Maria Francesca, Fitta Raffaele~ Placida Maria Incoronata, Poggi Maura, Posa Maria Gabriella, Pratesi Adriana, Prencipe Marcello Primi Filiberto, Prisco Giancarlo, Quattrini Laura, Raciti Sergio. Radassao Antonio  Rastelli Antonelli, Razza Carlo, Ricca Pasqualino, Ricci Bruna Ascenza, Rocchitelli Carlo, Romani Mauio Romano Ciro Saverio, Rosati Nazzareno, Rossetti Carlo. Ruvio Barbara; Sabbioni Giorgìo, Santoro CaImela Silvana  Scalici Riccardo, Scuderi Cinzia, Senesi  Elvira, Sergiacomi Roberto, Sestili Dante, Stefanori Rita Tamagnini Primo Tedesco Carla, Telloni Lidio, Toscano :Marlella, Trapani Luciano, Trenta Vmcenza, Tripodi Laura, Uccello Luana, Valentinì Paolo, Valoppi Maurizio, Vaselll Stefano, Ventutini Claudio Maria, Villani Maria Antonietta, Viri Giuseppina, Vitale ldalo, Zita Stefano, Zola Elsa;

-patrocinate dagli Avv.ti Lucio De Prlamo e Fabio De Priamo:
Acquafredda Michele, Altobel1i Francesco, Antonetti Antonella, Banchetti Cecilia, Battifoglia Massimo, Bernassola Stefano, Bertucci Antonio~ Biagi A1essàndro~ Bianconi Marco, Calileo Aldo Antonio, Calisti Giuscppe, Camarlinghi Anca Maria., Campanile Stefano, Canestrini Gabriella. Carderi Francesca, Caruso Carla Cassarà  Susanna., Civiero Antonio Angelo, Cobre Mario, Codarin Daniela, Colangeli Valentina, Cordeschi Bemardino, Cortese Gianfausto, Cricchio Simone, D'Alberto Elisabetta, D' Angelo Marcello, De Fazl Roberto; De Stefano Piero, Della Morte Nicola Di Giorgio :Michele, Di Latn'a Gianni~ Di Pietro Oiancarlo .Diglio Vincenzo, Diotallevi Daniele, Ferrara Andrea, Filippone Rita, Formisano Pasquale, Fomari Darlo Ernesto, Franceschini Loredana, Froncillo Maria Pia, Fusco Santo  Fusillo Francesco, Gabrie1li -Marco, Gaetani Laura, Gennarini Darlo, Giaccio Giovanni, Oiannini Francesco, Giordani Marimo, Gorietti Luigi Guerriero Cannine, Latini Sabrina, Laudanii

Felice, Liani Mariano, Maestri Gian Matteo, Maggi Marlna, Maio Cosimo, Mambrini Massimo, Mandracchia Salvatore, Marchioni Marco, Mastropasqua Rosa Meacci Maurizio, Migliorati Paola, Milazzo Santo. Monte Giuseppe, Mori Giuseppe, Mosca Giuseppe, Musacchìa Domenico, Nori Luigi. Olivierl Silvano, Orsini Marcello, Papitto Giselda,Paravani Fabio, Pasquali Antonia, Pasquarelli Carlo, Pauri Fortunata, Picchiotti Camillo,Proia Massimo, Proietti Enzo, Pulcinelli Margherita Purilli Paolo, Pusceddu Giovanni, Quaranta Elio. Ravanelli Lamberto, Rinaudo Rosario, Santodonato Stefano, Scarpa Domenico, Schurzel Giovanni, Sega Roberto, Serpetti Evelina Sara, Silvestri Patrizia, Sirocchi Marce11o, Spinella Filippo, Stradel1a Silvia, Tisba Ctnz.ia, Todisco Rosaria. Toscano Andrea, Tozzi Carlo, Tradigo Giorgio, Traversar! Pierluigi, Valletta Antonella Vena Antonino Marco, Vialetto Marcellina. Vitale Nicolò Zanfardino Assunta Mafalda;

patrocinate dall' Avv.to Antonio Di Pietro

Cristiano Paolo, Gargano Valter.,

-patrocinate dall’ Avv.to Francesco Fabbri:

Alessandri Vincenzo, Baldi Valter, Barbaro Giacinto, Bucci Mario, Candoli Daniele, Caprilli Giulio  Casaldi Roberto, Ceccolini Laura, Cestari Ada, Chiavari Lorenzo, Ciucci Maria, De Camillis Sergio  De Ruvo Giovanni, Di Donato Roberto, Durantini Carlo Fortucci Antonio,  Francia Umberto, Gasperlni Luisa Graziani Umberto, Gubbiotti Massimo, Guidoni Paolo, Latino Domenica Antonio  Mangiafesta Carlo. Maschemucci Tommaso, Matassini Mario, Mattei Claudio, Moriconi Enzo. Nobile Paolo, Nuoto Giuseppe, Piccioni Francesco, Pistolere Aldo, Raichlin Maria Luisa, Reali Angelo  Rinaldi Roberto, Roberti Anna Maria, Rose11ini Meri, Russo Giuseppe, Sanzo' Vincenzino, Soli Roberto Stramacci Paolo, Tornassi Giuseppe, Tuzzi Alberto, Vichi Roberto, Vi11ani Paolo;

.patroeinate dall' Avv.to Olivia Polimantii:
Pizzuto Pietro Ennio;


-patroci.nate dall' Avvocatuta dello Stato:


Ministero della Giustizia e Ministero delle Politiche agricole e forestali;


:
EX LEGE DALL'AVVOCATURA DELLO STATO IN PERSONA
DELL'AVV. MARIA GRAZIA SCALAS E GIUSEPPE MASSIMO
DELL' AIRA -PRESENTE'AVV. SCALAS -
CONSORZIO AGRARIO PROVINCIALE DI PERUGIA SOC. COOP A.R.L
in persona del COMMISSARIO LIQUIDATORE e legale rappresentante Dott.
BERTINELLI CRISTINA con sede in Ponte S. Giovanni Via dei Loggi
rappresentato e difeso dall' Avv. On. Giuseppe FANFANI del Foro di Arezzo con
Studio in Arezzo Via G. Monaco, 48 , elettivamente domiciliato presso lo studio
dell' Avv.to Gerardo Gatti sito in Perugia Corso Vannucci, 63 costituito anche nei
confronti àel Responsabile civile SGR- PRESENTE -
A vv. Prof. Michele C. Del Re quale difensore del responsabile civile SOCIET A ,
GESTIONE PER R REALIZZO S.P .A. ( GIA ' S.G.R) con dom. eletto presso lo
Studio dell' avv .Stelio Zaganelli del Foro di Perugia -PRESENTE -
IMPUTATI
GRECOIVO
a) arti. 81, 328, 490, 61 n.2 c.p., per avere, quale Presidente della Sezione Fallimentare del Tribunale di Roma e Giudice Delegato nel concordato preventivo FEDIT, occultato un'istanza presentata in data 27;5.92 dai Commissari Governativi FEDIT , volta ad avere conferma della non necessità di procedere alla messa in liquidazione della società, omettendo di protocollare l'istanza stessa ed acquisirla agli atti della proceduta, nonché, in esecuzione del medesimo disegno
criminoso, rifiutato di provvedere sulla stessa; fatto commesso per eseguire il reato di cui al capo c).
In Roma, 27.5 -10.7.1992.
b) arti. 490, 61 n.2 c.p., per avere, nella qualità indicata al capo a), occultato tre consulenze affidate al Prof. Francesco Carbonetti in prospettiva e in prossimità della delibazione della sentenza di omologa del concordato preventivo FEDIT, due,delle quali concernenti la congruità del prezzo, di cessione del patrimonio FEDIT offerto per conto della costituenda società acquirente, risultando in seguito il Prof. Carbonetti membro del Consiglio di Amministrazione prima e Presidente poi della costituita SGR, società acquirente; fatto commesso per eseguire il reato di cui al capo c).
In Roma, dal 5.10.1992 ad oggi.
CAPALDO PELLEGRINO
GRECO IVO
CARBONETTI FRANCESCO
D'ERCOLE STEFANO
c) artt. 81, 110 c.p.; 236 c. 2 n.1 L.F. in relazione all'art. 223 c. 1 L.F. ( 216,219 L.F. ); 323 cpv. c.p., per avere, in concorso tra loro e con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso,
il Prof. Capaldo, quale promotore di una cordata di creditori FEDIT, proponendo in data 27.5.1992 con la collaborazione del Dr. Geronzi, per il tramite dell' Avv. Casella, l'acquisto dell'attivo del patrimonio FEDIT al 30.11.1991 per il prezzo nominale di 2150 miliardi da parte di una costituenda società e quindi, quale Presidente della costituita società SGR, sottoscrivendo con il commissario governativo FEDIT in data 2.8.1993 per mezzo di procuratore l'atto notarile, definito atto-quadro, con il quale si imponeva ai contraenti l'obbligo di trasferire a SGR con successivi atti negoziali i beni previsti in atto-quadro al prezzo
complessivo pattuito;
il Dr. Greco, quale Presidente della Sezione Fal1imentare del Tribunale di Roma e Giudice Delegato nel concordato preventivo FEDIT, dirig.endo, con le violazioni descritte nei due capi precedenti, nonche con i provvedimenti giurisdizionali emessi singolarmente o collegialmente in violazione dell' art. 181 nn. 1 e 3 L.F. (in particolare, sentenza 23.7-5.10.1992 di omologa del concordato preventivo FEDIT, decreto 23.3.1993 di autorizzazione alla vendita in favore della costituenda società, decreto 20.7.1993 di autorizzazione alla sottoscrizione dell ' atto-quadro con la costituita SGR: inidoneità del concordato a soddisfare il 40% dei chirografari, mancanza di convenienza economica per i creditori), la procedura secondo le aspettative del Prof. Capaldo e secondo gli interessi dei soli creditori soci di SGR; in danDo degli altri e della stessa FEDIT;
il Prof. Carbonetti~ quale consulente del concordato preventivo FEDIT , ..amministratore di SGR dalla sua costituzione e successivamente Presidente, rilasciando pareri al Dr. Greco circa la congruità del prezzo offerto dall'acquirente
pagina 10

(pareri poi scomparsi dagli atti della procedura: vedi capo b ), dando esecuzione all 'atto-quadro con il perfezionamento dei negozi giuridici di trasferimento dei beni, nonchè quale amministratore di fatto FEDIT in relazione a trasferimenti diretti di beni a terzi e a gestione di crediti (beni e crediti non previamente trasferiti da FEDIT a SGR), fino all'emissione di decreto di sequestro preventivo da parte del GIP -Tribunale di Perugia;
il Prof. D'Ercole, quale commissario governativo FEDIT, sottoscrivendo I'atto-quadro e dando esecuzione allo stesso con i negozi giuridici sopra citati ;distratto e dissipato l'attivo patrimoniale FEDIT, valutato prudenzialmente 4.800 miliardi da un collegio peritale nominato dallo stesso Tribunale Fallimentare di Roma e circa 4.000 miliardi dal commissario giudiziale, promuovendone e consentendone la vendita al prezzo apparente di 2.150 miliardi (prezzo effettivo: inferiore a 2.000 miliardi per effetto di rateizzazioni fino a un anno e mezzo e per effetto di interessi su ricavi di cessioni di beni a terzi anteriori alla scadenza delle rate) senza alcun apparente supporto di carattere tecnico e senza alcuna motivazione sostanziale, così intenzionalmente procurando un ingiusto vantaggio patrimoniale di rilevante gravità, quantificabile in circa 3.000 miliardi, ai creditori soci di SGR e un correlativo ingiusto danno di rilevante gravità agli altri creditori e a FEDIT.
Roma, fino al 22.3.1996 ( decreto di sequestro preventivo del GIP di Perugia ).
Fatti tutti unificati dal vincolo della continuazione ex art. 81 cpv. c.p.
CON L'INTERVENTO DEL PUBBLICO MINISTERO: Dr. Dario Razzi
Il P .M. conclude chiedendo: ritenuto il reato principale quello di bancarotta fraudolenta e, previa concessione a tutti gli imputati delle attenuanti generiche ritenute equivalenti alla contestata aggravante, la condanna di Ivo Greco alla pena di
.anni 3 e mesi 2 di reclusione, Capaldo- Carbonetti e D'Ercole alla pena di anni 3 e mesi 1 di reclusione. n Pubblico Ministero produce memori.
Conclusioni difese:
L' Avv. Del Re per conto del Prof. Lemme per l'imputato Greco conclude chiedendo
l'assoluzione perché i fatti non sussistono e produce memoria.
L 'Avv .Prof. Vassalli per gli imputati Carbonetti e Capaldo conclude chiedendo
I' assoluzione perché il fatto non sussiste.
pagina 11


~ 'Avv. Del Re conclude chiedendo per l'imputato Capaldo e per il responsabile
civile l' assoluzione per Capaldo perche il fatto non sussiste e la liberazione da ogni
responsabilità del responsabile civile.
L' Avv. Angelo Alessandro Sammarco conclude chiedendo per l'imputato D'Ercole
Stefano l'assoluzione-per non aver commesso il fatto; in subordine perche il fatto
non costituisce reato; in ulteriore subordine, nell'ipotesi in cui derubricasse l'accusa
contestata da bancarotta fraudolenta per distrazione e bancarotta fraudolenta
cosiddetta preferenziale per intervenuta prescrizione a seguito di concessione di
attenuanti generiche prevalenti.
I difensori delle parti civile concludono come di seguito specificato. 

 

 

OMISSIS

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1 - A conclusione di una complessa indagine svolta dal P.M. presso questo Tribunale, anche a seguito dell’invio di atti di altro procedimento instaurato dinanzi alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, veniva disposto in data 25-11-2000, all’esito dell’udienza preliminare, il rinvio a giudizio di Greco Ivo, Capaldo Pellegrino, Carbonetti Francesco e D’Ercole Stefano, perché rispondessero delle imputazioni loro rispettivamente ascritte in rubrica, tutte afferenti alla procedura di concordato preventivo di Federconsorzi, svoltasi dinanzi alla sezione fallimentare del Tribunale di Roma a partire dal luglio 1991.

Il GUP contestualmente emetteva sentenza di non luogo a procedere per non aver commesso il fatto nei confronti di Cesare Geronzi, originario coimputato del reato sub c), nonché dello stesso Greco e di Cragnotti Sergio perché il fatto non sussiste  in ordine ad un’ulteriore imputazione di bancarotta, concernente la vendita della società Fedital al gruppo del citato finanziere, avvenuta in corso di procedura.

Contro gli imputati si costituivano numerose parti civili, fra le quali moltissimi ex dipendenti di Federconsorzi, oltre che alcuni Consorzi Agrari Provinciali.

Nelle more le citate parti civili, per il tramite dei rispettivi difensori, formulavano istanza di citazione come responsabile civile della Banca di Roma e della società SGR spa, in rappresentanza della quale, in veste di presidente, aveva operato il prof. Capaldo al momento della stipula del contratto da cui aveva tratto origine l’imputazione sub c).

Il Collegio disponeva la citazione della sola SGR, rigettando la richiesta di citazione di Banca di Roma.

All’udienza del 21-5-2001 veniva verificata la regolare costituzione delle parti.

In tale circostanza si costituivano come parti civili altri ex dipendenti, nonché il Consorzio Agrario di Perugia e l’Avvocatura dello Stato a nome della Presidenza del Consiglio, del Ministro della Giustizia, del Ministro per le Politiche Forestali e del commissario liquidatore di Federconsorzi, nominato a seguito della L 410/99.

Inoltre si costituiva il responsabile civile SGR spa, in persona del relativo legale rappresentante.

Su sollecitazione dello stesso Collegio, veniva integrato il fascicolo per il dibattimento con l’inserimento di atti e documenti costituenti all’evidenza corpo di reato o cose ad esso pertinenti.

Alla successiva udienza del 20-6-2001 venivano formulate dalle parti numerose questioni preliminari, sulle quali il Collegio si pronunciava con apposita ordinanza.

In tale sede venivano estromesse alcune parti civili, mentre veniva respinta la richiesta di esclusione di tutte le altre.

Il 27-6-2001 venivano ammesse le prove orali e documentali dedotte e, a partire dal 5-7-2001, prendeva avvio la fase di assunzione.

A mano a mano venivano acquisiti ulteriori documenti a corredo delle varie deposizioni nonché, con il consenso delle parti, i verbali di dichiarazioni rese nel corso delle indagini sia da soggetti escussi sia da altri soggetti, inizialmente indicati come testi, ai quali tuttavia il P.M. aveva successivamente rinunciato.

Esaurite le prove dedotte dal P.M., venivano assunte quelle indicate dalle parti civili, compreso l’esame diretto di alcune di loro.

Si procedeva quindi all’esame degli imputati e infine all’assunzione delle residue prove orali a discarico.

Fra l’altro all’udienza del 4-4-2002 veniva sollevato dal teste Tripoli il segreto di ufficio con riguardo alle operazioni a suo tempo da lui svolte per conto della Commissione Parlamentare d’Inchiesta istituita per far luce sul dissesto e sulla procedura di concordato di Federconsorzi.

Il Tribunale si pronunciava in pari data con apposita ordinanza.

Veniva dato termine alle parti per la produzione di ulteriore documentazione, con riserva di ammissione alla successiva udienza.

Ed invero veniva depositato svariato materiale, compresa una consulenza medico-legale, riguardante l’accertamento del danno esistenziale e biopsicologico subito da un gruppo di ex dipendenti.

A partire dal 16-9-2002 cominciava la discussione, al termine della quale il Collegio si pronunciava come da dispositivo, contestualmente emettendo ordinanza avente ad oggetto: 1) il mantenimento del sequestro preventivo, già disposto dal GIP nel corso delle indagini, sulla partecipazione trasferita a SGR in tre società immobiliari; 2) la restituzione agli aventi diritto di cambiali per circa 800 miliardi di lire, sequestrate con decreto del GIP in data 24-4-1996; 3) il sequestro conservativo della partecipazione detenuta da SGR spa nella società SMIA spa.

 

CRONISTORIA: DALLA CRISI ALLA LIQUIDAZIONE CONCORDATIZIA

2 - Parlare della Federazione dei Consorzi Agrari-Federconsorzi, in gergo Fedit, dall’angolo visuale della procedura di concordato preventivo, che ha contrassegnato la fase finale della sua storia, è come prender parte ad una festa danzante della corte imperiale asburgica, guardandola dal buco di una serratura.

Perché in realtà può già dirsi che almeno in una determinata fase storica “fu vera gloria”, nonostante i molti detrattori.

La crescita economica e sociale dell’Italia, nel secondo dopoguerra, non può essere appieno compresa se si prescinde dal contributo che quell’organismo seppe fornire, aiutando la produzione agricola e fornendole sbocchi commerciali.

In base al D.l.vo 1235/48, poi ratificato con L 561/65,[1] la Federconsorzi altro non era che una società cooperativa a responsabilità limitata, di cui erano soci i consorzi agrari provinciali o interprovinciali per quote costituite da azioni del valore di £ 50.000 ciascuna: così come i consorzi agrari avevano la funzione di contribuire al miglioramento e all’incremento della produzione agricola, alla Federconsorzi competeva la stessa funzione su scala nazionale, dovendo essa curare sia l’approvvigionamento di materie prime e di mezzi, anche finanziari, attraverso operazioni creditizie, sia assicurare ai prodotti un adeguato sbocco.

La sua rigida struttura e le funzioni svolte, nonché la sottoposizione alla vigilanza ministeriale hanno concorso negli anni a far sorgere dubbi sulla natura pubblica o privata dell’ente.

Sta di fatto che progressivamente ha finito per imporsi il convincimento che si trattasse di una società privata a tutti gli effetti, salve alcune peculiarità, e che tuttavia ad essa fossero demandate non di rado funzioni più propriamente pubblicistiche, come nel caso dei c.d. ammassi, con ricaduta non tanto sullo statuto dell’ente ma sulla qualificazione della specifica attività, oggettivamente intesa[2].

Essendo tanto i consorzi agrari quanto la Federconsorzi retti da uno statuto tipo, a forte impronta maggioritaria, accadde che del complessivo sistema si impossessarono alcune associazioni di categoria, a cominciare dalla Coldiretti, che negli anni riuscì ad imporre una forte influenza.

Poiché peraltro quelle associazioni erano a loro volta legate al partito di maggioranza relativa, la Democrazia Cristiana, che ha dominato la scena politica italiana fino ai giorni nostri, ben si comprende che quel partito avesse sempre considerato la Federconsorzi ed i consorzi agrari come strumenti della propria azione e come fonte di ampio consenso nel mondo contadino.

Anche per questo, ben prima dell’affermazione, ormai irrinunciabile, dei valori dell’Unione Europea, il sistema federconsortile veniva guardato con forte diffidenza dall’opposizione politica, che aspirava a spezzare il monopolio democristiano.

Sta di fatto che la Federconsorzi anche attraverso la gestione degli ammassi conobbe un periodo di forte sviluppo, che la portò a disporre di notevoli risorse.

Avendo progressivamente acquisito un cospicuo patrimonio immobiliare e rilevanti partecipazioni in numerose società, essa finì per assumere la struttura e la funzione di una vera e propria holding, cui non corrispondeva tuttavia un adeguato capitale, fermo per legge a poco più di £ 4.000.000, in considerazione delle quote sottoscritte dai consorzi agrari suoi soci.

Ma soprattutto negli anni ’80 si registrò la progressiva crisi dei consorzi agrari, i quali non riuscirono più a costituire un valido supporto dell’attività agricola, essendo di quest’ultima mutato nel frattempo il quadro di riferimento.

Nella perdurante assenza di interventi di tipo strutturale il sistema fu alimentato da una sconsiderata politica creditizia, che però determinò progressivamente un fortissimo indebitamento dei consorzi agrari  verso Federconsorzi e di quest’ultima verso banche e istituti finanziari, tra i quali Agrifactoring.

Ed invero Federconsorzi, priva di proprie risorse, non poteva che rivolgersi alle banche, mentre dai consorzi agrari e indirettamente dagli agricoltori essa riceveva cambiali che venivano girate allo sconto o fattorizzate presso Agrifactoring, di cui Federconsorzi era cliente esclusivo.

D’altro canto la struttura di Federconsorzi aveva assunto dimensioni gigantesche anche sotto il profilo occupazionale, non facendo a ciò riscontro la fluidità dei meccanismi decisionali, condizionati da influenze politiche.

La situazione si fece pertanto sempre più precaria.

Nondimeno il debito continuava a crescere senza che gli istituti di credito giudicassero opportuno munirsi di idonee garanzie, essendovi in tutti la convinzione che un ente quale Federconsorzi, attratto nell’orbita della politica e chiamato a svolgere anche compiti di tipo pubblicistico,  non potesse mai divenire insolvente.

I bilanci approvati nel corso degli anni ’80 non esprimevano con puntualità la reale consistenza dello stato di crisi, in quanto si concludevano immancabilmente con un utile di esercizio, ottenuto mediante spericolate operazioni di “maquillage”.

Ciò non significa peraltro che la situazione fosse radicalmente compromessa.

Nel 1989 fu nominato direttore generale il dott. Silvio Pellizzoni, che avrebbe dovuto dare alla gestione di Federconsorzi un’impronta di tipo manageriale.

Del resto anche le associazioni di categoria, ispiratrici della politica di Federconsorzi, cominciavano ad aprirsi ad una concezione meno statica e più moderna del ruolo dell’ente e soprattutto ad accettare l’idea di una diversa struttura di base, pur non rinunciando a meccanismi che lasciassero inalterata la loro influenza dominante.

Fu tentata una riclassificazione dei dati di bilancio, peraltro non del tutto appagante.

Furono inoltre individuate le linee guida per la creazione di una nuova struttura, incentrate sull’alleggerimento dei costi, su un piano di dismissioni e sulla riduzione e accorpamento dei consorzi agrari.

Ma nulla di concreto venne realizzato.

Peraltro sulla consistenza dello stato di crisi di Federconsorzi le opinioni sono tutt’altro che univoche.

Secondo alcuni nel 1990 la situazione era divenuta insostenibile per l’entità delle spese di gestione e per l’onerosità dell’indebitamento[3]; per altri invece era stato messo in atto un circolo virtuoso di riduzione di costi che avrebbe in prospettiva potuto preludere ad una progressiva ripresa[4].

Certo è che il bilancio al 31-12-1990 si chiuse apparentemente in pareggio.

Nel frattempo, nel mese di aprile del 1991 la carica di Ministro dell’Agricoltura, cui competeva l’apposizione del visto sul bilancio e il controllo su Federconsorzi, era stata assunta dall’On. Giovanni Goria, uomo politico di provata esperienza e certamente in grado di valutare ogni tipo di problematica di carattere economico-finanziario.

Fin dall’inizio egli mostrò di voler esercitare con maggiore incisività i poteri di vigilanza ministeriale.

Si consigliò sul da farsi innanzi tutto con il prof. Pellegrino Capaldo [5], che da tempo aveva assunto il ruolo di ispiratore delle strategie di Federconsorzi [6], tanto da aver alla fine degli anni ’80 condotto un’indagine sullo stato dei consorzi agrari [7] e da aver anche indicato i possibili rimedi allo stato di difficoltà in cui l’ente e l’intero sistema federconsortile si dibattevano, oltre che avallato la nomina del dott. Pellizzoni come direttore generale [8] .

Di seguito egli conferì a due persone di sua fiducia, il dott. Renato Della Valle e il dott. Flavio Dezzani, l’incarico di assumere dati conoscitivi sulla reale situazione di Federconsorzi [9].

In quel periodo, nonostante la situazione di forte indebitamento, non vi era sentore all’esterno di una reale difficoltà di Federconsorzi ad onorare i propri debiti.

Cominciava solo ad affacciarsi una qualche forma di prudenza da parte di taluni istituti bancari nei confronti dei Consorzi agrari.[10]

Ma le linee di credito non erano esaurite, potendo l’ente ancora disporre di fidi [11]e essendo ancora alla metà di maggio sul punto di ottenere un significativo finanziamento dal Credito Italiano, garantito dal cospicuo credito di Federconsorzi verso lo Stato per la gestione degli ammassi [12].

Si andò però diffondendo negli ambienti, politici e non, legati a Federconsorzi la voce che il Ministro stesse per esercitare il potere di commissariamento, riconosciutogli dall’art. 35 del D.l.vo 1235/48.

Per questo l’On. Arcangelo Lobianco, massimo esponente di Coldiretti, chiese la mediazione del Sottosegretario Cristofori, affinché potesse organizzarsi un incontro con l’On. Goria e con il Presidente del Consiglio Sen. Andreotti, nel quale discutere della questione e del futuro di Federconsorzi.

L’incontro avvenne la mattina del 17-5-1991 presso la Presidenza del Consiglio anche alla presenza dell’On. Arnaldo Forlani, segretario politico della Democrazia Cristiana, e del Ministro Cirino Pomicino, ma esso servì solo a chiarire che il Ministro Goria aveva ormai irrevocabilmente assunto la decisione di commissariare la Federconsorzi [13], il che equivaleva a creare nella politica agricola una netta soluzione di continuità tra quanto era fino ad allora avvenuto e quanto sarebbe potuto avvenire in futuro.

Infatti nel pomeriggio del 17-5-1991, quando era in fase di avanzata istruttoria la concessione del finanziamento del Credito Italiano, di cui s’è già detto, il Ministro dell’Agricoltura diffuse la notizia della firma del decreto di commissariamento, con il quale l’incarico di commissari veniva affidato al dott. Giorgio Cigliana, al prof. Agostino Gambino e al dott. Pompeo Locatelli, personaggi di spessore, provenienti da esperienze diverse e appartenenti ad area sia democristiana che socialista.

3 - Il commissariamento non forma direttamente oggetto delle imputazioni su cui verte il presente processo, costituendo se mai, secondo la terminologia dei processualcivilisti, un fatto secondario: ma rappresenta, nondimeno, uno dei punti più oscuri dell’intera vicenda.

Un ente che fino ad allora aveva goduto di fiducia pressoché illimitata, che disponeva ancora di linee di credito e stava per ottenere nuovi finanziamenti e che soprattutto aveva operato all’unisono con il partito di maggioranza relativa, veniva improvvisamente additato come un gigante dai piedi d’argilla.

Il decreto del Ministro Goria[14] non si limitava a dar atto di un irregolare funzionamento, ma segnalava uno “stato di persistente squilibrio economico e finanziario”, così platealmente creando le condizioni perché nel ceto creditorio si manifestasse il più vivo allarme.

Una simile iniziativa, proveniente da un uomo tanto esperto, non può essere altrimenti interpretata che come un clamoroso segno di discontinuità.

Quali che fossero state le strategie del Ministro, certo è che da quel momento in poi la storia di Federconsorzi non sarebbe più potuta essere la stessa.

Può al riguardo ipotizzarsi che si fosse voluto con una cura drastica impiantare un nuovo sistema di ausilio all’agricoltura, molto più leggero, basato sull’intermediazione, piuttosto che sull’acquisto e la vendita diretta dei prodotti e sull’assunzione degli oneri finanziari dei consorzi agrari.

Ma potrebbe anche supporsi che, al di là delle apparenze, il Ministro intendesse privilegiare un nuovo progetto agro-industriale a scapito del modello tradizionale di agricoltura.

In ogni caso dalla data del commissariamento scattarono le contromisure delle banche: immediatamente furono revocati i fidi e, com’è ovvio, naufragò l’istruttoria in corso per il nuovo finanziamento del Credito Italiano.

Non è risultato con certezza che il Ministro avesse già preso accordi con gli istituti bancari, anche se da parte di taluno si è genericamente ipotizzato che ciò fosse avvenuto [15].

Ed in effetti appare talmente ingenuo immaginare che un uomo politico particolarmente esperto potesse aver adottato una misura così drastica senza qualche previo coinvolgimento degli istituti di credito, da far apparire la circostanza inverosimile.

Di certo v’è che il Ministro si consultò con il prof. Capaldo, esponente di primissimo piano del mondo finanziario e bancario, il quale, nel confermare la circostanza, ha sostenuto di aver consigliato a Goria di disporre per intanto solo un’ispezione.

Da altre fonti si è inoltre appreso che il Capaldo avrebbe manifestato perplessità di fronte al fatto compiuto di un commissariamento non previamente concertato con gli istituti bancari.[16]

Ma è anche singolare che, dopo essersi consultato con il predetto, il Ministro ne avesse di fatto seguito il suggerimento, disponendo un mero simulacro di ispezione (l’invio del Della Valle e del Dezzani), per poi arrivare comunque al commissariamento nel volgere di pochi giorni[17].

Del resto non sempre ciò che appare, corrisponde perfettamente a ciò che è.

4 - Il risultato fu comunque che, a partire da lunedì 20 maggio 1991, la Federconsorzi si ritrovò sostanzialmente priva di liquidità.

Il Ministro pubblicamente, anche in esternazioni ufficiali [18], delineò il suo progetto, cioè quello di procedere ad una liquidazione volontaria del cospicuo patrimonio di Federconsorzi e alla contestuale creazione di una nuova società, destinata a svolgere attività di intermediazione e di prestazione di servizi, ovvero, ferma restando la creazione di una nuova struttura, quello di attuare una sorta di cessio bonorum, previa costituzione da parte delle banche, mediante conversione dei crediti in quote di capitale, di una società, avente la funzione di acquisire beni e attività di Federconsorzi, realizzandone al meglio il patrimonio, previo soddisfacimento dei creditori minori.

Nel primo caso, secondo il Ministro, sarebbe stato indispensabile che i creditori rinunciassero agli interessi a partire dal 1-1-1991, non escutessero i crediti prima del termine della liquidazione, fossero disponibili a postergare i crediti a vantaggio di un bilancio di liquidazione in equilibrio.

Ad ogni modo sarebbe stato necessario il consenso unanime del ceto creditorio.

All’attuazione di tale progetto lavorarono alacremente nel mese di giugno del 1991 i commissari governativi[19].

All’uopo si tennero varie riunioni presso l’ABI, che assunse nella vicenda il ruolo di fulcro della trattativa.

Ma ben presto si delineò l’impossibilità di dar corso al progetto.

Varie erano le ragioni che militavano in senso contrario alla sua riuscita.

Talune banche, tra le più importanti, quale ad es. la B.N.L, non vedevano di buon occhio un proprio coinvolgimento in una nuova struttura che potesse impegnarle direttamente in un’attività di gestione [20].

Inoltre le banche estere, in particolare quelle giapponesi, che fino ad allora avevano largamente concesso crediti, nel convincimento che Federconsorzi fosse un organismo parastatale, reclamavano per intero il pagamento di quanto dovuto, pretendendo che fosse lo Stato stesso  a farsene carico e giungendo a prospettare difficoltà nei rapporti internazionali.[21]

Né va sottaciuta l’ulteriore difficoltà correlata alla situazione di Agrifactoring, società partecipata da Federconsorzi e da alcune banche, tra cui B.N.L., che, avendo come unico cliente Federconsorzi, a seguito della crisi di quest’ultima, si era trovata in una situazione analoga.

Poiché fra i creditori di Agrifactoring figuravano ancora una volta le banche estere, men che mai queste ultime erano disposte a concedere alcunché, pretendendo anzi, in questo caso, il pagamento dalla B.N.L. o dal Ministero del Tesoro, “azionista di riferimento” della banca.

In concreto i commissari governativi dovettero constatare che tra i creditori non vi era unanimità di intenti e che le adesioni, pur autorevoli, al progetto del Ministro erano del tutto insufficienti[22].

Non restava a questo punto altro da fare che trarre le conseguenze della situazione venutasi a creare.

In proposito non vi era identità di vedute tra chi propendeva per il ricorso alla procedura di concordato preventivo con cessione dei beni e chi invece vedeva di buon occhio la liquidazione coatta amministrativa ovvero addirittura l’amministrazione straordinaria disciplinata dalla c.d. Legge Prodi[23].

Alla fine in gran fretta, anche per contrastare un’istanza di fallimento nel frattempo presentata da un creditore, fu prescelta la strada del concordato preventivo con cessione dei beni e fu predisposto il relativo ricorso.

Le difficoltà da superare erano notevoli, poiché, a fronte del dichiarato stato di crisi, si doveva addurre che sussistevano le condizioni formali e sostanziali per l’ammissione alla procedura concorsuale prescelta.

Ed invero l’atto introduttivo risente di tali ristretti margini di manovra, da un lato diffondendosi sulle cause della crisi, ricollegata alle peculiarità del mercato, alla rigidità della struttura dell’ente ed agli oneri assunti per far fronte alle esigenze del sistema consortile, e dall’altro ponendo in luce l’oculata opera dei commissari governativi, attivatisi immediatamente per proporre ai creditori una liquidazione volontaria nel loro interesse, e poi, preso atto del mancato raggiungimento dell’unanimità, per prospettare al Ministro dell’Agricoltura l’opportunità di accedere ad una procedura concorsuale.

Nel ricorso [24] si sottolineava che il concordato preventivo con cessione dei beni appariva la procedura più vicina alla tentata liquidazione volontaria, a favore della quale si erano comunque espressi molti creditori.

Inoltre si segnalava la necessità urgente di disponibilità finanziarie da reperire attraverso il realizzo di investimenti, al fine di coprire le spese di gestione e di assicurare la conservazione di alcune attività, in primis la rete di vendita e l’attività di commercializzazione, ciò anche nella prospettiva di attuarne il trasferimento ad una nuova società capitalizzata da terzi.

Sul piano formale veniva ricordato che libri e scritture contabili erano stati regolarmente tenuti e che sussistevano le altre condizioni di cui all’art. 160 L.F.

Sul piano sostanziale si sottolineavano invece “patrimonialità tali da far ritenere più che fondatamente il soddisfacimento integrale dei creditori privilegiati e dei chirografari in percentuale senz’altro superiore al minimo del 40%”.

Alle attività veniva attribuito un valore complessivo di £ 4.120.974.000.000, derivante, salve alcune poste minori, da cespiti immobiliari per 754.910.000.000, con abbattimento prudenziale di £ 200.000.000.000 in considerazione di beni strumentali con destinazione unica e mercato limitato; da impianti per £ 17.400.000.000; da macchinari e attrezzi per £ 10.600.000.000; da mobili e attrezzature d’ufficio per £ 5.000.000.000; da partecipazioni in società quotate in borsa per £ 457.000.000.000; da partecipazioni in società non quotate immobiliari per £ 449.700.000.000, salva una riduzione del 25% per oneri fiscali; da partecipazioni in altre società per £ 565.000.000.000; infine da crediti per £ 2.260.885.000.000, compresi i crediti verso i CAP, nominalmente pari a £ 2.349.000.000.000, ma valutati prudenzialmente £ 1.048.000.000.000, in considerazione fra l’altro dello stato di crisi di molti consorzi, già ammessi o in via ammissione a procedure concorsuali.

 In sostanza si delineavano alla data del 31-5-1991 tre principali voci dell’attivo: immobili, partecipazioni e crediti.

Per le passività veniva indicato un importo complessivo di £ 5.045.000.000.000, di cui £ 293.000.000 per crediti privilegiati e il resto per crediti chirografari.

Tra questi ultimi spiccavano i debiti verso banche per £ 3.144.387.000.000.

Si osservava infine che gli oneri concordatari per spese di gestione conservativa e per spese di procedura non avrebbero potuto mettere in discussione la possibilità di ottenere una percentuale di soddisfacimento dei crediti chirografari ben superiore al minimo previsto dalla legge.

Il ricorso venne ovviamente assegnato alla sezione fallimentare del Tribunale di Roma, presieduta dal dott. Ivo Greco.

Quest’ultimo chiese ai rappresentanti della ricorrente alcune indicazioni aggiuntive e si recò inoltre presso i locali della Federconsorzi per visionare libri e scritture, di cui, stante la mole -si disse-, non sarebbe stata possibile l’allegazione al ricorso [25].

Con decreto del 18-7-l991 [26] il Tribunale ammise la Federconsorzi alla procedura di concordato preventivo, nominando giudice delegato lo stesso Presidente e commissario giudiziale il prof. Nicola Picardi.

L’adunanza dei creditori fu fissata per il giorno 29 gennaio del 1992.

Nel provvedimento si prendeva atto di quanto prospettato nel ricorso e si rinviava alla fase dell’omologa la valutazione sulla meritevolezza, determinandosi provvisoriamente in £ 200.000.000.000 le spese conservative e in £ 3.000.000.000 quelle di procedura.

L’onere concordatario risultava dunque ampiamente soddisfatto.

5 - Secondo quanto previsto dalla legge fallimentare, i commissari governativi conservarono la gestione della società, cercando di adottare strategie volte al contenimento delle uscite.

Peraltro essi rilevarono immediatamente e segnalarono al Presidente Greco la necessità di acquisire liquidità e di operare in modo da non depauperare l’ingente patrimonio, soprattutto per ciò che riguardava le numerose società controllate, che in assenza di adeguati interventi sarebbero andate incontro a gravissime difficoltà, correlate alla riduzione o all’interruzione dell’attività della controllante.

In tale prospettiva i tre commissari formularono numerose istanze tendenti ad ottenere l’autorizzazione alla vendita di vari cespiti e all’erogazione di alcuni finanziamenti infra gruppo [27].

L’atteggiamento del Presidente Greco fu però quasi sempre di netta chiusura.

Non è un caso che in un verbale dei commissari governativi, datato 21-11-1991, si facesse riferimento a difficoltà crescenti nei rapporti con gli organi della procedura[28]

Il dott.  Greco autorizzò esclusivamente un finanziamento di venti miliardi di lire in favore della società Fedital, ex Polenghi Lombardo, ma solo perché il Tribunale di Milano stava per dichiararne il fallimento, e di seguito autorizzò la vendita della relativa partecipazione, che fu aggiudicata ad una società controllata dal noto finanziere Cragnotti [29].

Nel frattempo, avendo avuto risonanza negli ambienti finanziari la notizia dell’ammissione di Federconsorzi alla procedura di concordato, si mostrava da parte di molti interesse per la sorte dei beni e delle partecipazioni della società.

Inoltre si attendeva, soprattutto da parte delle associazioni, una risposta al problema, sollevato dallo stesso Ministro Goria, riguardante la creazione della nuova società destinata a prendere il posto di Federconsorzi.

In tale quadro furono elaborati vari progetti.

Alcuni di questi risultarono puramente velleitari o tutt’al più rivolti all’acquisizione di singoli cespiti.[30]

Un solo progetto parve caratterizzato da una strategia complessiva: esso, denominato Fiordaliso, venne elaborato nel novembre 1991 dal noto finanziere Roveraro, amministratore della merchant bank “AKROS” e vicino ad ambienti di ispirazione cattolica.

Secondo una sommaria enunciazione [31] il progetto contemplava in primo luogo una sollecita chiusura della procedura di concordato con la creazione di una società cui i maggiori creditori avrebbero dovuto conferire i propri crediti ad un valore convenzionale del 40% e che avrebbe dovuto garantire il pagamento dei crediti privilegiati nonché di quelli chirografari al 40%, acquisendo nel contempo tutte le attività, da liquidare poi in tempi opportuni; in secondo luogo prevedeva la creazione di una nuova holding con capitale controllato al 51% dai produttori agricoli, cui affidare attività di distribuzione e produzione.

Un piano siffatto, mai giunto ad una definitiva elaborazione, non ebbe peraltro alcuna pratica attuazione[32].

Tra la fine del 1991 e l’inizio del 1992 iniziò a predisporre un progetto anche il prof. Pellegrino Capaldo, all’epoca presidente del prestigioso Banco di S.Spirito, prossimo a fondersi con il Banco di Roma e con la Cassa di Risparmio di Roma nella nuova Banca di Roma[33].

Il Capaldo ebbe modo di parlare e confrontarsi anche con il Roveraro [34].

E non è affatto improbabile, come si vedrà, che qualche spunto del progetto Fiordaliso, fosse stato tenuto presente dall’abile finanziere.

Certo è che egli si rivolse all’Avv. Mario Casella, professionista milanese assai esperto di procedure concorsuali e consulente abituale dell’istituto del Capaldo.

Costui conferì al Casella, che si avvalse altresì della collaborazione dell’Avv. Maugeri, l’incarico di studiare la fattibilità di un piano destinato a coinvolgere il ceto creditorio nel rilievo in massa di tutte le attività di Federconsorzi, ciò da cui nelle dichiarate intenzioni sarebbero dovuti derivare una forte riduzione dei tempi della procedura concorsuale ed un buon risultato sul versante del recupero del credito vantato nei confronti di Federconsorzi.

Ovviamente tutto sarebbe dipeso in primo luogo dal voto favorevole dei creditori nell’adunanza fissata per il mese di gennaio.

Il risultato non era scontato, data la moltitudine dei creditori e la reazione a suo tempo manifestata dalle banche estere, restie ad accettare qualsivoglia abbattimento del proprio credito[35].

Inoltre vi era il problema di Agrifactoring.

Tale società era la massima creditrice di Federconsorzi ed in epoca pressoché coeva aveva fatto richiesta di ammissione alla procedura di concordato preventivo, avendo fatalmente risentito della crisi della propria cliente.

Anche con riguardo ad essa le banche estere si erano dolute del mancato pagamento dei crediti, individuando nella BNL, espressione del Ministero del Tesoro, il socio di riferimento.

La grave situazione, tale da poter determinare perfino una tempesta monetaria, si sbloccò con la congiunta iniziativa assunta da B.N.L., Banco di Santo Spirito ed Efibanca di postergare i propri crediti verso Agrifactoring[36], così assicurando agli altri creditori una ben più corposa percentuale di realizzo a scapito delle proprie chances.

Le medesime banche si ripromettevano peraltro di conseguire anche l’utile risultato del  voto favorevole nel concordato Federconsorzi.

6 - Nel gennaio 1992, prima della data fissata per l’assemblea, il commissario giudiziale prof. Nicola Picardi depositò una relazione particolareggiata[37], redatta dallo stesso e dal coadiutore generale Avv. Ludovico Pazzaglia.

In essa, accanto ad una panoramica sulla storia di Federconsorzi e sulle cause del dissesto, si dava conto delle attività e delle passività della società in concordato alla data del 30 novembre 1991.

A tal fine il prof. Picardi si era avvalso delle consulenze svolte da una serie di esperti, cui nel mese di settembre era stato conferito dal Presidente Greco l’incarico di procedere per -gruppi omogenei di cespiti- alla ricognizione dei beni che componevano l’imponente patrimonio e ad una valutazione estimativa degli stessi, da utilizzarsi ai fini del prosieguo della procedura.

Fra l’altro era stato nominato un coordinatore, individuato nella persona del dott. Enrico De Santis, che in una relazione di sintesi, denominata relazione unica di stima, avrebbe dovuto formulare le conclusioni tratte dalle relazioni redatte per i rispettivi settori da ciascuno degli esperti.

In base al lavoro di questi ultimi rifluito nella relazione unica di stima il valore globale delle attività era risultato pari a 4.800 miliardi di lire circa, derivanti da cespiti immobiliari (valutati dall’ing. Perrone e dall’ing. Micheloni [38]) per 921 miliardi di lire, da partecipazioni in società quotate e non quotate in borsa (valutate dal dott. Ferrucci e dal dott. Del Maro[39]) per 1.020 miliari di lire, da partecipazioni bancarie (valutate dal prof. Ferri[40]) per 415 miliardi di lire, da crediti (valutati dalla prof.ssa Misucci[41]) per 2.325 miliardi di lire e da poste minori.[42]

A fronte di tutto ciò il prof. Picardi ritenne di ispirarsi a cautela ancora maggiore di quella professata dai singoli esperti, e nel valutare le attività ritenne di operare un ulteriore abbattimento in varia guisa distribuito, così da giungere alla somma di 3.939 miliardi di lire circa.

Quanto alle passività il commissario giudiziale le indicò in 4.410 miliardi di lire per i crediti chirografari e in 275 miliardi per quelli privilegiati.

Nel corso dell’assemblea furono raggiunte le maggioranze necessarie.

A favore del concordato votò la stessa Agrifactoring, che vantava un ingente credito, qualificato solo in minima parte come privilegiato.

Subito dopo iniziò il procedimento di omologa.

Nel contempo vennero autorizzate altre vendite di cespiti immobiliari e di partecipazioni.

Non tutte andarono a buon fine, anche se in concreto le vendite effettuate assicurarono nel loro complesso un introito superiore al valore di stima dei relativi beni.

La circostanza che il prof. Capaldo stesse elaborando nell’interesse di un gruppo di creditori un suo progetto venne ufficialmente a conoscenza degli organi della procedura.

Lo stesso Capaldo infatti aveva chiesto al Presidente Greco di poter visionare dei documenti ed era stato invitato a rivolgersi ai commissari governativi.

Costoro incaricarono quindi uno di loro, il dott. Locatelli, di tenere i contatti con il Capaldo, autorizzando altresì la struttura di Federconsorzi a consegnare al richiedente la documentazione di cui avesse avuto bisogno [43].

Nel frattempo i commissari avevano conferito ad un gruppo di tre esperti, avv. Lucio Ghia, prof.ssa Maria Martellini e prof. Mario Sica, l’incarico di esaminare bilanci e contabilità di Federconsorzi con riferimento agli anni che avevano preceduto il commissariamento.

Successivamente avevano ritenuto opportuno rivolgere formale istanza al G.D., affinché autorizzasse il conferimento dell’incarico[44].

Il commissario giudiziale aveva però espresso parere negativo, segnalando da un lato come egli stesso avesse sottolineato in una propria nota [45] la necessità di un accertamento tecnico-contabile, peraltro rimesso dal G.D. alla fase dell’omologa, e dall’altro come l’iniziativa dei commissari finisse per determinare una duplicazione di spese.

Il G.D. aveva assunto un provvedimento interlocutorio, chiedendo ai commissari chiarimenti.

Costoro, nel ribadire la necessità dell’accertamento, con nota del 17-4-1992 avevano prospettato l’eventualità dell’integrazione della commissione con un esperto nominato direttamente dagli organi della procedura.

Finalmente, con provvedimento del 5-5-1992, il G.D. autorizzò il conferimento dell’incarico e, a seguito di istanza del commissario giudiziale prof. Picardi, il successivo 12-5-1992 dispose che la commissione fosse integrata da un esperto all’uopo nominato, individuato nel prof. Francesco Carbonetti [46], il quale di fatto prese il posto dell’avv. Ghia, che rinunciò all’incarico.

7 - Nel maggio del 1992 i commissari si trovarono ad approvare il bilancio relativo all’esercizio precedente.

Poiché risultava la perdita del capitale, essi si posero in concreto il problema se convocare o meno l’assemblea competente a disporre la messa in liquidazione della società.

Da un lato vi era chi, come il Locatelli, in base alla giurisprudenza milanese, riteneva che si trattasse di un adempimento inutile, stante la pendenza della procedura di concordato preventivo, avente funzione liquidatoria[47]; dall’altro vi era chi come il prof. Gambino, sapendo di precedenti di segno opposto del Tribunale di Roma, riteneva opportuno procedere alla formale messa in liquidazione[48].

Alla fine i tre commissari, pur manifestando il convincimento della non necessità della convocazione dell’assemblea, preferirono cautelarsi formulando un’istanza diretta al Presidente Greco, nella quale essi chiedevano comunque un parere al Giudice, instando in subordine per l’autorizzazione alla messa in liquidazione[49].

Detta istanza, che reca la data del 27-5-1992, fu presentata contestualmente all’approvazione del bilancio.

Essa fu altresì seguita da una lettera al Ministro di pari data, con la quale i tre commissari segnalavano di aver richiesto al Tribunale conferma della non necessità della messa in liquidazione e contestualmente rimettevano il mandato, asserendo che il loro compito si era ormai esaurito[50].

8 - Nella stessa fatidica data del 27-5-1992 l’Avv. Casella a nome di un gruppo di creditori, costituito essenzialmente dalle maggiori banche, inviò agli organi della procedura una lettera nella quale esponeva per la prima volta ufficialmente le linee guida del piano ideato dal prof. Capaldo [51].

Secondo quanto indicato nella lettera si prospettava la costituzione da parte dei soggetti creditori di Federconsorzi di una nuova società con capitale di 30 miliardi di lire, ripartito tra i soci in proporzione dei rispettivi crediti e con possibilità di partecipazione di altri creditori, disponibili a cedere il loro credito e a sottoscrivere in denaro congrui aumenti di capitale.

Per conto della costituenda società si offriva di acquistare in massa tutti i beni della Federconsorzi al prezzo complessivo di 2.150 miliardi di lire, somma da pagarsi in tre rate nell’arco di diciotto mesi, offrendosi peraltro adeguate garanzie e prevedendosi la possibilità di compensazione con somme spettanti in base a riparti parziali.

Si assicurava il soddisfacimento integrale dei creditori fino a 20 milioni di lire e in varie percentuali di quelli fino ad un miliardo di lire.

Mentre sui giornali cominciò un dibattito sulla congruità dell’offerta di acquisto in massa, il Ministro Goria si trovò costretto a nominare un nuovo commissario governativo, che fu individuato nel dott. Mario Piovano, il quale si insediò alla metà di giugno del 1992, con la promessa di una provvisoria collaborazione, nella fase di passaggio, del dott. Cigliana.

Fu peraltro deciso che i commissari uscenti curassero per il periodo di loro spettanza la relazione quadrimestrale al Ministro.

9 - Il Piovano si dette da fare per comprendere quale fosse la situazione della Federconsorzi e della procedura di concordato.

Egli rilevò fra l’altro che a distanza di tempo non aveva avuto ancora risposta l’istanza presentata dai precedenti commissari il 27-5-1992.

Si rivolse perciò direttamente al Presidente Greco, il quale in data 10-7-1992 estrasse l’istanza dalla propria borsa, ancora priva di attestazioni o timbri di cancelleria, e gliela restituì[52], segnalandogli che avrebbe potuto ripresentarla in seguito, corredata questa volta dal parere di un esperto, e suggerendo in proposito il nome del prof. Floriano D’Alessandro[53].

Sta di fatto che il Piovano chiese effettivamente al citato prof. D’Alessandro di formulare un parere circa la necessità o meno di provvedimenti liquidatori, e quest’ultimo depositò la propria relazione nel settembre 1992, immediatamente inviata dal commissario governativo agli organi della procedura [54].

Intanto, il 23 luglio 1992 fu trattenuta in decisione dal Tribunale di Roma, composto dal Presidente Greco e dai giudici Celotti e De Vitis, la causa riguardante l’omologa del concordato.

Sul versante della gestione commissariale il Piovano aveva provveduto a rivitalizzare una società partecipata da Federconsorzi, già individuata dai primi commissari come struttura destinata ad ereditare alcune delle attività di sostegno all’agricoltura che erano state svolte da Federconsorzi[55], mutandone il nome da “Fedit-Agrisviluppo spa” a “Agrisviluppo spa”.

In particolare il dott. Piovano aveva formulato un’espressa istanza per l’avvio dell’attività di detta società, anche al fine di definire tempi e modi del passaggio del personale[56].

Permaneva peraltro la necessità del contributo di altri soggetti, eventualmente disposti ad acquisire partecipazioni e ad erogare finanziamenti.

Quasi contemporaneamente le associazioni di categoria, per conservare la propria sfera di influenza, avevano cercato di realizzare un analogo progetto costituendo una società, denominata “SOCONAGRI” [57].

10 - Si giunse al 5 ottobre 1992, quando fu finalmente depositata la sentenza redatta dal Presidente Greco, con la quale veniva sancita l’omologazione del concordato preventivo.

La sentenza[58], nel ripercorrere la storia di Federconsorzi e nell’individuare le cause del dissesto, ampiamente mutuava alcuni contenuti della relazione particolareggiata del commissario giudiziale.

 Per il resto essa si soffermava sui presupposti formali e sostanziali per l’omologa, fra l’altro segnalando che la condotta tenuta dai commissari governativi era stata tale da creare una netta soluzione di continuità con il passato, così che ben sarebbe potuto sotto tale profilo riconoscersi il requisito della meritevolezza.

Si rilevava inoltre che, stante il valore del patrimonio, ammontante secondo le valutazioni del commissario giudiziale a 3.939 miliardi di lire, sarebbe potuto agevolmente prevedersi il pagamento di tutti i crediti privilegiati[59] e, in misura di gran lunga superiore al minimo del 40%, quello dei crediti chirografari[60], conteggiando altresì oneri in prededuzione pari a 374 miliardi (in luogo dei 403 previsti dal commissario giudiziale, che aveva stimato in 53 miliardi, anziché 24, le spese di procedura in senso stretto).

Relativamente alle modalità della liquidazione, si faceva menzione dell’offerta di acquisto in massa dei beni, proveniente dal gruppo rappresentato dall’Avv. Casella, che veniva però reputata una lettera di intenti, non immediatamente valutabile.

Ciò nondimeno si sottolineava che nulla ostava in linea di principio alla vendita in massa e che dunque era opportuno non pregiudicare nessuna delle possibili soluzioni, preferendosi rinviare la scelta definitiva.

Per intanto veniva conferito l’incarico di liquidatore alla stessa Federconsorzi, in persona del proprio legale rappresentante, cioè dello stesso commissario governativo.

Si prospettava peraltro come utile la predisposizione di un piano di vendite frazionate, per l’eventualità che alla fine fosse risultato necessario accedere a tale soluzione.

11.1 - Il dott. Piovano si mise dunque al lavoro in questa direzione, forte anche delle richieste di acquisto che gli provenivano da più parti, fra l’altro riguardanti beni importanti, come l’immobile di via Curtatone, sede di Federconsorzi, per il quale vi era l’interessamento delle Ferrovie dello Stato[61].

Ma nessun bene sarebbe stato in prosieguo venduto.

Cominciò invece una serie di contatti e di incontri tra gli organi della procedura e l’avv. Casella o i suoi collaboratori, in primis l’avv. Maugeri, volti a mettere a fuoco la definitiva proposta di acquisto, destinata a colmare le lacune di quella precedente.

Il 27-10-1992 nel corso di una riunione con l’avv. Casella il Collegio composto dal Presidente Greco e dagli stessi magistrati, Celotti e De Vitis, che avevano concorso all’omologa del concordato, chiese che fossero specificati i criteri in forza dei quali si era ritenuto di poter colmare il divario tra il prezzo e il valore del patrimonio, come stimato nella sentenza di omologazione.

Con nota del 28-12-1992 l’Avv. Casella ribadì la disponibilità dei soci promotori dell’iniziativa a rendersi cessionari delle attività di Federconsorzi ad un prezzo non superiore a 2.150 miliardi di lire, salva la necessità di una rapida definizione dei tempi e delle modalità operative [62]

Il giorno 15-1-1993 il Tribunale invitò formalmente l’avv. Casella, in qualità di rappresentante dei promotori, a fornire alcuni specifici chiarimenti in ordine all’esatta individuazione dei soci fondatori ed ai poteri a lui da questi conferiti, in ordine all’esatto e definitivo importo dell’offerta, precisandosi le ragioni del divario rispetto alla stima del patrimonio fatta in sentenza, e in ordine alla disponibilità o meno a farsi carico del problema occupazionale[63].

In data 28-1-1993 i promotori deliberarono di inviare agli organi della procedura una lettera contenente i termini pressoché definitivi della proposta[64].

Al riguardo veniva precisato che il prezzo di 2.150 miliardi di lire era da ritenersi congruo in considerazione di tre ordini di fattori: 1) i costi dell’operazione, data la necessità di pagare anticipatamente il ceto creditorio e di far fronte al pagamento in tempi contenuti rispetto a quelli richiesti per la liquidazione; 2) l’aleatorietà dell’operazione, stante l’incertezza dell’esito e dei tempi di realizzo, soprattutto per l’incerta esigibilità dei crediti e per le difficoltà del mercato immobiliare; 3) la disomogeneità tra valori presi a riferimento, essendo il prezzo certo e le valutazioni fatte nell’ambito della procedura riferibili a valori di mercato di puro riferimento, stimati senza considerare le molteplici variabili indipendenti.

Circa il problema occupazionale si dava atto che l’omologa postulava di per sé l’estinzione dei rapporti di lavoro, ma si prevedeva la possibilità di far ricorso a forme di esodo incentivato.

Nel ribadire la struttura della costituenda società, si precisava che questa sarebbe stata sostenuta finanziariamente dai soci in proporzione delle quote di partecipazione, anche mediante rilascio di garanzie.

L’impegno era dunque quello di acquistare le attività patrimoniali risultanti dalla relazione particolareggiata del commissario giudiziale alle pagg. 68 a 115, al prezzo e con le rateizzazioni già indicati, ferma restando la disponibilità ad onorare per intero i crediti minori.

L’acquisto sarebbe potuto avvenire anche mediante più atti e in più tempi e mediante rilascio di procure irrevocabili a vendere.

Per le attività nel frattempo cedute o realizzate dagli organi della procedura il relativo prezzo sarebbe dovuto portarsi in detrazione dal corrispettivo complessivamente offerto.

11.2 - Il commissario governativo formulava al riguardo osservazioni critiche in tre diverse circostanze[65].

Il 12-1-1993 il dott. Piovano faceva rilevare come alla data del 28-12-1992 permanesse incertezza sul grado di adesione del ceto creditorio al progetto, segnalava la necessità di regolare i casi di dismissioni già avvenute, stigmatizzava il possibile impatto della proposta sulle società partecipate creditrici e sottolineava la mancata considerazione del problema occupazionale.

Il successivo 5-2-1993, in occasione di una riunione dinanzi al Presidente delegato, cui partecipavano anche l’Avv. Casella, il prof. Capaldo e il comitato dei creditori [66], il predetto si dichiarava favorevole in linea di principio alla cessione in massa dell’attivo, ma reputava opportuno rimettere la valutazione definitiva al comitato dei creditori, riproponeva il problema del personale e suggeriva di verificare, a tutela dei creditori non aderenti all’iniziativa, la disponibilità del mercato ad acquisire singoli ma significativi cespiti.

Infine il 22-2-1993 il dott. Piovano segnalava la necessità di definire meglio l’oggetto della cessione, con apposita specificazione della sorte del contenzioso e delle posizioni di debito/credito legate alle gestioni per conto dello Stato, evidenziate nei conti d’ordine.

In data 17-2-1993 formulò il proprio parere il comitato dei creditori[67].

In esso, datosi atto che la proposta garantiva di acquisire entro un tempo ragionevole l’intero corrispettivo, in aggiunta al pagamento dei crediti minori, si segnalava che a seguito della riunione del 5-2-1993 era stato assicurato l’impegno della costituenda società ad accollarsi l’onere dell’esodo incentivato di una parte del personale e ad assumere 60-70 unità di personale.

Inoltre si faceva presente la possibilità di individuare soluzioni finanziarie atte ad assicurare il pagamento immediato dei creditori privilegiati.

Sotto il profilo della congruità della proposta si sottolineava come dall’approvazione del piano potessero discendere vantaggi con riguardo sia alle spese di procedura che ai  crediti privilegiati, le prime passando da 375 a 275/255 miliardi, i secondi riducendosi a circa 300 miliardi per la depurazione del credito nei confronti del Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste.

Veniva dunque prospettata una percentuale di riparto in favore dei chirografari pari al 39%, in realtà suscettiva di miglioramento fino al 40%, tale da elidere qualsivoglia possibile disparità di trattamento tra creditori aderenti o non all’iniziativa, ferma restando la paritaria possibilità di adesione alla costituenda società.

In tale prospettiva risultava irrilevante anche la valutazione circa la convenienza del prezzo, posto che l’acquisizione delle attività sarebbe stata effettuata non da un soggetto terzo, bensì dagli stessi creditori, operanti per il tramite della nuova società.

Il comitato dei creditori esprimeva dunque a maggioranza parere favorevole alla condizione: che venissero mantenuti gli impegni relativi all’esodo incentivato e all’assunzione di personale; che all’atto del trasferimento delle partecipazioni in cui Federconsorzi era responsabile ex art. 2362 cc, fossero adottati i termini contrattuali più idonei a che la procedura fosse quanto più possibile sgravata da oneri; che fosse mantenuta la disponibilità liquida in atto esistente, con riserva di operare le eventuali compensazioni non prima del pagamento della seconda rata.

Veniva peraltro allegato al parere quello espresso da un solo componente dissenziente, che risultava fortemente critico, ivi deducendosi che ai creditori chirografari sarebbe stata distribuita in realtà una percentuale addirittura inferiore al 30%[68].

11.3 - Assai complesso e articolato fu il parere del commissario giudiziale prof. Picardi[69].

Preliminarmente l’illustre giurista osservò che le stime iniziali erano state prudenziali e che le prime dismissioni effettuate per ragioni di urgenza avevano assicurato plusvalenze del 20% sul valore di stima.

L’esiguità del prezzo rispetto al valore stimato avrebbe dovuto dunque far propendere per una liquidazione tradizionale.

A fronte di ciò tuttavia il prof. Picardi rilevò che si sarebbe dovuto tener conto anche di altri fattori, quali la sopraggiunta fase recessiva.

Questa peraltro non avrebbe dovuto necessariamente comportare un generalizzato deprezzamento dei beni, posto che ad esempio da uno studio recente di una ditta specializzata, la “Gabetti Agency”, era emerso che il settore immobiliare sarebbe stato caratterizzato nel 1993 da spinte di segno opposto, da un lato l’inflazione e l’indebolimento della lira, tali da propiziare il mercato immobiliare, dall’altro gli oneri fiscali: si sarebbe perciò potuto prevedere un allungamento dei tempi di realizzo ma anche un aumento dei ricavi.

Del resto vi sarebbe stato da considerare che la Federconsorzi era proprietaria di immobili di prestigio, appetiti da enti, istituti e investitori stranieri.

La scarsità di liquidità e la caduta degli investimenti avrebbero potuto incidere maggiormente su altri settori, come quello delle partecipazioni in società non immobiliari e del recupero crediti.

Sarebbe dovuto ancora considerarsi il beneficio riveniente dalla vendita in massa in termini di riduzione dei tempi e dei costi di gestione della procedura, riduzione valutabile in 74 miliardi di lire circa.

Il prof. Picardi escluse che potesse giungersi a distribuire ai creditori chirografari una percentuale del 39/40% come ipotizzato dal comitato dei creditori, sia per un’incidenza minore della riduzione dei costi, sia perché l’eventuale compensazione tra partite (la c.d. depurazione del credito verso il MAF) sarebbe stata conseguibile in qualsiasi caso.

Rispetto al parere del creditore dissenziente, osservò che la detrazione dell’importo ricavato dalle precedenti dismissioni non avrebbe potuto avere l’incidenza temuta, potendosi invece ipotizzare in definitiva la distribuzione ai chirografari di una percentuale del 34%.

In ogni caso il prof. Picardi prospettò una serie di condizioni, destinate ad assicurare un concreto miglioramento della proposta[70].

In primo luogo si contestava che la cessione potesse aver ad oggetto tutti i beni esistenti alla data della domanda di concordato, con detrazione dei ricavi medio tempore realizzati, dovendosi almeno imputare ai ricavi lordi le spese generali e specifiche concernenti le singole operazioni ed escludere diritti e crediti sorti in corso di procedura oltre che attività non comprese nella stima iniziale.

Si prospettava l’opportunità di escludere i ricavi derivanti dall’attività di commercializzazione e intermediazione proseguita in costanza di procedura nonché i crediti verso le controllate per finanziamenti autorizzati dagli organi della procedura.

Si faceva inoltre presente che la prima rata sarebbe dovuta essere pari a quanto necessario per pagare i creditori privilegiati.

Si ribadiva la necessità di regolare le situazioni in cui Federconsorzi aveva assunto la responsabilità ex art. 2362 cc quale unico azionista e di prestare attenzione alle vendite già disposte ma non ancora eseguite.

Da ultimo si segnalava il caso delle gestioni per conto dello Stato, meritevoli di apposito accordo.

11.4 - Il Collegio, preso atto dei vari pronunciamenti, fissava all’avv. Casella il termine del 4-3-1993 per l’inoltro della proposta definitiva.

Ed in effetti in data 3-3-1993 l’avv. Casella inviò agli organi della procedura una proposta “ferma” per 30 giorni a nome degli aderenti all’iniziativa[71].

Di fatto veniva ribadita la precedente offerta del 28-1-1993, rilevandosi da parte dell’avv. Casella che in quei limiti era contenuto il mandato rilasciatogli.

Il predetto tuttavia considerava conforme allo spirito della proposta l’esclusione dalla cessione di azioni, diritti e crediti sorti in corso di procedura e attività non oggetto della stima, ribadiva l’impegno assunto nel corso dell’udienza del 5-2-1993 a concorrere all’esodo incentivato del personale e ad assumere 60/70 unità con contratto a tempo determinato per le esigenze della liquidazione, prospettava la possibilità di un accordo relativo alle situazioni di responsabilità ex art. 2362 cc e manifestava la disponibilità ad assicurare vantaggiose forme di finanziamento attraverso anticipazioni alla procedura, così da mantenere il livello di liquidità.

Seguirono incontri tra gli organi della procedura e le rappresentanze sindacali, finché con decreto del 23-3-1993[72], depositato il 26-3-1993, il Tribunale di Roma, composto ancora una volta dal Presidente Greco e dai giudici Celotti e De Vitis, si determinò.

Il decreto, tanto atteso, autorizzava la vendita in massa.

Ribadito quanto già osservato nella sentenza di omologa, si precisava che la prospettata eventualità di una gara sarebbe dovuta considerarsi superata, atteso che a distanza di tempo nessuna diversa proposta era stata avanzata.

Si rilevava inoltre che il contesto in cui la liquidazione si sarebbe dovuta realizzare, caratterizzato da incertezze sul piano politico ed economico e da progressiva recessione, con debolezza della moneta e blocco del mercato dei beni rifugio, impediva di formulare previsioni attendibili di realizzo del patrimonio Fedit, da proiettarsi comunque su tempi lunghi.

Nel frattempo vi sarebbe stato il rischio che il patrimonio subisse un depauperamento.

D’altro canto la liquidazione aveva esigenze di celerità proprio allo scopo di impedire quel depauperamento.

Da una disamina delle principali categorie di cespiti risultava che le partecipazioni in molte società erano assai onerose e di difficile realizzo, essendone risultata impossibile la vendita, pur tentata negli ultimi mesi; che di non facile alienazione erano altresì le partecipazioni in società quotate; che i cespiti immobiliari si trovavano a subire una particolare situazione di mercato, caratterizzato da un blocco pressoché totale, dovuto a mancanza di liquidità, a maggiori oneri fiscali, a minor potere di acquisto dei possibili acquirenti.; che i crediti apparivano in molti casi di difficile recupero o addirittura irrealizzabili.

Le spese di gestione erano destinate ad accrescersi in misura notevole in dipendenza del prolungarsi dei tempi di liquidazione.

La situazione di incertezza circa la concreta possibilità di realizzo del patrimonio anche al più prudente valore stimato valeva dunque a colmare il gap con il prezzo offerto.

Nulla rilevava che i promotori potessero in concreto realizzare un profitto, essendo anzi plausibile che un siffatto obiettivo fosse specificamente perseguito al fine di ridurre la falcidia concordataria.

 Del resto la vendita in massa risultava richiesta sia dai creditori che dalle organizzazioni sindacali, essendo idonea ad assicurare alcuni vantaggi, quali il soddisfacimento del credito in tempi brevi, la riduzione delle spese di gestione, l’incentivazione dell’esodo dei lavoratori, la cessazione dei finanziamenti alle controllate.

Nessun vulnus alla par condicio creditorum sarebbe potuto derivare dalla vendita in blocco, poiché tutti i creditori avrebbero comunque concorso al riparto del ricavato e l’eventuale maggior introito dei soci avrebbe costituito il compenso del conferimento in denaro operato per far parte della società.

Seguiva poi il rilievo della non sufficiente determinatezza dell’offerta, peraltro a sua volta non proveniente da soggetto determinato.

In particolare la genericità di alcuni punti avrebbe potuto rendere l’offerta inaccoglibile o quei punti inesistenti.

Era però indubitabile la buona fede dei proponenti, di talché le lacune riscontrabili sarebbero potute e dovute colmarsi dallo stesso Tribunale con la consapevolezza che i soggetti aderenti all’iniziativa avrebbero certamente rispettato gli obblighi imposti.

In tale quadro si segnalava la questione del numero dei dipendenti da assumere, che il Tribunale determinava in 70; quella dell’incentivazione all’esodo, che la procedura non avrebbe potuto sostenere e che veniva rimessa alla prassi e alla ragionevolezza, intesa come criterio sufficientemente determinato per protagonisti dell’economia nazionale; ed ancora quella della responsabilità ex art. 2362 cc, per la quale si auspicava l’assunzione di un impegno ragionevole ma concreto, avente l’effetto di ridurre le conseguenze dannose per la procedura.

In definitiva l’autorizzazione alla vendita in massa veniva accompagnata da alcune prescrizioni, quali quelle che la nuova società si costituisse entro venti giorni,  che procedesse all’acquisto in più atti, il primo dei quali riguardante le partecipazioni in società non quotate e non bancarie da stipularsi entro 30 giorni e gli altri secondo le disponibilità delle parti e nei tempi fissati dal giudice delegato; che la corresponsione della prima rata, pari al 15% avvenisse in rapporto ai beni ceduti, secondo una proporzione calcolata in relazione al valore dei beni attribuito inizialmente dal commissario giudiziale; che le detrazioni per il valore dei beni già alienati fossero calcolate al netto delle spese sostenute da Federconsorzi e dalla procedura; che la nuova società assumesse 70 unità di personale e iniziasse le trattative per la determinazione delle modalità dell’incentivazione all’esodo; che fossero escluse dalla cessione le attività non considerate nella relazione particolareggiata come le azioni di responsabilità o di danni già promosse o da promuovere e i crediti sorti in corso di procedura verso società controllate per finanziamenti derivanti dai primi realizzi.

12.1 - Di seguito il Commissario Piovano, sollecitato in tal senso dal commissario giudiziale Picardi, comunicò all’Avv. Casella l’accettazione dell’offerta alle condizioni stabilite dal Tribunale[73]

Dal canto suo l’Avv. Casella segnalò con lettera del 30-3-1993 la necessità di addivenire ad un accordo “quadro”[74].

Il 27-4-1993 con rogito del notaio Mariconda di Roma fu costituita da coloro che avevano formato la cordata la società “S.G.R.-Società Gestione per il Realizzo- spa”, con capitale iniziale di dieci miliardi e destinata ad acquistare in blocco i beni di Federconsorzi[75].

La compagine sociale era costituita da: Banco di Napoli, Banca di Roma, Banca Nazionale del Lavoro, Istituto San Paolo di Torino, Banca CARIMA, Credito Italiano, Banco di Sicilia, Cassa di Risparmio delle Province Lombarde, Banca Popolare di Novara, Banca di Piacenza, Banca del Cimino, Banca Nazionale dell’Agricoltura, Banca Popolare di Cremona, Cassa di Risparmio di Fano, Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, Banca Fideuram (che aveva incorporato la Banca Manusardi), Cassa di Risparmio di Firenze, Mediocredito di Roma, Istituto Federale di Credito Agrario per l’Italia Centrale, Banca Popolare di Verona, Sicilcassa. Cassa di Risparmio di Civitavecchia, Cassa di Risparmio di Reggio Emilia, Banca Commerciale Italiana, Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania, New Holland Fiat, API.

Veniva nominato presidente il prof. Capaldo, mentre gli altri consiglieri di amministrazione costituivano espressione dei maggiori azionisti, salvo uno, individuato nel prof. Carbonetti, presidente di Banca Fideuram, inclusa nel gruppo degli azionisti minori.

La partecipazione a SGR era aperta a tutti i creditori, ferma restando la necessità per gli aderenti di sottoscrivere altresì i patti parasociali predisposti dai soci fondatori.

Tra gli altri vi era l’obbligo di versare in proporzione alle quote di partecipazione la somma di venti miliardi di lire ai fini dell’aumento di capitale e di aprire a richiesta del consiglio di amministrazione, in proporzione alle rispettive quote, linee di credito per 400 miliardi.

In quel lasso di tempo con lettera del 3-5-1993 il dott. Piovano presentò le proprie dimissioni dall’incarico di commissario governativo.

Il nuovo Ministro dell’Agricoltura, on.le Diana, nominato proprio nella fase in cui a seguito di referendum abrogativo il Ministero era stato soppresso, conferì l’incarico all’avv. Stefano D’Ercole, insediatosi alla metà di maggio[76].

Cominciarono di seguito i contatti per giungere alla stipula dell’atto “quadro”.

L’elaborazione delle clausole fu principalmente opera del notaio Mariconda.

12.2 - Una bozza dell’atto fu poi sottoposta agli organi della procedura.

Il commissario giudiziale formulò un parere in data 19-7-1993.[77]

In esso si precisava che il contratto era stato concepito in modo da anticipare criteri e clausole dei futuri atti di trasferimento e che in particolare, pretendendosi da parte di S.G.R. che fosse garantita l’esistenza dei beni e il verum nomen dei crediti, si era preferito allargare l’ambito della cessione a tutte le attività esistenti alla data del 30-11-1991 in cambio della rinuncia alla garanzia riguardante l’esistenza dei crediti, alcuni dei quali contestati (nei rapporti con CAP e con Agrifactoring soprattutto).

Si chiariva che la detrazione per importi relativi a dismissioni effettuate e a crediti realizzati ammontava a 247 miliardi di lire, cui andavano aggiunte detrazioni per crediti ceduti a terzi prima del concordato e crediti estinti per compensazione, per un totale di 192 miliardi.

Rispetto all’iniziale configurazione della vendita in massa, l’estensione a tutte le attività esistenti comportava l’inclusione di partecipazioni non oggetto di stima, tra le quali quelle di SI.TO.CO., Fabbrica Interconsorziale Concimi ed Efibanca.

Si chiariva altresì che nell’ultima stesura del contratto erano state incluse nel trasferimento anche le indennità di esproprio maturate prima del 30-11-1991.

Quanto alla detrazione delle spese generali, al commissario giudiziale appariva inadeguata la previsione di un contributo onnicomprensivo di soli due miliardi, dovendosi piuttosto aver riguardo al rapporto tra il valore dei beni alienati e il prezzo offerto, pari all’11,4 %.

Si precisava che le clausole sull’esodo incentivato e sull’assunzione di personale avrebbero comportato il risparmio di 6 miliardi fino alla fine del 1994.

Il previsto trasferimento degli oneri di gestione avrebbe inoltre comportato un risparmio di spese generali, considerando che negli ultimi 18 mesi queste erano ammontate per la gestione dell’attivo a 17 miliardi.

La riduzione dei tempi della procedura avrebbe inoltre comportato un risparmio di oltre 47 miliardi per il periodo successivo al gennaio 1995.

Alla stregua delle varie operazioni rese necessarie dagli accordi intercorsi il valore economico dell’operazione sarebbe dovuto considerarsi pari a circa 1.800 miliardi, oltre ai realizzi già effettuati per 247 miliardi.

Atteso l’importo delle detrazioni, la società cessionaria per la prima rata non avrebbe dovuto in teoria corrispondere nulla.

Ciò sarebbe risultato però inaccettabile, poiché avrebbe comportato il differimento di un anno del pagamento dei creditori privilegiati con particolare pregiudizio per alcune situazioni (conferenti all’ammasso e viticoltori).

Vi sarebbe stata la disponibilità di SGR ad anticipare la somma di 250 miliardi con spostamento del termine di pagamento delle parte restante della seconda rata.

Ma in questo caso l’operazione sarebbe andata a scapito dei creditori chirografari.

Veniva segnalato il fatto che S.G.R. non aveva accettato di procedere all’acquisizione delle partecipazioni e si suggeriva che fosse prescritto non solo il diritto ma anche il dovere della cessionaria di farsi carico della gestione a partire dalla stipula del contratto.

In conclusione si chiariva che la percentuale spettante ai creditori chirografari sarebbe stata di gran lunga inferiore a quella ipotizzata al momento dell’omologa, ma in cambio vi sarebbe stato un risparmio di tempo valorizzato dalla certezza del prezzo.

12.3 - Il Tribunale, presieduto dal dott. Greco e composto dai giudici De Vitis e Severini, si espresse favorevolmente con decreto in data 20-7-1993[78].

Nel provvedimento venivano ribadite le valutazioni del 23-3-1993 e si sottolineava come la vendita in massa fatta in favore di una società di soli creditori, aperta all’adesione di tutti gli altri, si risolvesse in un vantaggio diretto o indiretto per il ceto creditorio, anche in considerazione della previsione dell’esodo incentivato dei lavoratori, dell’assunzione di varie unità di personale e del risparmio delle spese di gestione.

Oltre a ribadire alcune valutazioni formulate dal commissario giudiziale, il Tribunale sottolineava soprattutto il fattore della speditezza della procedura di esecuzione del concordato e ravvisava la necessità che le fasi di tale esecuzione fossero scandite secondo ritmi solleciti.

In tale ottica si demandava al giudice delegato di fissare i termini per i vari adempimenti.

Nel dispositivo, oltre ad autorizzarsi la stipula dell’atto quadro, già predisposto, nel termine di dieci giorni, si prevedeva che il trasferimento dovesse avvenire sollecitamente, a cominciare dalle partecipazioni societarie, e comunque nei termini fissati dal giudice delegato per l’esecuzione dell’accordo.

In data 27-7-1993 il Ministro dell’Agricoltura e delle Foreste, On.le Diana, autorizzò il commissario governativo prof. Stefano D’Ercole a sottoscrivere in qualità di liquidatore l’atto quadro per la cessione a S.G.R. spa delle attività di Federconsorzi [79].

13 - Finalmente il 2-8-1993 a rogito del notaio Mariconda fu stipulato il contratto “quadro”, sottoscritto dal prof. D’Ercole per Federconsorzi e dall’Avv. Giordano, quale procuratore speciale del presidente prof. Capaldo, per S.G.R. [80]

Dopo una lunga premessa, nella quale venivano riassunti i vari passaggi dal commissariamento all’autorizzazione alla vendita in blocco, si aveva cura di precisare che l’atto non aveva funzione traslativa, ma di contratto quadro, dal quale far risultare l’accordo raggiunto e le modalità della sua attuazione, da effettuarsi con atti separati.

Ed invero nell’art. 1 si stabiliva che “Federconsorzi trasferirà a favore della società, la quale acquisterà, tutte le attività che sono state richiamate nella relazione particolareggiata del commissario giudiziale prof. Picardi in data 21-1-1992 alle pagine da 68 a 115 e nelle conclusioni a pag. 127 nonché nella sentenza di omologazione alle pagine da 81 a 91. Nella cessione sono compresi gli interessi e gli accessori maturati e maturandi”.

Al secondo comma si precisava che Federconsorzi avrebbe trasferito a semplice richiesta, ed in tutto o in parte conformemente alla richiesta medesima, anche le altre attività facenti parte del suo patrimonio alla data del 30-11-1991 e non considerate nella predetta relazione particolareggiata.

Venivano esclusi dalla cessione le azioni di responsabilità o di danno extracontrattuale, i crediti derivanti da finanziamenti effettuati in corso di procedura a favore di controllate con denaro ricavato dalla dismissione di beni o da incasso di crediti, nonché gli acquisti effettuati con le medesime fonti finanziarie.

Gli atti attuativi sarebbero dovuti avvenire nel rispetto delle modalità di carattere giuridico e tributario proprie di ciascuna categoria di beni, secondo la disponibilità della documentazione occorrente e con gli strumenti contrattuali ad efficacia reale o obbligatoria e con qualsivoglia legittimo strumento attuativo, di volta in volta indicati dalla società.

Vi era poi la previsione che la società si riservava la facoltà di indicare soggetti diversi a favore dei quali effettuare il relativo atto di trasferimento ovvero di chiedere, con impegno di Federconsorzi ad aderire, mandati irrevocabili per la vendita con obbligo di rendiconto.

In questi casi il prezzo sarebbe dovuto imputarsi al pagamento della rata scadente in epoca immediatamente successiva.

Il prezzo veniva indicato all’art. 2 e fissato in complessivi 2.150 miliardi di lire.

Dovevano peraltro detrarsi importi corrispondenti a somme incassate per alienazioni di beni considerati nella relazione, effettuate nel corso della procedura; a crediti estinti per incasso, rinuncia, compensazione o cessione; al valore attribuito o attribuibile ai beni o diritti che fossero risultati inesistenti o non trasferibili, peraltro con esclusione, quanto ai crediti da cedersi, della garanzia di cui all’art. 1255 cc.

Per contro il prezzo doveva essere incrementato delle spese documentate sostenute da Federconsorzi con finalità di manutenzione straordinaria del patrimonio immobiliare, nonché, in relazione alle dismissioni effettuate, per pubblicità, perizie, compensi a professionisti. Inoltre sarebbe dovuto conteggiarsi un ulteriore incremento di £ 2.000.000.000 per spese generali della procedura liquidatoria.

Qualora il conteggio, da effettuarsi in vista del pagamento della prima rata, fosse risultato negativo per Federconsorzi, quest’ultima avrebbe avuto la possibilità di pagare o di imputare la differenza alla rata successiva con computo di interessi in ragione dell’1% mensile.

Il pagamento sarebbe dovuto avvenire in tre rate: la prima di £ 322.500.000.000, da pagarsi entro dieci giorni dalla stipula, previa detrazione di quanto risultante dal conteggio di cui all’articolo precedente; le altre due, ciascuna pari al 42,5% e dunque corrispondenti a £ 913.750.000.000, da pagarsi rispettivamente dopo dodici mesi e dopo diciotto mesi.

Per l’eventualità che Federconsorzi dovesse far fronte a debiti di partecipate ex art. 2362 cc, la SGR si impegnava a rifonderla della metà di quanto versato, entro il limite di £ 6.000.000.000.

SGR si impegnava inoltre ad assumere entro un mese 70 dipendenti di Federconsorzi.

Si prevedeva ancora che la società acquisisse dalla data della stipula la concreta gestione delle attività e che dovesse dunque acquisirne tutti i benefici, provvedendo nel contempo a sostenerne gli oneri.

Da ultimo veniva prevista una procedura arbitrale per le controversie.

A margine del contratto “quadro” le parti si scambiavano lettere di intesa, concernenti aspetti specifici: fra questi si prevedeva che SGR avrebbe ripianato le perdite e ricostituito il capitale di Agrisviluppo con esborso di 746 milioni di lire, mentre non si sarebbe avvalsa della facoltà di chiedere il trasferimento della partecipazione in SI.TO.CO.

14 - Di seguito ebbe corso la fase dell’esecuzione, curata per Federconsorzi dal commissario governativo D’Ercole.

Si procedette dunque al progressivo trasferimento di immobili, crediti (con lettere commerciali) e partecipazioni societarie.

Quanto agli immobili nella maggior parte dei casi fu prescelta la strada del diretto trasferimento all’acquirente individuato dalla stessa S.G.R.[81]

Nel novembre 1994 il nuovo Ministro Adriana Poli Bortone sostituì nel ruolo di commissario governativo l’Avv. D’Ercole con l’Avv. dello Stato Francesco Lettera[82].

Quest’ultimo, pur dando esecuzione all’atto quadro, cominciò a rilevare una serie di difficoltà operative[83].

In effetti, posto che nell’atto veniva delineato il corrispettivo totale, ma non quello riferibile a ciascun trasferimento, era accaduto che alle singole cessioni fosse stato a mano a mano attribuito un valore convenzionale nell’ambito del “plafond” complessivo.

Giunse però il momento in cui quel plafond era ormai esaurito, mentre vi erano ancora beni da trasferire.

In particolare si arrivò alla cessione di un ingente credito nei confronti del Ministero dell’Agricoltura (c.d. credito MAF), riferibile alla fase degli ammassi, credito in origine di pertinenza dei Consorzi Agrari e poi in parte ceduto nel corso degli anni a Federconsorzi.

Fu al riguardo convenuto che fosse stipulato uno specifico atto [84] .

Senonché, per non superare il citato plafond, il corrispettivo sarebbe dovuto essere puramente simbolico.

A ciò l’Avv. Lettera oppose questioni di principio, legate alla natura del credito[85].

Nell’esecuzione dell’accordo “quadro” subentrarono peraltro ulteriori difficoltà, che finirono per rallentare il corso dei trasferimenti, ingenerando un contenzioso tra le parti[86].

Nel frattempo della vicenda Federconsorzi si era occupata anche una commissione ministeriale, incaricata di ricostruire la gestione dell’ente prima della fase di concordato e di far luce sulle cause del dissesto[87].

  Detta commissione, depositato un volume contenente il resoconto della propria indagine,[88] avrebbe dovuto proseguire il lavoro, occupandosi anche della fase di concordato fino alla cessione dei beni.

Ma sul punto la commissione non depositò mai un proprio elaborato[89].

Fu invece un suo componente, il prof. Scotti Camuzzi, che formulò in una propria relazione rilievi fortemente critici sul contratto “quadro” [90].

L’importanza del documento fece sorgere negli organi della procedura la necessità di acquisire pareri autorevoli circa la validità di detto contratto[91].

Fu in particolare consultato il prof. Schlesinger il quale, nel respingere come infondate gran parte delle censure mosse dallo Scotti Camuzzi, rilevò tuttavia la nullità della clausola relativa all’estensione della cessione a tutte le attività di Federconsorzi, anche diverse da quelle incluse nella relazione particolareggiata[92].

Lo stesso prof. Schlesinger ravvisò inoltre l’opportunità di riplasmare i corrispettivi fino ad allora fissati, in modo da poter stabilire per il trasferimento del credito verso lo Stato un corrispettivo non puramente simbolico.

Ma le difficoltà di gestione del contratto “quadro” condussero il commissario governativo Lettera ad agire su più versanti a tutela di Federconsorzi, il che indusse gli organi della procedura a disgiungere la posizione di legale rappresentante dell’ente da quella di liquidatore.

Infatti con provvedimento del novembre 1995, depositato il successivo 2 dicembre[93], il Tribunale di Roma, essendo nel frattempo uscito di scena il Presidente Greco, attribuì l’incarico di liquidatore non più alla Federconsorzi, bensì al prof. Antonino Cataudella.

Nel frattempo il contenzioso non accennava a diminuire, profilandosi ancora ragioni di nullità dell’atto quadro.

Tra la fine del 1995 e i primi del 1996 la gestione del concordato preventivo di Federconsorzi cominciò a formare oggetto di indagine da parte della Procura della Repubblica di Perugia, che, avendo rilevato un forte squilibrio tra il valore dei beni e il prezzo pattuito per la cessione in blocco, ipotizzò il delitto di bancarotta fraudolenta e, al fine di impedire il consolidarsi di un ingiusto profitto, chiese e ottenne nel marzo del 1996 il sequestro preventivo di una serie di cespiti (crediti e partecipazioni), alcuni dei quali già trasferiti a SGR ed altri ancora da trasferire[94].

Custode dei beni venne nominato lo stesso avv. Lettera, ancora commissario governativo di Federconsorzi.

Quest’ultimo, nel medesimo lasso di tempo, rintracciò in un armadio sito nella nuova sede di Federconsorzi in via Salaria un gruppo di cambiali agrarie e ordinarie, non collocate ordinatamente, emesse dai Consorzi Agrari all’ordine di Fedit, aventi un valore complessivo di circa 800 miliardi, della cui esistenza almeno in apparenza nulla si sapeva[95].

Anche tali cambiali formarono oggetto di sequestro preventivo su richiesta del P.M[96].

La sorte dell’atto quadro appariva intanto sempre più precaria.

Un parere chiesto a due noti giuristi, prof. De Nova e prof. Gabrielli, conteneva affermazioni trancianti nel senso dell’invalidità dell’atto[97].

A questo punto fu fatto ricorso alla procedura di arbitrato, al fine di pervenire alla definizione del vasto contenzioso ormai sorto.[98]

Nel luglio 1998 si addivenne però ad una definizione transattiva di tutte le pendenze[99].

L’accordo, stipulato il 31-7-1998, prevedeva in pratica che non dovessero effettuarsi nuovi trasferimenti, con esonero di SGR dall’obbligo di pagare l’ultima parte del prezzo, pari a 85 miliardi circa, e che peraltro i trasferimenti  avvenuti conservassero validità; SGR si vedeva inoltre riconosciuto il diritto a conseguire le cambiali nel frattempo rinvenute e sequestrate, da considerarsi non come crediti nuovi, bensì come meri accessori cartolari di crediti già trasferiti.

In tal modo restavano a disposizione della liquidazione alcuni beni residui, primo tra tutti il credito MAF.

Nel corso della successiva fase di liquidazione, in conseguenza dei risultati della transazione e di un mutamento della qualifica di alcuni crediti, passati da privilegiati a chirografari, [100] si riusciva a distribuire ai creditori chirografari una percentuale all’incirca pari al 40%.[101]

Nel 1999, stante il rilievo anche politico delle vicende riguardanti Federconsorzi, il Parlamento nominava una commissione di inchiesta chiamata ad indagare sulle cause del dissesto e sulla gestione del concordato.

Nello stesso anno veniva emanata la L. 410 che, nel finanziare il residuo credito MAF, rimasto nella titolarità dei Consorzi Agrari, disponeva altresì la messa in liquidazione di Federconsorzi, al termine della fase di liquidazione concordatizia.

I lavori della Commissione, presieduta dal sen. Melchiorre Cirami, terminarono con l’approvazione della relazione finale nel febbraio 2001[102], poco prima che avesse inizio la fase dibattimentale di questo processo.

 

IL DELINEARSI DEI PROTAGONISTI E DEGLI INTERESSI IN GIOCO

15 - Esaminando il tenore delle imputazioni, si rileva agevolmente che il presente processo riguarda la gestione della procedura di concordato preventivo dall’omologa fino alla stipulazione e alla progressiva esecuzione dell’atto quadro.

Tuttavia i tempi e i modi con i quali si arrivò al commissariamento meritano una pur breve analisi, giacché da parte di molti già all’epoca dei fatti si ipotizzò che  la scelta del Ministro Goria fosse stata del tutto ingiustificata.

Pare in realtà indiscutibile che la decisione del 17 maggio 1991 ebbe come effetto quello di accelerare i tempi della dissoluzione di quel sistema di ausilio all’agricoltura che faceva capo alla Federconsorzi e che nel corso degli anni era servito al partito di maggioranza relativa nonché alle principali associazioni di categoria di ispirazione democristiana per esercitare sul mondo agricolo e contadino un’influenza dominante.

Non è un caso che gli esponenti di altri partiti, pur alleati di governo della democrazia cristiana (va in proposito considerata la strenua battaglia politica del sen. Fabbri, che in molti interventi parlamentari ed anche al dibattimento ha ribadito la sua avversità al mantenimento di Federconsorzi, di cui chiedeva la messa in liquidazione coatta amministrativa[103]), non vedessero affatto di buon occhio la conservazione di quel sistema ed anzi ne auspicassero il completo superamento così da eliminare la possibilità di una gestione puramente clientelare, foriera, soprattutto negli ultimi tempi, di sprechi piuttosto che di profitti.

Sta di fatto che la Federconsorzi non riusciva più a tenere il passo con la modernità a causa della sua superata struttura e della mancanza di un proprio capitale, e, pur avendo continuato a presentare bilanci formalmente in attivo o almeno in pareggio, versava in realtà in un profondo stato di crisi, tale da imporre interventi drastici e urgenti.

In concreto essa era al vertice di un sistema di tipo piramidale (una sorta di holding, di cui tuttavia non aveva la “missione” né la struttura[104]), alla cui base vi erano i troppi e troppo poco remunerativi consorzi agrari provinciali, soci di Federconsorzi e strumento operativo di primo livello a supporto dell’agricoltura, in realtà assai generosi nel concedere dilazioni di pagamento agli agricoltori e di fatto divenuti incapaci di sostenersi da soli, così da richiedere continui interventi finanziari, che la Federazione in varia guisa erogava, forte a sua volta di una fiducia pressoché illimitata.

Ma in tal modo il sistema aveva finito per avviarsi lungo una pericolosissima china[105].

E’ provato che fin dalla fine degli anni ’80 furono cercati dei rimedi che al tempo stesso consentissero a Federconsorzi di dotarsi di maggior liquidità e di conservare la propria funzione: a tal fine fu certamente chiesto consiglio al prof. Capaldo, il quale, per quanto emerso, suggerì di procedere sollecitamente a dismissioni, onde alleggerire la struttura e acquisire liquidità, e di ridisegnare la rete dei consorzi agrari, riducendone il numero e ampliandone la sfera di azione[106].

Furono inseriti nella struttura dirigenziale dei managers, che avrebbero dovuto avviare un processo di innovazione.

Sempre il prof. Capaldo sovrintese alla scelta del direttore, individuato nel dott. Silvio Pellizzoni.

In realtà negli ultimi due anni, prima del commissariamento, furono sostenute ingenti spese per consulenze di vario genere, che non produssero risultati pari alle attese[107].

Ma qualcosa fu comunque fatto, a cominciare dall’introduzione di un più efficiente sistema di rilevazione dei dati contabili [108] e dal contenimento di taluni costi[109], il che fece conseguire un concreto risparmio di spesa e in prospettiva avrebbe potuto preludere ad un lento risanamento.

Ciò non toglie che permanesse la situazione di grave crisi di molti consorzi agrari e che per ovviare all’incremento esponenziale degli oneri finanziari, registratosi soprattutto nell’ultimo quinquennio[110], fossero necessarie misure ben più radicali di quelle incentrate su una semplice maggiore oculatezza delle spese.

Va aggiunto che i bilanci di Federconsorzi, come detto formalmente in pareggio o addirittura in attivo, erano in realtà poco affidabili.

Sul punto non possono nutrirsi dubbi di sorta, se solo si considerano i mezzi artificiosi con i quali nell’ultimo biennio furono costruite le poste straordinarie, avulse dall’ordinaria gestione, che consentirono il raggiungimento del pareggio (ad es. l’eliminazione di passività per centinaia di miliardi, a fronte di crediti considerati prescritti)[111].

Ciò significa che quei bilanci nascondevano invece perdite ingenti e che la situazione, in assenza di interventi adeguati, difficilmente sarebbe migliorata nel breve periodo.

La gigantesca struttura di Federconsorzi, caratterizzata da un patrimonio sterminato, fatto di cespiti immobiliari e di partecipazioni, nonché da un numero rilevantissimo di dipendenti, era di per sé assai costosa.

Inoltre il ricorso al credito aveva portato gli interessi passivi ad un livello davvero elevato [112].

Pertanto, al di là di valutazioni ad effetto sul costo giornaliero della gestione[113],  sicuramente occorrevano misure efficaci, diverse da quelle fino ad allora adottate, spesso prese con la riserva mentale di un possibile intervento diretto della politica a supporto.

Non è questa la sede per stabilire se effettivamente la Federconsorzi fosse ineluttabilmente destinata, già prima del commissariamento, ad una procedura di liquidazione.

Va solo segnalato che non mancano elementi di segno opposto.

Può al riguardo considerarsi che il patrimonio aveva un valore di libro superiore a seimila miliardi di lire e dunque poteva risultare, se non addirittura superiore ai debiti, per lo meno tale da assicurare, attraverso una sua parziale dismissione, l’acquisizione di risorse adeguate in vista di un riequilibrio finanziario.

Inoltre immutata era la fiducia del ceto bancario, nazionale ed estero, verso Federconsorzi, al punto che i fidi concessi non erano stati completamente utilizzati e proprio nel corso del 1991 stava per essere concesso dal Credito Italiano un elevato finanziamento.

Non consta affatto, contrariamente a quanto sostenuto da taluno e perfino dal Ministro Goria[114] in un intervento in Parlamento, che le banche già da tempo avessero manifestato inquietudine e ritirato i fidi[115].

In tale quadro, da un lato assai precario, ma dall’altro non del tutto compromesso, si colloca il provvedimento di commissariamento.

Formalmente adottato a fronte di un persistente squilibrio finanziario, esso avrebbe dovuto preludere almeno in teoria al ristabilimento di una corretta gestione.

Ma in realtà il mero fatto del pubblico annuncio di quello squilibrio, ove non preceduto da un abile lavoro di preparazione e da accorti contatti con il ceto bancario, non avrebbe che potuto far precipitare gli eventi, come in effetti accadde.

Non era infatti immaginabile che, alla notizia di un grave stato di crisi, le banche, particolarmente esposte ed in genere non munite di adeguate garanzie, non assumessero un atteggiamento di chiusura, tale da far svanire sul nascere qualsiasi speranza di ripresa.

Il ritiro dei fidi e l’allarme delle banche estere, convinte fino ad allora di trovarsi di fronte ad un ente statale, non furono altro che la conseguenza di quella scelta.

D’altro canto non consta che il Ministro avesse preventivamente raggiunto un qualche accordo con il ceto bancario nel suo complesso.

Ed invero nessuno degli istituti teoricamente interessati si mostrò poi pregiudizialmente disponibile a rischiare.

Ed allora possono darsi due sole soluzioni: o il Ministro fu tanto ingenuo da immaginare che alla fine le banche gli avrebbero comunque assicurato il loro appoggio, ciò che appare scarsamente credibile, data la lunga esperienza del Goria, o questi scelse deliberatamente una linea di rottura con il passato, implicante la messa in liquidazione di Federconsorzi, nonostante la prospettiva di ripresa evocata dal decreto di commissariamento.

Tutto lascia pensare che in realtà il Ministro, consapevole della cospicua consistenza del patrimonio (sulla cui entità aveva assunto informazioni anche l’immobiliarista Della Valle, uno dei soggetti da lui delegati a svolgere una preliminare quanto evanescente istruttoria), agì al fine di condurre la Federconsorzi alla liquidazione e di addivenire, a margine, alla costituzione, con l’ausilio iniziale delle banche, di una nuova società, avente parimenti funzione di sostegno all’agricoltura e direttamente partecipata dai soggetti operanti nel mondo agricolo.

Deve cioè ritenersi che la scelta del commissariamento non fu volta a risanare la Federconsorzi, ma a prepararne la fine, in vista della creazione di un sistema nuovo, sia pur dai  contorni assai incerti.

C’è da chiedersi se taluno influenzò le decisioni del Ministro.

Per quanto emerso può certamente affermarsi che la scelta fu avversata dalle associazioni di categoria[116].

Non fu invece osteggiata dai più influenti esponenti del partito del Ministro, mostratisi accondiscendenti o tutt’al più remissivi[117].

Costoro hanno però sostenuto di essersi trovati di fronte ad una decisione sostanzialmente già presa e dunque da loro non ispirata.

Per il resto risulta che il Ministro non prima dell’8 maggio 1991 conferì a Della Valle e Dezzani l’incarico, più formale che sostanziale, di acquisire dati riguardanti la consistenza del patrimonio e del bilancio di Federconsorzi e che fin dal suo insediamento nel Ministero dell’Agricoltura, avvenuto nel mese di aprile, si era consultato sul da farsi con il prof. Capaldo.

Quest’ultimo anche al dibattimento ha ribadito di aver suggerito al Ministro di disporre per intanto un’ispezione, in vista di non immediate e più ponderate determinazioni, mentre taluno[118] ha riferito che alla notizia del commissariamento il prof. Capaldo avrebbe manifestato le sue perplessità, dichiarando che se Goria aveva operato senza il consenso delle banche era pazzo.

Un siffatta affermazione appare in realtà singolare, visto che il Capaldo era all’epoca presidente di un istituto bancario, che figurava tra i massimi creditori di Federconsorzi, e dunque, se un accordo vi fosse stato, egli avrebbe dovuto essere tra i primi ad esserne informato.

Non può in sostanza escludersi, sol perché diversamente si è espresso al dibattimento il prof. Capaldo, che egli, si badi, specificamente consultato, avesse in qualche guisa ispirato la  strategia del Ministro[119].

Del resto non consta che quest’ultimo avesse consultato persone diverse e neppure può dirsi rilevante la troppo rapida indagine demandata ai citati Della Valle e Dezzani, a fronte dell’importanza strategica della decisione da prendere, mentre è pacifico che il prof. Capaldo da molto tempo operava come consulente esterno di Federconsorzi, a lui  ricorrendosi in presenza di problematiche di rilievo.

In ogni caso deve ritenersi che il Ministro mirasse alla liquidazione del patrimonio.

A tale risultato si sarebbe potuto pervenire peraltro in forme diverse, essendo al riguardo utilizzabili le forme negoziali della cessio bonorum ovvero quelle proprie di una procedura concorsuale.

Sta di fatto che la prospettiva della liquidazione volontaria risultava irrealistica.

In dichiarazioni ufficiali il Ministro ebbe modo di segnalare ai propri interlocutori di mirare ad una soluzione concordata avente primariamente di mira la salvaguardia delle ragioni dei creditori (cessio bonorum sub specie di pegno o costituzione di una società formata dai maggiori creditori ed aperta a tutti gli altri, previo conferimento del proprio credito, la quale si sarebbe dovuta far carico della liquidazione nei tempi e modi ritenuti più opportuni).

Era però chiaro che qualsivoglia soluzione negoziale avrebbe dovuto coinvolgere la totalità dei creditori, ottenendo l’unanimità dei consensi.

Senonché la forte pressione delle banche estere, restie ad accettare sacrifici, e la sostanziale impossibilità di compattare un consenso così vasto facevano apparire fin dall’inizio velleitarie proposte del genere.

Ed allora, se dal commissariamento non poteva che derivare la decisiva spinta alla liquidazione e se d’altro canto quest’ultima ben difficilmente sarebbe stata realizzabile in forma negoziata, è d’uopo ritenere che fosse stata altresì ipotizzata anche una soluzione diversa, implicante il ricorso ad una procedura concorsuale.

Non è un caso che ad essa si fosse rapidamente addivenuti, ad appena un mese e mezzo dal commissariamento.

E’ però certo che il Ministro Goria non intendeva avvalersi dello strumento privilegiato della liquidazione coatta (voluta invece da esponenti del partito socialista) e si dichiarava altresì contrario al ricorso alla procedura disciplinata dalla c.d. legge Prodi, cioè l’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi di cui alla L 95/79, sulla cui applicabilità a Federconsorzi avanzava riserve, in realtà infondate[120].

Sta di fatto che l’una o l’altra soluzione avrebbero meglio assicurato una fase di transizione e di gestione provvisoria, ma avevano lo svantaggio, agli occhi del Ministro, di rendere possibili azioni di responsabilità e azioni revocatorie soprattutto in danno delle banche, nonché di impedire quella diretta messa a disposizione del patrimonio con cui esso sperava di allettare gli istituti, anche in vista della loro auspicata partecipazione alla creazione della nuova struttura di supporto all’agricoltura, nella quale mostrava di credere.

Non è un caso che una volta verificata la necessità di accedere ad una procedura concorsuale, il Ministro avesse subito mostrato di preferire la soluzione del concordato preventivo con cessione dei beni, sul rilievo che una siffatta procedura appariva più coerente con il progetto della liquidazione volontaria a favore della quale si erano espressi molti creditori, seppur in misura largamente insufficiente per poterla attuare.

In realtà un siffatto rilievo era privo di valore, poiché si sarebbe dovuta considerare la notevole differenza intercorrente tra la procedura negoziata e quella concorsuale di tipo giudiziale, e soprattutto si sarebbero dovuti valutare tutti i presupposti di legge per poter accedere al concordato preventivo.

Ma tant’è, ed in men che non si dica fu predisposto il ricorso per l’ammissione a detta procedura.

Riassumendo, è d’uopo ritenere che il Ministro Goria avesse voluto il commissariamento quale strumento per addivenire alla liquidazione di Federconsorzi.

La sua principale aspirazione politica era quella di creare un nuovo sistema di ausilio all’agricoltura, per la cui realizzazione aveva bisogno del sostegno del mondo bancario.

A fronte di ciò, egli credeva di poter offrire l’ingente patrimonio di Federconsorzi, che in caso di esito infruttuoso della proposta incentrata sulla liquidazione volontaria, di per sé assai problematica, avrebbe potuto essere liquidato da una società costituita ad hoc, aperta a tutti i creditori.

In prospettiva si sarebbe potuto accedere alla procedura di concordato, che attraverso la cessio bonorum avrebbe potuto assicurare un risultato analogo.

In tale contesto, è significativo non solo che il prof. Capaldo fosse stato consultato, ma anche che il suo istituto si fosse poi schierato a favore della liquidazione volontaria, peraltro difficilmente realizzabile, ciò che vale a sottolineare la di lui vicinanza al Ministro e alle soluzioni da quest’ultimo prospettate.

Né può sottacersi l’assonanza della soluzione in subordine proposta dal Ministro, incentrata sulla costituzione di una società ad hoc, con il piano che qualche mese dopo lo stesso Capaldo avrebbe elaborato e dal cui accoglimento dipende il presente processo.

16 - Così se da un lato fallivano le prospettive di ripresa della Federconsorzi, vedeva la luce la procedura concorsuale che più da vicino interessa in questa sede.

Ma quasi a delineare un programma scritto a più mani, risulta che già alla fine di giugno il dott. Greco, Presidente della sezione fallimentare del Tribunale di Roma, attendeva il ricorso e si mostrava prodigo di consigli, suggerendo altresì di far presto[121].

Del resto dopo la presentazione del ricorso, avvenuta il 4-7-1991, il dott. Greco non fu meno accondiscendente, al punto da concordare con i commissari i tempi per il successivo deposito della ratifica assembleare della decisione di far ricorso alla procedura di concordato e da prestarsi ad accedere direttamente presso la sede di Federconsorzi, per visionare le scritture contabili.

Ed invero, sarebbe gravato sulla ricorrente l’onere di provare la sussistenza dei requisiti di cui all’art. 160 L.F., fra l’altro presentando con il ricorso le scritture contabili, uno stato analitico-estimativo delle attività e l’elenco nominativo dei creditori ai sensi dell’art. 161 L.F.[122]

L’accesso del dott. Greco, in veste di relatore, pose rimedio al vizio formale del mancato deposito delle scritture e soprattutto consentì al predetto di rendersi arbitro del giudizio riguardante la regolarità della tenuta.

E non si tratta di un rilievo da poco, giacché, per quanto già risultassero alcune irregolarità e soprattutto fosse conclamata l’inaffidabilità dei bilanci, i quali, secondo quanto dichiarato anche pubblicamente dal Ministro Goria dissimulavano ingenti perdite, il magistrato nel decreto di ammissione non formulò rilievi di sorta, semplicemente demandando alla successiva fase dell’omologa ogni valutazione definitiva circa il possesso dei requisiti formali e sostanziali.

Sorprende peraltro che nessuno avesse fin dall’inizio rilevato la mancanza del prescritto stato analitico ed estimativo delle attività.

Risulta invero che nel ricorso e anche successivamente, su sollecitazione dello stesso Tribunale, furono forniti dati aggregati di carattere generale, aventi la funzione di consentire una valutazione per categorie del valore dei cespiti.

Ma mai fu predisposto un inventario dei beni e neppure fu fornita la stima di ciascun cespite.

Tale dirimente violazione, per quanto non enunciata nel capo di imputazione, dà fin d’ora la misura del coinvolgimento del giudice relatore, cioè di colui che più di ogni altro avrebbe dovuto guidare le valutazioni del collegio, in un preciso disegno, sostanzialmente volto all’attuazione del concordato con cessione dei beni.

Si badi altresì che una pronuncia di segno negativo non avrebbe necessariamente aperto la strada al fallimento, ma avrebbe con ogni probabilità innescato procedure diverse, quali la liquidazione coatta amministrativa, ciò che equivale a dire che il Giudice Greco in quella fase non palesò affatto l’intenzione di volersi liberare di una procedura oggettivamente complessa e scomoda, come sarebbe stato umanamente comprensibile, ma al contrario mostrò di volerla mantenere tal quale sotto il suo controllo.

Proseguendo nella disamina di tale aspetto, è d’uopo rilevare che dopo il decreto di ammissione alla procedura di concordato l’amministrazione della Federconsorzi continuava a fare capo ai commissari governativi, peraltro sottoposti alle limitazioni di cui all’art. 167 L.F.

Risulta in proposito che la gestione si appalesava quanto mai difficile, poiché la Federconsorzi risultava priva di liquidità e inoltre aveva partecipazioni totalitarie o di maggioranza in un nutrito gruppo di società, che ovviamente risentivano della crisi della partecipante e si trovavano a loro volta in difficoltà, tutto ciò senza parlare della situazione dei consorzi agrari e dei loro rapporti con la Federazione.

Nell’ottica della liquidazione globale, propria del concordato con cessione dei beni, la gestione avrebbe dovuto mirare al mantenimento dello status quo, senza alcuna compromissione delle esigenze di conservazione del patrimonio destinato ai creditori, ma ciò collideva con la struttura stessa di Federconsorzi, che richiedeva una conduzione assai più dinamica e soprattutto imponeva interventi conservativi da valutarsi nel quadro del complesso sistema di cui l’ente era a capo.

In altre parole sarebbe stato necessario che i commissari governativi potessero dispiegare un’effettiva opera di risanamento attraverso una adeguata acquisizione di risorse, ottenute anche attraverso un piano di dismissioni, da destinare poi alla conservazione dei cespiti e delle società di maggior significato.

Orbene, a fronte di tutto ciò il giudice delegato, cioè lo stesso Presidente Greco, tenne sempre un atteggiamento di assoluta rigidità, limitando a casi del tutto sporadici le autorizzazioni alla vendita di cespiti o all’erogazione di finanziamenti infra-gruppo.

Si sosteneva infatti dal punto di vista formale che l’art. 167 L.F. non consentisse operazioni di amministrazione attiva al di fuori di quelle strettamente connesse all’esigenza di conservazione del patrimonio con la conseguenza che fosse possibile la cessione di cespiti solo nei casi in cui si prospettasse come altrimenti ineluttabile il loro depauperamento o la loro  compromissione.

Ma una siffatta interpretazione, che l’art. 167 L.F. non legittima[123], pur richiedendo cautela, era comunque d’ostacolo alla realizzazione di qualsivoglia progetto di risanamento.

Ciò è tanto vero, che progressivamente si determinarono frizioni tra i commissari governativi e gli organi della procedura, che condussero ad una sorta di chiarimento, ma solo limitatamente all’affare Fedital.

Sta di fatto che, se per davvero fosse stata legittima l’interpretazione restrittiva dell’art. 167 L.F. fatta propria dal Presidente Greco, vi sarebbe stato motivo di dubitare fortemente della adattabilità della procedura di concordato ad un ente quale la Federconsorzi, che avrebbe avuto invece bisogno di strumenti diversi.

E non è un caso che nel corso dei mesi gli stessi commissari avessero cominciato ad affacciare l’ipotesi di un cambio della procedura, in favore ad esempio della amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi, trovando anche in questo caso la forte contrarietà del magistrato[124].

Per concludere sul punto, il dott. Greco fin dall’inizio mostrò di privilegiare la procedura di concordato preventivo, che meno di tutte si attagliava al caso di specie,  e nel corso dei mesi la gestì in modo fin troppo rigido, astenendosi sistematicamente, salve rarissime eccezioni, dall’autorizzare i commissari governativi, che di continuo formulavano istanze in tal senso, a cedere beni o partecipazioni societarie, ciò che finì con il vanificare le prospettive di utile dismissione che a mano a mano si presentavano, il tutto in funzione della nominale conservazione del patrimonio destinato ai creditori, ma di fatto a beneficio del semplice mantenimento dello status quo e della medesima composizione di quel patrimonio,  scongiurandosi il “rischio” di cessione dei cespiti più appetibili, che per primi, ragionevolmente, avrebbero trovato un acquirente.

Tale condotta e tale atteggiamento risultano d’altro canto in linea con gli auspici iniziali del Ministro, si badi,  già sostenuto dal prof. Capaldo.

17 - Approfondendo l’esame, va rilevato come in pendenza di procedura si fossero profilati vari progetti di acquisizione del patrimonio o di parte di esso.

Per vero in molti casi si trattò di tentativi meritevoli solo di articoli di giornale e di qualche pettegolezzo, in altri di interessamento per singoli cespiti dal valore strategico, come la partecipazione in B.N.A.[125].

Solo Roveraro elaborò il piano complessivo di cui s’è detto, peraltro mai giunto ad un’elaborazione esecutiva[126].

Sta di fatto che il predetto ha riferito di aver parlato delle sue intenzioni con il prof. Capaldo fin da epoca anteriore al commissariamento e di averlo poi più volte contattato, consegnandogli perfino i documenti che contenevano il suo progetto.

D’altro canto il Sen. Andreotti ha nel corso della sua deposizione dichiarato di aver segnalato al Roveraro il ruolo del Capaldo, quale promotore di una cordata.

Ma il Roveraro ha aggiunto di essere rimasto sorpreso alla notizia che il Capaldo avesse poi presentato un suo progetto.

Dall’insieme di tali elementi, in realtà in parte dissonanti, si trae conferma del fatto che il prof. Capaldo costituiva un punto di riferimento per Federconsorzi e per la politica e si evince altresì che il predetto si stava da tempo interessando della definizione della procedura e della sorte del patrimonio dell’ente.

Né sarebbe potuto essere diversamente.

Non si trattava infatti solo di risolvere il problema di Federconsorzi, ma anche di trovare un rimedio alla crisi di Agrifactoring, posta in liquidazione e parimenti ammessa al concordato preventivo.

Tanto Federconsorzi quanto Agrifactoring annoveravano tra i creditori le banche estere, prima di tutto giapponesi, che stavano reagendo assai duramente alla prospettiva di veder falcidiate le proprie pretese creditorie.

In particolare vi era il rischio che le banche estere da un lato creassero problemi a livello internazionale e dall’altro non votassero a favore dei due concordati all’adunanza dei creditori.

In tale contesto si colloca l’operazione di postergazione dei crediti vantati da Banca Nazionale del Lavoro, Banco di S. Spirito ed Efibanca nei confronti di Agrifactoring, operazione che migliorava le prospettive di realizzo delle banche estere, ma di fatto riduceva al minimo quelle dei citati istituti, presupponendo al tempo stesso un meccanismo che consentisse ad essi di ottimizzare la realizzazione dei crediti verso Federconsorzi.

Il patrimonio di quest’ultima era stato del resto fin dall’inizio indicato come sufficiente all’erogazione di una percentuale superiore al 70%.

Ben si comprende dunque che la cessione dei beni, cui la procedura tendeva, potesse essere intesa dai maggiori creditori come strumento privilegiato di soddisfacimento delle loro pretese.

Pare allora del tutto inverosimile che il prof. Capaldo, direttamente coinvolto dal proprio ruolo di presidente del Banco di S. Spirito, di consulente strategico di Federconsorzi, di esponente di primo piano del mondo bancario -con significative aderenze politiche-, se ne fosse stato con le mani in mano in attesa degli eventi, mentre deve necessariamente ritenersi che fin dall’inizio, una volta apertasi la procedura di concordato, egli avesse operato in modo da assicurarne il buon fine, cioè quello che avrebbe potuto garantire il miglior risultato, tanto da accettare perfino la cennata postergazione.

In sintesi la procedura di concordato, voluta dal Ministro, in precedenza consigliatosi con il prof, Capaldo, peraltro consulente di Federconsorzi e a conoscenza delle relative problematiche, trovò fin dall’inizio la piena disponibilità del Presidente del Tribunale, dott. Greco, ad assicurarne l’ulteriore corso, anche a costo di non dare rilievo al mancato rispetto di alcune condizioni essenziali, ciò che veniva incontro altresì alle esigenze di quanti auspicavano una completa cessio bonorum e dunque  prima di tutti dello stesso Capaldo.

 

IL PATRIMONIO DI FEDERCONSORZI

18.1 - Dopo questa prima analisi degli interessi in gioco e dei veri protagonisti della vicenda, si impone di verificare la reale consistenza del patrimonio di Federconsorzi, poiché trattasi dell’argomento cruciale ai fini del decidere.

Va al riguardo osservato che al ricorso non erano stati allegati né un inventario né una previa valutazione analitica ed estimativa.

Al fine di sopperire a tali gravi lacune, il giudice delegato conferì nel mese di settembre ad una serie di tecnici l’incarico di procedere alla stima delle varie categorie di cespiti.

Si è già detto che a uno di loro fu altresì attribuito il compito di coordinatore.

Avvenne così che nell’arco di tre mesi vennero redatte varie relazioni, recanti la stima complessiva delle singole categorie di beni, poi riassunte in una “relazione unica di stima” redatta dal dott. Enrico De Santis, alla quale sarebbero dovute intendersi allegate le altre.

Il termine per il deposito inizialmente fissato alla data del 30-11-1991 fu poi prorogato di alcuni giorni, tanto che gli elaborati vennero in effetti depositati prima della metà di dicembre.

Il patrimonio di Federconsorzi, come emergeva già dal ricorso presentato nel mese di luglio del 1991, si ripartiva in alcune grandi categorie, costituite da immobili, partecipazioni in società -quotate e non quotate in borsa- e crediti.

A tali cespiti se ne affiancavano di ulteriori di valore assai meno rilevante.

Orbene, dalla relazione unica si evince che le singole relazioni e con esse quella di sintesi avrebbero dovuto tener luogo di un vero e proprio inventario complessivo, essendo stato appunto demandato ai consulenti di elaborare, ciascuno per la sua categoria di beni, anche il relativo inventario.

Inoltre dalla medesima relazione unica emerge che per ragioni di tempo furono effettuate, nella gran parte dei casi, delle ricognizioni valutative e furono quindi evidenziati i valori minimi dei beni, con l’espressa avvertenza che in sede di determinazione del valore di mercato si sarebbero potuti registrare degli scostamenti di segno positivo.

18.2 - Quanto ai beni immobili l’ing. Nicola Perrone e l’ing. Fiordaliso Micheloni [127] segnalarono che i valori indicati avrebbero potuto risultare anche significativamente superiori in base all’andamento del mercato ed in funzione dell’eventuale accorpamento con beni complementari ovvero dell’inserimento in piani regolatori approvati o comunque dell’accertamento per ciascuna singola area della possibilità edificatoria.

I due tecnici, incaricati altresì della valutazione degli immobili di proprietà di società immobiliari controllate, ripartirono l’elaborato in due parti, dedicandosi nella prima alla ricognizione dei beni di Federconsorzi.

Essi suddivisero l’ingente patrimonio in sei categorie, procedendo per ciascuna di esse all’individuazione dei criteri generali adottati.

Così indicarono edifici di particolare pregio artistico o di importanza per le loro dimensioni, valutandoli non in base al metro quadro di superficie, bensì in base al valore globale dell’immobile, derivante dal pregio correlato a scale, soffitti, pavimenti, porte, logge, porticati, bassorilievi e dimensioni, e attribuendo agli stessi il valore complessivo di 377 miliardi e 800 milioni di lire.

In secondo luogo individuarono edifici per abitazioni, uffici e negozi, determinando il valore minimo attuale, ottenuto attraverso il metodo di stima sintetico comparato con il parametro metro quadro di superficie coperta, in pratica applicando alle consistenze metriche valori unitari desunti per comparazione dal mercato immobiliare.

Essi in tal modo determinarono per tale categoria un valore di 134 miliardi e 600 milioni di lire.

Furono poi valutate agenzie, magazzini e centri di stoccaggio, usando il metodo di stima sintetico attraverso il confronto con immobili esistenti in libero mercato in condizioni analoghe per destinazione, zona e caratteristiche costruttive.

Fu fatto in genere riferimento al metro quadrato di superficie coperta e fu calcolato un valore complessivo di 181 miliardi e 918 milioni .

Quanto a stabilimenti per attività produttive fu ancora applicato il metodo di stima sintetico attraverso il confronto con immobili esistenti in libero mercato in analoghe condizioni, tenendo conto del metro cubo di costruzione.

Fu così determinato un valore di 100 miliardi e 155 milioni di lire.

Ad aziende agrarie e ad altri immobili fu attribuito invece un valore complessivo di 127 miliardi di lire circa.

Nel complesso il patrimonio immobiliare facente capo direttamente a Federconsorzi fu valutato 921 miliardi e 785 milioni di lire.

18.3 - La valutazione delle partecipazioni in società quotate e non quotate in borsa, diverse dalle partecipazioni bancarie, fu affidata al prof. Bruno Del Maro e al dott. Francesco Ferrucci [128].

Per le società controllate furono presi in considerazione i valori di bilancio degli ultimi tre esercizi, furono riclassificati per gruppi omogenei i relativi valori, prendendo in considerazione per le società immobiliari le stime dei consulenti che si erano occupati degli immobili, e fu poi operata la ricognizione estimativa.

Per le società partecipate di maggior rilievo furono formulate sulla base della documentazione esistente alcune specifiche osservazioni, utilizzando per le altre società la documentazione disponibile.

Per le società quotate fu invece utilizzata la quotazione media degli ultimi sei mesi, indicando valori quanto più possibile prudenziali.

Il valore globale di dette partecipazioni fu indicato in 1.020 miliardi e 255 milioni di lire.

Le partecipazioni bancarie furono stimate dal prof. Nazzareno Ferri [129], che si occupò essenzialmente della partecipazione in Banca di Credito Agrario di Ferrara, Banca Nazionale dell’Agricoltura, Banca Nazionale del Lavoro, Banca Popolare di Sondrio, Banca Popolare di Lodi, Banca Popolare di Novara.

Quanto alla Banca di Credito Agrario di Ferrara, fu calcolato il valore economico della banca mediando il risultato ottenuto con il metodo reddituale complesso e quello ottenuto con il metodo reddituale puro.

In rapporto alla percentuale della partecipazione fu così stimato un valore di 119 miliardi e 942 milioni di lire, prevedendosi un’oscillazione del 10% in più o in meno.

Analogo criterio fu seguito per la BNA, calcolando il valore della partecipazione in 282 miliardi e 696 milioni di lire, anche in questo caso prevedendosi peraltro un’oscillazione del 10%.

Relativamente alla BNL, seguendo il medesimo procedimento fu determinato un valore di 12 miliardi e 35 milioni di lire salvo il 10% di fluttuazione.

In totale aggiungendo il valore delle partecipazioni minori, detta categoria di cespiti fu stimata 415 miliardi e 503 milioni di lire.

18.4 - I crediti furono stimati dalla prof.ssa Irene Misucci[130].

Essi risultavano corrispondere al 78% dell’attivo, derivando dalla dinamica del sistema federconsortile, così come venutasi a delineare nel corso degli anni.

I crediti si riferivano perciò in larga misura (circa il 60%) ai rapporti con produttori agricoli e consorzi agrari (per acquisti e vendite di merce, prestazioni di servizi, esercizio del credito) ed erano andati a mano a mano aumentando in dipendenza dello stato di difficoltà in cui versavano molti dei consorzi.

 In generale essi si ripartivano in crediti numerari e crediti nominali (i primi di regolamento o funzionamento, i secondi di finanziamento verso consorzi e partecipate).

Come previsto dalla normativa vigente, fu utilizzato il criterio del presumibile valore di realizzo, esaminando un campione significativo per ammontare, tipologia, e distribuzione territoriale.

Il campione fu considerato rappresentativo dell’80% dei crediti relativi a soggetti aventi esposizione di diversa entità e distribuiti su tutto il territorio.

Si procedette poi ad accorpare crediti aventi lo stesso grado di solvibilità e fu altresì operata la traduzione del valore contabile dei crediti in valori correnti, adottando alcuni accorgimenti, quali l’attualizzazione del valore nominale dei crediti differiti, la valutazione dei crediti in funzione dell’esigibilità degli stessi.

Nel quadro del procedimento di valutazione si segnalò la rilevanza delle notizie sulla solvibilità del singolo debitore e sulla situazione economica del settore e dell’ammontare dei crediti di non breve durata.

Fu considerato che molti dei crediti si riferivano a soggetti sottocapitalizzati e che il settore agricolo è caratterizzato da redditività modesta.

Si precisò che il valore di realizzo è correlato al grado di esigibilità sulla scorta delle informazioni disponibili e dei parametri abituali di verifica dei rapporti instaurati con i singoli debitori.

Si tenne conto delle perdite derivanti da situazioni anomale o patologiche (ad es. la sottoposizione dei consorzi a procedure concorsuali).

Ai fini della stima furono considerati i valori contabili al 31-7-1991, fermo restando che la differenza rilevata tra tali dati e quelli riferiti al 31-5-1991, allegati alla domanda di ammissione alla procedura, confermava taluni andamenti.

A supporto delle valutazioni fu inviata ad un campione di debitori una lettera nella quale si chiedeva di precisare ammontare, natura e scadenza del credito, ciò che pose in luce alcuni scostamenti.

I crediti vennero distinti in categorie, a seconda del debitore, e furono poi adottati dei coefficienti di stima diversi, in modo da trasformare gli importi determinati in valori correnti.

L’importo complessivo dei crediti fu stimato in 2.325 miliardi e 775 milioni di lire, inclusi 958 miliardi e 193 milioni per crediti verso i consorzi, 197 miliardi e 808 per crediti verso clienti nazionali, 134 miliardi e 728 milioni per crediti verso società partecipate e 309 miliardi e 059 milioni per crediti verso produttori agricoli.

Aggiungendo ai valori così determinati quello di cespiti di minore rilievo (impianti, macchinari, mobili e attrezzature d’ufficio, automezzi e trattori, rimanenze, capi bovini) e considerando peraltro che i beni artistici [131] sarebbero più opportunamente dovuti considerarsi nell’ambito della valutazione degli immobili cui accedevano, fu determinato il valore dell’intero patrimonio in 4.800 miliardi e 139 milioni di lire, senza contare la stima dei titoli posseduti.

18.5 - Tali valutazioni vennero ad incrociarsi con quelle formulate alla data del 30-11-1991 dai commissari governativi, che determinarono il valore del patrimonio in 3.683 miliardi e 400 milioni di lire [132].

Le discrepanze derivavano dalle categorie di cespiti di maggiore consistenza.

Così per gli immobili si riproponeva il valore di 754 miliardi indicato già alla data di presentazione del ricorso per l’ammissione alla procedura, con abbattimento di 200 miliardi, in ragione di beni strumentali con destinazione unica e mercato limitato.

Per le partecipazioni si prevedeva una riduzione per quelle relative a società quotate in borsa in ragione dell’andamento della borsa e della sospensione del titolo FATA (società assicurativa a beneficio del mondo agricolo), determinandosi il valore in 397 miliardi e 898 milioni di lire.

Le altre partecipazioni venivano distinte a seconda che riguardassero o meno società immobiliari.

Per le immobiliari si confermava il valore di 332 miliardi e 175 milioni di lire già indicato alla data del 3-7-1991, mentre per le altre partecipazioni si apportava una riduzione in ragione della situazione critica di alcune società (ARSOL, FEDITAL, SIAPA), che stavano progressivamente erodendo i patrimoni netti, in alcuni casi azzerati a seguito dell’ammissione a procedure concorsuali.

Per queste altre partecipazioni si determinava il valore in 403 miliardi e 710 milioni di lire con ulteriore abbattimento del 30% fino a 280 miliardi.

Quanto ai crediti si indicava il valore di stima in 1.909 miliardi e 422 milioni di lire a fronte di un valore di libro di 3.851 miliardi e 422 milioni, con riduzione di 351 miliardi rispetto alla stima al 3-7-1991 in conseguenza dell’accertamento di incassi per 284 miliardi e di ulteriori abbattimenti per singole categorie.

Va peraltro precisato che, mentre la prof.ssa Misucci incluse nella stima, in ragione di 310 miliardi di lire, anche l’ingente credito di Federconsorzi verso il Ministero dell’Agricoltura, c.d. credito MAF, derivante dalla cessione di posizioni creditorie di pertinenza dei Consorzi per la gestione degli ammassi in epoche ormai lontane, i commissari governativi ignorarono detto credito, ritenendolo inesigibile.

Ciò significa che le restanti stime della prof.ssa Misucci erano in realtà più rigorose.

Appare inoltre rilevante osservare che in base alla nuova relazione dei commissari i debiti alla data del 30-11-1991 ammontavano a £ 4.665 miliardi.

Se per caso si fosse tenuto conto delle valutazioni dei tecnici incaricati dal tribunale, coordinati dal dott. De Santis, si sarebbe dovuto concludere che il valore di stima del patrimonio era addirittura superiore a quello dei debiti, il che varrebbe a gettare una luce sinistra sul commissariamento e sull’intera gestione sia commissariale che concordatizia.

18.6 - Sta di fatto che l’operato dei consulenti fu ampiamente utilizzato dal commissario giudiziale prof. Nicola Picardi, il quale si era ripromesso di redigere una relazione sulla situazione di Federconsorzi, da depositarsi in tempo utile per l’adunanza dei creditori, fissata per la fine di gennaio del 1992.

Il prof. Picardi, avvalsosi della collaborazione del coadiutore generale avv. Pazzaglia, elaborò la c.d. “relazione particolareggiata”, un documento quanto mai ricco di spunti ricostruttivi, in cui furono analizzate le cause del dissesto e fu esaminata la consistenza sia dell’attivo che del passivo.

Nella relazione, depositata il 21-1-1992, fu dato conto dei risultati già prudenziali dei consulenti coordinati dal dott. De Santis.

Furono però apportate alcune correzioni, miranti ad un risultato che fosse quanto più possibile attendibile e realistico, in funzione delle valutazioni demandate agli organi della procedura.

Ancora una volta le divergenze si registrarono a proposito delle categorie di cespiti di maggior rilievo: immobili, partecipazioni e crediti.

Quanto ai primi, il commissario giudiziale considerò comparativamente le valutazioni formulate dai consulenti e dai commissari governativi, scegliendo coerentemente, quale organo della procedura, quelle dei consulenti, ma apportando un abbattimento, del tutto ragionevole, del 20% in ragione di una pluralità di fattori: lo stato degli immobili, tali da necessitare di interventi di manutenzione, il deprezzamento degli stessi dovuto a locazioni non remunerative, talvolta rinnovate di recente[133], la previsione di maggiori oneri fiscali dipendenti dal calcolo delle plusvalenze connesse alla rivalutazione obbligatoria disposta per legge.

Stimò dunque il patrimonio immobiliare di Federconsorzi in 734 miliardi e 428 milioni di lire.

Quanto alle partecipazioni, il commissario giudiziale accorpò in una valutazione complessiva le società quotate in borsa e le partecipazioni bancarie, tenendo conto che queste ultime rientravano nella prima categoria, con in più la partecipazione non quotata nella Banca di Credito Agrario di Ferrara, e che tra le partecipazioni quotate non bancarie andavano incluse quelle relative all’istituto assicurativo FATA e alla GEMINA.

Orbene, a fronte dell’ultima valutazione dei commissari governativi, per i quali dette partecipazioni erano valutabili 487 miliardi e 898 milioni di lire, e della valutazioni dei consulenti, che, volendo disaggregare e riaggregare i dati, avevano stimato un valore di 563 miliardi e 603 milioni, il prof. Picardi ritenne di condividire i criteri dei consulenti, peraltro apportando una correzione prudenziale del 10%, soprattutto in considerazione della situazione del FATA, destinato a risentire della crisi del sistema federconsortile, in quanto i premi derivavano per l’85% dalle azioni commerciali dei CAP,  e delle difficoltà della Banca di Credito Agrario di Ferrara, derivanti dalla crisi del CAP di Ferrara e di altre società del gruppo.

Tali cespiti furono dunque nel complesso valutati  507 miliardi e 243 milioni di lire.

Quanto alle partecipazioni in società immobiliari, il commissario giudiziale, condividendo ancora una volta i criteri adottati dai consulenti, apportò innanzi tutto una riduzione di 5 miliardi derivante da un errore materiale compiuto inizialmente dai commissari governativi e poi ripercossosi nel lavoro degli stimatori, riguardante la partecipazione in SMIA, inoltre ridusse prudenzialmente del 10% la valutazione dei consulenti in ragione dei maggiori oneri fiscali attesi, indicando un valore complessivo di 410 miliardi e 063 milioni di lire, risultato il meno elevato tra quelli a raffronto.

Quanto infine alle restanti partecipazioni, che rappresentavano una delle componenti del patrimonio di più complessa valutazione, il commissario giudiziale assai opportunamente distinse dalle altre le partecipazioni nelle nove società che già si trovavano in amministrazione controllata o in concordato preventivo (Zuccherificio Castiglionese, ARSOL, SIAPA, FEDERGRAF, SASA, FEDITAL, CARPI, SICRA, CAPPA).

Il valore di tali partecipazioni venne ridotto al 40% di quello stimato dai consulenti in ragione delle potenzialità di realizzo correlate all’esito delle procedure e dunque a 82 miliardi e 052 milioni.

Tale criterio trovava a giudizio del prof. Picardi riscontro nella vicenda FEDITAL: tale società si trovava in amministrazione controllata e la procedura era stata costretta ad erogare un finanziamento di venti miliardi per evitare il fallimento.

A fronte del valore stimato dai consulenti in 106 miliardi, una serie di esperimenti di asta avevano di fatto ridimensionato il valore di mercato a non più di 55 miliardi, corrispondente al 40% dell’importo derivante dalla stima e dal finanziamento erogato.

Anche per le altre partecipazioni la valutazione era peraltro resa assai problematica dal disfacimento del sistema integrato Federconsorzi-CAP-controllate, nell’ambito del quale talune delle società trovavano l’unica ragion d’essere.

In genere, mentre alcune società stavano cercando di trovare attività alternative, altre necessitavano di significativi interventi di ricapitalizzazione (come la Massalombarda).

Tutte avevano problemi di approvvigionamento, di credito e di politica aziendale.

La stima dei consulenti, che non teneva conto della negativa evoluzione della situazione gestionale, fu dunque ridotta del 30% e portata a 144 miliardi e 090 milioni.

Infine i crediti, posta cruciale, riguardante il 78% del valore attivo patrimoniale.

Alla stima di realizzo indicata dai commissari governativi alla data del 30-11-1991, si contrapponeva quella del consulente alla data del 31-7-1991.

Il commissario, adottando i criteri del consulente, riclassificò la stima alla data del 30-11-1991, tenendo conto di una riduzione delle ragioni creditorie, denunciata dai commissari governativi per effetto di pregressi incassi e ritiro di effetti.

Inoltre fu operato un ulteriore prudenziale abbattimento del 10%, così da portare la stima a 1888 miliardi e 554 milioni.

Il prof. Picardi sottolineò peraltro la correttezza delle valutazioni del consulente riguardanti il c.d. credito MAF, che i commissari governativi avevano invece azzerato.

Egli rilevò che si trattava di un credito di 430 miliardi risalente alle spese straordinarie relative alle campagne di ammasso obbligatorio di cereali anteriori al 1967.

Gli ammassi erano stati gestiti dai CAP, che avevano anticipato le spese generali senza essere rimborsati.

Successivamente i CAP avevano ceduto parte dei crediti verso lo Stato a Federconsorzi, previo nulla osta del MAF, in ragione di 430 miliardi e 455 milioni, comprensivi di interessi.

Fin dall’aprile 1991 il MAF, richiesto ufficialmente del pagamento, aveva segnalato che non esistevano stanziamenti di bilancio e che la liquidazione della somma sarebbe potuta avvenire -previ riscontri ed accertamenti contabili- condizionatamente alla previsione di spesa autorizzata con legge finanziaria.

Rilevò il prof. Picardi che si trattava di credito certo e liquido, i cui rendiconti erano stati registrati dalla Corte dei Conti, salvi gli aggiornamenti per interessi.

Difettava invece la esigibilità in considerazione della mancanza di copertura finanziaria.

Tuttavia non si sarebbe potuto per questo azzerare il credito, in vista del cui soddisfacimento anche i commissari governativi si erano nel frattempo mossi, cercando di creare le condizioni giuridiche o politiche per sbloccare il pagamento.

Più corretto sarebbe stato dunque inserire il credito fra quelli rischiosi, secondo lo schema adottato dal consulente, che aveva utilizzato un coefficiente di stima pari al valore di attualizzazione, rapportata ad un periodo di tre anni.

Il credito era stato dunque valutato di valore pari a 314 miliardi e 455 milioni di lire.

Confermando sostanzialmente le altre stime dei consulenti per poste minori e aggiungendo un modesto valore per titoli, il Commissario Giudiziale valutò complessivamente il patrimonio di Federconsorzi in 3.939 miliardi e 324 milioni.

A fronte di ciò, indicò i debiti alla data del 30-11-1991 in complessivi 4.410 miliardi e 764 milioni quanto ai chirografari e in 275 miliardi e 109 milioni quanto ai privilegiati.

Il commissario giudiziale affrontò quindi il problema delle gestioni per conto dello Stato, iscritte nel bilancio Federconsorzi “sotto la riga” tra conti di memoria.

Tale prassi fu riconosciuta come corretta, in quanto trattavasi di gestioni fuori bilancio autorizzate dalla legge, relativamente alle quali i debiti verso le banche, a mano a mano accumulati, avrebbero dovuto far carico proprio allo Stato.[134]

Infine il prof. Picardi determinò in 403 miliardi i crediti in prededuzione per spese di conservazione e per spese di procedura, da aggiungersi ai crediti privilegiati per il calcolo della percentuale concordataria, che superava in tal modo il 70%.

18.7 - Ora, tali stime non furono successivamente modificate, se non con riguardo alla qualificazione di alcune categorie di crediti, passati da chirografari a privilegiati: ed anzi, come si è già visto, esse vennero recepite nella sentenza di omologa del concordato.

Pare di per sé significativo che sostanzialmente omologhe fossero state le valutazioni del commissario giudiziale e dei commissari governativi, pervenuti autonomamente ad un risultato complessivo di gran lunga superiore a 3.500 miliardi e tale da differenziarsi solo per il computo o meno del credito MAF.

Ciò sta ad indicare che, pur muovendo da angoli visuali non necessariamente identici, le valutazioni si erano fondate su criteri ampiamente condivisi.

Né potrebbe seriamente affermarsi, come invece è stato fatto dalla difesa degli imputati, che le valutazioni dei consulenti, poi utilizzate dal commissario giudiziale, fossero state affrettate per la ristrettezza dei tempi a disposizione.

In realtà va rimarcato come ciascuno dei consulenti avesse inteso effettuare ricognizioni volte a stabilire il valore minimo e prudenziale dei cespiti e come dunque la ristrettezza dei tempi avesse se mai potuto incidere nel senso di non consentire un più approfondito esame caso per caso, tale da comportare un aumento delle stime.

D’altro canto, una volta stabiliti dei criteri, non sarebbe stato difficile applicarli ad una pluralità di immobili e di altri cespiti, di cui si fossero conosciuti i dati essenziali, in taluni casi direttamente acquisiti.

Né è emersa una concreta trascuratezza o una inaccettabile superficialità.

Al contrario i criteri usati e gli argomenti addotti dai consulenti che si occuparono dei cespiti di maggior rilievo appaiono nella gran parte dei casi condivisibili e tali dovettero risultare anche al prof. Picardi, che li recepì quasi interamente.

Se talune smagliature si verificarono[135], certo è che si trattò di poca cosa rispetto al risultato complessivo.

In ogni caso non può addebitarsi ai consulenti di non aver usato una logica da “economia di cessazione”, poiché il patrimonio di Federconsorzi non aveva nulla di simile a quello di una qualsivoglia azienda in crisi o in liquidazione, essendo invece costituito da una pluralità disomogenea di cespiti, suscettivi di intrinseca considerazione, a prescindere dal contesto complessivo (salvo che per una serie di partecipazioni).

E neppure può ascriversi ai predetti di non aver considerato l’ipotesi della vendita in blocco, destinata di per sé ad un minor realizzo: in realtà i consulenti avevano ben altro compito ed all’epoca in cui operarono, la vendita in blocco non era stata presa ufficialmente in considerazione, fermo restando che essa non rappresentava né un dogma né un obbligo.

Ancor meno pregnante è la pretesa dimostrazione dell’incongruità delle ricognizioni estimative che si vorrebbe desumere dal confronto con i successivi realizzi di SGR[136].

Piuttosto vanno rimarcati due argomenti di segno opposto.

Innanzi tutto, se pure è immaginabile che vi fossero state delle sopravvalutazioni, come subito appresso si dirà, non può tuttavia trascurarsi il fatto che in molti casi le stime fossero per contro inferiori al concreto realizzo che SGR avrebbe poi conseguito.

Inoltre, assumendo come dato di riferimento solo il valore indicato dai consulenti, si finisce per non considerare che la procedura utilizzò come parametro la relazione particolareggiata del commissario giudiziale, che apportò significativi temperamenti (per oltre 900 miliardi di valore), tali da assorbire di per sé gran parte dei rilievi critici.

Sta di fatto che qualche dubbio circa l’effettiva realizzabilità dei valori attribuiti a taluni cespiti sarebbe potuto nutrirsi.

Invero nel momento in cui ad un bene deve attribuirsi un prezzo, il pur elevato valore intrinseco va rapportato al mercato e alla concreta necessità di rinvenire un compratore.

Ed allora deve ritenersi che taluni immobili fossero stati valutati in modo da risultare del tutto fuori mercato.

E’ in particolare il caso di Palazzo Rospigliosi e degli altri edifici di maggior pregio, che ben difficilmente avrebbero potuto condurre a realizzi per 377 miliardi.[137]

Deve per contro negarsi qualsivoglia rilievo allo stato delle società partecipate e alla sua talvolta negativa evoluzione, giacché, al di là delle stime dei consulenti, peraltro sostanzialmente congrue e nei casi di maggior rilievo avallate dai consulenti nominati dal P.M. nel corso delle indagini [138], risulta che il commissario giudiziale avesse tenuto conto, ai fini delle sue determinazioni, delle procedure concorsuali alle quali alcune società erano già sottoposte e comunque della complessiva precarietà della situazione.

Ed ancora va rilevato come, attraverso le cessioni a mano a mano effettuate in corso di procedura prima della sentenza di omologa e della cessione in blocco a SGR, fossero stati conseguiti realizzi significativamente superiori alle stime contenute nella relazione particolareggiata.

Si è osservato in senso contrario che gli immobili avrebbero potuto subire una diminuzione di valore derivante dalla rapida saturazione del mercato[139].

Ma in realtà tale assunto sembra trascurare il fatto che gli immobili avevano caratteristiche assai diverse, essendo a seconda dei casi destinati ad abitazione, ad uffici, a stabilimenti, si trovavano su tutto il territorio nazionale, in località anche molto distanti tra loro, e potevano essere appetiti da soggetti diversi, in alcuni casi da importanti acquirenti italiani o stranieri.

A tutto concedere, si sarebbe dovuto dunque considerare sia un mercato nazionale o internazionale che un mercato regionale, l’uno e l’altro suscettibili di saturazione in modi e tempi assai diversi, fermo restando che l’acquirente SGR si sarebbe poi dimostrata ben lieta di correre l’alea di quella saturazione.

Né maggior rilievo va attribuito alle critiche personalmente formulate al dibattimento anche dal prof. Capaldo alla stima dei crediti operata dalla prof.ssa Misucci[140].

Ancora una volta va considerato il parametro del presumibile valore di realizzo.

Orbene, non sembra corrispondere al vero che la consulente si fosse superficialmente limitata ad abbattere in modo identico intere categorie di crediti, insuscettibili di valutazione omogenea, che non avesse svolto documentate indagini conoscitive e che non avesse tenuto conto del fattore tempo.

Al contrario l’analisi della prof.ssa Misucci muoveva dalla individuazione di un campione significativo di crediti diversi, determinato con criteri precisi, puntuali e condivisibili, implicanti la conoscenza delle caratteristiche del mercato di riferimento e del debitore.

Quanto poi alla situazione dei Consorzi Agrari, è pur vero che essi si trovavano in molti casi in una situazione di crisi, già sfociata in procedure concorsuali, ma è vero anche che residuava un margine di recuperabilità, fermo restando che l’abbattimento apportato sia dalla consulente che dal commissario giudiziale era stato assai rilevante, oltre che diversificato a seconda del concreto stato dei singoli consorzi, taluni in bonis, altri commissariati, altri ancora soggetti a procedure concorsuali o addirittura liquidatorie.

Né può sottacersi che in prospettiva vi era per i consorzi la speranza di veder onorata la propria quota, non trasferita a Federconsorzi e ammontante a circa mille miliardi di valore nominale, del credito verso il MAF per la gestione degli ammassi, cosa che sarebbe in effetti avvenuta in base alla L 410/99.

Ed ancora non corrisponde a verità, come si diceva, la mancata considerazione del fattore tempo, avendo avuto cura la dott.ssa Misucci di attualizzare i crediti esigibili oltre l’anno, compreso quello verso il MAF, incluso tra i crediti a rischio, ma in concreto valutato in termini di attualizzazione su base triennale.

19 - Tale ultimo riferimento induce ad esaminare più in generale il tema del credito MAF, tra i più tormentati della presente vicenda[141].

I Consorzi Agrari alla fine degli anni ’40, negli anni ’50 e nei primi anni ’60 curarono infatti per conto dello Stato le campagne di ammasso obbligatorio di vari prodotti cerealicoli, sulla base di una sorta di contratto di commissione, procurandosi i mezzi finanziari per il pagamento del prodotto conferito e riversando poi gli effetti delle operazioni allo Stato.

Lo Stato a sua volta provvide nel corso degli anni a stanziare somme per coprire i disavanzi delle campagne di ammasso.

Ma a partire dal 1954-55, nonostante che fosse stata svolta analoga attività, in particolare riferibile all’ammasso del grano, non fu più emanato alcun provvedimento legislativo, prima della L 410/99 più volte citata.

Nel frattempo i Consorzi Agrari compilarono i relativi rendiconti e la procedura di controllo ebbe il suo pur lentissimo corso.

Stabilita nel 1980 una contabilità unica per ciascun Consorzio, fu fissata la data del 31-1-1982 per l’aggiornamento dei rendiconti.

Le diverse situazioni contabili furono poi approvate con decreti ministeriali emessi negli anni 1989/1990 e dichiarate regolari dalla Corte dei Conti negli anni 1994/1996.

Come si diceva, il bilancio statale non recava alcuna copertura dei disavanzi prima del 1999, allorché fu disposta la liquidazione dei crediti di pertinenza dei Consorzi Agrari non ceduti a terzi.

Ma nel frattempo quei crediti erano stati ceduti in larga misura a Federconsorzi, in pagamento delle esposizioni debitorie accumulate dai Consorzi a vario titolo, in genere per acquisto di prodotti e per finanziamenti.

Sta di fatto che a tutt’oggi la quota di credito ceduta a Federconsorzi non ha un corrispondente stanziamento in bilancio.

Da una puntuale relazione della Direzione Generale del Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali datata 11-4-1996 [142] si evince in particolare che la regolamentazione del credito è stata effettuata mediante la contabilizzazione di interessi pari al tasso ufficiale di sconto, maggiorato del 4,40% sulla base di disposizioni ministeriali impartite il 30-7-1971 e che alla data del 31-1-1982 il credito MAF era pari a £ 171.780.177.871.

Si desume inoltre dalla medesima relazione che l’apposita commissione consultiva del Ministero dell’Agricoltura nel 1992 aveva calcolato l’ammontare del credito vantato da Fedit al 31-12-1991 in 468 miliardi di lire.

Nel corso degli anni sono stati predisposti diversi disegni di legge o addirittura decreti legge per il finanziamento del credito, che tuttavia non sono mai stati approvati o convertiti dal Parlamento

Peraltro il credito non è mai stato disconosciuto e alla data del 30-12-1993 esso era di 632 miliardi di lire, mentre nel 1996 superava gli 800 miliardi.

Risulta che la Federconsorzi, in persona del commissario governativo Piovano, nell’agosto 1992 citò in giudizio il MAF per ottenere il riconoscimento del credito e la condanna al relativo pagamento.

La domanda fu successivamente limitata al mero accertamento del credito, onde evitare gravosi oneri di registrazione.

Nel medesimo lasso di tempo i vari Consorzi Agrari interessati avevano adito il competente Tribunale per ottenere la condanna del MAF al pagamento delle somme relative alla quota di crediti ancora di loro spettanza.

In primo grado essi videro accolte le loro ragioni, ma la Corte di Appello di Roma successivamente si determinò in modo diverso[143].

Fu infatti rilevato che, anche riguardando la vicenda sotto il profilo meramente civilistico, non si sarebbe potuto far leva esclusivamente sul preteso riconoscimento del debito e sulla spettanza di interessi ultralegali, men che mai anatocistici.

Peraltro il rapporto sarebbe dovuto ricondursi al diritto pubblico con conseguente inesigibilità del credito fino al momento dell’approvazione del rendiconto da parte della Corte dei Conti, intervenuta solo nel 1995.

Più di recente il Tribunale di Roma in persona del G.O.A. ha avuto modo di pronunciarsi sulla domanda presentata da Federconsorzi, rigettandola [144].

La sentenza desta non poche perplessità, giacché da un lato ravvisa la nullità delle cessioni di credito in favore di Federconsorzi e dall’altro rimette alla procedura delineata dalla L 410/99 la liquidazione del credito vantato dall’ente.

A prescindere dal fatto che non è ben chiaro il motivo della nullità, che si vorrebbe far derivare dalla violazione dell’art. 1260 cc, visto che nel momento della cessione Federconsorzi certamente non operava come organo dello Stato, sembra che siano state sovrapposte la vicenda dei crediti dei Consorzi Agrari ceduti a Federconsorzi e quella delle gestioni a vario titolo direttamente affidate a Federconsorzi, per le quali l’ente deve presentare apposito rendiconto. Non è dato comprendere inoltre perché mai la previsione della procedura di liquidazione dovrebbe precludere l’accertamento giudiziale.

Sta di fatto che nell’ipotesi di effettiva nullità della cessione, l’apparente sconfitta per Federconsorzi si trasformerebbe in una vittoria, dal momento che in questo caso il credito ritornerebbe ai Consorzi Agrari e troverebbe una sua copertura, mentre in capo a Federconsorzi si ripristinerebbe il credito verso i Consorzi che potrebbe così essere finalmente onorato.

Ma a parte ciò, se desta sconcerto che a distanza di tempo lo Stato non abbia ancora provveduto al pagamento di un credito riconosciuto e meraviglia assai che con decisione difficilmente compatibile con il principio costituzionale di uguaglianza il Parlamento abbia riconosciuto la copertura finanziaria solo di una parte di un credito avente medesima origine e natura, pare indiscutibile che il credito esistesse e avesse una sua concretezza, per lo meno limitatamente alla sorte, essendo se mai contestabile l’entità degli interessi.

Del resto la stessa Corte di Appello di Roma non ha negato la circostanza, stabilendo che la procedura già in corso avrebbe reso esigibile il credito dal momento dell’approvazione della Corte dei Conti, mentre il mancato riconoscimento nel caso di specie dipendeva da  ragioni di carattere formale-processuale, afferenti al rispetto del principio della domanda.

Più in generale deve peraltro osservarsi come solo i primi commissari governativi, muovendo dal presupposto dell’inesigibilità, avessero del tutto trascurato il credito di Federconsorzi verso il MAF, preso invece in considerazione sia  dalla prof.ssa Misucci, sia dal prof. Picardi, sia infine dal prof. Schlesinger, allorché ebbe a formulare il proprio parere sulle modalità di cessione dello stesso [145].

Anche la relazione della Commissione Parlamentare di Inchiesta riconosce concretezza al credito MAF e formula rilievi critici a proposito della cartolarizzazione, con la quale gli organi della procedura hanno di recente tentato di liquidarlo[146].

Sta di fatto che il credito MAF non equivale a zero.

Un credito riconosciuto nei confronti dello Stato va sempre considerato come esistente, anche se i tempi per realizzarlo possano diventare incerti, dipendendo da equilibri politici e finanziari.

D’altro canto, a prescindere dall’esito momentaneamente infausto della causa al riguardo promossa da Federconsorzi, va considerato che il fondamento del credito è certo e che l’esigibilità, correlata al rispetto delle norme sulla contabilità di Stato, condiziona il pagamento spontaneo e se mai l’insorgenza di interessi corrispettivi, ma non può incidere sull’esito di azioni giudiziarie, volte all’acquisizione di un titolo esecutivo.

In tal senso va valorizzato anche quel costante orientamento giurisprudenziale, secondo cui il colpevole ritardo nel perfezionamento del titolo di spesa genera interessi moratori[147].

Per di più nel caso di specie si tratta sostanzialmente di credito riconosciuto ed è noto che, in base alla disciplina dell’epoca, il riconoscimento del credito aveva una sua autonomia strutturale e non era disciplinato né esplicitamente né implicitamente da norme di contabilità pubblica[148].

Ma anche al di là di ciò, un titolo esecutivo sarebbe potuto comunque formarsi, così da consentire in teoria l’avvio di una gigantesca procedura di esazione forzata, nei limiti consentiti dalla disponibilità in cassa di somme non espressamente vincolate ad una destinazione specifica.

Ed ancora si sarebbe potuto prospettare il caso della nomina in via amministrativa di un commissario ad acta, incaricato di espletare le necessarie procedure.

Trattasi, si conviene, di mera accademia, che vale però a smentire l’assunto dell’inconsistenza del credito MAF e della sua irrilevanza ai fini del computo del valore del patrimonio.

Il problema non era infatti quello di escluderlo in radice, ma se mai quello di attribuirgli una congrua valutazione in termini di attualizzazione, ciò che fu fatto dalla prof. ssa Misucci e dal prof. Picardi e condusse al riconoscimento di un valore superiore a 300 miliardi.

E anche volendogli attribuire all’epoca un valore inferiore, certo è che in prospettiva il credito è destinato ad essere escusso e realizzato a beneficio di chi ne risulterà titolare (attualmente la Liquidazione di Federconsorzi).

In conclusione, a fronte di un valore di libro addirittura superiore a 6.000 miliardi, la valutazione del patrimonio effettuata prima dai consulenti nominati dal G.D. e poi dal prof. Picardi fu sostanzialmente rispondente a dati reali e dunque ampiamente rappresentativa dell’entità dell’attivo.

20 - Non può invece aggiungersi ad esso l’importo delle cambiali rinvenute all’interno degli uffici di Federconsorzi dal commissario governativo Lettera e fatte oggetto di sequestro preventivo nell’aprile 1996.

Va al riguardo precisato che in base alle risultanze del bilancio chiuso al 31-12-1995 Federconsorzi risultava disporre di un determinato portafoglio cambiali, relative a crediti verso CAP e a crediti verso produttori agricoli, nonché di cambiali sempre concernenti il rapporto con i consorzi agrari, poste all’incasso o allo sconto presso banche o istituti finanziari (come Agrifactoring), da cui derivavano crediti condizionali, cioè sottoposti alla condizione del regresso azionato dai soggetti cui i titoli erano stati girati.

Nel marzo 1996 il GIP presso questo Tribunale su richiesta del P.M. dispose il sequestro preventivo[149] di una serie di cespiti, alcuni già trasferiti a SGR e altri destinati alla cessione, ma non ancora trasferiti.

In particolare, oltre alla partecipazione nelle società SAIIM, SAGRIM e INDIPENDENZA e nella BNA, caddero sotto il vincolo una pluralità di crediti residui non ancora trasferiti, tra i quali quello verso il MAF e vari crediti portati da cambiali verso produttori agricoli e verso consorzi agrari[150].

L’avv. Lettera, ancora commissario governativo, sebbene non più liquidatore, fu nominato custode.

Ma il predetto nello stesso lasso di tempo rinvenne presso un ufficio della sede di via Salaria in cui la Federconsorzi si era nel frattempo trasferita, in particolare in una cassaforte sita nell’ufficio del rag. Ciatti, scatole contenenti cambiali riposte disordinatamente.

Si trattava di titoli di cui il commissario governativo nulla sapeva e che risultavano emesse dai consorzi agrari all’ordine di Fedit per rilevantissimi importi.

Il complesso lavoro di classificazione dei titoli condusse alla loro ripartizione in due categorie, quella delle cambiali emesse in garanzia a fronte di prestiti dodecennali e aventi scadenze fino al 1998, di importo complessivo pari a 172 miliardi di lire, e quella delle cambiali agrarie e ordinarie con scadenze fino al 1992, addebitate ai CAP e da restituirsi su richiesta, di importo pari a 615 miliardi di lire.

Dette cambiali furono parimenti sottoposte a sequestro preventivo e affidate in custodia all’Avv. Lettera[151].

Per mera completezza e al solo scopo di evitare equivoci, va altresì soggiunto che nel 1997 l’avv. Lettera all’interno del caveau di Federconsorzi, oltre ad imbattersi in beni ulteriori, come quadri e collezioni di monete, avrebbe rinvenuto ulteriori cambiali riferibili ad epoche anteriori al 1991, che si trovavano custodite in cassetti identici ad altri completamente vuoti, dove certamente erano state in precedenza riposte altre cambiali, relative ad anni diversi, presumibilmente le stesse poi ritrovate in via Salaria.

21 - Ciò posto, va rilevato che nell’immediatezza si sospettò che i titoli sequestrati nel mese di aprile potessero corrispondere a crediti ulteriori rispetto a quelli denunciati in bilancio.

L’ipotesi, che, se confermata, avrebbe potuto avere gravi ripercussioni sulla liquidazione e sull’esecuzione dell’atto quadro, appariva invero suffragata da una pluralità di indici.

Innanzi tutto i bilanci non facevano espressamente cenno di tale coacervo di titoli ed anzi facevano supporre ad una prima lettura che le sole cambiali menzionate fossero quelle cadute sotto il vincolo nel mese di marzo, relative a crediti verso produttori agricoli e verso CAP, ma in gran parte presso banche.

In secondo luogo i crediti di Fedit verso i CAP erano stati ormai trasferiti a SGR con lettera commerciale, senza che fossero state nel contempo trasferite le cambiali de quibus: a tal fine, anche per espresso disposto del G.D., sarebbe stata necessaria la girata[152], che invece non risultava apposta.

 Infine era stato accertato che scatoloni contenenti cambiali erano stati quasi di soppiatto trasferiti altrove fin dalla fine del 1993 ed erano poi tornati in Federconsorzi verso la fine del 1995.[153]

Tale circostanza, che è stata inutilmente negata da alcuni testi escussi al dibattimento[154], a detta dei quali si sarebbe trattato tutt’al più delle cambiali relative ai crediti verso i produttori agricoli per le quali era stato conferito ai consorzi una sorta di mandato all’incasso, è da ritenersi invece comprovata, poiché si è sostenuto che le cambiali trasferite fossero in quantità considerevole[155].

E’ d’uopo ritenere che le cambiali fossero state trasportate presso la sede di SGR, in modo da consentire ai responsabili di detta società, peraltro quasi tutti ex dipendenti di Fedit, pienamente a conoscenza della situazione, una diretta gestione del rapporto con i debitori.

Ma non è da escludere neppure che si fosse voluto per il momento non far risultare agli organi della procedura l’esistenza delle cambiali, onde non dare luogo a possibili azioni di responsabilità verso chi nel corso degli anni aveva sistematicamente omesso di azionare quei titoli, molti dei quali si riferivano a consorzi in bonis o a consorzi solo successivamente posti in liquidazione[156].

22 - Ma per quanto la tesi dell’occultamento di cospicui crediti possa dirsi suggestiva, sembra al Collegio che altri elementi convincano della riconducibilità delle cambiali sequestrate nell’aprile 1996 a quegli stessi crediti, trasferiti a SGR, che già risultavano dai bilanci.

Di qui la conclusione che si trattasse in sostanza di cambiali non formalmente in garanzia, ma comunque accessorie a quei crediti.

Cospicuo materiale è stato prodotto dalla difesa dell’imputato Capaldo a supporto di tale tesi.

Fra l’altro è stata depositata una memoria nella quale si illustra ampiamente il tema.[157].

Ed invero deve osservarsi che, sebbene le cambiali rinvenute non fossero denunciate tal quali nei bilanci, questi ultimi contenevano sufficienti indicazioni per rendere edotto il lettore della loro esistenza.

Fino al 1989 vi era stata l’indicazione di cambiali allo sconto e all’incasso tra i conti d’ordine.

Dal 1990 fu invece adottata una nuova classificazione, ricomprendendo i crediti cambiari tra i crediti finanziari.

Nella nota esplicativa allo stato patrimoniale del bilancio 1991 si faceva inoltre cenno del fatto che sotto la voce “crediti” erano stati raggruppati sia i crediti di origine finanziaria, sia quelli di natura commerciale, ed ancora l’ammontare degli effetti in portafoglio e di quelli ritornati insoluti, oltre che, separatamente, quelli inviati alle banche all’incasso o allo sconto.

Va in effetti osservato che, come emerso anche da varie testimonianze[158], i crediti di Federconsorzi avevano diversa natura, essendo originati da vere e proprie operazioni commerciali ovvero da finanziamenti.

Il rapporto di debito-credito con i consorzi agrari, afferente essenzialmente a rapporti commerciali, veniva definito da un unico conto di gestione, in gergo “scaduto”, che veniva aggiornato ogni quindici giorni e nel quale venivano accreditati i titoli emessi dai consorzi, salvo nuovo addebito qualora gli effetti fossero rimasti impagati.

Ma i consorzi erano debitori di Fedit anche per finanziamenti dodecennali, derivanti dal riscadenzamento di crediti di origine commerciale e regolati con rateizzazione cambializzata.

A ciò dovevano aggiungersi cambiali emesse a fronte di finanziamenti speciali, in genere di breve periodo.

Ora, le enunciazioni contenute nella nota integrativa summenzionata erano idonee a far comprendere la diversa natura delle voci di credito e la concomitante natura cambiaria di alcune di esse.

Inoltre in quella stessa nota si dava conto del fatto che i crediti commerciali includevano anche il riaddebito di effetti insoluti, con cui si era ripristinato il valore di forniture commerciali non pagate.

Peraltro si era sempre evitato di inserire nello stato patrimoniale, onde scongiurare il rischio della duplicazione di partite, una voce concernente i soli crediti cambiari e si era preferito aver riguardo invece alla natura del credito sottostante.

All’inizio il problema era stato risolto mediante l’espressa menzione nei conti d’ordine, mentre quando poi si reputò opportuno dare conto dei crediti condizionali, vennero iscritte anche partite di debito di entità corrispondente.

Sta di fatto che l’eliminazione dei conti d’ordine e l’espresso riferimento all’addebito di effetti insoluti, avrebbe dovuto di per sé fornire al lettore del bilancio un’idea del progressivo formarsi di un coacervo di titoli a supporto dei crediti indicati nello stato patrimoniale.

Ora, in base a quanto si è potuto accertare attraverso le deposizioni raccolte, fino al 1991 vi era l’abitudine di restituire i titoli a seguito del riaddebito sullo “scaduto”, ma successivamente i vertici di Federconsorzi dettero disposizioni perché ai consorzi venisse comunicato che i titoli sarebbero stati trattenuti a garanzia.

Di fatto non si trattava di garanzia in senso proprio, stante la mancanza di una girata avente quella funzione, ma semplicemente di un rafforzamento del credito per il tramite di un accessorio cartolare destinato a dare contezza dell’operazione.

Ma già su tali basi viene meno il fondamento di molte delle osservazioni critiche alla tesi della funzione di garanzia, formulate dal consulente tecnico del P.M., chiamato a pronunciarsi sulla natura delle cambiali sottoposte al secondo sequestro[159].

Si era infatti fra l’altro rilevato che con riguardo ad alcuni consorzi l’importo delle cambiali rinvenute nel mese di aprile era superiore, anche di molto, a quello dei crediti iscritti in contabilità alla data del 31-11-1991[160]. Sarebbe dovuto dunque escludersi che le cambiali potessero costituire una mera garanzia o comunque un semplice accessorio cartolare di un credito inferiore.

Ma in realtà il progressivo formarsi del “monte effetti” consente di dare una giustificazione più che convincente alla diversità degli importi, potendosi ad es. rilevare che proprio nel caso di Trapani, all’uopo segnalato dal consulente, risulta che in prosieguo di tempo furono addebitate sul conto corrente cambiali insolute per 5 miliardi e 600 milioni di valore, il che conduce ad un risultato in linea con la tesi esposta dalla difesa.

Volendo peraltro distinguere le due categorie di cambiali, non possono non richiamarsi le considerazioni espresse nella memoria difensiva cui si è fatto cenno.

Quanto ai prestiti dodecennali, come tali risultanti in bilancio, la funzione accessoria delle cambiali, anche alla stregua della cospicua documentazione allegata alla relazione del consulente del P.M. o acquisita su istanza della difesa, pare indubbia.

Seguendo il ragionamento difensivo, supportato da una serie di tabelle a suo tempo prodotte[161], è d’uopo osservare che, salva la necessità di alcuni aggiustamenti, vi è sostanziale corrispondenza tra il totale delle cambiali sequestrate e l’entità di quei crediti, ciò che si evince in particolare dalla corrispondenza per ciascun CAP tra numero e importo delle cambiali e numero delle rate di ammortamento ancora insolute.

D’altro canto l’importo del credito ceduto a tale titolo a SGR è pari a quello portato dalle cambiali, se si escludono gli effetti riferibili al CAP di Perugia, relativamente al quale il credito di Fedit, come è pacificamente emerso in corso di causa, non è stato trasferito ed è rimasto invece nella disponibilità della Liquidazione[162].

Quanto alle altre cambiali, la soluzione è meno sicura, ma può dirsi sostenuta da convergenti elementi, che la fanno apparire ben più attendibile, anche perché non è dato sapere la natura e l’origine degli ulteriori crediti ai quali le cambiali si dovrebbero riferire.

In ogni caso, deve premettersi che nel bilancio la voce crediti commerciali non comprendeva esclusivamente il saldo del conto di gestione, ma era riferibile ad una pluralità di voci, che del resto risultano dalla tabella D) che è inserita nella relazione del C.T. del P.M. dopo pag. 47.

Considerando l’entità delle singole voci alla data del 30-11-1991, si perveniva ad un totale di crediti commerciali pari a 1142 miliardi e 518 milioni di lire, previo computo  di una svalutazione operata soprattutto su crediti verso CAP in liquidazione coatta.

Ma, come si è visto, nel complessivo importo erano destinati a confluire anche effetti richiamati, finanziamenti speciali e effetti a mano a mano riaddebitati sul conto di gestione, cioè crediti sicuramente portati da cambiali.

Ora, conteggiando solo tali ultime voci, come venutesi a modificare in prosieguo di tempo, con riflessi anche sulle altre voci di crediti cambializzati (in portafoglio o presso banche), si ottiene un importo sostanzialmente corrispondente a quello portato dalle cambiali sottoposte al secondo sequestro, il che vale a dar conto della riferibilità dei titoli a crediti diversi da quelli di cui al primo sequestro, ma tuttavia considerati in bilancio e già oggetto di trasferimento a SGR[163].

Non è un caso che lo stesso consulente del P.M. abbia concluso il suo lavoro esprimendo[164] il convincimento che in buona sostanza le cambiali corrispondessero a crediti iscritti in bilancio, anche se in questo non vi era una chiara e del tutto trasparente enunciazione dell’esistenza di quelle specifiche cambiali.

In tale prospettiva deve reputarsi congrua anche la statuizione contenuta nella transazione del 31-7-1998, nella quale si dà conto della natura accessoria delle cambiali e si conviene sulla necessità di un loro immediato trasferimento a SGR a margine della cessione dei crediti.

Correlativamente a ciò, si reputa opportuno provvedere separatamente alla restituzione delle cambiali all’avente diritto, da individuarsi nella Liquidazione, quanto alle cambiali verso il CAP di Perugia, e in SGR, quanto a tutte le altre.

Restano l’atteggiamento ambiguo di quanti avrebbero voluto tenere il commissario governativo all’oscuro dell’esistenza degli effetti, e il mistero legato all’incredibile andirivieni dei titoli.

Probabilmente la spiegazione di tutto va ricercata nell’esigenza di stabilire un rapporto preferenziale con i consorzi agrari, così come in precedenza era stato tenuto nei confronti di questi un atteggiamento assai morbido: non è un caso che i consorzi abbiano spesso opposto viva quanto ingiustificata resistenza ad alcune iniziative cautelativamente assunte dall’Avv. Lettera, ed abbiano per contro palesato piena accondiscendenza verso le scelte di SGR.

Ma non è questo il solo e neppure il maggiore dei motivi di perplessità sollevati dalla vicenda che qui ci occupa.

 

DALLA SENTENZA DI OMOLOGA ALL’ATTO QUADRO: ANALISI DELLE FASI

23 - Orbene, ricostruita la consistenza dell’attivo di cui disponeva la procedura di concordato, si tratta di verificare se l’esito della liquidazione fu quello che su tali basi ci si sarebbe potuti legittimamente attendere.

A tal fine si devono focalizzare le fasi cruciali che condussero alla cessione dei beni a SGR e valutare in relazione ad esse quale fu il comportamento dei vari protagonisti.

In primo luogo va segnalato che all’adunanza dei creditori del 29-1-1992 il voto fu favorevole al concordato.

Al votò partecipò anche Agrifactoring, che si trovava parimenti in concordato preventivo e che era stata peraltro autorizzata al voto dal dott. Brescia anziché dal dott. Greco, giudice delegato anche in quella procedura, ciò al fine di evitare possibili conflitti di interesse.

La partecipazione di Agrifactoring era di notevole importanza, poiché si trattava del maggiore creditore di Federconsorzi, ed era altresì essenziale che il suo voto fosse favorevole.

D’altro canto tale società denunciò in quella fase un credito di natura chirografaria, salvo che per una minima quota, qualificata come privilegiata.

La manifestazione del voto implicava comunque la rinuncia a qualsivoglia privilegio eventualmente afferente alla parte di credito utilizzata per il voto (cfr. art. 177 L.F.).

E’ dunque a dir poco singolare che in epoca di gran lunga successiva, cioè nel 1996,  Agrifactoring, in persona del proprio liquidatore giudiziale, cioè, per pura coincidenza, quello stesso prof. Floriano D’Alessandro che era stato indicato dal dott. Greco al commissario Piovano per la formulazione del parere sulla necessità o meno della convocazione dell’assemblea a seguito della perdita del capitale, avesse promosso un’azione giudiziaria volta al riconoscimento della natura privilegiata dell’intero suo credito, sostenendo che a tutto concedere la manifestazione del voto in assemblea sarebbe dovuta considerarsi frutto di errore.

In realtà col passare del tempo le difficoltà insorte nella liquidazione di Federconsorzi in conseguenza delle contestazioni sollevate dall’Avv. Lettera e dell’apertura di un procedimento penale ben avrebbero potuto far sorgere dubbi sull’effettivo buon fine delle prospettive di realizzo: non è da escludersi dunque che questa ed altre cause intentate da Agrifactoring avessero in qualche modo la funzione di congelare la liquidazione in attesa degli eventi, nel tentativo di trovare un nuovo equilibrio sul versante di Agrifactoring, ove riconosciuta titolare di un ingente credito privilegiato.

Ma ciò costituisce pura teoria, poiché con una lucida sentenza [165] il Tribunale di Roma avrebbe poi respinto in data 14-10-1998 la pretesa di Agrifactoring, rilevando che il credito non sarebbe potuto considerarsi privilegiato e che comunque con la manifestazione del voto, non dovuta ad errore, il privilegio sarebbe venuto meno.

Sta di fatto che il voto dell’adunanza dei creditori costituì il presupposto per passare alla fase dell’omologa, a seguito della quale la procedura avrebbe potuto raggiungere il suo fisiologico sbocco, acquisendo nel contempo stabilità.

Certo è che l’apertura di procedure diverse non rientrava tra i programmi del Presidente Greco, il quale già aveva aiutato i commissari governativi nella fase della presentazione del ricorso e nell’avvio della procedura e che al dibattimento è arrivato a sostenere che qualora il Ministro avesse scelto in itinere la strada della liquidazione coatta amministrativa il relativo provvedimento sarebbe stato impugnato dinanzi al giudice amministrativo, evidente testimonianza di un peculiare interesse alla pur gravosa procedura.

Nell’ottica dell’inquadramento del rapporto tra i protagonisti, va segnalato che proprio all’inizio del 1992, mentre permanevano serie difficoltà di gestione e pendevano plurime richieste dei commissari governativi volte ad ottenere l’autorizzazione alla vendita di cespiti importanti, si sviluppò la fase cruciale di elaborazione del c.d. piano Capaldo.

Di esso si fa cenno in documenti risalenti ad epoca ben anteriore alla sua formale presentazione.

Infatti già nel febbraio i commissari governativi fanno riferimento ad un’ipotesi Capaldo [166], sottolineando in proposito la necessità di un intervento all’eventuale assemblea straordinaria.

Considerato che l’Avv. Casella solo successivamente avrebbe inviato ai propri committenti la prima bozza di un possibile piano[167], deve ritenersi che l’interessamento del Capaldo fosse un fatto assodato, immanente alla procedura, a prescindere dalla strategia che sarebbe stata in concreto adottata.

Inoltre nel marzo i commissari, mentre da un lato scrivono ufficialmente nel libro delle proprie riunioni di aver autorizzato Locatelli ad interloquire col Capaldo[168], dall’altro annotano che il Presidente Greco avrebbe ritardato l’omologa fino ad ottobre, per attendere la cordata, il che, a loro giudizio, avrebbe imposto di accelerare le vendite[169].

Ciò significa che il Greco era interessato non solo all’omologa, ma più specificamente ad un particolare esito della procedura, implicante l’attribuzione del patrimonio ad una cordata in corso di formazione, guidata e organizzata dal prof. Capaldo, il che val quanto dire che dei tre protagonisti indicati in precedenza, ne restavano a questo punto sulla scena solo due.

24.1 - Il prof. Capaldo aveva in effetti conferito all’Avv. Casella, professionista particolarmente esperto di procedure concorsuali, l’incarico di studiare la fattibilità di un’operazione incentrata sull’acquisizione in massa del patrimonio di Federconsorzi da parte dei creditori.

Quest’ultimo si era dunque posto al lavoro mentre il Capaldo aveva preso a tessere le necessarie relazioni con le altre componenti del ceto bancario che figuravano tra i creditori.

La nascita, l’elaborazione e lo sviluppo del piano appaiono particolarmente illuminanti.

Va premesso che ogni ipotesi fino ad allora formulata, a cominciare da quella di costituzione di una società di creditori evocata dal Ministro Goria, postulava l’unanimità dei consensi e il conferimento dei crediti per la partecipazione all’iniziativa.

Ancora nel maggio del 1992 i commissari governativi, prima che il piano Capaldo fosse ufficialmente presentato, annotavano che sarebbe stata necessaria un’offerta proveniente dal 100% dei creditori (o quasi) ovvero un’offerta al tribunale accompagnata da offerta pubblica a tutti i creditori, implicante la possibilità di conferimento dei crediti[170].

Orbene l’Avv. Casella nel marzo 1992 inviava al proprio committente una missiva nella quale illustrava le linee di un possibile piano, concernente tanto il concordato Fedit quanto quello Agrifactoring, a dimostrazione del collegamento esistente tra le procedure.[171].

In particolare si muoveva dall’esigenza che la liquidazione fosse rapida e che nel frattempo fossero impediti “travasi” di attività da una massa creditoria all’altra.

Si esaminava quindi l’ipotesi della costituzione di una nuova società e del conferimento ad essa dei crediti, da utilizzarsi per l’acquisto dei beni.

Si rilevavano al riguardo numerose difficoltà, primariamente connesse alla difficile valutabilità dei crediti, a fronte dell’incertezza dei crediti vantati dalle due società verso i consorzi agrari.

Inoltre si osservava che non sarebbe stata possibile alcuna compensazione tra crediti verso soggetti in bonis e debiti verso procedure, con la conseguenza che i crediti conferiti sarebbero dovuti essere a loro volta ceduti o fattorizzati.

Piuttosto si proponeva la via dell’assunzione del concordato, prevista per il concordato fallimentare ma ritenuta applicabile anche a quello preventivo.

La nuova società, formata dai maggiori creditori, avrebbe dovuto dunque rendersi assuntrice dei due concordati, purché una data percentuale di creditori si fosse dichiarata disponibile a cedere i propri crediti ad un prezzo corrispondente, pro quota, a quello realizzato attraverso la vendita dei beni acquisiti dal concordato, dedotto l’importo dei crediti privilegiati e delle spese in prededuzione.

La società avrebbe poi dovuto offrire ai creditori non aderenti all’iniziativa il pagamento, se del caso dilazionato, di una percentuale dei loro crediti, variabile tra il 40% e la percentuale indicata dal commissario giudiziale, giustificandosi l’eventuale riduzione rispetto alla quota stimata dal commissario con la certezza dell’impegno, all’uopo garantito.

Non v’è dubbio che una siffatta soluzione, pur non pacificamente ammissibile, avrebbe comunque potuto soddisfare una pluralità di esigenze, a cominciare da quella di assicurare tempi rapidi e piena libertà di scelta da parte di tutti i creditori, garantiti dal pagamento di una percentuale minima, comunque superiore al limite di legge.

Ma in realtà, all’esito delle trattative intercorse tra i soggetti interessati, il piano avrebbe assunto ben diversa fisionomia.

Il 22 aprile 1992 l’Avv. Casella inviava al prof. Capaldo una bozza della possibile missiva destinata agli organi della procedura[172].

Dalle differenze intercorrenti tra la bozza e la versione ufficiale che sarebbe stata effettivamente inviata il 27-5-1992 è agevole desumere gli intendimenti dei proponenti.

Nella prima e non nella seconda compaiono infatti riferimenti al “riassetto e alla riorganizzazione del sistema dei Consorzi Agrari Provinciali, in modo da conservare e rivitalizzare strumenti idonei di consulenza e di cooperazione a favore degli agricoltori, in una prospettiva di solidarietà e di salvaguardia di pubblici interessi, in sintonia con gli orientamenti manifestatisi in sede governativa” ed ancora solo nella prima è prospettata la possibilità di aggiungere che il prezzo proposto “è allo stato sufficiente a garantire l’integrale pagamento dei creditori privilegiati e in prededuzione, nonché l’attribuzione ai creditori chirografari della percentuale di cui all’art. 160 L.F.....”.

Pertanto già nel mese di aprile, contrariamente alle aspettative dei commissari governativi, era stata scartata l’ipotesi di una società formata attraverso il conferimento dei crediti nonché quella di una società disposta ad assumere tanto il concordato Fedit quanto quello Agrifactoring, ed era residuata l’ipotesi della costituzione di una società formata dai maggiori creditori con capitale determinato, aperto alla partecipazione degli altri creditori, e destinata a rendersi cessionaria dell’attivo di Fedit ad un dato prezzo.

D’altro canto risulta chiaramente che i proponenti non intendevano garantire né il rispetto di percentuali minime in favore dei chirografari né effettive prospettive di rivitalizzazione del sistema della cooperazione a favore degli agricoltori.

Così va intesa la proposta Capaldo, finalmente venuta alla luce il 27-5-1992.

Ed in realtà i termini della proposta, già in precedenza riassunti, non potevano che deludere le speranze di quanti l’avevano attesa, confidando al tempo stesso in una rapida definizione della procedura con sufficiente realizzo e in una ripresa dell’attività di commercializzazione a sostegno dell’agricoltura, fin dall’inizio auspicata, almeno a parole, dal Ministro Goria.

Non sorprendono dunque le reazioni degli ex commissari governativi e dello stesso Ministro alla presa d’atto ufficiale del piano.[173] 

Le critiche erano motivate innanzi tutto dal prezzo, manifestamente inferiore al valore stimato fino ad allora dagli organi della procedura e ad esso non rapportabile in alcun modo.[174]

24.2 - Ma è interessante a questo punto rilevare come quel prezzo fosse stato determinato.

Premesso che per sua stessa ammissione fu il Capaldo a fissarne l’ammontare, risulta con chiarezza che il predetto aveva conferito ad alcuni tecnici del Banco di S.Spirito,  futuro partner della fusione in Banca di Roma, l’incarico di elaborare delle simulazioni sulla base di diverse percentuali del valore del patrimonio, stimato dal commissario giudiziale.

Risulta documentalmente[175] che il lavoro si risolse nel mettere a confronto gli effetti per la procedura e per i proponenti di soluzioni diverse, incentrate su percentuali a seconda dei casi del 50%, del 55% e del 60% e su una diversa dilazione di pagamento.

In particolare dai prospetti elaborati emerge che, a fronte dei crediti privilegiati e chirografari, indicati dal commissario giudiziale, le prededuzioni erano calcolate in soli 40 miliardi, invece di 403, e che in tale prospettiva ai chirografari sarebbe potuta spettare una percentuale del 37,5% nel caso di pagamento di una somma pari al 50% del patrimonio come stimato nella relazione particolareggiata, una percentuale del 41% in caso di pagamento di una somma pari al 55% e una percentuale del 46,5% nel caso di pagamento di una somma pari al 60%.

La soluzione prescelta corrisponde di fatto all’ipotesi intermedia, solo teoricamente destinata ad assicurare il 40% nel presupposto della rispondenza al vero delle prededuzioni ipotizzate.

Ed allora deve osservarsi come, al di là di quanto poi dedotto dal Capaldo in sede di interrogatorio dinanzi al P.M. e al GIP nonché al dibattimento, il prezzo non costituisse il frutto di sofisticate elaborazioni e valutazioni, del resto mai esplicitate, bensì una semplice percentuale, riferita indistintamente a tutti i cespiti, del patrimonio così come stimato nella relazione particolareggiata.[176]

24.3 - E’ peraltro significativo osservare come una siffatta iniziativa, che pur determinò una presa di distanza da parte degli ex-commissari, non fosse valsa a ridimensionare l’interesse del Presidente Greco, il quale, proprio come promesso, avrebbe depositato la sentenza di omologa a ottobre, dopo aver atteso la formazione della cordata, e in detta sentenza non solo avrebbe rilevato la sussistenza delle condizioni per l’omologa, ma avrebbe anche fatto cenno della proposta Casella.

E non basta.

Infatti i commissari avevano da tempo nominato una commissione avente il compito di verificare i bilanci di Federconsorzi dell’ultimo quinquennio.

Si trattava di una mossa da un lato doverosa, a fronte dell’azione di responsabilità da taluno intrapresa contro i precedenti amministratori, e dall’altro scivolosa, giacché rischiava di porre in luce la cattiva pregressa gestione e l’inattendibilità della contabilità, ciò che avrebbe potuto far venire meno le condizioni di meritevolezza e di corretta tenuta della contabilità necessarie per l’omologa.[177]

Orbene, in tale prospettiva la nomina di un ulteriore componente della commissione da parte degli organi della procedura non avrebbe potuto che agevolare il differimento delle conclusioni: ed in effetti, in conseguenza della nomina del prof. Carbonetti, avvenuta nel mese di maggio del 1992, i lavori della commissione si sarebbero protratti fino al marzo del 1993.

Ciò vale a delineare un ulteriore collegamento tra lo sviluppo favorevole della procedura, incamminata ineluttabilmente verso la vendita in blocco, e il Presidente Greco, che fungeva da giudice delegato.

25 - La decisiva riprova di ciò si trae dalla vicenda, in apparenza insignificante, ma per questo tanto più inquietante, dell’istanza del 27-5-1992, presentata al dott. Greco dai commissari governativi.

   Costoro,  pur avendo compreso quale piega stava prendendo la procedura e valutato l’opportunità di “uscire in bellezza”,[178] dovevano pur sempre approvare un bilancio che avrebbe sancito la perdita del capitale.

 Essi si posero dunque il problema se far luogo o meno alla convocazione di un’assemblea ai fini della messa in liquidazione della Federconsorzi.

Si è già visto in precedenza come dopo qualche oscillazione essi avessero deciso alla fine di rimettersi alla decisione del giudice delegato, inoltrandogli l’istanza con la quale, pur prospettando di non ritenere necessaria la convocazione di un’assemblea, chiedevano nondimeno l’autorizzazione del magistrato per l’eventualità che quest’ultimo avesse invece reputato doverosa l’assunzione di provvedimenti liquidatori.

Peraltro contestualmente all’approvazione del bilancio essi si dimisero dall’incarico, ritenendo esaurito il loro compito, per cui non si interessarono più della risposta del dott. Greco.

Lo stesso 27-5-1992 veniva ufficialmente presentato il piano Capaldo.

In questo modo venivano ad intersecarsi due diverse situazioni: da un lato si esauriva la prima fase del commissariamento con le dimissioni degli originari commissari, che avevano condotto Federconsorzi all’ammissione al concordato e che tra molteplici difficoltà l’avevano gestita per circa un anno; dall’altro si delineavano gli scenari futuri della procedura, implicanti l’omologa del concordato.

In tale quadro il Presidente Greco, che, avendo atteso la cordata, aveva mostrato di ritenere l’omologa un approdo sicuro, essendo altrimenti un fuor d’opera qualsiasi indugio, si trovò nelle mani l’insidiosa istanza dei commissari, incentrata sulla necessità o meno di provvedimenti liquidatori in pendenza di concordato, la quale avrebbe potuto compromettere qualsivoglia progetto.

Il problema non era tanto quello puramente accademico della necessità di un’assemblea, quanto quello di scongiurare la denuncia ufficiale di una situazione finanziaria tale da imporre provvedimenti liquidatori.

Ed invero in sede di assemblea si sarebbero potuti profilare gravi contrasti tra i soci, i Consorzi Agrari, non tutti nelle medesime condizioni.

Ma insidie ben maggiori sarebbero potute annidarsi nel fatto che Federconsorzi già si trovava in stato di commissariamento, in quanto il Ministro aveva a suo tempo ritenuto di dover esercitare i poteri a lui demandati, cosicché sarebbe stato coerente che lo stesso Ministro decidesse di disporre autonomamente la messa in liquidazione, dando così corso, in virtù di quanto previsto dalla legge 400/75, ad una procedura di liquidazione coatta amministrativa.

Per proprio convincimento, espresso in altre circostanze, il Presidente Greco mostrava di condividere l’opinione di quanti, anche in pendenza di concordato preventivo, ritenevano necessaria la concomitante delibera assembleare di messa in liquidazione.

Ed allora qualsivoglia sua pronuncia sarebbe potuta risultare assai pericolosa, per lo meno fino alla sentenza di omologa, allorché la procedura di concordato avrebbe assunto stabilità ed ogni doglianza si sarebbe potuta se mai dedurre con l’impugnazione della sentenza.

Il risultato di tutto ciò fu che per intanto il dott. Greco omise di provvedere.

Quando nel mese di luglio il nuovo commissario Piovano, avendo appreso dell’esistenza dell’istanza, si presentò al magistrato per chiedere lumi, il dott. Greco la estrasse dalla borsa, priva di attestazioni di avvenuto deposito, e gliela restituì, accompagnando il gesto con la frase: ”istanza riconsegnata istanza ritirata” e sollecitando il commissario a ripresentarla in futuro, corredata dal parere di un esperto, che egli stesso, come detto, indicò nel prof. Floriano D’Alessandro.

Il dott. Piovano, la cui attendibilità sul punto è indiscutibile, posto che lo stesso Greco, dopo aver sostenuto nel corso del primo interrogatorio di non ricordare l’episodio, in una successiva circostanza e anche al dibattimento lo ha nella sostanza confermato, prese atto di quanto indicatogli dal magistrato e formulò richiesta di parere al prof. D’Alessandro, il quale solo nel mese di settembre depositò un proprio elaborato, contenente una dotta risposta al quesito proposto.

Ma a questo punto la causa di omologa era ormai stata trattenuta in decisione e la sentenza stava per essere pubblicata né in futuro si sarebbe più posto il problema della convocazione dell’assemblea.

Ora, se il dott. Greco preferì non pronunciarsi, ciò significa che avvertiva un pericolo, il che val quanto dire che temeva di non poter giungere all’omologa.

D’altro canto un siffatto timore può spiegarsi solo in quanto l’omologa costituisse per lui un obiettivo programmato e auspicato, ciò che certamente non può farsi rientrare nella fisiologia dell’esercizio della funzione giudiziaria, neutra nei fini.

Ma se il dott. Greco tendeva all’omologa, altrettanto deve dirsi per il prof. Capaldo, il cui piano in tanto avrebbe potuto attuarsi in quanto il concordato avesse seguito il suo corso.

La convergenza di interessi tra i due non rappresenta, come si è visto, una novità, essendolasi già riscontrata in ogni fase e permanendo anche in questa, in cui pure i commissari uscenti avevano assunto una diversa posizione.

26 - Senonché il dott. Greco non mirava solo all’omologa, bensì più propriamente alla vendita in blocco, esattamente come il Capaldo.

Quest’ultimo per sua stessa ammissione ebbe modo di incontrare, unitamente all.Avv. Casella, il dott. Greco prima dell’omologa, per illustrargli i contenuti del piano.

Tenuto conto delle fasi del giudizio di omologa, l’incontro dovette avvenire tra il giugno e il luglio del 1992.

Orbene, in quel medesimo lasso di tempo il magistrato ebbe occasione di chiedere al prof. Carbonetti un parere sulla proposta di vendita in blocco e sulla congruità del prezzo rispetto al valore di stima del patrimonio.

Il prof. Carbonetti, cui la procedura aveva fin dal mese di maggio fatto ricorso, sia quale componente della commissione incaricata di esaminare i bilanci degli ultimi cinque anni prima del commissariamento, sia quale esperto in materia bancaria, onde ottenerne un parere sulle modalità di cessione della Banca di Credito Agrario di Ferrara, mise a disposizione del magistrato due brevi relazioni in data 30 giugno e 22 luglio 1992.

Nei due appunti, così qualificati dallo stesso redattore, il predetto si diffuse nel primo caso sul rapporto tra i valori di bilancio attribuiti al patrimonio e il prezzo indicato nella lettera dell’Avv. Casella, e nel secondo sul rapporto tra lo stesso prezzo e la stima contenuta nella relazione del commissario giudiziale.

E’ essenziale notare non tanto il contenuto dei due pareri, quanto l’epoca, successiva alla presentazione del piano, coeva all’incontro intervenuto tra il Capaldo e il Presidente Greco ed anteriore alla sentenza di omologa.

Il significato neppur troppo recondito di tali fatti è che il dott. Greco, oltre a voler giungere all’omologa, avrebbe voluto trovare il modo per pronunciarsi già in quella sede a favore del piano Capaldo, di cui aveva a suo tempo atteso l’ufficializzazione, ma si trovava in difficoltà a causa dell’enorme divario tra le cifre.

E d’altro canto il magistrato non avrebbe potuto deprimere la valutazione dei beni, giacché altrimenti avrebbe corso il rischio di ritrovarsi senza il 40% per i chirografari, necessario per l’omologa, tanto più che in base alle ultime valutazioni del commissario giudiziale l’importo dei crediti privilegiati era stato portato cautelativamente a oltre 400 miliardi.

Di qui la scelta di un parere non troppo impegnativo, ma costituente all’occorrenza un punto di riferimento.

E che quei pareri avessero avuto in concreto una funzione è dimostrato dal fatto che alcuni passi della sentenza di omologa ne ricalcano pedissequamente il contenuto[179].

Ma in tale prospettiva sorprende non poco che quegli appunti non fossero stati portati a conoscenza degli altri membri del collegio giudicante [180] e neppure fossero stati espressamente citati.

Decisamente allarmante è poi il fatto che i pareri non siano stati successivamente rinvenuti tra gli atti della procedura[181], ma trasmessi al P.M., venuto a conoscenza di essi dalle annotazioni relative alle liquidazioni di compensi ai consulenti, dal commissario giudiziale prof. Picardi, che disponeva di una sua copia.

Tutto ciò dimostra che essi avevano una funzione per così dire domestica, in quanto destinati a costituire, solo all’occorrenza, un supporto motivazionale ad hoc per una decisione non altrimenti suffragata.

Ordunque, se il Presidente Greco, all’inizio disposto a soprassedere su alcuni aspetti problematici di carattere formale, che avrebbero potuto ostare all’ammissione al concordato, e successivamente mostratosi favorevole ad attendere la cordata, ora si poneva il problema di colmare il gap tra i valori, ciò significa, si ribadisce, che egli non mirava di certo a liberarsi del peso di una procedura scomoda, ma a raggiungere un determinato e programmato obiettivo, che al di fuori di quella procedura non sarebbe stato perseguibile.

Così vanno inequivocamente spiegati il subitaneo interesse del magistrato per il piano Capaldo, così poco entusiasticamente accolto dai commissari uscenti e dallo stesso presidente di Coldiretti, On. Lobianco, e il suo sforzo, coevo all’incontro con l’interessato, di creare seppur impropriamente condizioni favorevoli all’accoglimento dell’offerta.

Per concludere sul punto e anticipando fin d’ora un argomento sul quale si tornerà, può affermarsi che il Presidente Greco partecipò alla decisione collegiale sull’omologa già avendo chiaro l’esito del giudizio, entrò cioè in camera di consiglio con un convincimento preciso, che, stante la sua autorevolezza e la sua maggiore conoscenza degli atti, propiziata dalla sua qualità di relatore e di giudice delegato, fu poi recepito dal collegio.

27 - La sentenza di omologa rappresenta uno dei capisaldi dell’intera vicenda.

Essa è un capolavoro di bizantinismo applicato.

Ed invero, leggendola al lume delle considerazioni fin qui formulate, ben può cogliersi la reale intenzione dell’estensore.

Innanzi tutto si dovevano smussare le asperità di ordine formale che avrebbero potuto costituire un irrimediabile ostacolo.

Non si dimentichi che in sede di ammissione alla procedura una delle questioni più scottanti, quella della meritevolezza, era stata rimessa alla fase dell’omologa, come del resto la definitiva valutazione circa la tenuta di una regolare contabilità.

Orbene, il dott. Greco era stato il solo ad aver esaminato quale giudice delegato le scritture contabili di Federconsorzi e non ebbe difficoltà a segnalare irregolarità men che modeste, di per sé inidonee ad impedire la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari[182].

D’altro canto la spinosa questione dei bilanci falsi era stata rimessa all’apposita commissione, che si sarebbe pronunciata solo qualche mese dopo, quando invece il rilievo immediato di gravi, seppur pregresse irregolarità avrebbe potuto essere d’ostacolo all’omologa.

Neppure nella sentenza, come già nel primo decreto di ammissione, fu rilevata la mancanza di un’elencazione analitica ed estimativa dei beni e la mancanza di un inventario,[183] ma fu dato conto della scelta, effettuata di concerto con il commissario giudiziale, di incaricare i singoli stimatori di procedere ciascuno per la sua parte anche al relativo inventario.

Quanto poi alla meritevolezza[184] fu osservato che la scelta del commissariamento veniva di fatto a sanzionare la precedente gestione, di talché sui commissari non sarebbero potute ricadere le conseguenze di quella, argomento di per sé tautologico, poiché il concordato rappresenta solo una delle possibili soluzioni concorsuali, avendo il Ministro a disposizione anche la liquidazione coatta amministrativa.

Inoltre fu dato atto che attraverso la nomina della commissione di esperti volta alla verifica delle condizioni per un’azione di responsabilità e attraverso un comportamento complessivamente volto a tutelare i creditori e il patrimonio i commissari avevano agito in modo da cercare di restituire alla società la sua funzionalità, il che appare assai singolare, visto che il concordato fu chiesto dopo appena un mese e mezzo dal commissariamento.

Sul piano dei valori di riferimento la sentenza di omologa fece proprie le stime del commissario giudiziale, costituenti una mera rielaborazione di quelle dei consulenti all’uopo incaricati.

Nell’apportare, rispetto alle valutazioni del prof. Picardi, una correzione concernente le spese in prededuzione, la sentenza ipotizzò la distribuzione ai chirografari di una percentuale non inferiore al 70%.

Ma le vette più impervie furono raggiunte all’esito di un ripido sentiero, costellato di insidie, quando furono trattati gli argomenti della nomina del liquidatore e delle modalità della liquidazione, che l’art. 182 L.F. vorrebbe inseriti nella sentenza, anche se si conviene che le relative disposizioni abbiano natura ordinatoria e gestoria.[185]

Ed invero da un lato si provvide all’immediata nomina del liquidatore, con la riserva di una sua eventuale sostituzione, ma dall’altro fu solo abbozzata la definizione delle modalità di liquidazione, rimessa ad una fase successiva.

In particolare, perseguendo un’esigenza di innovazione, fu presa in considerazione la vendita in blocco di tutti i beni come ipotesi da preferire, in quanto ammissibile anche nell’ambito del fallimento e tanto più nella procedura di concordato preventivo, connotata da marcata flessibilità, e in quanto idonea ad assicurare un risparmio di spese e di tempo.

Proprio in tale contesto fu sottolineata l’importanza dell’offerta presentata dall’Avv. Casella, giudicata ammissibile, anche se ritenuta allo stato come “una semplice ipotesi di liquidazione, da coltivare soltanto in prosieguo, anche con eventuale pubblica gara”.

In particolare non fu affrontato il tema della congruità del prezzo, precisandosi che si sarebbe trattato di stabilire “fino a che punto la celerità della monetizzazione possa giustificare un divario tra il prezzo offerto e il valore presunto dei beni”.

La scelta finale fu quella di non pregiudicare la possibilità della vendita in blocco e di prevedere per intanto che fosse la stessa Federconsorzi in persona del suo legale rappresentante a porre in essere l’atto o gli atti di disposizione necessari.

Fu altresì dato incarico al commissario giudiziale, d’intesa con la società, e dunque con il commissario governativo, di predisporre in alternativa un piano di vendite frazionate, da utilizzarsi residualmente in caso di riscontrata impraticabilità di una vendita in blocco.

A ben guardare la preferenza accordata alla vendita in blocco, in presenza della sola offerta proveniente dall’Avv. Casella, e la scelta di nominare Federconsorzi come liquidatrice di se stessa (rectius: di non nominare alcun liquidatore), in luogo di uno o più liquidatori diversi, erano tali da rivelare non solo una tendenziale opzione di metodo, bensì una più precisa volontà di addivenire comunque alla cessione in favore dei promotori di quella cordata, che era stata a suo tempo attesa.

D’altro canto, essendosi presa in considerazione come mera ipotesi, a fronte della manifestata intenzione di addivenire alla cessione in blocco, la pubblica gara, la proposta Casella finiva di fatto per assumere la strapotere strategico e la forza contrattuale tipica del monopolista.

Ed invero nulla sarebbe stato fatto in prosieguo di tempo per rinvenire dei concorrenti, ma si sarebbe instaurata solo una sorta di trattativa, avente per oggetto la definizione della proposta Casella.

Quest’ultima tuttavia era inaccoglibile e tale sarebbe stata fatalmente in prosieguo, poiché la sentenza di omologa muoveva dal presupposto che il patrimonio assicurasse ben più del 40% ai creditori chirografari, mentre, stante il calcolo dell’onere concordatario, pur ridotto in considerazione della teorica maggiore celerità della procedura, il prezzo offerto non avrebbe assicurato che una percentuale di poco superiore al 34%, così da rendere il concordato non omologabile.

Ora, la mancata ricerca di nuovi acquirenti, nonostante la manifestata intenzione dei proponenti di non aumentare quel prezzo, finisce per risultare rivelatrice: essa indica infatti che il differimento della scelta definitiva fu null’altro che un escamotage, volto a far sì che l’accoglimento della proposta non condizionasse l’esito del giudizio di omologa.

Ciò però non significa che una siffatta strategia, pur abilmente attuata e ovviamente avallata dallo stesso Presidente Greco, mostratosi ben consapevole al dibattimento (e non si sarebbe potuto immaginare il contrario) delle differenti conseguenze derivanti dalla mancanza di un patrimonio sufficiente e dal mancato raggiungimento a valle, cioè nel corso della liquidazione, della percentuale richiesta, non sia affetta da illegittimità.

Infatti tutte le determinazioni sulle modalità della vendita, coeve o meno alla sentenza, non si sarebbero potute discostare dai parametri di legge previsti per l’omologa e dagli specifici parametri utilizzati nella sentenza, tanto meno nel caso di una vendita in massa[186].

In questa sede inoltre, nonostante gli sforzi interpretativi a favore della scelta, contenuti in alcuni pareri acquisiti agli atti[187], e nonostante taluni precedenti conformi di giudici di merito, concernenti situazioni assai diverse,[188] non può non rimarcarsi l’incongruità del conferimento al debitore di un incarico che postula il perseguimento fiduciario degli interessi dei creditori, oltre che di quello pubblicistico, comunque sotteso alla procedura, all’equa ripartizione del ricavato[189].

Ciò vale tanto più nel caso di specie, in cui si trattava di cedere un patrimonio vasto ed eterogeneo.

Né sarebbe potuto sostenersi, come invece fu fatto, che la nomina di Federconsorzi come liquidatore e la vendita in blocco fossero idonee ad assicurare un enorme risparmio, connesso in primis al mancato compenso ai liquidatori, giacché la procedura, a causa delle liti pendenti e delle complessità della gestione, avrebbe avuto comunque un dispendioso decorso, gravato fra l’altro dagli oneri per il personale.

In pratica la sentenza di omologa segnava la via ed era una via senza ritorno.

Ma in fondo a quella via ad attendere vi era solo il prof. Capaldo.

28 - Le successive trattative e le fasi, già descritte, che condussero al provvedimento del 23-3-1993, con il quale il Tribunale autorizzò la vendita in massa, si caratterizzarono essenzialmente per la pervicacia con cui i proponenti mantennero fermo il prezzo proposto, nel contempo astenendosi dal giustificare convenientemente le proprie valutazioni ed anzi prospettando progressivamente condizioni meno favorevoli alla procedura.

Infatti, sebbene il Tribunale con l’ordinanza interlocutoria del 15-1-1993 avesse chiesto delucidazioni in ordine al prezzo e al divario intercorrente tra esso e il valore del patrimonio, così mostrando di non ritenere a quella data manifeste le ragioni della plausibilità di un prezzo siffatto, nessuna concreta conveniente spiegazione sarebbe stata offerta, salva la generica indicazione di taluni fattori di rischio.

E mentre il prezzo non aumentava, restando anzi ferma la dilazione nell’arco di diciotto mesi, per converso si prospettava per la prima volta la detrazione dal prezzo dell’importo corrispondente ai realizzi effettuati.

D’altro canto il commissario governativo non mostrava entusiasmo, avendo anzi a più riprese formulato rilievi critici, ed anche il commissario giudiziale non sembrava del tutto convinto, tanto da segnalare l’opportunità di alcune corpose correzioni[190].

Solo il comitato dei creditori si dichiarò alla fine favorevole, ma si trattava di un comitato assai singolare, che in modo altrettanto singolare si espresse.

Esso era composto fra l’altro da due creditori in palese conflitto di interessi, in quanto direttamente o indirettamente partecipanti alla cordata.

Un altro creditore era agnostico, in quanto palesemente disinteressato alle problematiche generali.

Un quarto era favorevole ed un quinto decisamente contrario.

Il rappresentante di quest’ultimo, prima della decisiva riunione, aveva nel corso dell’udienza del 5-2-1993, svoltasi dinanzi al Presidente Greco, sollevato la problematica dell’incompatibilità.

Ma nessun provvedimento fu preso in quella circostanza né successivamente.

Così il comitato emise un parere con il voto favorevole di due creditori, quello contrario di un terzo e l’astensione dei due creditori in posizione conflittuale, astensione peraltro dichiarata dopo che si era già formata la maggioranza di due contro uno[191].

Nulla valse il fatto che il pur cauto prof. Picardi avesse segnalato talune incongruenze sostanziali di quel parere.

E neppure i suggerimenti del commissario giudiziale ebbero alcun riscontro.

Al contrario al dibattimento il dott. Greco ha specificamente invocato il responso del comitato dei creditori, a dimostrazione dell’interesse perseguito.

Ma una cosa è il parere di singoli e un’altra la valutazione della generalità e soprattutto del beneficio che ad essa sarebbe potuto derivare.

Senza che nessun specifico accertamento fosse stato disposto e senza che fosse stata valutata l’incidenza delle modifiche suggerite dal commissario giudiziale, rispetto all’ultima offerta proveniente dall’Avv. Casella a nome della cordata promossa dal prof. Capaldo, si arrivò alla camera di consiglio del 23-3-1993, preceduta solo da un confronto con le rappresentanze sindacali aziendali[192].

Dal canto suo il prof. Capaldo si premurò di ricevere le rappresentanze delle maggiori confederazioni sindacali di livello nazionale[193], che fecero per parte loro pervenire agli organi della procedura un parere favorevole alla vendita in massa, che sembrava poter da un lato scongiurare lo smembramento del patrimonio e dall’altro assicurare meglio la ripresa dell’attività di commercializzazione a sostegno dell’agricoltura, in favore della quale fin dall’inizio si era battuto il Ministro Goria[194].

Prima della decisione i membri del collegio giudicante, cioè il dott. Celotti e la dott.ssa De Vitis, che già avevano concorso a deliberare l’omologa, ricevettero dal Presidente una copia della missiva in data 3-3-1993, con la quale l’Avv. Casella aveva comunicato la proposta definitiva, formulando richiesta di accoglimento della medesima[195].

29 – Il provvedimento del 23-3-1993 rappresenta lo snodo decisivo, ben più di quello successivo con il quale sarebbe stata autorizzata la stipula del contratto “quadro”.

Vi sono nel decreto alcuni passaggi che meritano particolare attenzione, perché risultano tanto significativi quanto sorprendenti.

In buona sostanza, pur dandosi atto di molteplici profili di indeterminatezza della proposta, questa veniva accettata, sul rilievo della buona fede dei proponenti, mentre in assenza di qualsivoglia verifica circa la congruità del prezzo, venivano addotte labili considerazioni di ordine generale, ritenute sufficienti a colmare il gap tra i valori.

Ma tale modus procedendi era gravemente lesivo delle norme in materia di concordato e soprattutto idoneo ad assicurare a quei proponenti di buona fede un vantaggio economico di proporzioni -almeno in teoria- enormi, non compensato da alcuna seria garanzia a tutela della par condicio creditorum.

Ed invero, si è già rilevato come il patrimonio fosse stato stimato più di 3.900 miliardi e come detto valore fosse stato recepito nella sentenza di omologa.

Ciò significa che gli organi della procedura avrebbero dovuto perseguire la tendenziale realizzazione di un siffatto valore e non avrebbero potuto legittimare una liquidazione che in partenza era destinata ad assicurare un ricavo di gran lunga inferiore.

D’altro canto con il provvedimento del 23-3-1993 si definivano le vere modalità della liquidazione, ad integrazione di quanto disposto in sentenza, con la conseguenza che i parametri delineati in quest’ultima non sarebbero potuti essere disattesi da un provvedimento che all’omologa si correlava funzionalmente.

Né rileva il fatto che in linea di principio il concordato non sia soggetto a revocazione nel caso in cui non venga effettivamente distribuita ai chirografari, a seguito della liquidazione, la percentuale minima del 40%: infatti un conto è prendere atto dei ricavi in concreto ottenuti ed un altro, ben diverso, è precludere fin dall’inizio ogni possibilità di realizzare un risultato migliore.

In sostanza, avallando la proposta Capaldo, il Tribunale violò il combinato disposto degli artt. 160, 181 e 182 L.F., creando a priori e senza alcuna seria giustificazione le condizioni perché in sede di concordato non fosse assicurata la massima percentuale possibile e neppure quella minima prescritta.

Non può d’altro canto valere l’escamotage della surrettizia separazione della fase dell’omologa da quella della definitiva definizione delle modalità di liquidazione, atteso che la stessa menzione in sede di omologa della proposta Casella finisce per rivelare una strategica preordinazione, in assenza di qualsivoglia successivo tentativo di trovare proposte concorrenti ed a fronte del progressivo peggioramento del contenuto economico di quella proposta, tale da non consentire neppure il raggiungimento della percentuale del 40% per i chirografari.

Ed in realtà delle due l’una.

O effettivamente il valore di mercato del patrimonio era insufficiente ed allora se ne sarebbe dovuto prendere atto ai fini delle determinazioni di competenza del Ministro o dello stesso Tribunale fallimentare[196], oppure quel patrimonio aveva un valore ben superiore, il che avrebbe comportato determinazioni assai diverse a tutela dell’intero ceto creditorio.

Si badi ancora che le argomentazioni addotte dal Tribunale nel decreto del 23-3-1993 al fine di colmare il gap risultano improponibili, poiché prive sul piano probatorio di reale giustificazione e basate su mere congetture[197], in assenza di qualsivoglia valutazione peritale circa la dinamiche in corso ed il loro significato nonché circa l’effettiva praticabilità di una vendita in blocco.

Né potrebbe dirsi che i proponenti avessero offerto validi appigli, nulla di concreto e di preciso essendo mai stato allegato, se si prescinde da talune considerazioni assai generiche ed evanescenti, contenute nella missiva del 28-1-1993.

Per contro il Tribunale disponeva di valutazioni di segno opposto, avendo il commissario giudiziale ad es. precisato nel parere del febbraio come la crisi del mercato immobiliare non si prospettasse come un dato tale da riversare sulla procedura conseguenze necessariamente negative.

Il parere del comitato dei creditori, oltre che inficiato dal conflitto di interessi, appariva invece fondato, sotto vari profili, su valutazioni superficiali o addirittura surrettizie, come tali qualificate, in buona sostanza, anche dal commissario giudiziale.

Balza del resto agli occhi il fatto che si fosse addivenuti alla vendita in massa, senza aver in alcun modo valutato la concreta fattibilità e convenienza del piano di vendite frazionate già elaborato dal commissario governativo Piovano e addirittura senza aver proceduto a quell’asta che pur era stata evocata nella sentenza di omologa, quasi che la cessione alla cordata promossa dal prof. Capaldo fosse una soluzione obbligata e priva di alternative.

Né potrebbe valere il semplice fatto che nessuno nel frattempo si fosse fatto avanti, nonostante la notoria pendenza della proposta dell’Avv. Casella, giacché sarebbe stato compito degli organi della procedura creare con ogni mezzo ed anche con la dovuta pubblicità in Italia e all’estero le condizioni propizie all’affacciarsi di offerte antagoniste e concorrenziali.

30 - L’interrogativo principe che allora ci si deve porre è perché mai, nonostante la mancanza di chiarimenti sul contenuto economico dell’offerta e nonostante la sua evidente e progressivamente ancor più marcata inidoneità ad assicurare almeno il pagamento del 40% dei crediti chirografari, dovesse comunque accettarsi la proposta Casella e dunque procedersi alla vendita in blocco a quel determinato prezzo, rinunciando a priori alle possibilità di realizzo rivenienti da vendite frazionate.

La pretesa flessibilità delle norme che regolano la procedura, in concreto utilizzata per giustificare la scelta della vendita in blocco, in realtà fortemente controindicata, sarebbe potuta ancor meglio sperimentarsi con l’attuazione di un congruo piano di cessioni, libera dai condizionamenti formali tipici della procedura fallimentare[198]: se l’avvertita spinta innovativa fu intesa unidirezionalmente, ciò dipese dunque solo dall’esigenza di assecondare l’interesse dei proponenti, anche a costo di forzare le norme.

Non è del resto un caso che quella flessibilità fosse stata riscoperta solo con la sentenza di omologa, dopo che nella prima fase il Presidente Greco aveva mantenuto un atteggiamento a dir poco rigoroso, anche a costo di pregiudicare irrimediabilmente le società partecipate, di fatto riducendo al minimo i casi di autorizzazione alla cessione di cespiti, pur richiesta a gran voce e a più riprese dai commissari governativi, sempre rimasti senza risposta, perfino dopo che nel marzo del 1992 il Presidente aveva segnalato la propria intenzione di attendere la cordata[199], così mostrando di non essere in fin dei conti troppo interessato alla celerità.

D’altro canto non vi era la necessità di accogliere per forza di cose la proposta Capaldo.

Una volta verificatane, allo stato degli atti, l’inadeguatezza rispetto ai valori patrimoniali recepiti nella sentenza di omologa, costituente la legge base della procedura, ben si sarebbe potuta percorrere una strada diversa, educatamente rispedendo l’offerta al mittente, così restio a modificarla.

In teoria il sistema delle vendite frazionate avrebbe determinato un prolungamento dei tempi ed un aumento delle spese: ma si trattava pur sempre del fisiologico sviluppo di una procedura concorsuale, che, si badi, non avrebbe dovuto avere ulteriore corso già per trancianti limiti di forma e sostanza.

 Inoltre va rimarcato che nelle varie proposte dell’Avv. Casella non si era mai correlata la cessione alla stipula di un unico atto, ma si era sempre prospettata l’eventualità di più atti e perfino quella del conferimento di mandati irrevocabili alla costituenda società, il che avrebbe comportato il protrarsi della procedura per un tempo non agevolmente programmabile.

Per converso anche nel caso di vendite frazionate sarebbe potuta assicurarsi una maggior rapidità mediante un  oculato accorpamento di beni, del resto prospettato fin dall’inizio, soprattutto con riguardo agli immobili, dai consulenti nominati dal Tribunale.

Né può sottacersi che, a detta del commissario governativo Piovano, nel corso dei mesi erano pervenute a costui svariate richieste per una moltitudine di cespiti, anche di grossa consistenza, il che avrebbe potuto far sperare in un buon realizzo in tempi ragionevoli.

Quanto poi alle spese, la tesi del notevole risparmio non ha alcun riscontro, se rapportata ai valori in gioco in questa gigantesca procedura.

Non è un caso che fin dall’inizio fosse stato programmato un importo di spese e di oneri ripartito in più anni[200] e che a distanza di tempo la vendita in massa non avesse inciso in modo drastico rispetto al totale, peraltro ancora contenuto entro la previsione originaria[201].

In conclusione deve ritenersi che l’autorizzazione alla vendita in massa rappresentò per la procedura di concordato preventivo un gravissimo vulnus, poiché legittimò, in violazione di legge, la successiva cessione di tutti i beni alla costituenda società ad un prezzo puramente teorico di 2.150 miliardi, in realtà vistosamente e ingiustificatamente inferiore all’effettivo valore del patrimonio, così come stimato, e comunque insufficiente a quella data ad assicurare ai creditori l’erogazione di una percentuale pari almeno al 40%.

31 - La tetragona condotta del Presidente Greco, deciso a seguire il percorso segnato dalla proposta Capaldo, va peraltro messa a confronto con quella di chi per avventura si trovò a fare i conti con i diversi passaggi della procedura.

Ed invero, dapprima erano stati i commissari governativi Cigliana, Locatelli e Gambino a dimettersi, una volta verificate le reali prospettive di sviluppo del concordato [202]: questa volta toccò al dott. Piovano.

Il predetto, pur dichiarandosi favorevole in linea di principio alla vendita in massa, aveva in precedenza cercato di opporsi all’accoglimento della proposta Casella, adducendo argomentazioni di vario genere.

D’altro canto egli, dopo aver elaborato un progetto di vendite frazionate, aveva vanamente cercato di propiziarne una almeno parziale attuazione.

Ed ancora egli si era impegnato sul versante della riattivazione dell’attività di commercializzazione, seguendo la strada indicata dai primi commissari: in particolare egli aveva cercato di far partire il progetto incentrato sulla società Fedit-Agrisviluppo, con il chiaro intento di far transitare nella nuova struttura una parte del personale e delle funzioni di Federconsorzi.

In tale prospettiva aveva mutato il nome della società in “Agrisviluppo” ed aveva delineato un primo programma per l’avvio dell’attività, prevedendo il progressivo trasferimento di quote di personale[203].

Fra l’altro nel mese di novembre presso il Ministero del Lavoro era stato sottoscritto un accordo sindacale, che prevedeva l’impegno a trasferire ad “Agrisviluppo” per intanto 50 unità di personale proveniente da Federconsorzi ed a regime 125[204].

La nuova società era stata fatta inoltre oggetto di una valutazione di stima da parte del prof. Gianfranco Zanda, che peraltro si era espresso in termini del tutto ipotetici, stante il mancato avvio della fase operativa.

Sta di fatto che tutto questo lavoro ebbe termine all’improvviso nel mese di maggio del 1993, all’indomani dell’autorizzazione alla vendita in massa.

Il dott. Piovano ha in proposito segnalato che proprio in vista dell’ulteriore fase della procedura di cessione, egli, qualificatosi “motozappa del diritto”, avrebbe avuto bisogno della consulenza di un legale, che potesse indirizzarlo nell’impervio percorso.

Ma una siffatta richiesta gli fu inopinatamente respinta, essendosi addotta la necessità di contenere le spese.

Non accettando tale atteggiamento assunto nei suoi confronti dagli organi della procedura, egli preferì rinunciare all’incarico, pur rappresentando ufficialmente anche l’esigenza di stare vicino alla moglie malata.

Certo è che la procedura veniva in tal modo ad essere connotata da una singolare tendenza dei commissari governativi alla fuga, dipendente non solo dallo stressante impegno, ma anche da scelte che evidentemente non si riusciva a condividere[205].

Ma il tema della riottosità dei commissari avrebbe conosciuto con l’Avv. Lettera un capitolo ancora più importante, perché non conclusosi con la fuga, ma con lo scontro diretto.

Peraltro nulla di tutto ciò valse a modificare il corso degli eventi, che sempre più appariva il risultato di un’intesa intercorrente tra il Presidente del Tribunale, deciso a procedere a tutti i costi, e il gruppo dei promotori, di cui il prof. Capaldo era senza dubbio il più prestigioso esponente.

32 - Le tappe successive furono quelle già descritte della costituzione della nuova società, delle trattative per la stipula dell’atto quadro, del parere espresso dai vari organi della procedura, fino all’autorizzazione alla stipula del contratto, emessa dal Tribunale con proprio decreto del 20-7-1993.

Non costituì elemento meritevole di considerazione negativa il fatto che la società, pur avente ad oggetto esclusivamente la gestione ed il realizzo di quanto proveniente dal concordato Federconsorzi, fosse costituita solo dai maggiori creditori e che in concreto ne fosse preclusa la partecipazione agli altri, stante l’insostenibile aggravio derivante dal conferimento di nuovo capitale di rischio e dalla sottoscrizione di onerosissimi patti parasociali implicanti la disponibilità ad ingenti finanziamenti pro-quota.

Ciò è vero al punto che neppure tutti i creditori che avevano inizialmente aderito alla cordata, fecero parte di “S.G.R.”[206]

Del resto, pur essendo stato, anche successivamente, inoltrato a tutti i creditori l’invito a partecipare, non consta che fossero state raccolte in un secondo momento significative adesioni [207]

Neppure suscitò alcun allarme il fatto che il principale creditore, cioè Agrifactoring, fosse rimasto escluso dall’affare, al quale del resto, stante la pendenza della procedura di concordato e l’impossibilità di assumere specifici rischi, non avrebbe potuto partecipare.

E in nessun conto fu tenuto il pericolo, a suo tempo segnalato dal commissario Piovano in uno dei suoi pareri, derivante dalla paradossale commistione che si sarebbe potuta registrare per alcune società tra il ruolo di partecipate da Federconsorzi e quello di creditrici, teoricamente legittimate a entrare in SGR.

Peraltro, allorché una di tali società, la ARSOL, prospettò concretamente l’intenzione di aderire, tanto da aver perfino ottenuto l’autorizzazione dal G.D. della procedura concorsuale alla quale era sottoposta, la richiesta all’uopo avanzata non ebbe alcun seguito[208].

Sorte identica toccò ad un piccolo creditore, che per quanto appreso, fu specificamente dissuaso dal partecipare[209].

In compenso la presidenza della società, come a voler rappresentare plasticamente la paternità dell’operazione, fu affidata al prof. Capaldo, mentre l’amministrazione fu affidata ad un consiglio di sei membri, tra i quali il prof. Carbonetti, presidente di Banca Fideuram e già componente della commissione che solo un mese prima aveva depositato il proprio elaborato sui bilanci dell’ultimo quinquennio, nonché redattore nel giugno e luglio 1992 dei due appunti sul rapporto tra prezzo offerto nella proposta Casella e valore del patrimonio di Federconsorzi.

Potrebbe sembrare che in quest’ultimo caso vi fosse un conflitto di interessi: ma in realtà il problema neppure dovrebbe porsi, poiché, secondo quanto emerso al dibattimento, il prof. Carbonetti risolse il quesito, interrogando la propria coscienza e ricevendo da essa una risposta altamente tranquillante.

Certo è però che quel problema da qualcuno fu avvertito, qualcuno che pensò bene di far scomparire dagli atti della procedura tutti i pareri emessi a suo tempo dal prof. Carbonetti in merito alla vendita in massa e alla cessione della Banca di Credito Agrario di Ferrara: tale persona va necessariamente individuata nel Presidente Greco, il solo ad avere la disponibilità degli atti e dunque la possibilità di agire e soprattutto il concreto interesse, avendo egli stesso conferito in precedenza gli incarichi informali al Carbonetti ed avendo dunque specifico motivo di temere che la nomina, forse imprevista, del predetto a consigliere di amministrazione di S.G.R. potesse gettare ombre sul suo operato.

Una siffatta condotta appare una volta di più rivelatrice, poiché non vi sarebbe stata ragione di temere alcunché, se qualcosa di scorretto non fosse stato fatto e d’altro canto non vi sarebbe stato motivo di correre un rischio tanto grosso, quale quello derivante dalla sottrazione di atti, se la scorrettezza da coprire non fosse stata di pari livello: ed allora anche per tale via deve concludersi che il Presidente Greco avesse preordinato l’esito della procedura ed avvertisse la necessità di allontanare da sé ogni sospetto in tal senso.

33 - Il coronamento di tutti gli sforzi fu il contratto “quadro”, preceduto dall’autorizzazione alla sua stipula emessa dal Tribunale con proprio decreto del 20-7-1993.

Trattasi di un’elaborazione particolarmente ingegnosa, in cui ogni tassello ha un suo significato.

Di tale contratto si è detto di tutto da parte degli studiosi più qualificati.

Ed in effetti esso si presta a svariate interpretazioni e ricostruzioni, costituendo un vero diletto per gli amanti del cavillo.

Ma al fondo, cioè appena oltre la patina di raffinatezza, si riconosce la medesima trama.

Sotto il profilo sostanziale tre aspetti meritano più degli altri uno specifico esame: l’oggetto, le detrazioni e le dilazioni.

Se fin dall’inizio nella proposta Casella erano stati indicati come oggetto di cessione tutti i beni menzionati nella relazione particolareggiata, nel contratto quadro, in virtù di quanto previsto dal secondo comma dell’art. 1, vengono più genericamente ricompresi tutti i beni comunque esistenti alla data del 30-11-1991.

Trattasi di aggiunta che desta sconcerto.

Già l’indicazione originaria scontava la mancanza di un inventario e si risolveva dunque in un richiamo alla relazione particolareggiata del commissario giudiziale, che a sua volta si rifaceva agli elaborati dei singoli consulenti all’uopo nominati, ponendo il problema della validità di un rinvio di secondo grado agli effetti della determinazione dell’oggetto, richiesta dall’art. 1346 cc[210].

Ma la generica indicazione di tutti gli altri beni, formulata in modo da non far comprendere di quali ulteriori cespiti potesse trattarsi, rappresentava un caso di scuola di nullità per indeterminatezza dell’oggetto, riconosciuta del resto anche nell’autorevole parere al riguardo formulato dal prof. Schlesinger[211], sebbene quest’ultimo avesse fatto leva sulle peculiarità della procedura concorsuale e sulla necessità che vi fosse corrispondenza tra l’oggetto della liquidazione da un lato e i cespiti sui quali si era formato il consenso delle parti ai fini dell’omologazione dall’altro.

Ben poco importa che a detta del prof. Picardi[212] venissero in considerazione beni residui di modesto valore: ciò in realtà avrebbe potuto assumere rilievo solo al fine di stabilire l’effetto della nullità parziale.

Infatti, nella prospettiva di cespiti scarsamente incidenti sulla sostanza dell’accordo, si sarebbe potuto motivare che, essendosi fin dall’inizio fatto riferimento ad un determinato prezzo per i beni inclusi nella relazione particolareggiata, la nullità della clausola riguardante gli ulteriori cespiti rimasti innominati, non avrebbe potuto influire sulla volontà delle parti di dare comunque corso all’intesa.

Sta di fatto che il prezzo già proposto per i beni inclusi nella relazione particolareggiata rimase immutato, nonostante la previsione di altri beni dal valore potenzialmente incognito.

A sostegno di tale opzione è stato sostenuto dal prof. Picardi[213] che in realtà la pattuizione aveva la finalità di compensare la rinuncia da parte di SGR alla garanzia del verum nomen, che, stante l’incertezza di alcuni crediti inerenti soprattutto al rapporto con Agrifactoring, sarebbe risultata per Federconsorzi troppo rischiosa o comunque tale da allungare i tempi per un’intesa.

Ma a parte la più generale previsione che dovesse detrarsi l’importo corrispondente a beni e diritti che fossero risultati inesistenti, se per davvero la clausola relativa alla cessione -a richiesta- dei beni non individuati avesse avuto quella determinata finalità, ben si sarebbe potuto sostenere che in realtà essa avesse una funzione essenziale, con ogni conseguenza circa l’effetto estensivo della nullità parziale.

Ed ancora va segnalato che, contrariamente a quanto prospettato dal dott. Greco, sentito anche sul punto, le clausole in esame non soddisfacevano l’interesse della procedura a liberarsi di ogni bene residuo, accollandone comunque il peso alla società cessionaria, giacché il secondo comma dell’art. 1 rimetteva alla stessa SGR la facoltà di chiedere il trasferimento degli ulteriori beni, in quanto, è sottinteso, fossero d’interesse per la società[214].

Quanto alle dilazioni di pagamento, pare evidente che il meccanismo della rateizzazione, peraltro contemplato fin dalla prima ora, avrebbe avuto l’effetto di differire l’acquisizione del corrispettivo da ripartire tra tutti i creditori, nel contempo riducendo sensibilmente l’entità del prezzo, dal quale sarebbe dovuto detrarsi un importo corrispondente alla fruttuosità del denaro nel periodo intercorrente tra la pattuizione e il versamento effettivo.

Ed allora può affermarsi che il prezzo della cessione era già solo per questo di poco superiore a 1.900 miliardi di lire.

Ma, come si è rilevato, erano previste svariate detrazioni, corrispondenti al ricavo delle alienazioni già effettuate nel corso della procedura.

Tale previsione risulta totalmente ingiustificata.

Nessuno in effetti ha saputo fornire un’adeguata spiegazione di tale scelta, del tutto pretestuose ed a posteriori essendo risultate le argomentazioni del prof. Capaldo, escusso sul punto al dibattimento[215].

Va infatti considerato che il valore del patrimonio era frutto di una stima, per giunta formulata in termini prudenziali.

A fronte di ciò il prezzo rappresentava o avrebbe dovuto rappresentare tendenzialmente un dato certo, appunto per questo, secondo i proponenti, apprezzabile nell’ambito della procedura.

Ma quel prezzo, come si è già veduto, era stato formulato  nella percentuale del 55% del valore stimato nella relazione particolareggiata e dunque avrebbe dovuto e potuto rappresentare nella stessa percentuale tutti i cespiti stimati, di cui si sosteneva essere incerto un realizzo pari alla stima.

Se è così, non si vede perché mai dal prezzo totale dovesse detrarsi l’importo effettivamente ricavato dalle precedenti alienazioni e non invece una somma pari al 55% del valore attribuito nella stima al cespite già alienato e comunque una somma percentualmente corrispondente al valore di quel cespite rispetto al totale.

E ciò, si badi, non aveva una rilevanza puramente teorica, ma era destinato ad influire sensibilmente sul valore economico dell’operazione, in quanto dell’eventuale surplus ricavato non avrebbe fruito la massa dei creditori, bensì esclusivamente SGR.

La circostanza appare tanto più significativa, se si considera che il meccanismo delle detrazioni non era contemplato nella prima proposta Casella del 27-5-1992, ma comparve solo nella lettera del gennaio 1993, quando era ormai chiaro che la procedura aveva autorizzato nelle more alcune cessioni dalle quali erano derivati ricavi addirittura superiori al valore di stima dei cespiti venduti.

Ed allora la previsione della decurtazione finiva per assicurare ai proponenti un lucro ingiustificato, non più legato all’alea tipica di un affare di quel genere e neppure conseguito con la partecipazione attiva della società, ma semplicemente sottratto ai creditori.

Il meccanismo delle detrazioni era peraltro destinato a produrre ulteriori, non meno gravi conseguenze per la procedura di liquidazione e nel contempo rilevanti benefici per SGR.

Infatti, dovendosi computare le detrazioni direttamente sulla prima rata (e non su quelle successive[216]) ed essendo il loro ammontare superiore all’importo di questa, nulla la società cessionaria avrebbe dovuto per il momento sborsare, mentre il residuo, produttivo di interessi, sarebbe stato portato in detrazione dalla seconda rata.

All’evidente vantaggio per SGR faceva in tal modo riscontro un’allarmante mancanza di liquidità, necessaria invece alla Liquidazione per provvedere sollecitamente, secondo i piani, al pagamento dei creditori privilegiati.

Ha sostenuto più in generale il P.M. che l’atto quadro avrebbe di fatto consentito a SGR di acquisire il patrimonio ad un prezzo irrisorio, non superiore a 600 miliardi.

Si è infatti rilevato che a tanto sarebbe ammontato il fabbisogno di nuove risorse finanziarie, a fronte del meccanismo contrattuale che, oltre alle dilazioni e alle detrazioni di cui s’è detto, prevedeva la possibilità di cessione di cespiti direttamente a terzi, indicati da SGR, e l’accantonamento delle somme in questi casi pagate a Federconsorzi, da computarsi in detrazione della rata successiva, previo conteggio degli interessi prodotti[217].

In realtà sul piano giuridico non è corretto far coincidere il fabbisogno di risorse con il prezzo.

Ma, volendo aver riguardo alla sostanza del fenomeno e dunque agli interessi dei soci di SGR, chiaramente visibili dietro il fragile schermo di una società transeunte, può certamente notarsi che le dilazioni erano volte a ridurre il contenuto economico dell’offerta, che le detrazioni implicavano di per sé l’assenza di esborsi immediati e che l’accantonamento delle somme, produttive di interessi, pagate da terzi, era nel contempo idoneo a ridurre e a ritardare la necessità di esborsi diretti, il tutto con la prospettiva di riparti nel frattempo disposti dalla Liquidazione in favore dei creditori, sulla base di quanto già ricavato.

Si è addotto al dibattimento che SGR si sarebbe trovata a far fronte con nuove risorse finanziarie, in parte reperite sul mercato, ad una piccola parte della seconda rata ed a gran parte della terza, per un totale di circa 680 miliardi[218].

Il dato non smentisce nella sostanza la ricostruzione del P.M., dovendosi inoltre considerare gli introiti di SGR, successivi al pagamento della terza rata, ciò che convince della modestia del fabbisogno finanziario richiesto dall’affare così come concepito e del pregiudizio arrecato alla Liquidazione, costretta a riconoscere anche interessi su quanto incassato prima del pagamento delle tre rate, già di per sé implicanti una riduzione di valore.

34 - Sul piano strutturale l’atto quadro ha posto, come si accennava all’inizio, gravi problemi di inquadramento, giacché esso non pare perfettamente riconducibile a nessuno dei paradigmi contrattuali conosciuti.

Sono state in proposito avanzate tesi diametralmente opposte, nel senso che da parte di taluni sarebbe stata ravvisabile non più che una manifestazione di intenti, non ancora vincolante[219], e da parte di altri un contratto atipico, avente una sua funzione economico-sociale correlata alla liquidazione dei beni[220].

Limitando al massimo l’indagine, solo in parte rilevante in questa sede, e cercando di farsi largo tra le diverse impostazioni, pare difficile contestare, impregiudicatane la validità, il carattere immediatamente vincolante dell’atto quadro, in tal senso decisivamente deponendo la previsione di un prezzo globale e l’impegno al suo pagamento alle scadenze previste.

Ben altri problemi pone l’espressa esclusione di qualsivoglia effetto traslativo e il differimento di quest’ultimo al momento della stipula dei contratti riguardanti i singoli beni.

Sotto tale profilo si determina un risultato assai simile a quello del contratto preliminare, assumendosi da parte del venditore l’impegno a cedere.

Ma la vendita in questo caso riguarda un coacervo di beni eterogenei e non è previsto il corrispettivo di ciascuna cessione, bensì solo quello complessivo.

Manca d’altro canto un criterio oggettivo per la determinazione di ciascun prezzo ed incerti risultano pure i tempi per l’attuazione dei trasferimenti.

Pur disciplinandovisi futuri contratti, non può dirsi neppure che l’atto quadro si attagli allo schema del contratto normativo, proprio perché da esso sorgono immediatamente delle obbligazioni e perché in realtà non si prevedono le clausole di una serie di contratti simili, ma si contempla il solo obbligo di addivenire ad una pluralità disomogenea di effetti traslativi.

In realtà già la possibilità o piuttosto la necessità di ricorrere a mere ipotesi ricostruttive, al fine di qualificare la natura e il contenuto dei contratti futuri, avrebbe legittimato più che fondati sospetti di invalidità della pattuizione: con qualche attendibilità, ma non di più, si sarebbe potuto ad es. pensare ad un criterio di ripartizione in percentuale del prezzo tra i diversi cespiti; sarebbe apparso invece arbitrario attribuire a SGR la facoltà di indicare per ciascun contratto un prezzo a sua scelta, nei limiti del plafond.

Di fatto si verificò proprio tale ipotesi, che dette però origine al contrasto con l’Avv. Lettera, insorto al momento di cedere il credito verso lo Stato, e che rese necessario il ricorso ad un parere del prof. Schlesinger.

Anche tali incertezze tuttavia contribuiscono a disvelare la vera causa del contratto.

Abilmente mescolate qui e là, alcune clausole assumono a tal fine valore decisivo.

L’atto quadro avrebbe dovuto assicurare, a rigore, la cessione del patrimonio ad un soggetto terzo, nell’ambito della procedura di liquidazione affidata al controllo degli organi a ciò deputati.

Corrispondentemente esso non avrebbe potuto che regolare il trasferimento delle attività, in cui la procedura avrebbe dovuto risolversi.

Ma in realtà, al di là della previsione di singoli e successivi atti di trasferimento, era parallelamente contemplata la possibilità per la società di indicare come acquirenti soggetti diversi da se stessa ovvero di richiedere mandati irrevocabili per la vendita, mandati al cui rilascio Federconsorzi era immediatamente obbligata.

Ciò consente di comprendere come la finalità dell’atto non fosse quella di regolare la cessione dei beni in blocco, ma quella, assai diversa, di assicurare ad un soggetto terzo, il teorico acquirente in blocco, un’ampia libertà di azione, destinata in via immediata a tradursi nella scelta delle modalità di adempimento da parte del cedente (una sorta di obbligazione facoltativa con scelta rimessa al creditore), e in via mediata a risolversi nello svolgimento sic et simpliciter di un’attività liquidatoria in proprio, volta al trasferimento dei cespiti ad altri soggetti.

Così si spiega in particolare che, nonostante l’esclusione dell’immediato effetto traslativo, la gestione dei beni dovesse passare immediatamente alla società e che appunto quest’ultima, prima ancora del trasferimento, potesse direttamente procurarsi un acquirente, al quale trasferire i beni su mandato o farli trasferire da Federconsorzi.

A ben guardare la funzione economico-sociale dell’atto quadro, apparentemente mutuata sia da quella del contratto preliminare che da quella della cessio bonorum di cui all’art. 1977 cc, cui certamente l’avvicinava non il trasferimento bensì la messa a disposizione, anche su mandato, dell’intero patrimonio, era solo quella liquidatoria, paradossalmente invocata da chi dell’atto avrebbe voluto riaffermare la validità, non avvedendosi che per tale via si sarebbe dovuto invece giungere alla soluzione opposta.

Infatti, considerando anche il fatto che Federconsorzi era stata surrettiziamente nominata liquidatore di se stessa (cioè che non era stato nominato alcun liquidatore) e che la pretesa cessione in blocco non si sarebbe risolta “uno actu”, è agevole concludere che l’atto quadro era volto a sancire la privatizzazione della procedura di liquidazione, in pratica determinando una sorta di cessio bonorum di secondo grado, dissimulata attraverso l’artificiosa nomina di un liquidatore apparente e volta ad espropriare la massa dei creditori, a vantaggio di una sola parte di loro, delle effettive potenzialità di realizzo.

Tutto questo si poneva in contrasto con le norme dettate in materia dalla legge fallimentare,  comportando l’effetto di rimettere la liquidazione nelle mani di un soggetto non nominato formalmente liquidatore e non soggetto al controllo degli organi della procedura né della massa dei creditori, in nome della quale l’attività liquidatoria sarebbe dovuta avvenire.

In sostanza l’atto quadro si collocava non solo al di fuori dei contratti tipici, ma anche al di fuori del pur elastico schema contemplato per la liquidazione concordatizia.

L’aggiramento delle norme, insito nel meccanismo escogitato, era tale da dar luogo di per sé ad una nullità difficilmente emendabile.

Sotto il profilo penale una siffatta nullità tuttavia non sarebbe stata di per sé rilevante, se non si fossero prodotti ben altri effetti.

Si consideri fra l’altro che l’atto quadro veniva a realizzare quanto in precedenza nelle varie lettere dell’Avv. Casella era stato solo adombrato o tutt’al più sussurrato, sconfessando dal punto di vista strutturale l’idea stessa della vendita in blocco.

Ed è singolare che della stipula di un simile atto di carattere programmatico si fosse fatto cenno già all’indomani dell’autorizzazione resa dal Tribunale con il provvedimento del 23-3-1993[221].

A ben guardare, quegli effetti benefici che, quanto a risparmio di tempo e di spese, sarebbero potuti discendere dalla cessione istantanea del patrimonio, sarebbero stati invece vanificati dalla previsione sia di una consistente dilazione di pagamento, sia soprattutto dall’esclusione dell’immediato effetto traslativo, che avrebbe imposto il mantenimento della struttura liquidatoria per un tempo in realtà indefinito, il tutto in un quadro di incertezza derivante dalle liti pendenti, attive e passive, e dalla sorte dei cespiti non inclusi nella relazione particolareggiata, la cui cessione era stata rimessa alla volontà di SGR, e con la consapevolezza che comunque il carico degli oneri sarebbe in gran parte dipeso dal costo del personale e non dalle spese procedurali in senso stretto.

Valutando del resto i fatti a ritroso, va sottolineato come i trasferimenti, in attuazione dell’atto quadro, sarebbero poi per la gran parte avvenuti con il meccanismo della diretta cessione da Federconsorzi a terzi, assai più vantaggioso anche dal punto di vista fiscale, e sarebbero stati diluiti in un lungo lasso di tempo, a discrezione della cessionaria, non assoggettata a nessuna precisa scadenza e tanto meno vigilanza.

Ed allora deve ribadirsi che l’atto quadro non garantiva affatto il rispetto di tempi certi[222], ma si prestava ad assecondare l’esigenza di  SGR di aspettare il momento più propizio, per non gravarsi di beni (e dei relativi oneri fiscali) se non quando fosse possibile l’immediata rivendita.

Ciò significa che le giustificazioni addotte a sostegno di una scelta tanto innovativa non avevano un reale contenuto, mentre sicuro era l’abbattimento del valore del patrimonio.

Su tali argomenti si avrà modo di tornare, ma va per intanto focalizzata la sostanziale inidoneità dell’atto a soddisfare quelle esigenze per le quali si era ritenuto di poter soprassedere all’ottimizzazione dei realizzi.

35 - Con riguardo alla fase esecutiva, non tutte le problematiche insorte appaiono rilevanti in questa sede[223].

Ma talune di esse paiono idonee a lumeggiare le potenzialità dell’atto quadro.

Val la pena in tale ottica rievocare la vicenda della correzione del preteso errore materiale, nel quale sarebbero incorse le parti al momento della cessione con lettera commerciale dei crediti di Federconsorzi verso alcuni consorzi agrari.

Era infatti accaduto che la cessione era stata fatta, in genere nei primi mesi del 1995, sulla base dei saldi risultanti dal bilancio.

Ma in realtà il bilancio di Federconsorzi, rispetto ad alcuni consorzi agrari, conteneva un abbattimento di valori, per cui non teneva conto dell’effettivo valore nominale dei crediti, impregiudicatane la concreta esigibilità.

Preso atto della discrepanza, SGR chiese che la cessione venisse corretta, dandosi conto dell’effettivo valore dei crediti ceduti.

Orbene, tale iniziativa era tale da assicurare a SGR un incremento almeno teorico di circa 260 miliardi di lire, che, si badi, con il ritorno in bonis di alcuni consorzi e con il finanziamento del credito MAF di loro pertinenza sarebbe stato poi in parte realizzato.

L’escamotage dell’errore materiale era all’evidenza di modesto spessore, poiché non si era trattato affatto di un errore di tal genere, tanto più che i valori ridotti erano come tali confluiti nelle valutazioni dei consulenti incaricati delle stime e nella relazione particolareggiata del prof. Picardi, alla quale era primariamente riferibile l’individuazione dell’oggetto della cessione.

Si è però rilevato da parte del dott. Mancinelli[224] che a SGR spettava effettivamente la cessione dei crediti per un importo corrispondente a quello reale, ciò in quanto l’atto quadro, avallato dal provvedimento del Tribunale in data 20-7-1993, diversamente da quanto previsto nell’originaria proposta Casella e nel provvedimento del Tribunale del 23-3-1993, prevedeva la cessione di tutte le attività comunque esistenti alla data del 30-11-1991 e non delle sole attività ricomprese nella relazione particolareggiata.

Non sembra peraltro che la modifica fosse stata predisposta proprio in funzione dei crediti in discorso, ciò che di per sé sarebbe valso a porre in luce una spiccata calliditas: proprio il fatto che alla resa dei conti si fosse fatto riferimento ad un errore materiale e non si fosse brutalmente invocato il tenore dell’atto quadro, sembra interpretabile nel senso che neppure SGR in origine si fosse avveduta della discrepanza, salvo attivarsi in un secondo momento per acquisire la differenza.

Della vicenda delle cambiali rinvenute dal commissario governativo e sottoposte a sequestro nell’aprile 1996 si è già detto.

Quanto alla fase della transazione, è appena il caso ricordare che ad essa si addivenne dopo che da più parti erano state sollevate contestazioni sulla validità dell’atto quadro ed erano state intraprese azioni legali volte ad ottenere la declaratoria di nullità.

Essa determinò un parziale riassetto degli equilibri economici delineati dall’atto quadro.

Fu infatti previsto che in capo a SGR si consolidasse l’acquisto dei cespiti ormai trasferiti e che restassero definitivamente alla liquidazione di Federconsorzi quelli che non avevano ancora formato oggetto di cessione.

Fu altresì sancito che il minor importo indicato nelle lettere commerciali di cessione dei crediti verso alcuni consorzi agrari dovesse essere inteso come dovuto ad errore materiale e che le cambiali rinvenute nel 1996 dall’Avv. Lettera negli uffici di Federconsorzi costituissero null’altro che un accessorio cartolare di crediti già trasferiti.

In favore di SGR fu stabilito l’esonero dal versamento dell’ultima tranche di prezzo, quantificata in circa 85 miliardi di lire.

In tal modo ogni questione riguardante l’atto quadro sarebbe dovuta considerarsi superata in nome di un definitivo accordo, destinato a rimuovere le perplessità a mano a mano sorte.

E’ però singolare che nella transazione si fosse dato atto del procedimento pendente e dunque del profilo di illiceità ipotizzato e tuttavia non si fosse presa in considerazione l’ipotesi dell’art. 1972 cc[225].

In sostanza nessuno ebbe la forza o la volontà di vanificare l’attività di liquidazione fino ad allora svolta, dovendosi peraltro convenire che in quella determinata situazione assumere decisioni radicali sarebbe stato difficile per chiunque.

Certo è che SGR vide salvaguardata in modo definitivo la propria posizione, mentre la Liquidazione di Federconsorzi recuperò dei cespiti di rilievo.

Sembrerebbe un pareggio, ma ai punti fu una grande vittoria di SGR, poiché nell’ambito della procedura sulle varie problematiche sarebbe dovuto calare il silenzio.

36 - Tra i profili di rilievo della fase esecutiva dell’atto quadro, non può trascurarsi quello riguardante la sorte dei lavoratori di Federconsorzi.

Va premesso che costoro beneficiavano in origine di un trattamento economico e normativo assolutamente privilegiato, assicurato dal relativo contratto collettivo.

Ma a partire dalla fase del commissariamento si era subito posto il problema di come far fronte al relativo onere, mirandosi principalmente alla riduzione del numero dei lavoratori in servizio.

Poi era intervenuta l’ammissione al concordato con cessione dei beni e di conseguenza si era in concreto prospettata per tutti l’eventualità del licenziamento.

Erano cominciate delle trattative sindacali, finalizzate alla previsione di forme di esodo incentivato e nel contempo all’adozione di  misure a salvaguardia dei posti di lavoro.

Un fondamentale accordo del novembre 1992, concluso presso il Ministero del Lavoro, previde che varie unità di personale dovessero transitare in Agrisviluppo, adeguatamente rivitalizzata, o essere assunte presso le c.d. agenzie CEE.

Sul piano politico si era frattanto cercato di trovare una soluzione al problema e si era cominciato a pensare alla possibilità di un graduale passaggio del personale presso enti o uffici pubblici.

Sta di fatto che, come già rilevato, le confederazioni sindacali di maggiore rilievo nazionale, nel momento della decisione più importante, concernente l’autorizzazione alla vendita in massa, si schierarono a favore, venendo altresì ricevute dal prof. Capaldo.

Tale passaggio appare cruciale per comprendere il ruolo svolto dai vari soggetti implicati in questa vicenda.

In effetti deve escludersi che il confronto sindacale potesse vertere sul prezzo offerto dalla cordata Capaldo e sulle prospettive di realizzo dei cespiti.

Né potrebbe mai pensarsi che fosse stato dato decisivo rilievo alla prevista assunzione da parte della costituenda società di 60 o 70 dipendenti di Federconsorzi, numero all’evidenza irrisorio rispetto al gruppo di lavoratori residui.

Vanno invece considerati gli sforzi fatti sia dai primi commissari, che di ciò avevano fatto menzione già nel ricorso per l’ammissione alla procedura, sia dal dott. Piovano per dare una concreta base organizzativa alla società che avrebbe dovuto almeno in parte assumere l’eredità di Federconsorzi e per il cui decollo sarebbe occorso il contributo degli istituti bancari.

In tale ottica è agevole ritenere che le confederazioni avessero espresso il loro consenso all’operazione proprio perchè indotte a valutare positivamente gli scenari loro prospettati, in termini di ripresa dell’attività di commercializzazione e di mantenimento complessivo dei livelli occupazionali[226].

In altre parole, così come già nell’accordo sindacale del novembre 1992 e in altri che lo avrebbero seguito, ribadendone la vincolatività, pur prendendo atto della sua mancata esecuzione[227], anche nella fase coeva all’autorizzazione alla vendita in massa dovette venire in considerazione la sorte di Agrisviluppo, società partecipata per intero da Federconsorzi e dunque destinata ad essere trasferita alla costituenda società in sede di attuazione della vendita in massa.

L’occasione poteva infatti apparire propizia, concretamente profilandosi la possibilità che i soci promotori assumessero altresì l’impegno di farsi carico della nuova struttura.

Tutto ciò ha trovato conferma anche nelle dichiarazioni rese al dibattimento dal prof. Capaldo.

Costui ha sostenuto che la Banca di Roma sarebbe stata disponibile ad impegnarsi nel finanziamento della cennata società e che per questo sondò gli altri partners, al fine di verificare se essi potessero concorrere nella nuova operazione.

Ma in pratica, a suo dire, nessuno manifestò interesse, cosicché il progetto fallì.

Tale versione da un lato dà la misura di come il problema “Agrisviluppo” avesse fatto parte delle discussioni correlate alla vendita in massa e dall’altro risulta totalmente inappagante.

In gioco, infatti, non vi erano solo degli equilibri finanziari, ma anche la vita di numerose persone, la loro professionalità e la loro volontà di essere e sentirsi utili.

Il prof. Capaldo, con la sua indiscutibile autorevolezza, del resto ampiamente spesa in questa vicenda, non avrebbe potuto abbandonare con tanta nonchalance un progetto sul quale si fondava un preciso accordo sindacale e che, fin dalla prima ora, rivestiva un carattere strategico.

Né potrebbe semplicemente farsi leva sulla riottosità dei partners.

In realtà non consta, stando alle illusioni nutrite dalla parte sindacale[228], che fosse stato chiarito il vero ruolo di SGR, vincolata statutariamente al solo realizzo, in base a precise disposizioni impartite dalla Banca d’Italia fin dal 1992[229] e non in conseguenza di un mutamento di programma dell’ultim’ora.

Appare infatti singolare che, pur essendo noto da tempo ai promotori di SGR che la società non avrebbe potuto assumere in proprio la gestione di “Agrisviluppo”, i loro interlocutori potessero invece vedere nella cessione ad essa di tutti i cespiti un valido strumento per promuovere l’attività di commercializzazione e creare in tal modo nuovi sbocchi occupazionali.

E’ d’uopo piuttosto opinare che da parte di coloro che parteciparono al confronto con il sindacato fosse stato mantenuto sul punto un atteggiamento ambiguo, destinato a creare un erroneo convincimento.

Ma le conclusioni non sarebbero diverse, anche nel caso in cui fosse stato chiaro a tutti che le sorti di Agrisviluppo sarebbero dipese solo da una parallela azione dei soci di SGR.

In effetti, se alcuni tra i maggiori promotori (come B.N.L.) avevano già manifestato, dopo le iniziali proposte del Ministro Goria, totale contrarietà a qualsiasi avventura di quel genere [230], ciò vuol dire che il progetto non aveva futuro o che si sarebbe dovuto fondare sullo sforzo degli altri soci, sostenuti proprio da Banca di Roma.

Nel primo caso il prof. Capaldo non avrebbe potuto evocare alcuno scenario, mentre nel secondo non avrebbe potuto sottrarsi, quasi immediatamente, agli impegni assunti, di fatto mostrando di aver intessuto una trama contrassegnata da una sua riserva mentale.

Del resto appare significativo che, quando nel mese di ottobre del 1993, dunque all’indomani della stipula dell’atto quadro, il commissario governativo D’Ercole diramò un comunicato nel quale si manifestava l’intendimento di porre in mobilità una quota di personale[231], nel presupposto che non vi fosse possibilità di riassorbimento altrove, nulla di concreto fosse stato fatto da SGR o dai suoi soci.

In pratica da questo momento al personale non sarebbe restato altro da fare che  contare sul buon cuore dei cessionari o sulla politica.

Nulla del resto era venuto dal Tribunale, che, pur dichiaratosi primariamente interessato alla sorte dei lavoratori, si era piegato rapidamente alle ragioni dei promotori di SGR, addivenendo ad una vendita in blocco che non forniva altra garanzia che l’assunzione di 70 unità.

E si badi che, se da un lato può ragionevolmente affermarsi che tutto ciò non rientrava tra i primari compiti del Tribunale, dall’altro non può sottacersi che si era instaurata una sorta di trattativa finalizzata alla cessione in blocco, nella quale il profilo occupazionale avrebbe potuto trovare ben più incisivo spazio, non essendo del resto prescritto da nessuno che le aspettative dei promotori di SGR dovessero essere, come invece furono, per forza soddisfatte.

 

L’ESAME DELLE IMPUTAZIONI: FATTO, QUALIFICAZIONE GIURIDICA E RUOLO DEGLI IMPUTATI

37 - A questo punto devono raccogliersi le fila dell’analisi a mano a mano condotta, venendo più da vicino all’esame delle imputazioni.

Al Presidente Greco è innanzi tutto addebitato di aver occultato sia l’istanza dei commissari governativi del 27-5-1992, riguardante la necessità o meno della convocazione dell’assemblea per la messa in liquidazione, sia le tre relazioni redatte in forma di appunto dal prof. Carbonetti, relative alle modalità di vendita della Banca di Credito Agrario di  Ferrara e alle valutazione sulla differenza tra il prezzo offerto dalla cordata Capaldo e la stima del patrimonio di Federconsorzi, elaborata dai consulenti e dal commissario giudiziale.

Allo stesso Presidente Greco è inoltre addebitato di essersi rifiutato indebitamente di provvedere sull’istanza del 27-5-1992.

Orbene, nel quadro complessivo della vicenda trattasi di episodi sintomatici di una condotta  compiacente, volta alla salvaguardia di determinati interessi.

L’istanza del 27-5-1992 costituiva il frutto di un compromesso tra i commissari, tendente ad assicurare ai medesimi una forma di tutela, ove l’adempimento prospettato fosse stato ritenuto necessario.

Del resto dopo aver segnalato l’inevitabilità della convocazione, essi avevano avuto un ripensamento, manifestando tale diverso convincimento proprio attraverso l’istanza del 27-5-1992.

Di fatto il Tribunale di Roma si era pronunciato più volte, come riconosciuto dal Presidente Greco, nel senso della compatibilità con la procedura concorsuale dell’autonoma messa in liquidazione della società che avesse perduto il capitale.

Ma nel caso di specie il problema era assai più complesso, poiché in ballo vi era non solo il fatto tecnico della convocazione dell’assemblea, ma anche la gestione della medesima e soprattutto il pericolo che Federconsorzi, in regime di commissariamento, fosse posta in liquidazione coatta amministrativa[232].

Un siffatto evento era del tutto inviso al dott. Greco, il quale si sarebbe battuto contro il provvedimento di messa in liquidazione anche nella sede giurisdizionale amministrativa.

Il perché di tanta gelosia è da ricercarsi nell’interesse, manifestato fin dall’inizio, a condurre in porto la procedura fino al suo fisiologico epilogo, cioè innanzi tutto fino all’omologa, che certamente avrebbe conferito stabilità al concordato, ed in secondo luogo fino alla fase della liquidazione non coatta.

Di certo non si trattava di assicurare vantaggi agli iniziali commissari che da un lato avevano avuto plurimi contrasti con gli organi della procedura, di cui contestavano l’eccessivo rigore nell’autorizzare dismissioni e atti di gestione, e dall’altro si erano poi liberati dell’incarico, rimettendo al dott. Greco proprio la scottante decisione sulla messa in liquidazione.

E neppure sarebbe potuto ipotizzarsi un qualche accordo con il Ministro, visto che in realtà l’unico plausibile motivo di timore proveniva dalle sue possibili iniziative.

E’ invece ineluttabile correlare l’atteggiamento del magistrato ai prevedibili sbocchi della procedura di concordato, cioè essenzialmente alla sorte del patrimonio, posto che il dott. Greco si era già dichiarato disposto ad attendere la cordata fino ad ottobre e che la proposta Capaldo era stata finalmente presentata, per una singolare fatalità, lo stesso 27-5-1992.

In effetti se si giudicava opportuno attendere la cordata, ciò vuol dire che si intendeva tutelarne le aspettative.

Ed allora il disagio del magistrato a provvedere secondo coscienza sull’istanza dei commissari governativi trova una sua ragionevole spiegazione.

Ciò è vieppiù confermato dal fatto che nello stesso lasso di tempo il dott. Greco ebbe modo di confrontarsi con il prof. Capaldo e di conferire al prof. Carbonetti l’incarico di fornire una sua valutazione sull’enorme divario tra la stima del patrimonio e il prezzo offerto.

La sollecita e, si badi, personale attenzione rivolta all’offerta non poteva infatti avere altro scopo che quello di creare uno strumento in qualche guisa idoneo a conferirle piena credibilità, in vista dell’imminente sentenza di omologa, ciò tanto più a fronte dell’inusitata inconsistenza delle valutazioni richieste, rispondenti a criteri di massima, ampiamente apprezzabili dallo stesso Greco, come da ogni magistrato (non solo perché peritus peritorum), senza bisogno del supporto di un esperto.

Ciò val quanto dire che il magistrato, di fronte ad un prezzo tanto inferiore alla stima del patrimonio, anziché prendere ragionevolmente atto dell’inidoneità dello stesso a costituire un valido punto di riferimento, cercò invece di colmare il gap, quasi che quella fosse la “mission” della procedura.

Ed allora tanto la mancanza di sollecite determinazioni sull’istanza dei commissari quanto il conferimento di un incarico informale al prof. Carbonetti si prestano ad essere ricondotti alla medesima chiave di lettura.

 Sta di fatto che l’istanza rimase per più di un mese nella borsa del magistrato, senza aver mai avuto l’onore di un timbro di cancelleria o di protocollo.

Ciò non significa, si badi, che il dott. Greco avrebbe dovuto personalmente protocollare l’istanza, in senso contrario valendo i rilievi difensivi del magistrato, ma semplicemente che il documento sarebbe dovuto essere depositato e messo ufficialmente a  disposizione di qualunque interessato.

Al contrario egli lo custodì nella borsa per quasi un mese e mezzo, evidentemente al fine di far trascorrere il tempo e poter così giungere senza problemi a quello che riteneva il punto di non ritorno, la sentenza di omologa.

Infatti, quando il giorno 10 luglio il nuovo commissario Piovano si presentò inopinatamente per chiedere informazioni in merito, il dott. Greco sollecitamente tirò fuori il documento, così mostrando di saper bene dove fosse, e lo restituì, suggerendo che l’istanza fosse corredata da un parere legale da parte di un esperto da lui stesso indicato.

Ed allora la condotta in concreto tenuta finisce per colorarsi di illiceità, avendo il magistrato occultato il documento, impedendo a chiunque vi avesse avuto interesse di prenderne conoscenza, e poi avendolo restituito tal quale al nuovo commissario, nell’insussistente presupposto che costui intendesse riprenderselo[233], ma in realtà al solo fine di non far risultare che l’istanza fosse stata presentata.

Tale comportamento vale ad integrare gli estremi del delitto di falso per soppressione di atto pubblico, sia perché non par dubbio che avesse quella natura un’istanza proveniente dai commissari governativi, destinata all’inserimento nel fascicolo di una procedura concorsuale, sia perché realizza l’ipotesi dell’occultamento, contemplata dall’art. 490 cp,  la condotta di chi custodisca uno scritto in modo da renderlo anche temporaneamente irreperibile.[234]

38 - Non può invece dirsi integrato il delitto di cui all’art. 328/1° co. cp.

Tale norma sanziona infatti il rifiuto indebito di un atto che deve essere compiuto senza ritardo per ragioni di giustizia, sicurezza pubblica, ordine pubblico o igiene e sanità.

Nel caso di specie il pronunciamento del giudice delegato non era affatto doveroso, venendo in considerazione esclusivamente la competenza dei commissari governativi, sui quali sarebbe dovuta gravare ogni eventuale responsabilità.

Né diversamente potrebbe opinarsi sul rilievo che, secondariamente, veniva richiesta  l’autorizzazione alla convocazione dell’assemblea, ove ritenuta necessaria, essendo quella richiesta non più che un escamotage, per sollecitare l’intervento chiarificatore del magistrato, peraltro non tenuto ad autorizzare alcunché, ove si fosse per davvero trattato di un atto dovuto.

E neppure potrebbe farsi leva sulla mancata risposta nei termini ad una istanza, se del caso rilevante ai sensi dell’art. 328 cpv. cp, giacché a tal fine occorre che il privato interessato diffidi in modo inequivoco il pubblico ufficiale a pronunciarsi nei termini[235], requisito che nella specie all’evidenza non ricorreva.

Il rifiuto di atti d’ufficio va dunque giudicato insussistente.

39 - Quanto alle relazioni del prof. Carbonetti, è pacifico che agli atti della procedura di concordato le stesse non furono rinvenute nonostante una diligente ricerca effettuata a seguito della richiesta di acquisizione inoltrata dal P.M. inquirente[236].

Va in proposito segnalato che la circostanza dell’avvenuto affidamento del relativo incarico al Carbonetti era risultata dall’elenco delle liquidazioni di onorari a consulenti, all’uopo predisposto dalla procedura[237], nel quale si faceva menzione anche delle liquidazioni effettuate in favore del Carbonetti, riguardanti sia il compenso per il lavoro svolto all’interno della commissione incaricata di esaminare i bilanci degli ultimi cinque anni di Federconsorzi sia quello per altri pareri.

In proposito risultava che al Carbonetti era stata erogata la somma di £ 20.000.000 a seguito di istanza presentata agli organi della procedura nel mese di settembre del 1992.

Alla fine il testo dei pareri fu fornito al P.M. inquirente dal prof. Picardi, che disponeva di una copia, a suo tempo inviatagli dallo stesso Carbonetti.

Fu così possibile verificare che si trattava degli “appunti” relativi alla vendita della Banca di Credito Agrario di Ferrara e alle valutazioni sulla differenza tra il prezzo offerto dalla cordata Capaldo e il valore del patrimonio risultante dal bilancio di Federconsorzi e dalle stime dei consulenti.

Non fu invece rinvenuto alcun decreto di conferimento del relativo incarico.

Peraltro non può escludersi, ed anzi sembra preferibile opinare, che un siffatto provvedimento non fosse stato formalmente emesso, in tal senso deponendo proprio la veste di appunto assunta dal parere reso dal Carbonetti, in specie per ciò che attiene al quesito sul prezzo.

Si trattò dunque di incarichi concernenti temi che al magistrato, nella delicata fase precedente la sentenza di omologa, stavano particolarmente a cuore e che tuttavia, stranamente, non furono ritenuti meritevoli di specifica formalizzazione.

Non è un caso che gli altri membri del collegio giudicante non abbiano palesato alcuna conoscenza di quegli appunti e che successivamente, in sede di omologa, pur avendone utilizzato vari spunti, il dott. Greco non li avesse mai espressamente citati, implicitamente attribuendo alcune argomentazioni a sue personali intuizioni.

Non sembra che la singolarità di tale modus procedendi coinvolgesse il prof. Carbonetti, il quale non avrebbe altrimenti chiesto la liquidazione dei compensi con istanza rivolta agli organi della procedura.

Essa riguardava invece il solo dott. Greco, il quale avrebbe voluto avvalersi di strumenti logico-motivazionali idonei a superare l’obiettiva difficoltà derivante dall’esiguità del prezzo proposto dal Capaldo.

A ben guardare gli appunti del prof. Carbonetti non avevano in sé nulla di anomalo, provenendo oltre tutto da un personaggio stimato e già nominato membro della citata commissione.

Problemi di carattere più generale sarebbero potuti invece derivare dal fatto che il Carbonetti ricopriva la veste di presidente della Banca Fideuram, compresa tra i creditori di Federconsorzi, a seguito dell’incorporazione di Banca Manusardi.

Pare peraltro legittimo opinare che il dott. Greco non si fosse inizialmente avveduto di tale evidente causa di incompatibilità, che del resto il Carbonetti non aveva esplicitato.

Assai meno giustificabile sarebbe potuto risultare il fatto che Banca Fideuram fosse poi entrata nell’operazione, aderendo alla cordata nella fase antecedente l’autorizzazione alla vendita in massa, e che il Carbonetti fosse stato nominato membro del consiglio di amministrazione di SGR, per divenirne in prosieguo addirittura presidente.

Ciò avrebbe potuto contribuire a rivelare una trama sotterranea, ordita dal magistrato con il beneplacito degli strateghi della cordata Capaldo, volta a creare una surrettizia legittimazione dell’operazione attraverso il contributo fattivo di un professionista vicino agli ambienti interessati all’operazione e poi addirittura partecipe.

In altre parole il dott. Greco sarebbe stato concretamente esposto al rischio di veder interpretate le proprie scelte come manovre di un piano ben congegnato.

In realtà una persona che non ha nulla da temere e si fa forte dei convincimenti dettatigli dalla propria coscienza avrebbe potuto ovviare all’incresciosa situazione, denunciandola in modo aperto ed esplicito: ma ciò evidentemente non rientrava nei programmi del magistrato, già fattosi forte di alcune argomentazioni del Carbonetti nella sentenza di omologa.

La soluzione prescelta si colloca invece nel quadro di una condotta preordinatata ad un determinato risultato, quello di salvaguardare ad ogni costo la vendita in blocco del patrimonio a SGR.

Infatti gli appunti del Carbonetti, fino ad allora rimasti sotto traccia, scomparvero dal fascicolo della procedura, tanto da non essere più ritrovati.

Nessuno, all’infuori del dott. Greco, avrebbe potuto operare in tale guisa, solo il predetto avendo un concreto interesse ed una altrettanto concreta possibilità di manipolare il fascicolo e sottrarne alcuni atti.

Al magistrato va dunque ascritto l’occultamento dei pareri del prof. Carbonetti, presumibilmente in epoca successiva all’adesione di Banca Fideuram a SGR ed all’attribuzione al predetto della vesta di membro del CdA.

Né rileva in senso contrario che negli atti fosse rimasta traccia della liquidazione di somme in favore del Carbonetti per pareri da lui redatti: una cosa è infatti avvedersi della liquidazione di un compenso, nella congerie degli incarichi attribuiti all’interno della procedura, e un’altra, ben diversa, è prendere atto della stretta inerenza del parere alla congruità della vendita in blocco e del prezzo offerto.

Del tutto fantasiosa è poi la giustificazione fornita dalla difesa, incentrata sullo stato del fascicolo, dal quale gli atti sarebbero potuti comunque scomparire a prescindere da qualsivoglia preordinazione.

Innanzi tutto non rileva che il dott. Norelli, all’epoca giudice delegato della procedura di concordato, avesse rilevato la mancanza nel fascicolo anche della relazione Martellini-Sica-Carbonetti, di cui aveva trasmesso al P.M. inquirente solo una copia, posto che diversamente da quanto riscontrato per gli “appunti”, vi era comunque quella copia   e che nei faldoni acquisiti al presente fascicolo processuale è ricompreso anche l’originale, evidentemente reperito altrove.

Inoltre è agevole osservare che ben difficilmente, per puro caso, sarebbero potuti scomparire proprio i tre pareri del Carbonetti, risalenti ad epoca omogenea, ma depositati a distanza di parecchi giorni l’uno dall’altro.

Altrettanto fragile è l’ulteriore spiegazione che si è cercato di dare, addebitando il mancato ritrovamento ad un precedente sequestro di P.G., effettuato nell’ambito di un’indagine della magistratura inquirente romana.

In realtà nel verbale di sequestro in proposito invocato[238] si fa cenno di tre istanze del prof. Carbonetti e non di tre pareri o appunti, che dir si voglia.

L’assoluta incompatibilità tra le nozioni, pur utilizzate da persona inesperta, non consente di nutrire in proposito dubbi di sorta.

Ed allora è d’uopo ritenere che i pareri del Carbonetti fossero stati sottratti e che ciò fosse avvenuto ad opera del dott. Greco.

L’imputato va dunque riconosciuto colpevole anche per questa parte del delitto di cui all’art. 490 cp, essendo d’altro canto indubbio che le relazioni rivestissero il carattere di atti pubblici, in quanto provenienti da un ausiliario del giudice.

40 - L’imputazione sub c) evoca il fatto di maggior rilievo, in quanto afferisce alla vendita a prezzo vile del patrimonio di Federconsorzi.

Si è visto in effetti che per gli organi della procedura il valore del patrimonio era  stimabile in circa 3.939 miliardi di lire.

In particolare tale cifra era stata indicata nella sentenza di omologa, anche al fine di verificare la capienza dell’onere concordatario, comprensivo di una percentuale minima del  40%  in favore dei creditori chirografari.

A fronte di ciò si addivenne alla cessione in blocco al prezzo solo teorico, in quanto in realtà addirittura inferiore, di 2.150 miliardi di lire.

Si è ipotizzato da parte del P.M. che nella specie siano configurabili i delitti di abuso di ufficio ex art. 323 cp e di bancarotta fraudolenta ex artt. 236 cpv e 223 LF.

Detti reati sono stati addebitati a tutti e quattro gli odierni imputati.

Ricapitolando alcune osservazioni già formulate, non v’è dubbio che al momento dell’omologa il prezzo offerto dalla cordata Capaldo non potesse trovare accoglimento, poiché ciò avrebbe comportato un ricavo non sufficiente ad assicurare ai creditori chirografari la percentuale del 40% prevista dalla legge.

Ed invero nella sentenza, pur facendosi menzione dell’offerta ed anzi espressamente privilegiandosi l’ipotesi della cessione in blocco, si rinviò ogni determinazione definitiva.

Nonostante una trattativa, fatta di incontri e contatti epistolari intercorsi tra i promotori della cordata, rappresentati dal prof. Capaldo e -sul piano tecnico- dall’Avv. Casella, e gli organi della procedura, i termini economici dell’offerta non ebbero alcun incremento, ma anzi paradossalmente subirono un progressivo ridimensionamento.

Dalla proposta di acquisto con dilazione di pagamento si passò infatti all’offerta formulata nel mese di gennaio 1993, contenente la richiesta di detrazione del corrispettivo ricavato dalle vendite effettuate.

Inoltre all’indomani dell’autorizzazione alla cessione in blocco fu elaborato l’atto quadro che da un lato era destinato a protrarre i tempi della procedura e dall’altro includeva nella cessione anche i beni non ricompresi nella relazione particolareggiata del commissario giudiziale, il tutto senza alcun aumento del prezzo.

Va ancora sottolineato come da parte degli esponenti della cordata non si fosse mai giustificato in modo preciso e puntuale il prezzo offerto e come per contro tanto il commissario governativo Piovano quanto il commissario giudiziale avessero espresso le loro perplessità, fra l’altro suggerendo una serie di correttivi, alla resa dei conti rimasti tutti lettera morta.

Le giustificazioni addotte anche al dibattimento dal dott. Greco, pur dichiaratosi consapevole dell’insufficienza del prezzo, sono risultate quanto mai fragili, visto che il parere del comitato dei creditori era viziato da un palese conflitto di interessi, non sanzionato dal magistrato, nonché dal carattere strumentale di alcune valutazioni, e che il risparmio di tempo e di spese non avrebbe potuto in alcun modo giustificare una rinuncia all’ottimizzazione del risultato.

Ed è qui che si annida l’insuperabile vizio della scelta operata.

Se il prezzo offerto era inadeguato al momento della sentenza di omologa, non diversamente esso sarebbe potuto considerarsi a distanza di pochi mesi, solo perché nel frattempo l’omologa era ormai intervenuta.

In realtà le modalità della liquidazione, che accedono all’omologa, devono mirare al conseguimento del miglior risultato possibile, proprio in conformità con le valutazioni formulate nella sentenza e comunque in linea con il precetto che impone di valutare la sussistenza dei presupposti per la distribuzione ai chirografari di una percentuale non inferiore al 40%.

Per contro l’adozione di modalità che già a priori non avrebbero potuto garantire quel minimo, sarebbe dovuta considerarsi illegittima, a prescindere dal momento in cui la scelta fosse stata effettuata, poiché un conto è verificare che gli sforzi fatti non hanno prodotto il risultato sperato e tutt’altro è scegliere un meccanismo che fin dall’inizio si sa essere inidoneo.

In altre parole, al di là dell’artificiosa separazione della fase dell’omologa da quella dell’indicazione definitiva delle modalità di liquidazione, resta il fatto che quest’ultima avrebbe dovuto conformarsi al presupposto che l’aveva legittimata, ogni diversa opzione esulando dallo schema normativo.

Se in tale ottica il prezzo offerto non era tale da assicurare i valori imposti dalla legge, l’offerta non sarebbe potuta accettarsi, dovendosi in quel caso imporre condizioni diverse ovvero rinunciare alla prospettiva della cessione in blocco, fermo restando che di fatto non fu espletata neppure una gara e che non fu in alcun modo sondato il mercato internazionale, onde verificare la concreta praticabilità di offerte diverse.

E’ del tutto irrilevante che le prospettive di liquidazione del patrimonio potessero essere nel frattempo mutate.

Peraltro, per poterne compiutamente prendere atto, gli organi della procedura e per primo il Tribunale avrebbero dovuto addivenire ad una nuova valutazione del patrimonio, rideterminando i prezzi di vendita dei cespiti, ovvero acquisire specifiche valutazioni di tecnici all’uopo incaricati.

Nulla di ciò fu fatto e fu invece percorsa la strada segnata dall’offerta Casella, come se una forza invisibile quanto irresistibile spingesse inesorabilmente in quella direzione.

In definitiva, alla sostanziale mancanza di spiegazioni circa la ragione di un prezzo tanto esiguo, corrispose una sua acritica e supina accettazione, tanto che quello che era parso ancora incerto e fluido al momento dell’omologa, si trasformò improvvisamente, dopo pochi mesi, in una proposta credibile, sebbene essa fosse nella sostanza diminuita di valore e fosse formulata in termini così generici da esigere addirittura un atto di fede, che fu in effetti compiuto.

Il relativo passaggio motivazionale del decreto del 23-3-1993, che richiama la buona fede dei proponenti, appare in tale prospettiva emblematico quanto imbarazzante.

Detto provvedimento reca l’impronta di un pregiudizio favorevole alla vendita in blocco e dà la misura di come la proposta Capaldo dovesse comunque essere accettata.

Non vi compare nessuno dei suggerimenti del commissario giudiziale, tesi a riequilibrare l’offerta.

L’enorme gap tra il valore del patrimonio e il prezzo offerto viene colmato da mere parole, volte ad evocare un claustrofobico scenario da catastrofe incombente, abbattutasi sui mercati interni e internazionali, tale da determinare un abbattimento dei prezzi.

Ma non è dato sapere quali fossero le fonti di informazione ufficiali e giuridicamente spendibili, diverse dalle vaghe prospettazioni dell’Avv. Casella, dalle quali il Tribunale avesse attinto un sapere tutt’altro che condiviso, se è vero che, per quanto riguarda il mercato immobiliare, il commissario giudiziale aveva riportato nel proprio parere le valutazioni in realtà rassicuranti di una nota società, specializzata nel settore.

E tutto ciò ancor più sorprende se si considera che solo due mesi prima, nel gennaio, il Collegio aveva espressamente chiesto all’Avv. Casella di esplicitare le ragioni di quel gap, evidentemente ritenuto non giustificabile alla stregua di considerazioni di carattere generale.

Ma se il Tribunale ritenne di addivenire all’accettazione di una proposta dall’andamento decrescente, nonostante il mancato esperimento di una gara, la mancata acquisizione di valutazioni ufficiali circa l’andamento del mercato e la concreta praticabilità di una cessione in blocco e l’assenza di puntuali spiegazioni da parte dell’Avv. Casella o del prof. Capaldo circa il contenuto economico della proposta, ciò significa che si trattò di una scelta fatta a prescindere da tutto questo e semplicemente destinata ad assecondare gli auspici dei proponenti, del resto già gratificati dall’eloquente riferimento alla buona fede.

La violazione di legge insita nella preordinazione di un meccanismo a priori inidoneo ad assicurare l’erogazione di una percentuale pari almeno al 40% ai creditori chirografari, rappresenta peraltro solo un aspetto dell’operazione sfociata nella stipula dell’atto quadro.

Il fatto che non si fosse pervenuti alla cessione uno actu costituiva infatti un grave vulnus per la procedura, tale da contraddire la stessa prospettiva di una sua rapida definizione.

L’ulteriore decremento dell’offerta, insito fra l’altro nell’inserimento di nuovi cespiti per lo stesso prezzo, era un’ulteriore dimostrazione della totale sudditanza ai voleri dei proponenti.

Ed invero l’autorizzazione alla stipula dell’atto quadro rappresentò l’epilogo di una vicenda segnata fin dal suo esordio dalla volontà del dott. Greco di mantenere  in vita la procedura di concordato e di orientarla verso un esito ben preciso.

Essa presenta dunque i medesimi vizi dei provvedimenti precedenti, corroborandone l’effetto.

La successiva e conseguente stipula dell’atto quadro, pur non determinando l’immediato trasferimento del patrimonio, ne pregiudicò definitivamente la sorte, posto che fu da quel momento stabilito il corrispettivo e fu altresì sancito che tutti i cespiti erano messi a disposizione di SGR, che ne acquisiva la gestione.

Potendo la società pretendere la cessione ovvero, per sua libera scelta, individuare direttamente l’acquirente, pare chiaro come la formalizzazione dei trasferimenti costituisse un mero accidente, non più afferente all’amministrazione di Federconsorzi, ma ormai rientrante nella sfera di interessi di SGR.

In tale prospettiva il rilievo anche giuridico dei singoli atti di trasferimento sfuma, stante il significato assorbente dell’atto quadro, cui va riferito il definitivo assetto economico dell’affare.

41 - Così inquadrato il problema, ritiene il Collegio che il prezzo proposto e accettato fosse effettivamente vile, come ipotizzato nel capo di imputazione.

Costituisce dirimente argomento che esso fosse incongruo già dal punto di vista giuridico, utilizzando gli snodi della procedura come parametro normativo.

Ma anche riguardando la cessione come affare a se stante, esso sarebbe dovuto considerarsi irragionevole.

La liquidazione avrebbe dovuto mirare al massimo risultato possibile ed invece ripiegò su una soluzione all’evidenza insoddisfacente, destinata a deprimere le molte risorse del patrimonio di Federconsorzi.

L’eventualità della cessione in blocco, che in effetti avrebbe potuto assicurare il teorico vantaggio della celerità e del prezzo certo, non costituiva peraltro una medicina per ogni male.

Ad essa non si sarebbe dovuto addivenire ad ogni costo, ben potendosi e dovendosi percorrere all’occorrenza strade alternative.

Non si nascondono le molteplici difficoltà insite nella dismissione di un patrimonio tanto eterogeneo, composto da immobili, partecipazioni e crediti non di identico valore.

Ed è anche vero che rispetto alle iniziali stime, molti di quei cespiti si erano deprezzati in conseguenza dell’assoggettamento a procedure concorsuali di molte partecipate, dell’ammissione a liquidazione coatta di taluni consorzi agrari, debitori di Federconsorzi, e della stasi del mercato immobiliare, tale da determinare una riduzione della domanda.

Ma non risulta da nessuno degli elementi acquisiti nel corso del processo che, anche in tale prospettiva, il prezzo proposto fosse accettabile tal quale.

Anzi, il commissario governativo Piovano ha ribadito che nel tempo gli erano pervenute molteplici richieste per svariati cespiti immobiliari, che avrebbero reso di per sé consigliabili vendite frazionate.

Inoltre le alienazioni già effettuate avevano garantito una cospicua plusvalenza rispetto alle stime, quella plusvalenza di cui SGR intendeva appropriarsi attraverso l’escamotage della detrazione dei ricavi conseguiti.

Ed in ogni caso, si ribadisce, non si sarebbe potuta accettare una proposta, che a priori implicava una rinuncia all’ottimizzazione dei ricavi.

Tutto ciò non significa che fosse congruo solo un prezzo pari alla stima.

E’ infatti evidente che il prezzo ricavabile da una vendita in blocco o da vendite frazionate dipende dalle condizioni del mercato.

Peraltro non è detto che si dovesse per forza vendere tutto e subito, ben potendosi attendere almeno per una parte dei beni tempi migliori.

E comunque il ricavo avrebbe dovuto avvicinarsi quanto più possibile al valore stimato, esperendosi ogni procedura idonea allo scopo, a meno di non pervenire con  strumenti affidabili e giuridicamente apprezzabili ad una stima diversa.

Non conducono a diverse conclusioni le giustificazioni fornite dal prof. Capaldo, sentito sul punto sia nel corso delle indagini che al dibattimento.

A detta di costui avrebbero inciso sul prezzo proposto una pluralità di fattori: innanzi tutto l’evidente flessione del mercato immobiliare, che non avrebbe consentito di vendere i cespiti al valore indicato dai consulenti all’uopo nominati in corso di procedura; in secondo luogo lo stato delle partecipazioni, relative a società a loro volta in difficoltà e assoggettate a procedure concorsuali; infine l’esigibilità assai ridotta dei crediti, soprattutto per la parte riguardante i consorzi agrari, che si trovavano assoggettati a procedure di liquidazione.

Su tali basi, ma soprattutto in considerazione del primo e del terzo aspetto, la stima del commissario giudiziale avrebbe dovuto ridursi almeno di un 25% e scendere a non più di 3.000 miliardi.

A fronte di ciò sarebbero dovute considerarsi le spese di struttura relative alla costituzione e al funzionamento di SGR, stimabili in circa 200/300 miliardi,

Infine vi sarebbe stato da considerare il fattore tempo, poiché a fronte di un pagamento immediato o comunque poco dilazionato la liquidazione si sarebbe distribuita su più anni.

In ogni caso, secondo il prof. Capaldo, l’operazione avrebbe potuto aspirare non più che al pareggio di bilancio, prospettandosi un realizzo pari o solo di poco superiore al prezzo e agli altri oneri.

A sostegno di tale argomentazione, oltre a valutazioni di carattere tecnico[239], si è soprattutto addotto che, sommando quanto già ricavato dalle vendite effettuate e quanto ancora potrebbe ricavarsi dalla cessione dei cespiti residui, comprese le partecipazioni nelle società immobiliari SAGRIM, SAIIM e INDIPENDENZA, tuttora in sequestro preventivo, SGR al termine della fase liquidatoria potrebbe ritrovarsi con un modesto utile di circa cento miliardi di lire, a fronte di ricavi non superiori a 2.700 miliardi di lire circa.[240]

Quanto alle valutazioni tecniche, esse sono parse in alcuni casi scontate o inutili, in altri più incisive.

Così va rilevato che l’argomento principe del prof. Lacchini, secondo cui nell’ambito di una procedura concorsuale non si sarebbe potuto ottenere neppure un realizzo complessivo corrispondente al prezzo pagato da SGR, è inficiato da un vizio di fondo, il suo fondarsi sul presupposto del tutto astratto e ipotetico, cioè sulla mera congettura, che le procedure concorsuali debbano per forza condurre ad un infimo risultato.

 Ogni caso fa ovviamente storia a sé, contribuendo, a seconda del risultato, ad abbassare o elevare la media.

Ma soprattutto non può assimilarsi la procedura di concordato che ci occupa a nessuna diversa procedura concorsuale, stante l’entità e le peculiarità del patrimonio assoggettato a liquidazione, fermo restando che, proprio sfruttando la flessibilità del modello procedurale si sarebbero potuti conseguire nel caso di specie risultati apprezzabili.

Argomentazioni di maggior spessore sono state utilizzate per contestare alcune specifiche stime, soprattutto concernenti alcuni immobili.

Sul punto si è già avuto modo di convenire.

Si è peraltro invocata[241] anche la crisi del mercato immobiliare, che dopo un picco alla fine del 1991 avrebbe conosciuto una progressiva flessione per alcuni anni, e si è sostenuto che un’operazione di liquidazione di vasta portata avrebbe fatalmente influito sui prezzi determinando una saturazione del mercato.

Ma in realtà, a tutto voler concedere, non si è considerato in senso opposto che le valutazioni dei consulenti, già di per sé prudenziali, erano state ampiamente riviste dal commissario giudiziale, il quale aveva apportato dei temperamenti, e che la saturazione del mercato non si sarebbe potuta valutare in termini assoluti.

Peraltro la correttezza tendenziale di quelle valutazioni è confermata dal fatto che, relativamente agli immobili, il ricavato della liquidazione effettuata da SGR, come emergente dalla documentazione prodotta, non si è di troppo discostata alla resa dei conti dai valori stimati, se si fa eccezione per il Palazzo Rospigliosi.

Quanto poi alle partecipazioni, lo stesso prof. Capaldo ha riconosciuto che nella sostanza il valore stimato, sia pur attraverso una diversa distribuzione dei valori, derivante dall’abbattimento di alcune partecipazioni fino a zero e dal riscontro di plusvalenze in altri casi, non era lontano dal vero: sta di fatto che la liquidazione di SGR ha in parte qua condotto a ricavi addirittura superiori alle stime.

Maggiori problemi sarebbero potuti porsi per i crediti.

Particolarmente severe sul punto sono state le critiche riferite alla pretesa esigibilità degli stessi e al criterio utilizzato per i relativi abbattimenti.

Il prof. Capaldo ha infatti sottolineato che un abbattimento generalizzato sarebbe stato possibile solo per crediti di modesto importo verso soggetti in bonis, dovendosi altrimenti considerare ciascuno specifico caso e soprattutto valutare la sostanziale inesigibilità dei crediti verso i consorzi agrari.

Ma alla resa dei conti è agevole osservare come tanto la prof.ssa Misucci, nominata nel corso della procedura, quanto i commissari governativi in sede di bilancio al 31-12-1991 avessero formulato in proposito valutazioni sostanzialmente coincidenti.

Anzi, fatta eccezione per il credito MAF, può sostenersi che la prof.ssa Misucci fosse stata ancor più rigorosa, prevedendo un’enorme decurtazione del valore di realizzo, basata su analisi del tutto pertinenti e tutt’altro che suscettibili di censura.

Ciò significa che gli organi della procedura avrebbero dovuto valorizzare i cespiti destinati alla liquidazione e non accettare il brutale abbattimento del loro valore, privo in gran parte di plausibile giustificazione.

Ma ancor più significativi paiono due ordini di argomenti.

La tesi del riscontro a ritroso rappresentato dai ricavi di SGR[242] è da un lato fuorviante e dall’altro indicativo del contrario.

In effetti quanto in concreto ha potuto e potrà ricavare la società cessionaria è del tutto ininfluente, dovendosi in questa sede aver riguardo invece alla potenzialità realizzativa del patrimonio affidato ad un’ordinaria liquidazione.

Ma soprattutto è d’uopo rilevare come lo stesso importo denunciato da SGR valga a porre in luce l’incongruità del ricavo assicurato a Federconsorzi dalla cessione in massa.

L’equivoco risiede nel porre in relazione tale cessione con gli interessi e con le modalità operative del cessionario e considerare del tutto fisiologica un’operazione non connotata dal conseguimento di smisurati profitti.

In realtà in questa sede può valutarsi esclusivamente la resa del patrimonio in funzione del riparto.

In tale ottica la mera circostanza che SGR abbia ricavato o possa prevedibilmente ricavare almeno 2.700 miliardi costituisce la prova di un macroscopico deprezzamento, posto che mentre la cessionaria deve scomputare spese e oneri (per finanziamenti) -che, si badi, Federconsorzi non avrebbe avuto- da tale già ingente somma, la Liquidazione deve fare altrettanto quanto alle spese in prededuzione, rispetto a quella assai inferiore di 2.000 miliardi, che, con la massima benevolenza, corrisponde al prezzo e dunque al ricavo, salve le decurtazioni dei precedenti realizzi.

Né si dica che le spese di Federconsorzi per le operazioni di liquidazione sarebbero state effettivamente tali da rendere del tutto irragionevole il meccanismo delle vendite frazionate, posto che la gran parte degli oneri in prededuzione derivava dalla gestione della società e dal costo del personale, l’una e l’altro resi necessari anche dal tipo di liquidazione delineata con l’atto quadro.

Argomentando da un diverso angolo visuale, la circostanza che il prezzo accettato fosse del tutto insufficiente è palesata dal fatto che, decurtando a mano a mano da esso il ricavato delle ulteriori cessioni a terzi, rapidamente si esaurì il plafond, così da rendere necessaria per gli ulteriori trasferimenti l’indicazione di un prezzo del tutto simbolico, al fine di poter rimanere all’interno della somma complessivamente pattuita.

Vi è poi un ultimo argomento, che, pur assai importante, è del tutto taciuto nella relazione della Commissione Parlamentare presieduta dal Sen. Cirami.[243]

Si muova pure dal presupposto che SGR, al termine della liquidazione, ricavi un utile di soli 100 miliardi o addirittura si trovi a gestire una situazione di pareggio.

Trattasi a dir il vero di ipotesi irreale, poiché, fra l’altro, non tiene conto dell’attuale valutazione delle tre società immobiliari in sequestro preventivo, società cui la gestione custodiale ha talmente giovato che esse si trovano attualmente in uno stato di straripante floridezza[244].

Né in tale ottica va trascurato il consistente patrimonio immobiliare di recente interamente trasferito, per ragioni rimaste invero oscure, alla società SMIA, partecipata al 100% da SGR.

In ogni caso, anche a voler accettare quel dato, non si tiene conto che l’operazione di cessione è stata nel frattempo riequilibrata dalla transazione del luglio 1998, con la quale si è stabilito che potessero restare a SGR i cespiti ormai trasferiti e alla Liquidazione di Federconsorzi i cespiti residui.

Non si è trattato affatto di poca cosa.

Vi erano infatti ancora beni di rilevante valore, e tra questi il famoso credito MAF, stimato -con gli interessi- circa 1.000 miliardi di lire.

Anche a voler prescindere da quanto si è osservato in ordine alla consistenza del credito, non può sottacersi che la Liquidazione è attualmente pervenuta alla distribuzione ai chirografari del 40% solo in virtù della titolarità di quel credito, che è stato posto in compensazione con un debito verso lo Stato per oltre 100 miliardi di lire, oltre che in virtù del passaggio di una quota rilevante di crediti dalla categoria dei privilegiati a quella dei chirografari.

Ignorare tale passaggio è assolutamente impossibile, se si vuol comprendere fino in fondo la dinamica degli avvenimenti.

Ciò significa che quel credito aveva comunque un valore intrinseco e poteva dunque incidere concretamente sul patrimonio di Federconsorzi, seppur in misura inferiore a quella nominalmente risultante dai bilanci e dalla contabilità.

Va peraltro aggiunto che nel corso della procedura lo stesso credito MAF ha formato oggetto di un tentativo di cartolarizzazione: si erano infatti presi accordi con importanti istituti finanziari, interessati all’operazione, che avevano indicato un valore di circa 250 miliardi[245].

In concreto nulla di ciò si è concretizzato poiché la sciagura dell’11 settembre 2001 ha riguardato proprio la sede dell’istituto bancario in discorso, dislocata in una delle “Torri Gemelle” di New York.

Ma al di là delle perplessità che la tentata cartolarizzazione può ingenerare[246], si ha un riscontro ulteriore dell’oggettiva consistenza del credito in esame, che in nessun modo sarebbe potuto considerarsi pari a zero.

In definitiva, per quanto appaia improbabile che in sede di liquidazione fossero realizzabili ricavi pari al valore del patrimonio, così come stimato dai consulenti e dal commissario giudiziale, deve tuttavia rilevarsi come la scelta in concreto adottata abbia in radice pregiudicato la possibilità di ottenere molto di più, per lo meno quanto ottenuto da SGR[247], cui devono aggiungersi il credito MAF e i realizzi anteriori alla cessione in blocco, inopinatamente decurtati dal prezzo.

Vanno del resto considerati nella stessa ottica anche altri fattori.

Se in origine molti consorzi agrari versavano in precarie condizioni, così da far apparire difficilmente realizzabili alcuni crediti, anche di ingente importo, in prosieguo di tempo molti di essi sono tornati in bonis o comunque hanno acquisito nuove risorse, anche attraverso il finanziamento del credito MAF, per la cospicua parte ancora di spettanza dei consorzi agrari, effettuato dalla L 410/99[248].

Ciò ha reso possibile il pagamento di rilevanti somme in favore di SGR, che ha così introitato assai di più di quanto in precedenza ipotizzato.

Inoltre va rimarcato che se SGR ha attuato un programma di dismissioni efficiente[249], ciò non vuol dire che nell’ambito della procedura non si potesse fare altrettanto, ricorrendo ad opportuni accorpamenti, suggeriti a suo tempo anche dai consulenti stimatori, e utilizzando strumenti più duttili, idonei ad assicurare un’adeguata concorrenza.

Deve allora convenirsi che la cessione in blocco a SGR, come trasfusa nell’atto quadro, al prezzo di 2.150 miliardi ha irrimediabilmente compromesso le potenzialità di realizzazione che il patrimonio di Federconsorzi indubitabilmente assicurava, riducendo il ricavo e dunque la somma da ripartirsi tra i creditori chirografari a livelli inaccettabili.

Né si potrebbe oggi invocare il fatto che alla resa dei conti è stato distribuito il 40%: al di là dei passaggi che hanno reso possibile il risultato, trattasi di una percentuale comunque assai lontana da quella superiore al 70% evocata nella sentenza di omologa.

La potenzialità realizzativa è infatti cosa diversa dal ricavo della percentuale minima, dovendo gli organi della procedura aspirare all’ottimizzazione dei ricavi e non accontentarsi del 40%, percentuale che peraltro l’atto quadro non avrebbe potuto di per sé garantire.

Quanto fin qui osservato convince il Collegio dell’illegittimità dell’operazione di cessione in blocco e soprattutto dell’inadeguatezza del prezzo accettato.

42 - Passando all’inquadramento giuridico dei fatti, deve innanzi tutto ritenersi pertinente l’ipotesi della bancarotta fraudolenta.

Com’è noto l’art. 236 L.F., dettato per il concordato preventivo e per l’amministrazione controllata, richiama al secondo comma le disposizioni dell’art. 223 L.F. per gli amministratori, direttori generali, sindaci e liquidatori di società.

D’altro canto l’art. 223, in virtù del richiamo all’art. 216, contempla indifferentemente ipotesi di bancarotta anteriori o successive al fallimento, cosicché analoghe figure di reati devono ritenersi configurabili ex art. 236 nel caso di concordato preventivo.

Peraltro, essendo delineati dei reati propri, occorre che il soggetto agente rivesta la qualifica richiesta di amministratore o sindaco o liquidatore.

Nel caso di specie tutte le difese hanno dedotto che nessuno degli imputati aveva la qualifica richiesta, ciò che avrebbe reso a priori insussistente l’ipotizzata bancarotta.

Ma la tesi difensiva è all’evidenza infondata.

Basterebbe considerare che la Suprema Corte di Cassazione, investita del ricorso a suo tempo presentato avverso l’ordinanza del Tribunale di Perugia, che in sede di riesame aveva confermato il sequestro preventivo, disposto nel corso delle indagini dal GIP, ebbe a ravvisare il fumus del delitto di bancarotta fraudolenta e dunque anche la qualifica soggettiva richiesta.

Ma in realtà è d’uopo più approfonditamente osservare come la veste di amministratore spettasse nel caso di specie ai commissari governativi di Federconsorzi succedutisi nell’incarico a partire dal 17-5-1991.

La circostanza è testualmente confermata dall’art. 2543 cc, che conferisce appunto all’autorità governativa la facoltà di revocare gli amministratori e i sindaci e di affidare la gestione a commissari governativi, determinandone poteri e durata, ciò che è sempre avvenuto anche nel caso di Federconsorzi con i vari provvedimenti di nomina.

In altre parole i commissari governativi assumono il ruolo di gestori e dunque di amministratori della società in luogo di quelli fisiologicamente nominati dagli organi societari, il che val quanto dire che la nomina governativa si sovrappone a quella ordinaria e costituisce una delle forme di attribuzione dei poteri di amministrazione.

Ed allora è d’uopo ritenere che il commissario governativo di per sé rivesta la qualifica di amministratore.

Nulla rileva in senso contrario il fatto che l’art. 2639 cc come modificato dal D.L.vo 61/2002 espressamente includa il commissario governativo tra i soggetti che possono rispondere di reati societari.

L’argomento a contrario, valorizzato dalle difese, secondo cui l’equiparazione non sarebbe potuta stabilirsi prima di quell’espressa inclusione, è del tutto privo di fondamento, in quanto già l’art. 2636 cc, nella previgente formulazione, prevedeva l’ipotesi di reati societari imputabili al commissario governativo (o all’amministratore giudiziale), essendosi dunque semplicemente ribadito in un diverso quadro sistematico un principio già esistente.

E comunque la più recente normativa ha puntualizzato ciò che già sul piano interpretativo sarebbe potuto agevolmente desumersi.

Diversamente opinando, si badi, dovrebbe concludersi che prima della modifica non rientrasse tra i destinatari delle norme neppure l’amministratore di fatto, parimenti incluso -e se mai solo meglio definito- dal nuovo art. 2639 cc, ciò che è smentito da una pacifica tradizione interpretativa, avallata dal costante orientamento della Suprema Corte.[250]

Si è però ancora obiettato che il reato sarebbe stato commesso durante la fase della liquidazione, quando il commissario governativo, quale legale rappresentante di Federconsorzi, operava come liquidatore e non come amministratore della società.

Ora, non v’è dubbio che la bancarotta nel caso di specie debba farsi coincidere con la stipula dell’atto quadro.

Infatti solo da tale momento può dirsi perfezionata una pattuizione teoricamente vincolante, concernente la definizione del prezzo per l’intero coacervo dei beni e tale da determinare ex se un pregiudizio per gli interessi dei creditori.

E’ altrettanto pacifico che la stipula afferiva alla fase della liquidazione, cioè alla fase successiva alla sentenza di omologa, con la quale l’incarico di liquidatore non era stato conferito a terzi, bensì surrettiziamente alla stessa Federconsorzi, in persona del proprio legale rappresentante, dandosi così luogo ad una situazione di sostanziale mancanza del liquidatore in senso proprio.

D’altro canto l’atto quadro fu sottoscritto da un procuratore all’uopo nominato dal prof. Capaldo, quale presidente di SGR, e dal prof. D’Ercole, all’epoca commissario governativo di Federconsorzi.

Nonostante le polemiche e le contestazioni sollevate a proposito della veste in concreto assunta dal prof. D’Ercole, posto che nell’atto quadro non si dice espressamente che  Federconsorzi interveniva come liquidatore, è d’uopo tuttavia ritenere che attraverso le premesse dell’atto fosse chiaro il contesto nel quale la stipula si collocava e che dunque essa afferisse proprio alla liquidazione di Federconsorzi.

Ciò non vuol dire però che il prof. D’Ercole non rivestisse la qualifica soggettiva richiesta dagli artt. 236 e 223 L.F.

E’ certo infatti che egli agì in veste di commissario governativo e di legale rappresentante di Federconsorzi, così come è certo che prima della fase della liquidazione la gestione era rimasta nella mani del commissario governativo con il controllo degli organi della procedura.

D’altro canto, nonostante la liquidazione, la società in concordato conservava una sua propria sfera gestionale, ad esempio per ciò che riguardava il personale ed altri aspetti non direttamente afferenti alla cessione dei beni[251].

Va ancora aggiunto che la bancarotta è configurabile anche nella fase successiva al fallimento, quando certamente la qualifica soggettiva di amministratore non corrisponde alla gestione di effettivi poteri di amministrazione.

Ciò non può che valere anche per il concordato preventivo, in virtù del richiamo all’art. 223 L.F.

Ed allora è d’uopo concludere che la coincidenza in capo al prof. D’Ercole della veste di commissario governativo-amministratore e di quella di commissario governativo-liquidatore non vale ad elidere la qualifica richiesta per la configurabilità del delitto di bancarotta, posto che l’atto quadro, proprio per la sostanziale mancanza di un liquidatore in senso proprio, postulava essenzialmente la qualità di legale rappresentante di Federconsorzi e veniva pur sempre ad incidere sul patrimonio della società, facendo ricadere su di esso i suoi effetti.

43 - Ma se il prof. D’Ercole rivestiva ai fini de quibus la qualità di amministratore, deve ora stabilirsi se la stipula sia inquadrabile nell’una o nell’altra delle fattispecie di bancarotta contemplate dall’art. 223.

Nel capo di imputazione si fa indistintamente riferimento alle ipotesi di distrazione e di dissipazione.

In realtà il problema ha una valenza meramente accademica, giacché è pacifico che si intende far riferimento al medesimo fatto.

Orbene, l’art. 216 e, per effetto dello specifico richiamo, gli artt. 223 e 236  L.F. prendono in considerazione varie condotte che divergono per aspetti marginali, ma che sono tutte sussidiariamente riconducibili alla figura della distrazione, intesa come distacco di beni dal patrimonio e loro sottrazione alla funzione di garanzia dei creditori che il patrimonio ai sensi dell’art. 2740 cc fisiologicamente assolve.

In definitiva nella distrazione deve ricomprendersi ogni episodio connotato dalla fuoriuscita di cespiti dal patrimonio senza una fisiologica causa[252].

Nel caso di specie in realtà la causa del distacco sarebbe potuta ricercarsi nell’atto quadro stipulato in sede di liquidazione.

In concreto si è visto però come il corrispettivo, del tutto inadeguato, non consentisse al  patrimonio di assolvere per intero la sua funzione di garanzia.

In pratica è come se la causa del distacco operasse per una sola parte, lasciando scoperta la parte restante.

Ma tutto ciò non rientra, se non sussidiariamente, nella distrazione in senso stretto.

Al contrario la vicenda va più propriamente inquadrata nella figura della dissipazione, la quale costituisce una più specifica forma di distrazione, caratterizzata da una inadeguata valorizzazione del patrimonio, ingiustificatamente e deliberatamente utilizzato (cioè sprecato) per ricavarne un’utilità  inferiore alle sue potenzialità[253].

In altre parole l’atto quadro rappresenta la causa del distacco, alla quale corrisponde un’entrata, ma quest’ultima è del tutto insufficiente, costituendo dunque un’inadeguata valorizzazione del patrimonio ceduto.

Tutto ciò del resto deve valutarsi nella prospettiva della tutela delle ragioni dei creditori di Federconsorzi.

Si è per vero sostenuto che non sarebbe stata configurabile né una distrazione né una dissipazione, giacché nel caso di specie la SGR era costituita a sua volta da creditori ed era aperta all’ingresso di tutti gli altri entro un termine più volte prorogato, ferma restando la disponibilità di SGR a pagare per intero i crediti fino a 20 milioni di lire e in percentuali variabili quelli di importo fino al miliardo di lire.

In buona sostanza si è addotto che, se la ratio dei reati fallimentari è quella di salvaguardare la garanzia dei creditori, nel caso di specie, avendo gli stessi creditori acquistato il patrimonio, nessun danno essi avrebbero potuto risentire dall’operazione.

Ma non è così.

Su un piano generale potrebbe già in questa sede valutarsi la posizione di quei particolari creditori di lavoro, che tanto pregiudizio hanno risentito dall’improvvido disfacimento della struttura e dalla sua cessione sotto costo.

Ma considerando i soli creditori in senso stretto, deve rilevarsi come SGR non fosse costituita dalla generalità dei creditori, bensì da una ristretta minoranza, pur rappresentativa di una quota notevole delle esposizioni di Federconsorzi, e come la sbandierata possibilità di adesione, implicando un conferimento non del solo credito ma di un ulteriore capitale di rischio e l’accettazione di determinati patti parasociali, fosse così impegnativa, da renderla praticabile solo ai creditori maggiori, disposti a sobbarcarsi all’onere del finanziamento, pur di garantirsi migliori condizioni di riparto.

Del resto basterebbe osservare che il creditore maggiore, cioè Agrifactoring, rimase estraneo a SGR né avrebbe potuto farvi parte, stante la necessità di assunzione di un rischio non compatibile con la pendenza della procedura di concordato preventivo, e che non tutti i creditori comunque si schierarono a favore, tanto che in sede di comitato si registrò la netta presa di posizione contraria da parte del rappresentante di uno di essi.

Va aggiunto che i diritti dei creditori non avrebbero dovuto dipendere dalla riuscita dell’operazione e dall’adesione a SGR, ma avrebbero dovuto essere di per sé tutelati, nel pieno rispetto della scelta fatta dai non partecipanti.

A ben guardare solo l’effettiva e totale partecipazione dei creditori avrebbe precluso in radice qualsivoglia ipotesi di bancarotta, non potendosi in tale ottica sottacere come una siffatta partecipazione fosse stata all’inizio auspicata e cercata anche dal Ministro Goria, interessato ad una liquidazione volontaria, e come la relativa proposta fosse naufragata di fronte al rifiuto di alcuni creditori.

Ciò significa che erano chiari a tutti fin dall’origine sia il valore dell’unanimità sia per contro l’insufficienza della mera possibilità di partecipazione, evenienza resa oltre tutto impraticabile per molti dalla previsione di un investimento a rischio e dalla necessità di aderire a impegnativi patti parasociali.

In conclusione SGR era un soggetto terzo, se mai sfavorevolmente connotato proprio dal fatto di essere costituito solo da una parte dei creditori, così destinati a trovarsi in condizioni di oggettivo vantaggio a danno degli altri.

D’altro canto, che l’operazione avesse la finalità di conseguire il pareggio del bilancio e di assicurare semplicemente una più rapida liquidazione, appare del tutto inverosimile.

Non v’è un solo atto che dimostri la veridicità dell’assunto, neppure i verbali relativi alle riunioni dei creditori facenti parte della cordata[254].

Il contrario risulta invece dalle dichiarazioni dell’Avv. Maugeri, collaboratore dell’Avv. Casella, e soprattutto da un verbale del consiglio di amministrazione della Cassa di Risparmio di Reggio Emilia[255], nel quale viene specificamente prospettata la possibilità di un profitto, da imputarsi a maggior recupero del credito.

Ed allora i termini della questione risultano chiari.

Federconsorzi aveva un patrimonio imponente e variegato che faceva gola a molti.

I maggiori creditori avevano interesse a gestire direttamente la liquidazione, in modo da assicurarsi il miglior risultato possibile e poter così lucrare una percentuale di riparto maggiore, tanto più che alcuni di essi, peraltro determinanti in questa operazione, avevano dovuto di fatto rinunciare al credito verso Agrifactoring, postergato a vantaggio delle banche estere.

Il riequilibrio della situazione imponeva un maggior recupero sul versante di Federconsorzi e dunque l’elaborazione di una strategia che assicurasse quel risultato.

La storia della proposta Casella, dai primi passi incentrati sul conferimento del credito alla versione definitiva, avente ad oggetto la costituzione di un capitale di rischio, dimostra come fosse a mano a mano maturata nei maggiori creditori la consapevolezza di addivenire a forme di liquidazione che in concreto privilegiassero le loro aspettative.

Alla medesima conclusione conduce la constatazione che la proposta tese progressivamente al ribasso oppure al massimo risparmio di spesa, fino al punto che nella definitiva versione essa contemplava un’operazione destinata in pratica ad autofinanziarsi o implicante comunque esborsi relativamente modesti e ritardati[256].

Di fatto l’accettazione del c.d. piano Capaldo ebbe l’effetto di rimettere la procedura di liquidazione nelle mani di SGR ad un prezzo irrisorio, sicuramente inadeguato al presumibile valore di realizzo dei cespiti che componevano il patrimonio.

In ciò si annida la dissipazione, giuridicamente propiziata dalla stipula dell’atto quadro, che valse a definire il prezzo e i termini economici dell’affare.

Del resto a partire da quella stipula la liquidazione di Federconsorzi non avrebbe potuto confidare in nessuna ulteriore entrata.

Corrispondentemente la successiva fase di attuazione del contratto quadro non ebbe un’incidenza sostanziale, visto che il pregiudizio ai creditori era stato ormai arrecato “in blocco”, ma ebbe il solo effetto di determinare il trasferimento della titolarità dei diversi cespiti che componevano il patrimonio.

In tale ottica è dunque ravvisabile una bancarotta fraudolenta per dissipazione, riferibile in primis al soggetto che, tra tutti, rivestiva la qualifica soggettiva richiesta, cioè al commissario governativo dell’epoca Stefano D’Ercole.

44 - Ma egli non fu solo.

Un fondamentale contributo alla perpetrazione del reato fu fornito dal dott. Greco.

Quale giudice delegato prima e quale giudice relatore poi, egli pilotò abilmente la procedura verso l’esito auspicato dal prof. Capaldo.

In tale quadro fondamentali tappe furono la sentenza di omologa, il decreto del 23-3-1993 di autorizzazione alla vendita in blocco e quello del 20-7-1993 di autorizzazione alla stipula dell’atto quadro.

Tale serie procedimentale creò i presupposti perché la bancarotta potesse realizzarsi mediante la cessione del patrimonio a prezzo irrisorio.

D’altro canto ciascun provvedimento era specificamente rivolto a quel risultato, costituendone la causa efficiente.

Da ultimo concorse nel reato il prof. Capaldo.

Costui, fin dall’inizio favorevole ad una procedura di liquidazione globale, fu il promotore della cordata che elaborò l’offerta di acquisto e si attivò poi perché detta offerta fosse accettata.

In tale quadro vanno segnalati i suoi contatti, diretti o indiretti, ufficiali o non, con il dott. Greco, il ruolo incisivamente svolto nella predisposizione dell’offerta, ed in primis del prezzo, in termini sempre più favorevoli agli interessi della cordata, i suoi incontri con i rappresentanti delle maggiori confederazioni sindacali, il ruolo dominante nella costituzione di SGR, di cui divenne presidente, ed infine la stipula dell’atto quadro, sia pur per il tramite di un procuratore speciale.

Va invece escluso dal novero dei partecipanti il prof. Carbonetti.

Costui in realtà divenne consigliere di amministrazione di SGR[257], ma non svolse un ruolo attivo e concreto, per lo meno fino al momento in cui sostituì il prof. Capaldo alla presidenza della società.

Peraltro in tale momento il reato si era ormai perfezionato attraverso la stipula dell’atto quadro, mentre la fase di attuazione dell’accordo va giudicata irrilevante in quanto già irrimediabilmente pregiudicata dalla determinazione vincolante del prezzo.

Costituisce poi il frutto di un equivoco l’attribuzione al Carbonetti del ruolo di amministratore di fatto di Federconsorzi.

Si era in effetti ipotizzato che, avendo SGR ampiamente utilizzato la facoltà di procedere alla liquidazione dei cespiti con il meccanismo del trasferimento diretto da  Federconsorzi a terzi, la ripetuta indicazione degli acquirenti implicasse l’assunzione da parte del legale rappresentante di SGR di poteri gestori di fatto rispetto alla stessa Federconsorzi.

Ma in realtà, quand’anche al Carbonetti fosse stato attribuito in tale contesto un ruolo incisivo, ciò che egli ha tenuto a smentire, imputando ogni responsabilità alla dirigenza di SGR, egli non avrebbe svolto funzioni di amministratore di fatto di Federconsorzi, bensì pur sempre le funzioni di amministratore di SGR, in attuazione dell’atto quadro, che conferiva direttamente alla società la gestione del patrimonio, ormai destinato alla cessione, e che riconosceva alla medesima la possibilità di indicare nel proprio interesse e non di quello di Federconsorzi gli acquirenti dei singoli cespiti, in modo da evitare un fiscalmente oneroso passaggio intermedio.

Né potrebbe giungersi a configurare un concorso del Carbonetti per il solo fatto che in origine egli aveva predisposto i due famosi pareri sulla congruità del prezzo offerto dalla cordata Capaldo.

A prescindere dal significato che l’episodio assume ai fini della ricostruzione della vicenda e soprattutto del ruolo del dott. Greco, va considerato che il Carbonetti, pur fornendo argomenti a favore di un giudizio di congruità, si era limitato ad una disamina superficiale ed aveva sottolineato di non poter comunque formulare valutazioni precise, non avendo a disposizione tutti i dati conoscitivi necessari.

In tal modo deve escludersi che il parere, fra l’altro diretto al solo giudice delegato e reso in epoca remota rispetto alla condotta penalmente rilevante, possa essere ad essa eziologicamente correlato.

45 - Quanto precede vale a delineare la sfera dei soggetti cui il reato può essere materialmente attribuito, ma ciò non significa che costoro possano essere per ciò solo ritenuti penalmente responsabili.

Si tratta infatti di stabilire se essi fossero o meno assistiti dal prescritto coefficiente psicologico.

In subiecta materia viene in considerazione il dolo generico, che richiede la consapevolezza e la volontà di compiere atti che cagionino o possano cagionare un danno ai creditori e che è ravvisabile anche quando l’agente, pur non perseguendo direttamente il danno, tuttavia lo preveda e nondimeno agisca, consentendo che si realizzi[258].

 In un caso di concorso nel reato, occorre inoltre che a ciascuno dei concorrenti possa imputarsi il dolo di concorso, che implica la consapevolezza di partecipare con altri all’operazione potenzialmente dannosa.

Prima di tutto va esaminata la posizione del prof. D’Ercole.

Egli è, come si è visto, l’intraneus, cioè il soggetto in possesso della qualifica soggettiva richiesta dalla norma, affinché il reato di bancarotta possa configurarsi.

Orbene, costui assunse l’incarico di commissario governativo nel mese di maggio del 1993, cioè appena due mesi prima della stipula dell’atto quadro e dopo che gli organi della procedura avevano autorizzato la vendita in blocco alle condizioni proposte dalla cordata Capaldo.

Non solo, ma nel frattempo su sollecitazione del commissario giudiziale, il dott. Piovano, all’epoca ancora commissario governativo, aveva inviato all’Avv. Casella la comunicazione espressa dell’avvenuta accettazione della proposta.

Contrariamente a quanto sostenuto al dibattimento dal prof. D’Ercole non può dirsi che già si fosse perfezionata la cessione del patrimonio.

Basti pensare che solo successivamente sarebbe stata costituita SGR e che in luogo di una cessione uno actu sarebbe stato elaborato l’atto quadro, destinato a regolare i singoli trasferimenti.

Tuttavia si trattava certamente di un atto impegnativo, foriero, se del caso, di responsabilità precontrattuale.

Ma soprattutto va rimarcato come all’accettazione della proposta si fosse addivenuti sulla base di un decreto emesso dal Tribunale, che aveva sottolineato l’opportunità della vendita in blocco e posto in luce come talune circostanze di fatto valessero di per sé sole a colmare il gap tra il valore del patrimonio e il prezzo offerto.

E’ chiaro dunque che il prof. D’Ercole, estraneo alla fase dell’omologa del concordato e trovatosi ad assumere la veste di commissario governativo, quando ormai la strada da percorrere era stata con chiarezza delineata, anche in riferimento al prezzo e alle principali condizioni poste dagli acquirenti, poteva ragionevolmente confidare sulla rispondenza della cessione così strutturata agli interessi dei creditori.

Va per vero precisato che anche il prof. D’Ercole fornì un suo autonomo contributo, concorrendo all’elaborazione dell’atto quadro.

La diversa tesi dell’imputato non trova alcun riscontro negli elementi acquisiti, non essendo del resto ragionevole che il commissario governativo potesse rimanere estraneo alla strutturazione dell’atto e che vi si ingerisse invece, oltre al notaio, il solo commissario giudiziale.

Va al contrario osservato che il prof. Picardi, nel parere espresso il 19-7-1993, in vista dell’autorizzazione alla stipula, ebbe espressamente a segnalare talune circostanze riguardanti la fase delle trattative, direttamente apprese dal prof. D’Ercole.

Ed ancora va rimarcato che la bozza dell’atto da stipulare fu inviata agli organi della procedura dallo stesso commissario governativo.

Ciò vale a rendere palese il ruolo da lui avuto, ma non consente tuttavia di formulare a suo carico un giudizio di colpevolezza.

Infatti il contenuto economico della cessione era sostanzialmente definito prima della stipula dell’atto.

Quest’ultimo influì, aggiuntivamente, solo per la parte concernente l’inclusione nell’oggetto della cessione di beni non ricompresi nella relazione particolareggiata del commissario giudiziale, peraltro a fronte della rinuncia di controparte alla garanzia del verum nomen.

Sebbene quell’estensione potesse avere in teoria effetti rilevanti, in concreto gli ulteriori cespiti di cui si aveva notizia si riducevano a poca cosa.

Non può dirsi che per tale via si fosse arrecato alle ragioni dei creditori un vulnus maggiore di quello derivante dalla previsione del prezzo, delle dilazioni di pagamento e delle varie detrazioni.

Sotto altro profilo va poi rimarcato che l’idea dell’atto quadro non fu del D’Ercole, ma fu al contrario avanzata dall’Avv. Casella già all’indomani dell’accettazione dell’offerta da parte del Tribunale, in epoca anteriore alla nomina del nuovo commissario governativo.

Ed allora è d’uopo concludere che il D’Ercole non poteva avere piena consapevolezza della lesione che si andava arrecando ai creditori e della dissipazione del patrimonio insita nell’accettazione di alcune condizioni di vendita, in quanto indotto ad opinare diversamente da atti ufficiali provenienti dagli organi della procedura.

Da ultimo va considerato il fatto che il D’Ercole fu autorizzato alla stipula dal Ministro dell’epoca, On. Diana, anche se per vero si verificò una circolarità di valutazione, essendo il Ministro a conoscenza solo di quanto lo stesso commissario gli aveva riferito[259].

Tutto questo in definitiva impone di prosciogliere il D’Ercole dal delitto di bancarotta fraudolenta, perché il fatto non costituisce reato.

L’assoluzione dell’intraneus non comporta peraltro l’automatico proscioglimento degli altri imputati.

La dottrina si è spesso fatta carico del problema, non sempre risolvendolo allo stesso modo.

Tra le soluzioni prospettate pare al Collegio di gran lunga più rispondente ad un’esigenza di razionalità e di adeguatezza del sistema, oltre che in linea con i valori di tipicità e di offensività, la tesi che una partecipazione consapevole dell’intraneus sia indispensabile solo quando essa incida sulla lesione del bene protetto.

Si consideri ad esempio la previgente fattispecie dell’abuso di ufficio, introdotta dalla L 86/90.

Richiedendosi una condotta abusiva del pubblico ufficiale, volta a procurare un danno o un vantaggio ingiusti, la lesione del bene protetto sarebbe dovuta necessariamente correlarsi al fatto che fosse proprio il soggetto qualificato a perseguire il fine illecito, sul quale riposava la ratio dell’incriminazione, con la conseguenza che qualora non fosse stato attribuibile al pubblico ufficiale il dolo specifico, non sarebbe stato configurabile neppure il concorso di terzi.

Ma nel caso della bancarotta per distrazione o per dissipazione la lesione deriva oggettivamente dalla condotta tipica, laddove l’intraneus è discriminato solo dalla particolare relazione con il bene protetto, cioè dal fatto che la qualifica può propiziarne l’aggressione.

Ciò significa che, a prescindere dalla partecipazione consapevole del soggetto qualificato, è comunque ravvisabile il concorso di altri che abbiano fornito un contributo al verificarsi, per il tramite dell’intraneus, dell’effetto lesivo che la norma incriminatrice mira a prevenire.

La giurisprudenza della Suprema Corte, senza incertezze, ammette il concorso e la punibilità dell’extraneus anche quando il soggetto qualificato debba essere assolto per mancanza di dolo o per altra causa, diversa dalla mancata partecipazione al fatto[260].

Ed allora l’analisi può proseguire nella direzione indicata.

Quanto in particolare al Greco, va osservato che fin dall’inizio egli mirò ad assicurare alla procedura lo sbocco finale della liquidazione, quando vi sarebbero state più che valide ragioni di ordine formale e sostanziale per privilegiare un esito più radicale con passaggio a procedure diverse.

D’altro canto egli si mostrò sempre contrario, anche ingiustificatamente, a dismissioni parziali, benché ripetutamente suggerite dai commissari governativi.

Inoltre palesò la propria disponibilità ad attendere la costituzione della cordata e poi, nella sentenza di omologa, operò una netta scelta di campo a favore della vendita in blocco, nominando Federconsorzi come liquidatore, differendo la scelta definitiva e nel frattempo non prendendo mai in considerazione il programma di vendite frazionate elaborato dal commissario Piovano.

Al contrario, nei mesi che videro la messa a punto dell’offerta, in termini tutt’altro che rispondenti alle reali esigenze della liquidazione, il Greco non tenne mai verso i promotori dell’iniziativa un atteggiamento di chiusura, quale ci si sarebbe dovuti attendere, stante la dichiarata indisponibilità ad elevare un prezzo che non avrebbe assicurato il 40 % ai chirografari, ma condusse invece trattative che preludevano all’accoglimento dell’offerta a tutti i costi.

Nessuno dei suggerimenti dei commissario giudiziale e del commissario governativo fu accolto, mentre il parere favorevole del comitato dei creditori, invocato ai fini della decisione, era inficiato da un macroscopico conflitto di interessi, non rimosso dal magistrato, pur investito del problema.

Nulla imponeva l’accoglimento della proposta e tuttavia tutto fu fatto in funzione della sua accettazione.

La distanza tra il valore del patrimonio e il prezzo proposto fu giudicata colmabile da una serie di sopravvenienze, almeno in parte non verificate e delle quali non fu comunque concretamente valutata l’incidenza.

Ma soprattutto fu elusa la norma che imponeva di assicurare almeno in via tendenziale la distribuzione del 40% ai creditori chirografari.

L’autorizzazione alla vendita in blocco fu seguita da quella relativa all’atto quadro.

In tal caso del tutto acriticamente vennero recepite le clausole che, smentendo il presupposto della vendita “uno actu”, demandavano a SGR di fissare tempi e modi di attuazione, non essendosi ritenuto di imporre clausole più restrittive.

E soprattutto fu accettata l’estensione dell’oggetto, senza che in motivazione compaia in proposito alcun concreto riferimento.

Che il dott. Greco fosse consapevole dell’impercorribilità della vendita in blocco alle condizioni proposte è dimostrato dal distacco temporale tra la fase dell’omologa e quella delle determinazione definitiva delle modalità di vendita.

Ciò che non era legittimo nel mese di ottobre, quando al patrimonio era stato riconosciuto un determinato valore, non sarebbe potuto divenirlo sei mesi dopo, nei quali nulla di nuovo si era verificato, al punto da giustificare una così drastica riduzione.

Per il resto è degno di nota il pedissequo recepimento del volere dei proponenti, nonostante che l’offerta fosse divenuta a mano a mano ancor meno conveniente.

Tutto ciò suffraga il convincimento che l’affare dovesse comunque concludersi, perché così era stato stabilito e perché così il Presidente Greco voleva che avvenisse.

Né può sottacersi, costituendo anzi un riscontro fondamentale, che lo stesso Greco al dibattimento ha riferito che tutti sapevano che il prezzo era insufficiente.

Si è obiettato - e trattasi di argomento di qualche suggestione[261]- che il Tribunale emise i provvedimenti rilevanti in composizione collegiale e che dunque la volontà del singolo era destinata a dissolversi in quella impersonale del Collegio.

Si è anche aggiunto che il Presidente Greco manifestò costantemente il desiderio che tutti i componenti la sezione fallimentare fossero in qualche guisa coinvolti nelle scelte, mediante un ampio confronto.

Ma in realtà, a prescindere da quanto riferito al dibattimento e altrove dai magistrati che nelle diverse occasioni formarono il collegio giudicante (trattasi di dichiarazioni che non possono valutarsi per i voti espressi, ostandovi il segreto d’ufficio, ma solo per la cornice complessiva nella quale ogni decisione si inserì e per l’individuazione del materiale che fu sottoposto alla comune valutazione), è d’uopo rilevare che l’illiceità della condotta di uno dei membri del Collegio non può trovare nell’inconsapevole adesione degli altri una sorta di catarsi.

D’altro canto non è questa la sede per ipotizzare un eventuale concorso di tutti in un’operazione illecita per avventura condivisa.

Sta di fatto che il dott. Greco ebbe sempre un ruolo predominante.

All’inizio in veste di giudice delegato si palesò come vero interlocutore dei soggetti interessati e propiziò l’indebito sviluppo di una procedura già meritevole di altra sorte.

Poi personalmente si dichiarò disposto ad attendere la cordata, a prescindere da qualsivoglia intervento del Collegio, così mostrando la volontà di addivenire alla vendita in blocco.

Successivamente tenne l’atteggiamento di attesa già descritto, con riguardo all’istanza del 27-5-1992 dei commissari governativi, evidentemente in funzione del buon esito della procedura, obiettivo davvero improprio per un magistrato, che da lì in poi avrebbe fatto di tutto per definire la liquidazione con una cessione in blocco.

D’altro canto nel medesimo lasso di tempo ebbe sicuramente un incontro con il prof. Capaldo e in epoca coeva conferì quasi informalmente al prof. Carbonetti il singolare incarico di pronunciarsi sulla congruità del prezzo, salvo poi occultare ai colleghi, dichiaratisi all’oscuro, l’appunto avuto in risposta e utilizzarlo invece largamente nella sentenza di omologa, senza citazioni.

Tutto ciò dimostra che, quale che fosse l’intendimento degli altri magistrati, il dott. Greco si era già formato una propria opinione, del tutto favorevole alla cessione in blocco ed alle aspettative della cordata Capaldo.

La sua condotta fu dunque connotata dal perseguimento di tale obiettivo all’interno e all’esterno del Collegio e può dunque essere autonomamente apprezzata, a prescindere dalla camera di consiglio e dalle ragioni per cui i colleghi avessero o meno condiviso le stesse scelte.

Piuttosto pare singolare che uno dei magistrati che composero il Collegio chiamato a pronunciarsi sull’atto quadro abbia dichiarato[262] di non aver alcuna consapevolezza del fatto che la decisione alla quale concorse modificasse in parte il decreto del 23-3-1993, estendendo l’oggetto della cessione oltre il limite dei cespiti ricompresi nella relazione particolareggiata.

Ciò vale a lumeggiare il grado di partecipazione degli altri membri ad una valutazione in realtà particolarmente significativa e a gettare più di un’ombra sulla totale mancanza nel provvedimento redatto dal Presidente di qualsivoglia valutazioni critica sul punto.

Ed allora se il collegio fece proprie le valutazioni del presidente, ciò non significa che queste ultime, chiaramente viziate ab origine da un pregiudizio favorevole ad un determinato esito della procedura, possano sic et simpliciter considerarsi lecite, dovendosi al contrario riconoscersi lo specifico ruolo avuto dal dott. Greco, non condizionato bensì condizionante, ed anche strutturalmente distinguibile nelle diverse fasi, in virtù della qualità di giudice delegato o di relatore dei vari provvedimenti[263].

Di qui la valutazione di penale responsabilità del magistrato per il reato di bancarotta fraudolenta da lui primariamente propiziato con provvedimenti univocamente diretti a quello scopo e tali da creare le condizioni giuridico-fattuali perché la dissipazione potesse realizzarsi.

D’altro canto non par dubbio che il magistrato avesse la chiara consapevolezza dell’esiguità del prezzo e del sottodimensionamento delle prospettive di ricavo: tuttavia egli favorì la cessione in blocco e la stipula dell’atto quadro, giungendo addirittura a sottrarre le relazioni del prof. Carbonetti, che egli avvertiva come idonee a rivelare l’occulta trama.

In tal modo egli concorse nel reato, materialmente attribuibile, in primis, al soggetto qualificato, cioè al D’Ercole,

Relativamente al prof. Capaldo, si è già delineato l’insieme delle condotte eziologicamente rilevanti.

Si è sostenuto a sua difesa che ricorrerebbe nel caso di specie un’ipotesi del tutto analoga a quella del privato che rivolga alla P.A. un’istanza di rilascio di un provvedimento illegittimo, perché in contrasto con la normativa di riferimento, ipotesi rispetto alla quale la Suprema Corte ha più volte e del tutto convincentemente osservato che ciò di per sé non basta a configurare il concorso in un eventuale abuso commesso dal funzionario che effettivamente rilasci il provvedimento richiesto.

Ma nel caso di specie la situazione è sotto molti profili diversa.

Innanzi tutto ricorre un’ipotesi di reato in contratto, caratterizzata dall’illiceità in concreto di una determinata pattuizione contrattuale.

Le parti del contratto hanno tutte parimenti concorso alla sua stipulazione e alla lesione dell’interesse protetto dalla norma incriminatrice invocabile.

D’altro canto la materiale partecipazione del Capaldo in prima persona o per il tramite di suoi incaricati, non solo alla stipula finale, ma a tutte le fasi procedimentali che l’hanno preceduta e preparata, in forma di istanza, di elaborazione, di sollecitazione, di confronto, di spiegazione, ha finito per coinvolgerlo nella realizzazione di quel contratto illecito che ci occupa, ben diversamente da quanto avviene con riguardo ad un provvedimento unilateralmente rilasciato da una P.A. su istanza dell’interessato.

Non v’è dubbio inoltre che il Capaldo fosse consapevole di dover pervenire al risultato perseguito attraverso il contributo fattivo di altri soggetti, a cominciare dal giudice delegato e da chi, quale commissario governativo, avrebbe dovuto stipulare il contratto di cessione, rectius l’atto quadro.

Ciò sul piano strutturale vale a configurare la partecipazione del Capaldo al reato, quale extraneus, che propizia e determina la condotta dell’intraneus orientandone altresì la volontà.

Del resto il predetto imputato sapeva di poter fare affidamento su chi maggiormente contava in questa procedura, cioè il dott. Greco.

Due sono gli elementi che convincono di ciò.

Innanzi tutto era noto che il prof. Capaldo stava predisponendo un piano riguardante la vendita in blocco e il dott. Greco fin dal mese di marzo rivelò di essere disposto ad attendere la cordata, dopo aver tenuto per l’intero arco della procedura una condotta volta a non pregiudicare la formale liquidazione e a mantenere intatta la composizione del patrimonio.

Inoltre tra il giugno e il luglio 1992, dopo che l’offerta Capaldo era stata divulgata e comunicata agli organi della procedura, il predetto e il Greco ebbero un incontro riguardante i contenuti della proposta.

Sta di fatto che in epoca coeva venne conferito dal magistrato al prof. Carbonetti quell’incarico singolare di cui più volte s’è detto, singolare perché sostanzialmente informale e privo di contenuti pregnanti ed al tempo stesso costituente il solo tentativo fatto dal dott. Greco per rivestire di qualche contenuto valutativo ab extrinseco, processualmente spendibile, la scelta che egli poi avrebbe fatto.

Proprio la scarsa significatività dell’appunto del Carbonetti e l’assenza di ulteriori acquisizioni dello stesso tipo dimostrano come quella scelta fosse stata presa senza concreti riscontri valutativi, il che fa di per sé pensare ad un accordo con il proponente nonché alla surrettizia ricerca fin dall’inizio di una qualche forma di copertura.

Che poi il dott. Greco avesse ritenuto di poter sostanzialmente ignorare i suggerimenti del commissario governativo e del commissario giudiziale senza dedicare loro che poche e scarne righe, nonostante l’andamento progressivamente meno incisivo dell’offerta, costituisce conferma del fatto che il disegno postulasse la previa e organica adesione del magistrato, disposto ad andare avanti in un’impresa, che nonostante l’elasticità delle norme non si sarebbe potuta in alcun modo giustificare.

Non è un caso che nessuno abbia saputo conveniente spiegare perché mai dovesse per forza giungersi alla vendita in blocco a quelle condizioni, unica ragionevole spiegazione essendo quella che postula l’esistenza di un accordo.

Non occorreva peraltro l’adesione di tutti i soggetti destinati prima o dopo a svolgere un ruolo nella procedura, essendo sufficiente il coinvolgimento di quelli strategicamente più significativi ed essendo invece fatale che chi, come il dott. Piovano e nell’ultima fase anche i primi commissari, avvertiva disagio, finisse per preferire un commodus discessus.

Piuttosto va segnalato come la Suprema Corte abbia di recente avallato l’impostazione qui seguita, affermando che nella bancarotta fraudolenta per distrazione mediante volontaria cessione a titolo oneroso di beni dell’impresa può configurarsi il concorso dell’acquirente, qualora si accerti la conoscenza da parte di questi che la cessione lede i diritti dei creditori sulla massa patrimoniale attiva.[264]

Ed invero non par dubbio che il prof. Capaldo fosse assistito da quella  consapevolezza.

Innanzi tutto costituisce non più che una mera difesa l’assunto che l’offerta fosse la migliore possibile, in quanto appena idonea ad assicurare il pareggio del bilancio.

In realtà non è vero né l’una né l’altra cosa, poiché i partners non avevano alcuna percezione dell’assenza di profitti e perché neppure il prof. Capaldo ha saputo giustificare ad es. il meccanismo delle detrazioni del prezzo.

In ogni caso si è già visto come il predetto avesse determinato il prezzo nella percentuale del 55% del valore del patrimonio indicato nella relazione particolareggiata,  costituendo un’elaborazione a posteriori il più ampio ragionamento sviluppato in sede processuale.

Ciò conferma che si era utilizzata come parametro di base proprio quella stima che al dibattimento è stata aspramente contestata, ricomprendente tutti i cespiti e lo stesso credito MAF.

Già su queste basi può affermarsi che il prof. Capaldo era consapevole di offrire una cifra del tutto inadeguata rispetto alle potenzialità realizzative.

Ma la prova decisiva in tal senso è data dal fatto che nel conteggio elaborato in sede di simulazione si prevedeva di ripartire il 40% ai chirografari, nel presupposto che a fronte del prezzo di 2.150 miliardi le spese in prededuzione ammontassero a 40 miliardi.

Ma in realtà già dalla relazione particolareggiata del prof. Picardi e dalla sentenza di omologa si evinceva chiaramente che le spese in prededuzione sarebbero state molte di più, essendo in gran parte correlate alla gestione di Federconsorzi e dunque indipendenti dalle modalità di liquidazione.

In tale senso sarebbero dovute decisivamente considerarsi le stime formulate dal commissario giudiziale nel proprio parere del febbraio 1993, allorché aveva allegato una serie di prospetti indicanti le spese sostenute e la previsione di risparmio a seconda del tipo di liquidazione.

Risultava chiaro in tal modo che le spese prededucibili erano superiori a 40 miliardi e che dunque nell’ipotesi di accettazione di un prezzo di 2.150 miliardi la percentuale del 40% in favore dei creditori chirografari non sarebbe potuta garantirsi.

Detto altrimenti, erano le stesse premesse utilizzate dal prof. Capaldo a rivelare l’inadeguatezza dell’offerta e la sua idoneità a ledere le legittime aspettative di quei creditori che del tutto ragionevolmente avessero reputato di non aderire alla costituenda società.

Quand’anche il Capaldo avesse ritenuto di non poter offrire di più, ciò non significa che la richiesta dovesse per forza essere accolta, ben potendosi procedere nelle forme tradizionali, rinunciando alla “forte spinta innovativa” evocata dalla sentenza di omologa.

Né potrebbe mai pensarsi che l’operazione fosse stata specificamente avallata nel merito dalla Banca d’Italia, posto che la presa d’atto dell’Istituto[265] afferiva a profili diversi, primariamente riguardanti l’incidenza dell’acquisizione sull’equilibrio economico-finanziario delle banche coinvolte.

In conclusione non vi sarebbe potuto essere alcun margine per l’accoglimento di una proposta che in partenza non garantiva la distribuzione della percentuale di legge e che comunque comportava un’inaccettabile svalutazione del patrimonio, formato da cespiti della più diversa natura, ma di certo meritevole di ben altra considerazione.

La figura del benefattore invocata da più parti non si attaglia dunque al caso di specie.

Duole osservare che, stritolati dall’ingranaggio, rimasero non solo i creditori che non vollero partecipare all’avventura, ma anche tanti dipendenti, magari troppo ben abituati da un favorevole regime contrattuale, ma comunque trovatisi all’improvviso senza concrete prospettive di lavoro, anche in conseguenza delle modalità di attuazione della liquidazione, in origine guardate da taluno di buon occhio perché apparentemente idonee ad evitare smembramenti e perché incentrate anche su un progetto alternativo, peraltro ben presto naufragato  sotto il peso di un diffuso disinteresse.

Per intanto, concludendo sul punto, è d’uopo ritenere anche il prof. Capaldo, ideatore e stratega dell’operazione, colpevole del delitto di bancarotta fraudolenta ascrittogli.

46 - Quanto all’ipotesi di abuso di ufficio, congiuntamente contestata, si rileva che essa afferisce alle fasi provvedimentali.

Di sicuro, sulla base di quanto fin qui osservato, è d’uopo ritenere che il dott. Greco mirasse ad assicurare alla cordata facente capo al prof. Capaldo il vantaggio derivante dall’accettazione della proposta e dunque dalla possibilità di procedere in proprio e nelle forme preferite alla liquidazione del patrimonio.

Ciò vale ad integrare quello sviamento della funzione, finalizzato al perseguimento di un vantaggio patrimoniale ingiusto, in cui si concretava la previgente fattispecie dell’abuso di ufficio.

Nonostante la sopravvenuta modifica introdotta dalla L 234/97 il reato di abuso di ufficio risulta ancora configurabile, poiché i provvedimenti emessi dal presidente Greco, anche collegialmente, paiono viziati dalla violazione delle norme che in tema di concordato preventivo limitano la possibilità di omologa ai soli casi in cui sia possibile almeno in partenza la distribuzione di una percentuale non inferiore al 40% e impongono il controllo degli organi della procedura sull’intera fase della liquidazione, nel caso di specie affidata invece, attraverso l’escamotage del contratto quadro, ad un soggetto terzo, privo di legittimazione.

Inoltre gli stessi provvedimenti risultano rivolti ad assicurare un vantaggio patrimoniale ingiusto, in quanto in contrasto con le citate norme dell’ordinamento e con la regola della par condicio creditorum, in concreto violata dall’intero meccanismo adottato e dall’indebita svalutazione del patrimonio.

Né può dubitarsi del fatto che il dott. Greco avesse specificamente di mira quell’obiettivo, così da accondiscendere ai voleri dei proponenti, essendo i vari provvedimenti volti, fin dalla nomina di Federconsorzi come liquidatore, a porre la  liquidazione nelle mani di SGR ad un prezzo del tutto inadeguato, inidoneo in partenza perfino ad assicurare la distribuzione del 40%.

Su tali basi è integrato altresì l’estremo dell’intenzionalità.

Il contributo del dott. Greco, che nella specie va considerato alla stregua di intraneus va peraltro valutato congiuntamente a quello del prof. Capaldo, stratega dell’operazione.

Ancora una volta estranei vanno invece considerati il Carbonetti e il D’Ercole.

Il Carbonetti infatti non ebbe alcun ruolo concreto prima di divenire presidente di SGR, peraltro in epoca successiva alla stipula dell’atto quadro.

Il D’Ercole assunse la veste di commissario governativo dopo che il Tribunale aveva autorizzato la vendita in massa.

Quanto all’autorizzazione alla stipula dell’atto quadro, pur avendo lo stesso D’Ercole predisposto l’atto unitamente al notaio Mariconda, non può dirsi che il predetto abbia materialmente concorso nel reato, essendosi limitato a dare attuazione ad una decisione presa in precedenza e non constando che il predetto avesse esercitato pressioni sul dott. Greco o su altri.

Anche per il Greco e per il Capaldo va tuttavia pronunciata sul punto sentenza di proscioglimento.

Infatti il nuovo limite edittale della pena detentiva prevista dall’art. 323 cp rende applicabile come termine massimo di prescrizione quello di sette anni e sei mesi, ormai ampiamente decorso, dovendosi computare come dies a quo, anche nell’ipotesi di continuazione di reati, la data della stipula dell’atto quadro, cioè il 2-8-1993.

Si impone dunque la declaratoria di estinzione.

E’ appena il caso di sottolineare l’impraticabilità della via suggerita dalle parti civili, incentrata sulla qualificazione del fatto come peculato, posto che nella specie non è in nessuna fase ravvisabile una condotta di appropriazione.

 

TRATTAMENTO SANZIONATORIO E CONSEGUENZE RISARCITORIE

47 - Venendo al quantum di pena irrogabile al Greco e al Capaldo, non può non considerarsi la spregiudicatezza palesata dalle condotte fin qui descritte.

Né pare che possa sottacersi la consistenza del danno arrecato alle ragioni dei creditori, tale da rendere applicabile l’aggravante di cui all’art. 219/1° L.F.

In effetti basta considerare che la stessa SGR ha denunciato realizzi per 2.700 miliardi e che a ciò è da aggiungere la concreta utilità riveniente dai beni residui, consolidatisi in capo alla Liquidazione solo a seguito della transazione del luglio 1998, a cominciare dal credito MAF, che ha concretamente inciso sui valori in gioco.

Peraltro sia al Greco che al Capaldo possono concedersi le attenuanti generiche, in considerazione della pregressa incensuratezza.

Dette attenuanti si reputano equivalenti alle aggravanti contestate, dovendosi quanto al Greco considerare anche l’aggravante del nesso teleologico ex art. 61 n. 2 cp, riferibile ai capi a) e b), integrata dall’evidente funzionalità della soppressione di atti alla realizzazione della trama complessiva.

Ritenuto un unico reato di bancarotta e ravvisata la continuazione tra i reati addebitati al Greco, all’evidenza avvinti dal medesimo disegno criminoso, stimasi equo irrogare a costui la pena di anni quattro e mesi sei di reclusione (p.b. per la bancarotta anni quattro, aumentata ut supra ex art. 81 cp) e al Capaldo la pena di anni quattro di reclusione.

Segue la condanna di entrambi in solido al pagamento delle spese processuali.

Vanno inoltre applicate agli imputati le pene accessorie di cui al dispositivo.

48 - Va a questo punto considerata la posizione delle parti civili.

Nel presente processo si sono costituiti molti dei lavoratori già alle dipendenze di Federconsorzi, che hanno sostenuto di aver risentito un danno, oltre che dalla scelta del commissariamento e dall’ammissione al concordato preventivo, anche dalle modalità con cui la procedura fu gestita fino alla stipula dell’atto quadro.

Richiamata l’ordinanza del 20-6-2001, con la quale il Collegio estromise alcune parti civili, peraltro rigettando la richiesta di esclusione di tutte le altre, va osservato che nel presente processo non è direttamente rilevante quanto avvenne prima della sentenza di omologa, posto che le imputazioni si riferiscono alla fase originata da tale sentenza.

Correlativamente non rilevano come “fatti principali”, produttivi di danno, quelli verificatisi in precedenza, a cominciare da eventuali condotte di bancarotta ipotizzabili per il periodo che precedette l’ammissione alla procedura.

Tuttavia, pur dando atto di ciò, non può trascurarsi il fatto che il danno risarcibile può derivare anche da una progressiva lesione di un medesimo diritto.

Così, se si afferma che la posizione di lavoro fu pregiudicata dal commissariamento e da pregresse forme di depauperamento del patrimonio, ciò non significa che non possa attribuirsi in questa sede rilievo a quelle condotte che possano aver ulteriormente compromesso la sorte dei lavoratori.

In particolare va considerato che una società in concordato non perde la propria identità, neppure quando sia prospettata la cessione dei beni ai creditori, tanto che da un lato la conduzione dell’impresa rimane affidata ai precedenti amministratori, salva all’esito dell’omologa la fase della liquidazione, e dall’altro permane la possibilità del ritorno in bonis, qualora per avventura i crediti trovino piena capienza nel patrimonio liquidato[266].

L’ipotesi non è nel caso di specie puramente accademica, se si pone mente al fatto che il patrimonio di Federconsorzi, nel momento dell’ammissione al concordato, aveva un valore di libro di circa 6.000 miliardi di lire e che in base alle stime dei consulenti, senza le riduzioni prudenzialmente apportate dal commissario giudiziale nella relazione particolareggiata, esso avrebbe avuto nel novembre 1991 un  valore di  4.800 miliardi di lire, superiore a quello dei debiti accertati.

D’altro canto, se è vero che il concordato presupponeva un progressivo alleggerimento del costo del personale, non deve per questo pensarsi che la sorte dei lavoratori fosse senza rimedio segnata.

Al contrario, oltre alle teoriche prospettive di ritorno in bonis, da coordinare oggi con la messa in liquidazione disposta dalla L 410/99, vi era fin dall’inizio la previsione di una parallela ripresa dell’attività di commercializzazione, che avrebbe dovuto assorbire il personale, garantendo il livello occupazionale ed il trattamento economico-normativo a livelli accettabili.

Non si trattava, si badi, di promesse al vento, bensì di prospettive concrete evocate già nel ricorso per l’ammissione alla procedura, facente espressamente leva sulla nuova  iniziativa, destinata a sopperire alle esigenze del mondo agricolo, e di finalità costantemente perseguite fin dalla prima ora dai commissari governativi, che, dopo aver pensato di conferire un incarico alla SIGE Investimenti, onde reperire dei partners disponibili, si erano applicati per rivitalizzare la società Fedit-Agrisviluppo, poi trasformata in Agrisviluppo dal commissario Piovano.

Sta di fatto che negli accordi sindacali stipulati a partire dal novembre 1992, quindi già all’indomani della sentenza di omologa, si fece sempre espresso riferimento ad Agrisviluppo come veicolo della nuova iniziativa, e correlativamente le parti contraenti assunsero lo specifico obbligo di favorire quell’iniziativa e di destinare ad essa non meno di 120 unità.

Ciò significa che la procedura avrebbe dovuto assicurare quell’obiettivo e che si sarebbero dovute formulare scelte congruenti.

Né si può pensare che la sorte dei lavoratori, al di là degli aspetti meramente formali, fosse del tutto estranea alla sfera di valutazione degli organi della procedura o di quanti si fossero trovati ad interagire con essi.

Le vicissitudini di Federconsorzi influivano infatti direttamente sulla posizione di lavoro del personale, cioè su quel diritto costituzionalmente garantito (artt. 4 e 36 Cost.)  ad un lavoro confacente con le proprie attitudini, che a ciascun lavoratore è riconosciuto, cosicché ogni intervento destinato a ridurre i margini di sopravvivenza della società, incidendo sul suo patrimonio, avrebbe avuto una diretta ripercussione sui lavoratori o piuttosto sulla loro stessa vita.

Correlativamente possono utilmente trovare tutela in questa sede quelle posizioni soggettive che si assumono lese dalle prescelte modalità di gestione della procedura e dunque in primo luogo dal tipo di liquidazione del patrimonio.

Deve invero convenirsi che dall’anomala vendita in blocco dei cespiti, attuata per il  tramite dell’atto quadro, derivarono plurime e significative conseguenze dannose.

Contrariamente alle previsioni formulate anche in ambienti sindacali, la cessione a SGR comportò lo smembramento della struttura e delle attività e immediatamente vanificò ogni prospettiva di utile ritorno in bonis.

Pproprio in conseguenza della stipula dell’atto quadro il commissario governativo D’Ercole diramò il comunicato concernente la messa in mobilità di 55 unità, nel presupposto della progressiva cessazione di tutti i rapporti lavorativi.

Ma nel contempo la partecipazione totalitaria in Agrisviluppo fu trasferita a SGR, che direttamente o per il tramite dei propri soci, veri beneficiari dell’operazione, nulla fece all’indomani dell’atto quadro per riavviare concretamente l’attività di commercializzazione.

Sul punto si sono già esaminate le insoddisfacenti spiegazioni fornite dal prof. Capaldo, ma è comunque un fatto che, svincolata dal controllo degli organi della procedura, la prospettiva di ripresa fu del tutto vanificata, essendo stata affidata a non più che vaghe promesse, rimaste senza esito.

I lavoratori avrebbero potuto invece face legittimo affidamento sulla chance loro offerta.

Nel contempo la procedura avrebbe dovuto operare in modo che quella chance, riferibile ad almeno 125 unità, trovasse una sua concreta realizzazione.

Non v’è dubbio che la cessione in massa a SGR per il tramite dell’atto quadro frustrò ogni speranza e pose nel nulla un impegno ufficialmente assunto in sede sindacale.

Se dunque si considera che: l’ammissione alla procedura era stata disposta anche nel presupposto della ripresa di una parallela attività di commercializzazione e di sostegno all’agricoltura; le fasi successive erano state caratterizzate dalla ricerca di soggetti disposti ad investire sul progetto; in sede sindacale era stato concordato di puntare sul mantenimento dei livelli occupazionali anche attraverso l’attuazione di quel progetto; se si considera tutto questo, non può che prendersi atto della siderale distanza che intercorre tra tali premesse e le scelte in concreto operate, che di fatto determinarono la fine di Federconsorzi, senza alcuna alternativa, e che vennero a comprimere in modo ingiustificato quelle chances di occupazione sui quali i lavoratori legittimamente puntavano.

Non potrebbe in senso contrario sostenersi che molti di quei lavoratori scelsero la via dell’esodo incentivato ovvero transitarono,  in due diverse fasi, nei ruoli della P.A.[267]

In realtà lo sviluppo della procedura ridusse i margini di scelta dei lavoratori, costretti ad assistere passivamente e senza alcuna contropartita adeguata, al progressivo e irrimediabile disfacimento della società.

Essi si trovarono stretti tra due sole opzioni, l’esodo o il passaggio alla P.A., preceduta spesso anche da mortificanti prove di verifica, fermo restando che per tutti si sarebbe comunque trattato di essere adibiti a mansioni largamente inferiori, non solo sotto il profilo economico ma anche e prima di tutto dal punto di vista professionale ed umano, a quelle svolte in Federconsorzi  [268].

 Anche chi fruì dell’esodo incentivato può dunque oggi legittimamente pretendere una rifusione adeguata, come chi si trovò da allora a dover accettare insopportabili demansionamenti.

Il fattore umano implicato dalla prestazione lavorativa può anzi essere valorizzato anche dal punto di vista del danno biopsicologico e di quello morale da reato, nel quale deve necessariamente farsi rientrare ogni tipo di pregiudizio esistenziale in questa sede addotto.

Il danno va in primo luogo commisurato alla perdita di una concreta chance di mantenimento delle precedenti condizioni di lavoro, determinata non solo dalla crisi di Federconsorzi, ma progressivamente anche dallo sviluppo della procedura fino alla cessione in massa a SGR, attuata in luogo di una diversa e più ragionevole forma di liquidazione, dalla quale sarebbe potuta meglio derivare la salvaguardia delle posizioni lavorative.

La chance va rapportata al trattamento retributivo spettante alle parti civili, proiettato fino all’età pensionabile e da lì, nei congrui casi, sul trattamento pensionistico, il tutto con abbattimenti prudenziali[269].

Vanno aggiunti poi sia il danno morale da reato, comprensivo dell’instabilità esistenziale di tipo transeunte, sia il danno biopsicologico,  che possono dirsi tanto maggiori quanto più incisivo sia risultato il concreto pregiudizio alle normali condizioni di vita, derivante da depressione, stress, ansia.

In tal senso ben possono valorizzarsi anche le valutazioni medico-legali riferite ad un gruppo di 80 lavoratori, contenute nella relazione del prof. Massimo Casacchia, che sulla base di un sistematico lavoro di intervista ed analisi ha saputo convenientemente delineare un quadro patologico eziologicamente riconducibile alle negative vicissitudini del rapporto di lavoro ed alle connesse esperienze di vita, come tale rilevante in questa sede[270].

Tra i parametri di calcolo del risarcimento indicati da ciascun legale[271], in linea generale supportati da documentazione afferente alla posizione lavorativa di ciascun lavoratore[272], devono prescegliersi quelli che fanno leva sulla diversa data di cessazione dell’attività lavorativa in Federconsorzi per effetto di esodo o di passaggio alla P.A. nel 1994 o nel 1996, e che tengono conto dell’aliunde perceptum, cioè del quantum di retribuzione percepita presso la P.A., dovendosi altresì dedurre in tale prospettiva la stessa incentivazione all’esodo (compensatio lucri cum damno).

Peraltro detti parametri vanno approfonditi nella competente sede civile, abbisognando di ulteriori verifiche.

A carico del Greco, del Capaldo e del responsabile civile SGR spa, coinvolta dall’operato del suo legale rappresentante, va dunque emessa sentenza di condanna generica alla rifusione in solido dei danni cagionati ai lavoratori, costituitisi parte civile e non estromessi in limine.

A tal fine si segnala che il Collegio ha rilevato nelle conclusioni scritte alcune duplicazioni di nominativi ovvero la riproposizione di nominativi estromessi.

Nel dispositivo si è perciò provveduto ad indicare i lavoratori in favore dei quali è stato riconosciuto il diritto al risarcimento, distribuendoli in base al legale che li rappresentava.

Deve inoltre precisarsi che nel caso di D’Innocente Sabina risultano essersi costituiti nelle more gli eredi Salustri Franco, Salustri Marco e Salustri Luca, rispettivamente marito e figli della donna, nelle more deceduta.

Le domande formulate da soggetti che non compaiono nel dispositivo devono intendersi rigettate per mancanza di presupposti ovvero per mancanza di documentazione probante o di specifiche indicazioni quantitative negli specchietti allegati alle conclusioni scritte.

A ciascuno dei lavoratori in favore dei quali viene pronunciata condanna può riconoscersi una provvisionale immediatamente esecutiva a carico solidale del Greco, del Capaldo e di SGR spa.

La provvisionale, per ciascuno determinata come da dispositivo, riflette una quota minima e certa del danno patrimoniale e non patrimoniale ravvisabile ed è rapportata ai parametri invocati da ciascun legale, non eccedendo peraltro in nessun caso una soglia prudenziale[273].

Tra le parti civili si annoverano inoltre il Ministero della Giustizia, il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e la Presidenza del Consiglio, patrocinati dall’Avvocatura dello Stato, nonché il CAP di Perugia.

Quanto al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali viene invocato un danno da incapienza, determinato dal depauperamento del patrimonio conseguito all’attuazione di illecite modalità di liquidazione.

Esso è ricollegato ad un credito vantato dallo Stato nei confronti della stessa Federconsorzi in relazione ad una pluralità di titoli: il saldo del fondo di rotazione, costituito dalla L 910/66, su cui Fedit svolgeva operazioni di credito agrario e riscuoteva sia le annualità di ammortamento che gli interessi,  e in relazione al quale ha omesso di riversare la somma di  261 miliardi di lire; la gestione da parte di Fedit, per conto dello Stato, della campagna di commercializzazione del grano per l’annata 1962/63 e per quella successiva, con riguardo alla quale è risultato un debito della società di circa 10 miliardi di lire al 31-12-1984; la gestione da parte di Fedit nell’interesse dello Stato dell’attività di approvvigionamento di cereali all’estero, in relazione alla quale di 2499 rendiconti non ne sono stati approvati per mancanza di documentazione bancaria ben 1214, il che ha comportato il riconoscimento dei soli interessi praticati sui conti di disponibilità dello Stato e l’insorgenza di un credito del Ministero di circa 705 miliardi di lire.

Tali crediti sono supportati dalla documentazione prodotta dall’Avvocatura dello Stato all’udienza del 27-6-2001 nonché da quella prodotta prima della discussione finale[274], dalla quale emerge che il TAR Lazio ebbe a rigettare il ricorso presentato da Fedit avverso il provvedimento di annullamento di ufficio dei rendiconti e che in sede di ricorso straordinario fu ribadita la legittimità dell’operato del Ministero.

A tale stregua risulta un cospicuo credito destinato a rimanere incapiente, il che ben può ascriversi anche alle modalità di liquidazione prescelte e può dunque legittimare la pretesa risarcitoria avanzata in questa sede.

Peraltro può pronunciarsi a carico del Greco e del Capaldo e di SGR solo una condanna generica, con liquidazione da rimettersi alla separata sede civile.

Non osta alla condanna il fatto che nel corso della procedura di concordato sia intervenuta transazione tra  SGR e la Liquidazione, giacché in questa sede il titolo della domanda è costituito dal danno da reato addebitato agli odierni imputati, titolo non pregiudicato dalla transazione, riguardante pretese e soggetti diversi.

Inoltre è d’uopo osservare che la transazione, in quanto afferente ad atto nullo per contrarietà a norme imperative, è a sua volta nulla ad ogni effetto ex art. 1972 cc.

Va aggiunto che nessuna preclusione alla proposizione della domanda azionata dal Ministero per le Politiche Agricole può ricavarsi dall’art.  240 L.F., che, quand’anche applicabile alle procedure concorsuali riguardanti società, considera ostativa l’effettiva costituzione del curatore o del commissario giudiziale e non la mera possibilità di costituzione.

Quanto poi alla Presidenza del Consiglio, deve prendersi atto dell’orientamento giurisprudenziale secondo cui ad essa spetta la titolarità di pretese risarcitorie che traggono origine dall’esercizio della giurisdizione, in quanto facente capo allo Stato Comunità.

 Ma ritiene il collegio che una siffatta impostazione non possa riguardare tutte le condotte illecite eventualmente poste in essere da magistrati, ma solo quelle che intimamente si connettano alla giurisdizione, in quanto di essa costituenti diretta esplicazione o in quanto ad essa finalisticamente correlate (si pensi alla corruzione propria antecedente).

In tale ottica ben sarebbe potuto ravvisarsi un danno risarcibile in caso di  condanna per il reato di abuso di ufficio, che tuttavia è risultato estinto, ovvero per quello di rifiuto di atto di ufficio, che è invece risultato insussistente.

Non altrettanto può dirsi per i reati di falso per soppressione e per quello di bancarotta fraudolenta.

Quanto ai primi è evidente che esso non afferiva all’esercizio della giurisdizione, ma si collocava del tutto al di fuori essa.

Ma neppure sarebbe potuto cogliersi un nesso finalistico verso risultati giurisdizionali contra legem, non inquadrabili ex se in autonome fattispecie: in altre parole la ravvisabile proiezione verso l’abuso di ufficio perde rilievo, in quanto assorbita da quest’ultimo, nondimeno estinto e dunque non valutabile.

Quanto alla bancarotta, deve ancora osservarsi come il contributo fornito dal dott. Greco fosse di per sé idoneo ad integrare un reato commesso nell’esercizio della giurisdizione, ma si proiettasse poi verso un risultato tale da costituire autonomo reato, esulante di per sé dalla sfera della giurisdizione e riguardante la tutela del ceto creditorio.

Ciò significa che al di là dell’abuso di ufficio, come detto estinto, non residua alcun margine per la tutela ex se della giurisdizione e dunque dello Stato Comunità, rappresentato dalla Presidenza del Consiglio.

La relativa domanda va dunque rigettata.

Va invece accolta quella del Ministero della Giustizia, la cui legittimazione è da ricondurre alla funzione organizzativa ad esso facente capo e al conseguente interesse ad una corretta predisposizione di mezzi e risorse, oltre che alla spettanza al Ministro ex art. 106 Cost. del potere di iniziativa disciplinare nei confronti dei magistrati, che si correla, per ragioni di equilibrio tra funzioni di rango costituzionale, ad una sfera di controllo da esercitarsi all’interno della stessa organizzazione piuttosto che sulla giurisdizione, così da poter prescindere dal diretto esercizio di questa.

Non v’è dubbio che nel caso di specie le modalità della liquidazione attuate all’esito di un iter procedimentale sviato abbiano comportato un danno all’immagine, in conseguenza dell’incardinamento organico di uno dei protagonisti della vicenda e dello stretto correlarsi di questa ad una procedura giudiziaria, implicante utilizzo di persone e cose.

Inoltre va considerato il fatto che il duplice falso per soppressione, pur non afferendo direttamente all’esercizio della giurisdizione, ha tuttavia comportato un vulnus al corretto svolgersi della procedura, determinando un appannamento dell’immagine del Ministero e l’impiego di adeguate risorse, per sopperire al deficit riscontrato.

Se la liquidazione va rimessa alla separata sede civile, può nondimeno riconoscersi una provvisionale immediatamente esecutiva determinata come da dispositivo a carico di Greco, Capaldo e SGR per la bancarotta e del solo Greco per il falso per soppressione.

Da ultimo va considerata la posizione del CAP di Perugia.

Anche in questo caso è stato invocato un danno da incapienza derivante da depauperamento del patrimonio, a fronte di un cospicuo credito.

Va osservato che il credito vantato ha un suo fondamento, riconosciuto di recente anche dal Tribunale di Perugia[275] con la sentenza emessa nella causa intercorrente tra lo stesso CAP e Federconsorzi.

La pretesa risarcitoria può dunque essere accolta, in quanto quel credito è destinato a rimaner privo di adeguato soddisfacimento, stante l’entità del ricavo della liquidazione, inferiore a quello che sarebbe stato legittimo attendersi.

La liquidazione va peraltro rimessa alla separata sede civile, senza che possa in questo caso concedersi alcuna provvisionale.

In favore delle parti civili cui è stato riconosciuto il diritto al risarcimento va disposta inoltre la condanna di Greco, Capaldo e di SGR a rifondere in solido le spese di costituzione e difesa, liquidate come da dispositivo.

E’ solo il caso di osservare che si è dato rilievo all’importanza dell’incarico e alla complessità del procedimento, nonché al contributo da ciascun legale offerto sul piano della ricerca e della formazione della prova.

Inoltre è stato considerato il fatto che i difensori dei lavoratori, salvo alcune eccezioni, hanno patrocinato un numero rilevantissimo di parti, cosicché l’importo unitario è stato moltiplicato secondo tariffa entro il limite massimo all’uopo previsto.

P.    Q.    M.

Visti gli artt. 533, 535 cpp,

dichiara

Greco Ivo colpevole dei delitti ascrittigli al capo a) -limitatamente all’ipotesi di cui all’art. 490, 61 n. 2 cp- al capo b) e al capo c) -limitatamente all’ipotesi di bancarotta fraudolenta di cui agli artt. 236 cpv. n. 1, 223, 216 e 219  L.F.-;

Capaldo Pellegrino colpevole del delitto di cui al capo c), limitatamente all’ipotesi di bancarotta fraudolenta di cui agli artt. 236 cpv. n. 1, 223, 216 e 219  L.F.;

ritenuta quanto al Greco la continuazione, e concesse ad entrambi le attenuanti  generiche, equivalenti alle aggravanti contestate,

condanna

Greco Ivo alla pena di anni quattro e mesi sei di reclusione (p.b. anni quattro, aumentata per la continuazione) e Capaldo Pellegrino alla pena di anni quattro di reclusione, oltre che entrambi in solido al pagamento delle spese processuali.

Dichiara il Greco e il Capaldo, ai sensi dell’art. 216 u.c. L.F., inabilitati all’esercizio di imprese commerciali e incapaci di esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa per anni dieci, nonché ai sensi dell’art. 29 cp, interdetti dai pubblici uffici per anni cinque.

Visti gli artt. 538 segg. cpp,

condanna

Greco Ivo e Capaldo Pellegrino nonché il responsabile civile S.G.R. spa, in persona del relativo legale rappresentante, a risarcire in solido tra loro i danni, tutti da liquidarsi in separata sede, cagionati alle parti civili come di seguito indicate:

- patrocinate dall’Avv.to Francesco Rosi:

Alfano Giuseppina, Alterio Angelo Michele, Amodio Stefania, Antonelli Giuseppe, Bandiera Claudio,  Barranca Claudio, Bellipanni Massimo, Benigni Roberto, Bennati Eros,  Berte’ Daniela, Bettidi Claudio, Blandi Aurelia Franca, Bonanni Enzo Maria, Bordoni Lidia, Bracale Pierdomenico, Bruno Marco, Buffa Antonio, Cafini Maurizio, Campo Carolina, Carullo Anna, Cerquetani Franco, Ciccozzi Giacomo, Ciolfi Angelo, Coppola Angelo, Corona Gianfranco, Daconto Sergio, De Carli Maurizio, De Simone Raffaele, De’ Liguori Carino Filippo, Duca Eugenia Elsa, Fanfoni Ernesto, Fiadini Daniela, Frazzetta Filippo, Frosi Mauro, Gagliardi Maurizio, Gaias Maria Antonietta, Giupponi Ettore, Gnocchi Vincenzo, Granchelli Mauro, Grassi Laura, Guido Marcello, Iannello Claudio, Impiglia Romolo, Ippoliti Antonio, Leaci Ulisse, Liuzzi Antonio Luigi, Lucantoni Anna Maria, Lucantoni Giovanni, Lucchini Fabio, Mammola  Paola, Mannucci Sandro, Marabitti Amaranto, Marchetti Maria Elena, Marini Renzo, Martini Mario, Marini Stefano, Martinelli Stefano, Marucci Daniela, Mastroianni Giuseppe Antonio, Matera Cinzia, Mendicini Pierluigi, Molinari Claudia, Montevecchi Marcella, Monti Ferdinando, Moroni Ileana, Navarra Bruna, Nucci Anna, Ottavi Paola, Padovan Mario, Padroni Luigi, Paglialunga Antonio, Palenca Ivana, Pandolfi Fabrizio, Paolantoni Gianluca, Patrignani Patrizia, Pelliccioni Laura, Pepe Biagio, Petraccia Mariarosa, Petrocchi Vittorio Roberto, Petrocelli Giovanni, Petruccioli Alberto, Pierangelini Paola, Prato Rosa, Renato Anna, Provenzano Luciano, Quarta Pierluigi, Rambaldi Sandra, Ramponi Luciano, Romoli Vittorio, Rossi Chiara, Rossi Massimo, Rubolotta Maurizio, Rurio Rosa Maria, Salvioni Paolo, Santangelo Enrico, Santini Gastone, Scuderini Marina, Sferrazza Michelangelo, Sibio Alfonso, Simeone Roberto, Simone Massimo, Simonelli Maurizio, Sirti Aleandro, Spaziani Loredana, Tabascio Antonio, Terranova Alberto,  Tomaselli Guglielmo, Verri Germana, Zarmati Luigino, Zenari Giovanni, Subiaco Elia, Corte Giuseppe, Follo Walter, Di Corcia Giancarlo, Colabucci Maria Rita, Bidoli Simonetta, De Stefani Roberto, Ottavianelli Leone, D’amato Diego, Afeltra Enrica, Caputo Carmine, Mariani Domenico, Di Pietro Antonio, Matera Alberta, Biancucci Mario, Pistecchia Anna Maria, Vianello Maria, De Santis Renato, Felici Gaetano, D’alessandro Sandra, Tosoni Augusto, Silla Bianca Maria; 

- patrocinate dall’ Avv. Luca Petrucci

 Bellè Luciano, Berna Francesca, Ceci Maurizio, Cesarini Maurizio, Di Fortunato Serafino, Dionisi Giorgio, Fioravanti Gabriella, Fuxa Ermelinda, Ghezzi Gilio, Gistri Mauro, Grauso Enrico, Iacobucci Piero, Innamorati Chiara, Ligas Giuseppe, Lombardo Viviana, Lucarelli Giulio, Menichini Vincenzo, Mestici Luciano, Montosi Claudio, Oragano Michele Angelo, Pepe Rachele, Picchi Franco, Rocchi Anna Maria, Scali Zelinda, Spinelli Giovanna, Tosciri Piero, Trapani Domenico;

- patrocinate dall’Avv.to Francesco Marcello Paola:

Alberi Rossana, Ambrosino Vincenzo, Angemi Antonio, Antognozzi Paolo Maria, Antonacci  Luisa, Antonaroli Lucia, Avocatino Carla, Avorio Pierina, Barbato Antonio, Barraco Angelo, Bausano Rita, Bentivoglio Angela, Bertini Rosalina, Bonaparte Lucio, Bonavolonta’ Adelaide, Borsetti Valter, Bruschi Amerigo, Buschettu Guido, Cacchione Franca, Campanini Giorgio, Candiloro Rosalia, Canestrari Sauro, Carabeo Paolo, Caratelli Patrizia, Castelluccio Eugenio, Catani Gabriella, Celiento Domenico, Cerrone Elena, Cesta Giorgina, Cianca Vincenzo, Ciancuto Maria Grazia, Collina Laura, Coradazzi Giorgio, D’Addato Rita, De Luca Filippo, De Santis Sergio, Di Caro Emanuele, Di Crescenzio Sandro, Di Croce Cristina, Di Filippo Alberto, Di Francesco Maria Stefania, Salustri Franco Salustri Marco e Salustri Luca (in qualità di eredi di D’Innocente Sabina), Di Pietro Luisa, Fabrizio Antonio, Fanano Rosangela, Fani Francesco, Fatello Anna Maria, Ferrari Alessandra, Ferri Carla, Ferri Daniela, Fiori Maria Grazia, Fontana Cipriano, Forteleoni Anna Lia, Franchini Paola, Frezza Isabella, Frongia Paola,  Fusco Raffaele, Gacci Giancarlo, Galasso Matilde, Galaverna Gogliardo Alfonso, Gallinari Teresa, Gargiulo Vincenzo, Gini Lucia, Giorgi Bruno, Giorgio Maria, Grani Loretta, Iacovelli Giorgio, Indiano Ettore, La Rocca Rosalba, Lauricella Umberto, Lazzaretti Giuseppina, Leoni Pierina, Levantesi Paola, Lombardini Adriana, Lucioli Osvaldo, Lupaccini Lamberto, Madeddu Giacomina, Magrini Silverio, Mambrini Gianfranco, Manasse Bruna, Maragoni Maria, Marchegiano Franco, Marchionni Maria Grazia, Marconi Paola, Massini Patrizia, Mauro Raffaele, Mazzarini Roberto, Mazzaroni Mauro, Mazzieri Ciro, Micco Antonio, Minaudo Ignazio, Minissale Vincenzo, Morellato Giuliano, Moretti Andreina, Moroni Giorgio, Navarra Bruna, Negri Giacomo, Nocera Elena, Oliva Sandra, Ottaviani Marta, Ottaviani Mirella, Pala Giorgio, Paoli Anna Maria, Paolini Paolo, Paris Fausto, Patane’ Emanuela, Pedaccia Francesca, Pepere Giovanna,  Perugini Claudio, Pesci Fabio, Pinto Stefania, Piras Luigi, Piras Maria Francesca, Pitta Raffaele, Placido Maria Incoronata, Poggi Maura, Posa Maria Gabriella, Pratesi Adriana, Prencipe Marcello, Primi Filiberto, Prisco Giancarlo, Quattrini Laura, Raciti Sergio, Radassao Antonio, Rastelli Antonella, Razza Carlo, Ricca Pasqualino, Ricci Bruna Ascenza, Rocchitelli Carlo, Romani Mauro, Romano Ciro Saverio, Rosati Nazzareno, Rossetti Carlo, Ruvio Barbara, Sabbioni Giorgio, Santoro Carmela Silvana, Scalici Riccardo, Scuderi Cinzia, Senesi Elvira, Sergiacomi Roberto, Sestili Dante, Stefanori Rita, Tamagnini Primo, Tedesco Carla, Telloni Lidio, Toscano Mariella, Trapani Luciano, Trenta Vincenza, Tripodi Laura, Uccello Luana, Valentini Paolo, Valoppi Maurizio, Vaselli Stefano, Venturini Claudio Maria, Villani Maria Antonietta, Viri Giuseppina, Vitale Idalo, Zita Stefano, Zola Elsa;

- patrocinate dagli Avv.ti Lucio De Priamo  e  Fabio De Priamo:

Acquafredda Michele, Altobelli Francesco, Antonetti Antonella, Banchetti Cecilia, Battifoglia Massimo, Bernassola Stefano, Bertucci Antonio, Biagi Alessandro, Bianconi Marco, Calileo Aldo Antonio, Calisti Giuseppe, Camarlinghi Anna Maria, Campanile Stefano, Canestrini Gabriella, Carderi Francesca, Caruso Carla, Cassara’ Susanna, Civiero Antonio Angelo, Cobre Mario, Codarin Daniela, Colangeli Valentina, Cordeschi Bernardino, Cortese Gianfausto, Cricchio Simone, D’Alberto Elisabetta, D’Angelo Marcello, De Fazi Roberto, De Stefano Piero, Della Morte Nicola, Di Giorgio Michele, Di Laura Gianni, Di Pietro Giancarlo, Diglio Vincenzo, Diotallevi Daniele, Ferrara Andrea, Filippone Rita, Formisano Pasquale, Fornari Dario Ernesto, Franceschini Loredana, Froncillo Maria Pia, Fusco Santo, Fusillo Francesco, Gabrielli Marco, Gaetani Laura, Gennarini Dario, Giaccio Giovanni, Giannini Francesco, Giordani Marina, Gorietti Luigi, Guerriero Carmine, Latini Sabrina, Laudani Felice, Liani Mariano, Maestri Gian Matteo, Maggi Marina, Maio Cosimo, Mambrini Massimo, Mandracchia Salvatore, Marchioni Marco, Mastropasqua Rosa, Meacci Maurizio, Migliorati Paola, Milazzo Santo, Monte Giuseppe, Morf Giuseppe, Mosca Giuseppe, Musacchia Domenico, Nori Luigi, Olivieri Silvano, Orsini Marcello, Papitto Giselda, Paravani Fabio, Pasquali Antonia, Pasquarelli Carlo, Pauri Fortunata, Picchiotti Camillo, Proia Massimo, Proietti Enzo, Pulcinelli Margherita, Purilli Paolo, Pusceddu Giovanni, Quaranta Elio, Ravanelli Lamberto, Rinaudo Rosario, Santodonato Stefano, Scarpa Domenico, Schurzel Giovanni, Sega Roberto, Serpetti Evelina Sara, Silvestri Patrizia, Sirocchi Marcello, Spinella Filippo, Stradella Silvia, Tisba Cinzia, Todisco Rosaria, Toscano Andrea, Tozzi Carlo, Tradigo Giorgio, Traversari Pierluigi, Valletta Antonella, Vella Antonino Marco, Vialetto Marcellina, Vitale Nicolò, Zanfardino Assunta Mafalda;

- patrocinate dall’Avv.to Antonio Di Pietro:

Cristiano Paolo, Gargano Valter;

- patrocinate dall’Avv.to Francesco Fabbri:

Alessandri Vincenzo, Baldi Valter, Barbaro Giacinto, Bucci Mario, Candoli Daniele, Caprilli Giulio, Casaldi Roberto, Ceccolini Laura, Cestari Ada, Chiavari Lorenzo, Ciucci Maria, De Camillis Sergio, De Ruvo Giovanni, Di Donato Roberto, Durantini Carlo, Fortucci Antonio, Francia Umberto, Gasperini Luisa, Graziani Umberto, Gubbiotti Massimo, Guidoni Paolo, Latino Domenico Antonio, Mangiafesta Carlo, Mascherucci Tommaso, Matassini Mario, Mattei Claudio, Moriconi Enzo, Nobile Paolo, Nuoto Giuseppe, Piccioni Francesco, Pistolese Aldo, Raichlin Maria Luisa, Reali Angelo, Rinaldi Roberto, Roberti Anna Maria, Rosellini Meri, Russo Giuseppe, Sanzo’ Vincenzino, Soli Roberto, Stramacci Paolo, Tomassi Giuseppe, Tuzzi Alberto, Vichi Roberto, Villani Paolo;

- patrocinate dall’Avv.to Olivia Polimanti:

Pizzuto Pietro Ennio;

- patrocinate dall’Avvocatura dello Stato:

Ministero della Giustizia e Ministero delle Politiche agricole e forestali;

- patrocinate dall’Avv. Giuseppe Fanfani:

Consorzio Agrario Provinciale di Perugia Soc. Coop  a.r.l. in persona del Commissario liquidatore.

Assegna alle seguenti parti civili una provvisionale immediatamente esecutiva, a carico solidale del Greco, del Capaldo e del responsabile civile “S.G.R. spa” in persona del legale rappresentante, nonché, quanto al Ministero della Giustizia, in parte in solido e in parte a carico del solo Greco, nella misura a fianco di ciascuna indicata:

per quelle patrocinate dall’Avv. Rosi

1.      ALFANO GIUSEPPINA                                                € 30.000

2.      ALTERIO ANGELO MICHELE                                     € 35.000

3.      AMODIO STEFANIA                                                    € 40.000

4.      ANTONELLI GIUSEPPE                                               € 40.000

5.      BANDIERA CLAUDIO                                      € 50.000

6.      BARRANCA CLAUDIO                                                € 45.000

7.      BELLIPANNI MASSIMO                                              € 40.000

8.      BENIGNI ROBERTO                                                     € 35.000

9.      BENNATI EROS                                                            € 45.000

10.  BERTE’ DANIELA                                                         € 40.000

11.  BETTIDI CLAUDIO                                                       € 50.000

12.  BLANDI AURELIA FRANCA                                       € 45.000

13.  BONANNI ENZO MARIA                                            € 40.000

14.  BORDONI LIDIA                                                           € 50.000

15.  BRACALE PIERDOMENICO                                        € 40.000

16.  BRUNO MARCO                                                           €40.000

17.  BUFFA ANTONIO                                                        € 50.000

18.  CAFINI MAURIZIO                                                       € 50.000

19.  CAMPO CAROLINA                                                     € 30.000

20.  CARULLO ANNA                                                         € 35.000

21.  CERQUETANI FRANCO                                              € 50.000

22.  CICCOZZI GIACOMO                                                  € 45.000

23.  CIOLFI ANGELO                                                          € 50.000

24.  COPPOLA ANGELO                                                     € 40.000

25.  CORONA GIANFRANCO                                            € 50.000

26.  DACONTO SERGIO                                                      € 35.000

27.  DE CARLI MAURIZIO                                       € 45.000

28.  DE SIMONE RAFFAELE                                               € 45.000

29.  DE’ LIGUORI CARINO FILIPPO                                 € 50.000

30.  DUCA EUGENIA ELSA                                                 € 25.000

31.  FANFONI ERNESTO                                                    € 35.000

32.  FIADINI DANIELA                                                        € 40.000

33.  FRAZZETTA FILIPPO                                                   € 50.000

34.  FROSI MAURO                                                             € 50.000

35.  GAGLIARDI MAURIZIO                                               € 45.000

36.  GAIAS MARIA ANTONIETTA                         € 40.000

37.  GIUPPONI ETTORE                                                      € 50.000

38.  GNOCCHI VINCENZO                                                 € 50.000

39.  GRANCHELLI MAURO                                                € 45.000

40.  GRASSI LAURA                                                 € 35.000

41.  GUIDO MARCELLO                                                     € 50.000

42.  IANNELLO CLAUDIO                                                  € 40.000

43.  IMPIGLIA ROMOLO                                                     € 50.000

44.  IPPOLITI ANTONIO                                                     € 30.000

45.  LEACI ULISSE                                                               € 40.000 

46.  LIUZZI ANTONIO LUIGI                                              € 50.000

47.  LUCANTONI ANNA MARIA                                       € 30.000

48.  LUCANTONI GIOVANNI                                            € 35.000

49.  LUCCHINI FABIO                                                         € 50.000

50.  MAMMOLA  PAOLA                                                    € 35.000

51.  MANNUCCI SANDRO                                                 € 25.000

52.  MARABITTI AMARANTO                                            € 15.000

53.  MARCHETTI MARIA ELENA                                       € 35.000

54.  MARINI RENZO                                                            € 40.000

55.  MARTINI MARIO                                                          € 50.000

56.  MARINI STEFANO                                                       € 40.000

57.  MARTINELLI STEFANO                                              € 50.000

58.  MARUCCI DANIELA                                                    € 45.000

59.  MASTROIANNI GIUSEPPE ANTONIO                      € 50.000

60.  MATERA CINZIA                                                          € 45.000

61.  MENDICINI PIERLUIGI                                                € 25.000

62.  MOLINARI CLAUDIA                                                  € 40.000

63.  MONTEVECCHI MARCELLA                          € 35.000

64.  MONTI FERDINANDO                                                 € 35.000

65.  MORONI ILEANA                                                         € 45.000

66.  NAVARRA BRUNA                                                       € 30.000

67.  NUCCI ANNA                                                               € 25.000

68.  OTTAVI PAOLA                                                            € 25.000

69.  PADOVAN MARIO                                                       € 25.000

70.  PADRONI LUIGI                                                           € 40.000

71.  PAGLIALUNGA ANTONIO                                         € 50.000

72.  PALENCA IVANA                                                         € 30.000

73.  PANDOLFI FABRIZIO                                                  € 45.000

74.  PAOLANTONI GIANLUCA                                         € 45.000

75.  PATRIGNANI PATRIZIA                                              € 40.000

76.  PELLICCIONI LAURA                                      € 45.000

77.  PEPE BIAGIO                                                                 € 50.000

78.  PETRACCIA MARIAROSA                                          € 50.000

79.  PETROCCHI VITTORIO ROBERTO                            € 45.000

80.  PETROCELLI GIOVANNI                                            € 50.000

81.  PETRUCCIOLI ALBERTO                                            € 35.000

82.  PIERANGELINI PAOLA                                               € 25.000

83.  PRATO ROSA                                                                € 30.000

84.  RENATO ANNA                                                            € 40.000

85.  PROVENZANO LUCIANO                                           € 40.000

86.  QUARTA PIERLUIGI                                                     € 35.000

87.  RAMBALDI SANDRA                                                   € 50.000

88.  RAMPONI LUCIANO                                                   € 40.000

89.  ROMOLI VITTORIO                                                     € 25.000

90.  ROSSI CHIARA                                                             € 50.000

91.  ROSSI MASSIMO                                                         € 45.000

92.  RUBOLOTTA MAURIZIO                                             € 45.000

93.  RURIO ROSA MARIA                                                   € 40.000

94.  SALVIONI PAOLO                                                       € 50.000

95.  SANTANGELO ENRICO                                              € 50.000

96.  SANTINI GASTONE                                                     € 40.000

97.  SCUDERINI MARINA                                                   € 40.000

98.  SFERRAZZA MICHELANGELO                                   € 50.000

99.  SIBIO ALFONSO                                                          € 35.000

100.          SIMEONE ROBERTO                                              € 45.000

101.          SIMONE MASSIMO                                                € 45.000

102.          SIMONELLI MAURIZIO                                         € 45.000

103.          SIRTI ALEANDRO                                                   € 35.000

104.          SPAZIANI LOREDANA                                          € 40.000

105.          TABASCIO ANTONIO                                            € 50.000

106.          TERRANOVA ALBERTO                                          50.000

107.          TOMASELLI GUGLIELMO                         € 40.000

108.          VERRI GERMANA                                                   € 35.000

109.          ZARMATI LUIGINO                                                € 40.000

110.          ZENARI GIOVANNI.                                               € 50.000

111.          SUBIACO ELIA                                                        € 50.000

112.          CORTE GIUSEPPE                                                   € 40.000

113.          FOLLO WALTER                                                     € 50.000

114.          DI CORCIA GIANCARLO                                      € 35.000

115.          COLABUCCI MARIA RITA                                    € 35.000

116.          BIDOLI SIMONETTA                                              € 40.000

117.          DE STEFANI ROBERTO                                         € 40.000

118.          OTTAVIANELLI LEONE                                         € 45.000

119.          D’AMATO DIEGO                                                   € 40.000

120.          AFELTRA ENRICA                                                  € 50.000

121.          CAPUTO CARMINE                                                € 35.000

122.          MARIANI DOMENICO                                           € 40.000

123.          DI PIETRO ANTONIO                                             € 50.000

124.          MATERA ALBERTA                                                € 40.000

125.          BIANCUCCI MARIO                                               € 35.000

126.          PISTECCHIA ANNA MARIA                                  € 50.000

127.          VIANELLO MARIA                                     € 50.000

128.          DE SANTIS RENATO                                              € 40.000

129.          FELICI GAETANO                                                   € 40.000

130.          D’ALESSANDRO SANDRA                                    € 35.000

131.          TOSONI AUGUSTO                                                € 35.000

132.          SILLA BIANCA MARIA                                          € 40.000

per quelle patrocinate dall’Avv. Petrucci

133.          BELLE’ LUCIANO                                                   € 45.000

134.          BERNA FRANCESCA                                             € 50.000

135.          CECI MAURIZIO                                                     € 50.000

136.          CESARINI MAURIZIO                                            € 45.000

137.          DI FORTUNATO SERAFINO                                 € 30.000

138.          DIONISI GIORGIO                                                  € 45.000

139.          FIORAVANTI GABRIELLA                                    € 20.000

140.          FUXA ERMELINDA                                                € 35.000

141.          GHEZZI GILIO                                                         € 50.000

142.          GISTRI MAURO                                                       € 50.000

143.          GRAUSO ENRICO                                                   € 50.000

144.          IACOBUCCI PIERO                                                € 50.000

145.          INNAMORATI CHIARA                                         € 40.000

146.          LIGAS GIUSEPPE                                                    € 25.000

147.          LOMBARDO VIVIANA                                           € 40.000

148.          LUCARELLI GIULIO                                               € 50.000

149.          MENICHINI VINCENZO                                        € 30.000

150.          MESTICI LUCIANO                                                € 45.000

151.          MONTOSI CLAUDIO                                              € 45.000

152.          ORAGANO MICHELE ANGELO                            € 40.000

153.          PEPE RACHELE                                                       € 50.000

154.          PICCHI FRANCO                                                    € 45.000

155.          ROCCHI ANNA MARIA                                         € 35.000

156.          SCALI ZELINDA                                                      € 45.000

157.          SPINELLI GIOVANNA                                           € 35.000

158.          TOSCIRI PIERO                                                       € 25.000

159.          TRAPANI DOMENICO                                           € 45.000

Per quelle patrocinate dall’Avv. Paola

160.          ALBERI ROSSANA                                                 € 50.000

161.          AMBROSINO VINCENZO                                     € 50.000

162.          ANGEMI ANTONIO                                                € 50.000

163.          ANTOGNOZZI PAOLO MARIA                             € 50.000

164.          ANTONACCI  LUISA                                              € 30.000

165.          ANTONAROLI LUCIA                                            € 50.000

166.          AVOCATINO CARLA                                             € 30.000

167.          AVORIO PIERINA                                                   € 50.000

168.          BARBATO ANTONIO                                             € 50.000

169.          BARRACO ANGELO                                               € 50.000

170.          BAUSANO RITA                                                      € 50.000

171.          BENTIVOGLIO ANGELA                                       € 25.000

172.          BERTINI ROSALINA                                               € 45.000

173.          BONAPARTE LUCIO                                              € 45.000

174.          BONAVOLONTA’ ADELAIDE                               € 30.000

175.          BORSETTI VALTER                                                € 50.000

176.          BRUSCHI AMERIGO                                               € 50.000

177.          BUSCHETTU GUIDO                                              € 50.000

178.          CACCHIONE FRANCA                                          € 50.000

179.          CAMPANINI GIORGIO                                          € 50.000

180.          CANDILORO ROSALIA                                         € 45.000

181.          CANESTRARI SAURO                                            € 50.000

182.          CARABEO PAOLO                                                  € 50.000

183.          CARATELLI PATRIZIA                                           € 40.000

184.          CASTELLUCCIO EUGENIO                                   € 50.000

185.          CATANI GABRIELLA                                             € 50.000

186.          CELIENTO DOMENICO                                         € 50.000

187.          CERRONE ELENA                                                   € 40.000

188.          CESTA GIORGINA                                                  € 45.000

189.          CIANCA VINCENZO                                              € 50.000

190.          CIANCUTO MARIA GRAZIA                                 € 50.000

191.          COLLINA LAURA                                                   € 50.000

192.          CORADAZZI GIORGIO                                           € 50.000

193.          D’ADDATO RITA                                                    € 50.000

194.          DE LUCA FILIPPO                                                  € 50.000

195.          DE SANTIS SERGIO                                                € 50.000

196.          DI CARO EMANUELE                                            € 50.000

197.          DI CRESCENZIO SANDRO                                    € 50.000

198.          DI CROCE CRISTINA                                             € 50.000

199.          DI FILIPPO ALBERTO                                            € 45.000

200.          DI FRANCESCO MARIA STEFANIA                    € 50.000

201.          SALUSTRI FRANCO, SALUSTRI MARCO e SALUSTRI LUCA (in qualità di eredi di D’Innocente Sabina, deceduta 20/4/02) in ragione di € 15.000 ciascuno

202.          DI PIETRO LUISA                                                    € 45.000

203.          FABRIZIO ANTONIO                                             € 50.000

204.          FANANO ROSANGELA                                         € 50.000

205.          FANI FRANCESCO                                                 € 45.000

206.          FATELLO ANNA MARIA                                       € 50.000

207.          FERRARI ALESSANDRA                                        € 45.000

208.          FERRI CARLA                                                          € 50.000

209.          FERRI DANIELA                                                      € 50.000

210.          FIORI MARIA GRAZIA                                           € 50.000

211.          FONTANA CIPRIANO                                            € 50.000

212.          FORTELEONI ANNA LIA                                       € 50.000

213.          FRANCHINI PAOLA                                               € 40.000

214.          FREZZA ISABELLA                                     € 50.000

215.          FRONGIA PAOLA                                                   € 50.000

216.          FUSCO RAFFAELE                                                 € 50.000

217.          GACCI GIANCARLO                                              € 50.000

218.          GALASSO MATILDE                                              € 50.000

219.          GALAVERNA GOGLIARDO ALFONSO               € 50.000

220.          GALLINARI TERESA                                              € 50.000

221.          GARGIULO VINCENZO                                         € 50.000

222.          GINI LUCIA                                                             € 50.000

223.          GIORGI BRUNO                                                      € 50.000

224.          GIORGIO MARIA                                                    € 50.000

225.          GRANI LORETTA                                                    € 50.000

226.          IACOVELLI GIORGIO                                            € 50.000

227.          INDIANO ETTORE                                                  € 50.000

228.          LA ROCCA ROSALBA                                            € 50.000

229.          LAURICELLA UMBERTO                                       € 45.000

230.          LAZZARETTI GIUSEPPINA                                    € 50.000

231.          LEONI PIERINA                                                      € 40.000

232.          LEVANTESI PAOLA                                               € 45.000

233.          LOMBARDINI ADRIANA                                       € 50.000

234.          LUCIOLI OSVALDO                                               € 50.000

235.          LUPACCINI LAMBERTO                                       € 50.000

236.          MADEDDU GIACOMINA                                       € 30.000

237.          MAGRINI SILVERIO                                               € 50.000

238.          MAMBRINI GIANFRANCO                                   € 50.000

239.          MANASSE BRUNA                                                 € 40.000

240.          MARAGONI MARIA                                               € 50.000

241.          MARCHEGIANO FRANCO                                    € 50.000

242.          MARCHIONNI MARIA GRAZIA                            € 50.000

243.          MARCONI PAOLA                                                  € 50.000

244.          MASSINI PATRIZIA                                                € 50.000

245.          MAURO RAFFAELE                                                € 50.000

246.          MAZZARINI ROBERTO                                          € 50.000

247.          MAZZARONI MAURO                                            € 50.000

248.          MAZZIERI CIRO                                                      € 50.000

249.          MICCO ANTONIO                                                  € 50.000

250.          MINAUDO IGNAZIO                                              € 50.000

251.          MINISSALE VINCENZO                                        € 50.000

252.          MORELLATO GIULIANO                                       € 50.000

253.          MORETTI ANDREINA                                            € 50.000

254.          MORONI GIORGIO                                                 € 50.000

255.          NAVARRA BRUNA                                     € 50.000

256.          NEGRI GIACOMO                                                   € 50.000

257.          NOCERA ELENA                                                     € 50.000

258.          OLIVA SANDRA                                                     € 50.000

259.          OTTAVIANI MARTA                                              € 50.000

260.          OTTAVIANI MIRELLA                                           € 50.000

261.          PALA GIORGIO                                                       € 35.000

262.          PAOLI ANNA MARIA                                             € 50.000

263.          PAOLINI PAOLO                                                    € 50.000

264.          PARIS FAUSTO                                                       € 50.000

265.          PATANE’ EMANUELA                                           € 50.000

266.          PEDACCIA FRANCESCA                                       € 50.000

267.          PEPERE GIOVANNA                                              € 50.000

268.          PERUGINI CLAUDIO                                              € 50.000

269.          PESCI FABIO                                                           € 50.000

270.          PINTO STEFANIA                                                   € 50.000

271.          PIRAS LUIGI                                                            € 50.000

272.          PIRAS MARIA FRANCESCA                                 € 50.000

273.          PITTA RAFFAELE                                                   € 50.000

274.          PLACIDO MARIA INCORONATA                        € 50.000

275.          POGGI MAURA                                                       € 50.000

276.          POSA MARIA GABRIELLA                                    € 50.000

277.          PRATESI ADRIANA                                                € 50.000

278.          PRENCIPE MARCELLO                                          € 50.000

279.          PRIMI FILIBERTO                                                   € 50.000

280.          PRISCO GIANCARLO                                            € 50.000

281.          QUATTRINI LAURA                                               € 50.000

282.          RACITI SERGIO                                                       € 50.000

283.          RADASSAO ANTONIO                                          € 50.000

284.          RASTELLI ANTONELLA                                        € 50.000

285.          RAZZA CARLO                                                        € 50.000

286.          RICCA PASQUALINO                                            € 50.000

287.          RICCI BRUNA ASCENZA                                      € 50.000

288.          ROCCHITELLI CARLO                                           € 50.000

289.          ROMANI MAURO                                                   € 50.000

290.          ROMANO CIRO SAVERIO                                    € 50.000

291.          ROSATI NAZZARENO                                            € 50.000

292.          ROSSETTI CARLO                                                  € 50.000

293.          RUVIO BARBARA                                                   € 50.000

294.          SABBIONI GIORGIO                                              € 45.000

295.          SANTORO CARMELA SILVANA              € 50.000

296.          SCALICI RICCARDO                                              € 50.000

297.          SCUDERI CINZIA                                                    € 50.000

298.          SENESI ELVIRA                                                      € 50.000

299.          SERGIACOMI ROBERTO                                       € 50.000

300.          SESTILI DANTE                                                       € 50.000

301.          STEFANORI RITA                                                   € 50.000

302.          TAMAGNINI PRIMO                                              € 50.000

303.          TEDESCO CARLA                                                   € 40.000

304.          TELLONI LIDIO                                                       € 30.000

305.          TOSCANO MARIELLA                                           € 50.000

306.          TRAPANI LUCIANO                                               € 40.000

307.          TRENTA VINCENZA                                              € 50.000

308.          TRIPODI LAURA                                                     € 50.000

309.          UCCELLO LUANA                                                  € 50.000

310.          VALENTINI PAOLO                                                € 50.000

311.          VALOPPI MAURIZIO                                              € 50.000

312.          VASELLI STEFANO                                                € 45.000

313.          VENTURINI CLAUDIO MARIA                             € 45.000

314.          VILLANI MARIA ANTONIETTA                           € 35.000

315.          VIRI GIUSEPPINA                                                   € 50.000

316.          VITALE IDALO                                                        € 45.000

317.          ZITA STEFANO                                                       € 50.000

318.          ZOLA ELSA                                                              € 50.000

Per quelle patrocinate dagli Avv. De Priamo Lucio e De Priamo Fabio

319.          ACQUAFREDDA MICHELE                                   € 15.000

320.          ALTOBELLI FRANCESCO                         € 20.000

321.          ANTONETTI ANTONELLA                                    € 25.000

322.          BANCHETTI CECILIA                                            € 30.000

323.          BATTIFOGLIA MASSIMO                                      € 15.000

324.          BERNASSOLA STEFANO                                      € 35.000

325.          BERTUCCI ANTONIO                                            € 40.000

326.          BIAGI ALESSANDRO                                             € 40.000

327.          BIANCONI MARCO                                               € 20.000

328.          CALILEO ALDO ANTONIO                                   € 10.000

329.          CALISTI GIUSEPPE                                     € 35.000

330.          CAMARLINGHI ANNA MARIA                             € 20.000

331.          CAMPANILE STEFANO                                         € 15.000

332.          CANESTRINI GABRIELLA                         € 25.000

333.          CARDERI FRANCESCA                                         € 30.000

334.          CARUSO CARLA                                                    € 20.000

335.          CASSARA’ SUSANNA                                           € 25.000

336.          CIVIERO ANTONIO ANGELO                              € 40.000

337.          COBRE MARIO                                                       € 30.000

338.          CODARIN DANIELA                                              € 15.000

339.          COLANGELI VALENTINA                         € 20.000

340.          CORDESCHI BERNARDINO                                  € 30.000

341.          CORTESE GIANFAUSTO                                       € 20.000

342.          CRICCHIO SIMONE                                               € 25.000

343.          D’ALBERTO ELISABETTA                         € 15.000

344.          D’ANGELO MARCELLO                                        € 40.000

345.          DE FAZI ROBERTO                                     € 15.000

346.          DE STEFANO PIERO                                              € 30.000

347.          DELLA MORTE NICOLA                                        € 25.000

348.          DI GIORGIO MICHELE                                           € 25.000

349.          DI LAURA GIANNI                                                 € 15.000

350.          DI PIETRO GIANCARLO                                        € 40.000

351.          DIGLIO VINCENZO                                                € 25.000

352.          DIOTALLEVI DANIELE                                          € 40.000

353.          FERRARA ANDREA                                                € 25.000

354.          FILIPPONE RITA                                                     € 25.000

355.          FORMISANO PASQUALE                                      € 25.000

356.          FORNARI DARIO ERNESTO                                 € 40.000

357.          FRANCESCHINI LOREDANA                               € 15.000

358.          FRONCILLO MARIA PIA                                       € 20.000

359.          FUSCO SANTO                                                       € 40.000

360.          FUSILLO FRANCESCO                                          € 10.000

361.          GABRIELLI MARCO                                               € 25.000

362.          GAETANI LAURA                                                   € 25.000

363.          GENNARINI DARIO                                               € 10.000

364.          GIACCIO GIOVANNI                                             € 25.000

365.          GIANNINI FRANCESCO                                        € 15.000

366.          GIORDANI MARINA                                              € 25.000

367.          GORIETTI LUIGI                                                      € 40.000

368.          GUERRIERO CARMINE                                          € 20.000

369.          LATINI SABRINA                                                    € 15.000

370.          LAUDANI FELICE                                                   € 25.000

371.          LIANI MARIANO                                                    € 10.000

372.          MAESTRI GIAN MATTEO                          € 25.000

373.          MAGGI MARINA                                                     € 10.000

374.          MAIO COSIMO                                                       € 35.000

375.          MAMBRINI MASSIMO                                           € 10.000

376.          MANDRACCHIA SALVATORE                             € 40.000

377.          MARCHIONI MARCO                                            € 25.000

378.          MASTROPASQUA ROSA                                       € 10.000

379.          MEACCI MAURIZIO                                               € 20.000

380.          MIGLIORATI PAOLA                                              € 30.000

381.          MILAZZO SANTO                                                   € 25.000

382.          MONTE GIUSEPPE                                                 € 20.000

383.          MORF GIUSEPPE                                                    € 25.000

384.          MOSCA GIUSEPPE                                                 € 25.000

385.          MUSACCHIA DOMENICO                                    € 40.000

386.          NORI LUIGI                                                             € 30.000

387.          OLIVIERI SILVANO                                                € 25.000

388.          ORSINI MARCELLO                                               € 25.000

389.          PAPITTO GISELDA                                     € 40.000

390.          PARAVANI FABIO                                                  € 10.000

391.          PASQUALI ANTONIA                                            € 25.000

392.          PASQUARELLI CARLO                                          € 15.000

393.          PAURI FORTUNATA                                              € 25.000

394.          PICCHIOTTI CAMILLO                                          € 40.000

395.          PROIA MASSIMO                                                   € 15.000

396.          PROIETTI ENZO                                                      € 15.000

397.          PULCINELLI MARGHERITA                                  € 10.000

398.          PURILLI PAOLO                                                      € 15.000

399.          PUSCEDDU GIOVANNI                                         € 35.000

400.          QUARANTA ELIO                                                   € 35.000

401.          RAVANELLI LAMBERTO                                       € 30.000

402.          RINAUDO ROSARIO                                              € 25.000

403.          SANTODONATO STEFANO                                  € 15.000

404.          SCARPA DOMENICO                                             € 25.000

405.          SCHURZEL GIOVANNI                                          € 20.000

406.          SEGA ROBERTO                                                     € 35.000

407.          SERPETTI EVELINA SARA                                    € 25.000

408.          SILVESTRI PATRIZIA                                             € 20.000

409.          SIROCCHI MARCELLO                                          € 30.000

410.          SPINELLA FILIPPO                                     € 30.000

411.          STRADELLA SILVIA                                               € 20.000

412.          TISBA CINZIA                                                         € 25.000

413.          TODISCO ROSARIA                                               € 30.000

414.          TOSCANO ANDREA                                              € 40.000

415.          TOZZI CARLO                                                         € 35.000

416.          TRADIGO GIORGIO                                                € 35.000

417.          TRAVERSARI PIERLUIGI                                       € 15.000

418.          VALLETTA ANTONELLA                                      €15.000

419.          VELLA ANTONINO MARCO                                € 25.000

420.          VIALETTO MARCELLINA                          € 20.000

421.          VITALE NICOLO’                                                   € 40.000

422.          ZANFARDINO ASSUNTA MAFALDA                  € 20.000

Per quelle patrocinate dall’Avv. Di Pietro

423.          CRISTIANO PAOLO                                               € 50.000

424.          GARGANO VALTER                                               € 50.000

Per quelle patrocinate dall’Avv.Fabbri

425.          ALESSANDRI VINCENZO                         € 50.000

426.          BALDI VALTER                                                       € 15.000

427.          BARBARO GIACINTO                                            € 25.000

428.          BUCCI MARIO                                                         € 15.000

429.          CANDOLI DANIELE                                               € 45.000

430.          CAPRILLI GIULIO                                                   € 20.000

431.          CASALDI ROBERTO                                               € 15.000

432.          CECCOLINI LAURA                                               € 35.000

433.          CESTARI ADA                                                         € 40.000

434.          CHIAVARI LORENZO                                            € 35.000

435.          CIUCCI MARIA                                                       € 30.000

436.          DE CAMILLIS SERGIO                                           € 10.000

437.          DE RUVO GIOVANNI                                             € 30.000

438.          DI DONATO ROBERTO                                          € 45.000

439.          DURANTINI CARLO                                               € 25.000

440.          FORTUCCI ANTONIO                                            € 35.000

441.          FRANCIA UMBERTO                                             € 15.000

442.          GASPERINI LUISA                                                  € 40.000

443.          GRAZIANI UMBERTO                                            € 15.000

444.          GUBBIOTTI MASSIMO                                          € 40.000

445.          GUIDONI PAOLO                                                   € 40.000

446.          LATINO DOMENICO ANTONIO                          € 30.000

447.          MANGIAFESTA CARLO                                        € 50.000

448.          MASCHERUCCI TOMMASO                                 € 50.000

449.          MATASSINI MARIO                                               € 15.000

450.          MATTEI CLAUDIO                                                  € 40.000

451.          MORICONI ENZO                                                   € 35.000

452.          NOBILE PAOLO                                                      € 40.000

453.          NUOTO GIUSEPPE                                                 € 15.000

454.          PICCIONI FRANCESCO                                        € 15.000

455.          PISTOLESE ALDO                                                   € 15.000

456.          RAICHLIN MARIA LUISA                          € 15.000

457.          REALI ANGELO                                                      € 40.000

458.          RINALDI ROBERTO                                                € 45.000

459.          ROBERTI ANNA MARIA                                        € 15.000

460.          ROSELLINI MERI                                                    € 30.000

461.          RUSSO GIUSEPPE                                                   € 45.000

462.          SANZO’ VINCENZINO                                          € 45.000

463.          SOLI ROBERTO                                                       € 25.000

464.          STRAMACCI PAOLO                                             € 35.000

465.          TOMASSI GIUSEPPE                                              € 15.000

466.          TUZZI ALBERTO                                                     € 15.000

467.          VICHI ROBERTO                                                     € 40.000

468.          VILLANI PAOLO                                                     € 30.000

Per quelle patrocinate dall’Avv. Polimanti

469.          PIZZUTO PIETRO ENNIO                                      € 30.000

Per quelle patrocinate dall’Avvocatura dello Stato

470.          Il Ministero della Giustizia                                 € 20.000 a carico del solo Greco e

€ 20.000 a carico solidale di Greco, Capaldo e  “S.G.R. spa”.

Rigetta la domanda della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Condanna il Greco, il Capaldo e il responsabile civile “S.G.R. spa” a rifondere alle parti civili, cui è stato riconosciuto il diritto al risarcimento, le spese di costituzione e difesa, che liquida,

per quelle patrocinate dall’Avv. Rosi,

in complessivi € 59.400, oltre rimborso forfettario, IVA e CAP come per legge;

per quelle patrocinate dall’Avv. Petrucci,

in complessivi € 33.000, oltre rimborso forfettario, IVA e CAP come per legge;

per quelle patrocinate dall’Avv. Paola,

in complessivi € 59.400, oltre rimborso forfettario, IVA e CAP come per legge;

per quelle patrocinate dall’Avv. Di Pietro,

in complessivi € 12.000, oltre rimborso forfettario, IVA e CAP come per legge;

per quelle patrocinate dall’Avv. De Priamo Fabio e dall’Avv. De Priamo Lucio,

in complessivi € 51.400  relativamente a De Priamo Fabio ed € 33.000 relativamente a De Priamo Lucio, in entrambi i casi con rimborso forfettario, IVA e CAP come per legge;

per quelle patrocinate dall’Avv. Polimanti,

in complessivi € 10.000, oltre rimborso forfettario, IVA e CAP come per legge;

per quelle patrocinate dall’Avv. Fabbri,

in complessivi € 51.400, oltre rimborso forfettario, IVA e CAP come per legge;

per quelle patrocinate dal Consorzio Agrario di Perugia,

 in complessivi € 22.000, oltre rimborso forfettario, IVA e CAP come per legge;

per quelle patrocinate dall’Avvocatura dello Stato,

in complessivi € 15.288,49, come da notula.

Visto l’art. 530 cpp,

assolve

Carbonetti Francesco dai reati sub c) per non aver commesso il fatto;

assolve

D’Ercole Stefano dal reato di cui all’art. 323 cp per non aver commesso il fatto e dal delitto di bancarotta fraudolenta perché il fatto non costituisce reato;

assolve

Greco Ivo dal delitto di cui all’art. 328 cp perché il fatto non sussiste.

Visto l’art. 531 cpp,

dichiara

non doversi procedere nei confronti di Greco Ivo e Capaldo Pellegrino in ordine al delitto di cui all’art. 323 cp, per essere il medesimo estinto per intervenuta prescrizione.

Termine di giorni 90 per il deposito della motivazione.

 Perugia, 29.9.2002

                                                                      Il Presidente estensore



[1] Cfr. il documento nel faldone allegato 5 della scheda 1 A

[2] Una disamina del problema è contenuta in vari documenti acquisiti: si confronti la relazione della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul dissesto della Federconsorzi, presieduta dal Sen. Melchiorre Cirami, prodotta in limine dalla difesa dell’imputato Capaldo Pellegrino, ovvero la sentenza di omologa del concordato preventivo di Federconsorzi, depositata in data 5-10-1992 dal Tribunale di Roma, presieduto dal dott. Ivo Greco, ed ancora la relazione particolareggiata del commissario giudiziale del concordato preventivo di Fedit, prof. Nicola Picardi, queste ultime due presenti nel fascicolo in varie copie un po’ ovunque.

[3] É questo il convincimento espresso a più riprese, da ultimo al dibattimento, da Giorgio Cigliana, nominato dal Ministro Goria commissario governativo con Agostino Gambino e Pompeo Locatelli il 17-5-1991; ma sostanzialmente conformi sono le conclusioni della Commissione Parlamentare d’Inchiesta.  

[4] Decisamente in tal senso sono le dichiarazioni rese al dibattimento da Paolo Bambara, destinato a sostituire dall’autunno del 1991 Silvio Pellizzoni come direttore generale di Federconsorzi, nonché, almeno in parte, la sentenza in data 16-6-1998, con la quale il Tribunale di Roma assolse il Pellizzoni, lo stesso Bambara ed altri dal delitto di bancarotta preferenziale, sul rilievo della non configurabilità ancora nel 1991 di uno stato conclamato di dissesto: cfr. il documento nel faldone 19 delle produzioni dibattimentali.

[5] La circostanza è stata confermata al dibattimento dal Capaldo, che ne aveva già parlato in precedenti interrogatori; il dato è poi valorizzato anche nella relazione della Commissione Parlamentare

[6] In tal senso si è espresso il dott. Pellizzoni al dibattimento; la circostanza è altresì confermata da un documento proveniente dal Capaldo, nel quale vengono formulati rilievi e analisi, prodotto dall’Avv. De Priamo all’udienza del 16-7-2001; oltre a segnalare nello stesso senso le testimonianze rese all’udienza del 7-11-2001 dai testi Bertucci e Di Pietro, va ricordato, senza entusiasmo e per mero dovere di cronaca, quanto disse alla Commissione Ministeriale d’Inchiesta, nominata dal Ministro Poli Bortone, l’ex presidente del collegio sindacale di Federconsorzi,  Cocco: “In Federconsorzi non si muove foglia che Capaldo non voglia”.

.[7] Dell’indagine hanno parlato sia il Capaldo sia alcuni testi, quali Genualdo, Bertucci e Di Pietro: il dato è altresì confermato dalla documentazione prodotta dall’Avv. De Priamo alle udienze del 5-12-2001 e del 25-1-2002, allorché è stato depositato il calendario degli incontri avuti dal Capaldo con i rappresentanti dei CAP. Peraltro l’imputato ha cercato di sminuire il valore strategico dell’indagine, adducendo, senza risultare convincente, dato l’impegno richiesto ai suoi stessi interlocutori, di aver inteso svolgere prima di tutto una verifica utile dal punto di vista accademico.

[8] E’ pacifico che prima della formale nomina il Pellizzoni ebbe un colloquio con il Capaldo: ne hanno parlato entrambi i protagonisti.

[9] Alle note dell’8-5 e del 9-5-1991, rispettivamente inviate al presidente di Federconsorzi, Luigi Scotti, e al presidente del collegio sindacale Carlo Cocco -cfr. faldone allegato 4 alla scheda 1 A, sottofascicolo “atti istruttori commissariamento”, vanno aggiunte le dichiarazioni rese dal teste Dezzani

[10] Cfr. le dichiarazioni rese dal teste Manfroni, a detta del quale le prime avvisaglie di difficoltà si ebbero allorché nel mese di marzo il direttore generale Pellizzoni a Verona, nel corso di una pubblica riunione, sottolineò che la situazione non era rosea: da allora alcune banche chiesero informazioni ai consorzi agrari.

[11] Si consideri la situazione dei fidi, risultante dal documento all’uopo acquisito dal P.M. e contenuto nel faldone 6 delle produzioni: si valutino inoltre le dichiarazioni dello stesso Pellizzoni, circa l’insussistenza di uno stato di insolvenza.

[12] Il dato è stato confermato da Paolo Bambara e risulta dalla citata sentenza del Tribunale di Roma in data 16-6-1998, oltre che da documentazione prodotta a margine della deposizione del Bambara.

[13] Della riunione hanno parlato al dibattimento, fornendo per alcuni aspetti versioni diverse, il Sen. Andreotti, l’On. Forlani, (che ha attribuito la propria presenza ad una mera coincidenza, non risultando sul punto troppo convincente), l’On. Lobianco e il Sottosegretario Cristofori. 

[14] E’ un altro di quei documenti che si trova un po’ ovunque: ad es. doc. 1 delle produzioni dell’Avv. Vassalli all’udienza del 27-6-2001

[15] In tal senso si è espresso Cigliana al dibattimento

[16] Ciò emerge dalle dichiarazioni rese da Silvio Pellizzoni e di ciò si dà conto anche nella relazione della Commissione Parlamentare d’Inchiesta, che peraltro manifesta la tendenza ad elevare a dignità di prova qualsiasi dichiarazione proveniente dal prof. Capaldo, mentre in questa sede è doveroso usare  la prudenza che va tipicamente riservata ad ogni imputato, pur autorevole e prestigioso.

[17] Va del resto rilevato che in base a quanto riferito da Silvio Pellizzoni era stato già ipotizzato anche in colloqui col Capaldo il ricorso al commissariamento nei confronti dei consorzi agrari, quale strumento per spazzare via la vecchia classe dirigente; inoltre sempre secondo il Pellizzoni l’ispezione consigliata dal Capaldo al Goria aveva un significato tattico.

[18] Si segnalano le comunicazioni del 4-6-1991 alla Commissione Agricoltura del Senato, allegate ad un esposto del Sen. Marco Boato, presentato il 6-6-1991, contenuto nell’allegato 5 alla scheda 1 A; ma si confronti anche la lettera 13-6-1991 che il Ministro indirizzò a Piero Barucci, presidente dell’A.B.I, doc. 2 delle produzioni dell’Avv. Vassalli.

[19] Illuminanti in proposito risultano lo scambio di comunicazioni tra i commissari e il Ministro, nonché i  verbali relativi alle riunioni dei commissari, che sono contenuti nel faldone allegato 4 della scheda 1  A.

[20] Particolarmente chiare sono risultate le dichiarazioni rese dal teste De Palma in aggiunta al resoconto dell’incontro tra il Ministro e una rappresentanza del sistema creditizio, avvenuto il 27-5-1991, redatto dallo stesso De Palma per i responsabili di B.N.L.: doc. acquisito all’udienza del 6-7-2001

[21] La problematica del rapporto con le banche estere emerge da una pluralità di fonti: cfr. le dichiarazioni dei testi Beltramo e Rosa, nonché la documentazione acquisita a margine delle due deposizioni ed ancora la documentazione acquisita all’udienza del 13-7-1991 in relazione alla deposizione del teste Sguazzi; un’imponente messe di documenti si rinviene altresì nel faldone allegato 4 alla scheda 1 A.

[22] Nella lettera inviata dai commissari al Ministro Goria in data 25-6-1991 già si segnalava l’esito negativo del tentativo di addivenire ad una liquidazione volontaria, con contestuale partecipazione dei maggiori creditori ad una nuova società di commercializzazione, per la quale era stato conferito un incarico preliminare alla SIGE Investimenti: cfr. il doc. allegato alla memoria depositata presso la Procura della Repubblica di Perugia nel dicembre 1996 dagli ex commissari Cigliana e Gambino, contenuta nel “fascicolo 8” a sua volta compreso nel faldone n. 12 relativo alle produzioni del P.M. all’udienza del 27-6-2001.

Nella successiva lettera inviata dai commissari al Ministro in data 1°-7-1991 si davano le risposte definitive all’ipotesi di liquidazione volontaria, da ritenersi naufragata, stante l’adesione di soli 180 creditori, di cui 140 contrari alla partecipazione in Fedit Agrisviluppo, destinata a rappresentare -nelle intenzioni- la nuova società di commercializzazione: il documento segue quello precedente.

Entrambi risultano comunque riportati nei verbali dei commissari, compresi nell’allegato 4 della scheda 1 A.

[23] Dagli appunti del commissario Cigliana, rinvenuti e prodotti a suo tempo dall’Avv. Lettera e poi confluiti nel fascicolo processuale in quanto prodotti dal P.M. all’udienza del 27-6-2001 (faldone recante il n. 6) si evince che si discuteva con il Ministro delle caratteristiche delle varie procedure concorsuali (ad es. appunto del 25 giugno) e che Gambino si doleva del rinvio della liquidazione coatta (appunto del 27-6-1991): infine prevalse la tesi del concordato preventivo con cessione dei beni, sul rilievo formulato dal Ministro che molti creditori si erano espressi a favore di soluzioni concordate (appunto del 27-6-1991: “da Goria”).

Peraltro è singolare che in un altro appunto del 28-6-1991 si faccia cenno di un colloquio con Gambino dal quale risulta che il Tribunale “aspetta la richiesta di concordato preventivo” e che il Presidente dello stesso Tribunale, oltre a segnalare un’istanza di insolvenza per 900 milioni di una ditta di Treviso, consiglia due avvocati e un commercialista, tale Sica.

[24] Anch’esso presente in ogni dove: cfr. ad es. doc. 3 delle produzioni dell’Avv. Vassalli e faldone allegato 5 alla scheda 1 A

[25] Nel faldone allegato 5 alla scheda 1 A sono contenuti sia il provvedimento del G.D. relativo alla richiesta di informazioni aggiuntive, sia la nota contenente le risposte ai vari punti indicati, sia infine il verbale di verifica in loco delle scritture contabili.

[26] Il documento, oltre che nel faldone allegato 4 alla scheda 1 A, è compreso, al  n. 4, anche nelle produzioni dell’Avv. Vassalli.

[27] L’insieme delle istanze dei commissari, compreso il c.d. “istanzone”, che costituiva una specie di summa delle precedenti, è contenuto nel faldone n. 12 delle produzioni del P.M., fascicolo 8, in allegato alla citata memoria dei commissari Cigliana e Gambino, nonché nel faldone delle produzioni documentali dell’udienza del 6-7-2001 in allegato alla deposizione del Cigliana.

[28] Cfr. il documento nel faldone allegato 4 alla scheda 1 A, cui segue un frammento di un successivo verbale nel quale si fa cenno di un nuovo spirito di collaborazione; il teste Sguazzi ha al riguardo segnalato il disappunto del Ministro Goria per l’atteggiamento tenuto dal presidente Greco quale G.D.

[29] La vicenda ha formato oggetto di un autonomo capo di imputazione, relativamente al quale è però intervenuta sentenza di non luogo a procedere da parte del giudice dell’udienza preliminare: la sentenza è stata prodotta dall’avv. Del Re all’udienza del 16-7-2001.

[30] Emblematico appare l’approccio tentato dal finanziere Gennari, fin dall’inizio assai nebuloso e comunque naufragato a seguito dell’arresto del predetto per pregresse vicende; meritevoli di menzione paiono nella stessa ottica le vicissitudini legate al possesso del pacchetto di maggioranza della Banca Nazionale dell’Agricoltura, che direttamente o indirettamente coinvolgevano ancora il Gennari: cfr. il verbale delle dichiarazioni rese da quest’ultimo nel corso delle indagini, le dichiarazioni dibattimentali del teste Sguazzi e ancora le annotazioni e gli stralci di giornale compresi tra gli “appunti Cigliana”.

[31] Cfr. il documento contenuto nel faldone n. 6 delle produzioni del P.M. all’udienza del 27-6-2001, incluso nella cartellina dal titolo “Ipotesi di cambiamento di procedura”.

[32] Cfr in tal senso anche la deposizione del Roveraro.

[33] La costituzione di Banca di Roma risale all’agosto 1992: cfr. anche dich. Giordano.

[34] La circostanza è stata confermata dallo stesso Roveraro.

[35] Si consideri ad esempio l’allarmata consapevolezza dei commissari governativi, risultante da uno degli appunti relativi ai colloqui intercorsi tra i commissari e il Ministro Goria, contenuto nella cartellina “Ipotesi di cambiamento di procedura” facente parte del faldone n. 6 delle produzioni documentali del P.M.

[36] I documenti relativi sono nel fascicolo delle produzioni effettuate all’udienza del 6-7-2001 a margine dell’acquisizione del verbale delle dichiarazioni rese nel corso delle indagini e all’udienza preliminare dall’ex imputato Geronzi, prosciolto dal GUP e avvalsosi della facoltà di non rispondere.

[37]Il documento è presente in numerosi esemplari, fra l’altro nell’allegato 5 alla scheda 1 A e al n. 27 delle produzioni dell’Avv. Vassalli.

[38] cfr. il relativo elaborato nel faldone allegato 3 alla scheda 1 A

[39] cfr. gli elaborati nel faldone allegato 10 alla scheda 1 A

[40] cfr. l’elaborato nel faldone allegato 10 alla scheda 1 A nonché nel faldone delle produzioni effettuate all’udienza del 13-7-2001

[41] cfr. l’elaborato nel faldone allegato 3 alla scheda 1 A

[42] Elaborati a firma Perrone per macchine agricole e trattori, a firma Alberati per il bestiame bovino, a firma Ippolitoni e Rocchi per i beni mobili,  a firma Safarik per le opere d’arte ubicate nei palazzi Rospigliosi, Della Valle e di via Curtatone: faldoni allegati 3 e 9 alla scheda 1 A.

[43] cfr. i verbali di riunione dei commissari governativi datati 25 marzo e 8 aprile 1992, in faldone allegato 4 alla scheda 1 A.

[44] L’istanza è contenuta nel faldone n. 12 delle produzioni del P.M.

[45] del 23-1-1992: cfr. nota precedente;

[46] La successione dei provvedimenti risulta dai documenti inclusi nel faldone di cui alla nota 44.

[47]In tal senso anche la deposizione dibattimentale del Locatelli.

[48] Ciò emerge dalla deposizione del Gambino e del Locatelli

[49] L’istanza del 27-5-1992, sulla quale si avrà modo di tornare, è stata inserita nel fascicolo del dibattimento in limine, all’udienza del 21-5-2001: essa costituisce l’approdo di un travagliato percorso, le cui tappe precedenti paiono scandite dalla comunicazione al Ministro del 7-5-1992, in faldone 6 delle produzioni del P.M., in cui al terzo capoverso del punto 1) si segnala la necessità della convocazione dell’assemblea per l’emergere della situazione patrimoniale netta negativa, e da vari appunti del commissario Cigliana, risalenti al 12 e al 14 maggio 1992, contenuti nel medesimo faldone 6, nei quali si prospetta l’eventualità della convocazione dell’assemblea e della messa in liquidazione.

[50] Il documento fa parte del carteggio incluso nel sottofascicolo “Sostituzione commissari Cigliana, Locatelli e Gambino con dr. Piovano”, contenuto nel faldone allegato 4 alla scheda 1 A: alla lettera, che in realtà esprimeva una volontà da tempo maturata e chiaramente enunciata nei più volte menzionati appunti del Cigliana (in uno del 14-5-1992 si legge: “posizione nostra: uscire in bellezza”), seguirono una risposta del Ministro, che chiedeva ai commissari di restare al loro posto e una replica di questi ultimi, che con fermezza ribadirono  il proprio convincimento, non senza segnalare le difficoltà incontrate anche in conseguenza della rigidità manifestata dagli organi della procedura nel valutare l’opportunità di singole dismissioni.

[51] La lettera del 27-5-1992 costituisce uno dei documenti maggiormente presenti nel fascicolo: si rinvia ad es. al faldone contenente gli atti inseriti nel fascicolo del dibattimento all’udienza del 21-5-2001. La lettera è preceduta da una nota di accompagnamento, nella quale vengono indicati i promotori dell’iniziativa: Banca Commerciale Italiana, Banca Popolare di Novara, Banco di Napoli, Banco di Roma, Banco di Santo Spirito, Banco di Sicilia, Cassa di Risparmio di Macerata, Cassa di Risparmio delle Province Lombarde, Credito Italiano e Istituto Bancario S. Paolo di Torino, oltre a Fiat ed ENI; si aggiunge inoltre che le banche estere hanno già espresso il loro favore anche in considerazione della situazione di Agrifactoring e della postergazione dei crediti da parte dei due maggiori creditori.

[52] Pronunciando la frase: “Istanza riconsegnata, istanza ritirata”.

[53] L’episodio, riferito dal teste Piovano, trova riscontro in un documento manoscritto dallo stesso Piovano, all’uopo acquisito -cfr. faldone 6, sottofascicolo “istanza  27/5/92”-, nel quale è fatta menzione, in relazione ad un incontro tra il Piovano e il Presidente Greco, della riconsegna dell’istanza.  Va poi considerata la lettera a firma Cigliana, datata 8-7-1992 e diretta al Piovano, nella quale si chiarisce che l’istanza era stata concordata allo scopo di evitare che provvedimenti liquidatori adottati dal Ministero potessero condurre  ad una procedura di liquidazione coatta amministrativa, scavalcando la procedura di concordato preventivo: il documento, incluso nel medesimo faldone, è stato disconosciuto dal Cigliana, che pur ha confermato la paternità della firma.

[54] Il voluminoso parere del prof. D’Alessandro è ricompreso nel faldone 6, unitamente alla verbalizzazione delle decisioni del commissario governativo, datata 25-9-1992, nella quale il Piovano fa menzione dell’incarico conferito all’esperto e dell’avvenuto inoltro della relazione agli organi della procedura.

[55] Lo statuto delineato dai primi commissari è incluso nel faldone allegato 4 alla scheda 1 A, sottofascicolo 12 “Agrisviluppo”.

[56] L’istanza è nel faldone allegato 3 alla scheda 1 A.

[57] Utili riferimenti a tale iniziativa sono contenuti nella relazione della Commissione Parlamentare d’Inchiesta, oltre che nelle dichiarazioni del teste Lobianco.

[58] Il documento è contenuto sia nel faldone degli atti acquisiti ad integrazione del fascicolo all’udienza del 21-5-2001, sia nel faldone allegato 5 alla scheda 1 A.

[59] Nel frattempo aumentati a 462 miliardi, per tener conto soprattutto dei debiti per IVA e imposta di fabbricazione, in base ad un aggiornamento trasmesso dal commissario giudiziale: cfr. l’informativa di aggiornamento al 14-7-1992, contenuta nel fascicolo dei documenti acquisiti in occasione dell’audizione del prof. Picardi all’udienza del 13-7-2001.

[60] Valutati 4.072 miliardi di lire per effetto di alcuni aggiustamenti.

[61] Il piano di vendite frazionate elaborato dal dott. Piovano è stato acquisito al dibattimento e fa parte delle produzioni a margine dell’escussione del teste all’udienza del 12-7-2001.

[62] Doc. 10 delle produzioni dell’Avv. Vassalli

[63] Doc. 11 delle produzioni dell’Avv. Vassalli

[64] docc. 12 e 13 delle produzioni dell’Avv. Vassalli: in questa fase all’iniziativa risultavano aderire il Banco di Napoli, la Banca di Roma, risultante dalla fusione del Banco di S.Spirito, della Cassa di Risparmio di Roma e del Banco di Roma, la B.N.L., l’Istituto Bancario S.Paolo di Torino, il Credito Italiano, la Cassa di Risparmio di Macerata, il Banco di Sicilia, la Banca Popolare di Novara, la Banca Commerciale Italiana, la Cassa di Risparmio delle Province Lombarde, l’Enichem, la Fiat per le società del gruppo, la Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania, la Cassa di Risparmio di Fano, la Cassa di Risparmio per le Province Siciliane, la Cassa di Risparmio di Bologna e la Banca Nazionale dell’Agricoltura.

[65] Doc. 15 delle produzioni dell’Avv. Vassalli.

[66] Il relativo verbale è stato acquisito all’udienza del 12-7-2001 a margine della deposizione del dott. Piovano.

[67] Doc. 16 delle produzioni dell’Avv. Vassalli: all’epoca il comitato era composto da B.N.L., da API spa, da Gherardi srl, da Fiat Geotech spa e da Pioneer HI Bred Italia spa.

[68] Cfr. anche le dich. del teste Pettinacci

[69] Doc. 14 delle produzioni dell’Avv. Vassalli

[70] Ha riferito il teste che l’accoglimento dei suoi suggerimenti avrebbe comportato uno scostamento di mille miliardi circa. 

[71] Doc. 18 delle produzioni Avv. Vassalli: il gruppo si era nel frattempo infoltito, superando la quota del 65% del monte crediti imputabili ad istituti bancari. Inoltre le banche estere si erano pronunciate nel senso che “non esiste alcuna preclusione di principio”.

[72] Il documento è stato inserito nel fascicolo in limine litis all’udienza del 21-5-2001.

[73] Docc. 4, 5 e 6 delle produzioni dell’Avv. Sammarco all’udienza del 27-6-2001

[74] Il doc. fa parte delle produzioni effettuate all’udienza del 12-7-2001 a margine dell’audizione del dott. Piovano e costituisce anche il n. 7 delle produzioni dell’Avv. Sammarco

[75] Atto costitutivo, statuto e patti parasociali sono i documenti da 22 a 24 delle produzioni dell’Avv. Vassalli: va al riguardo richiamato anche il doc. 8 delle stesse produzioni, costituito dalla nota in data 18-6-1992, con cui la Banca d’Italia prendeva nota dell’iniziativa assunta dal Banco di S.Spirito per l’acquisto in blocco dei beni di Federconsorzi, sottolineando peraltro che la nuova società avrebbe dovuto limitarsi statutariamente al rilievo e al successivo smobilizzo delle attività.

[76] Il decreto di nomina, datato 11-5-1993, risulta dal documento inserito nel faldone 6 delle produzioni del P.M. e concerne altresì la nomina come subcommissari dell’avv. Leonardo Di Brina e dell’avv. Gianluca Brancadoro.

[77] Il documento  fa parte delle produzioni dell’avv. Sammarco e del faldone di documenti acquisiti all’udienza del 13-7-2001 a margine della deposizione del prof. Picardi.

[78] Anche questo provvedimento è stato acquisito in limine litis all’udienza del 21-5-2001

[79] Doc. 21 delle produzioni dell’Avv. Vassalli

[80] Inutile dire che si tratta del documento principe del processo, presente ovunque, fra l’altro nel faldone contenente i documenti acquisiti in limine all’udienza del 21-5-2001.

[81] Sono stati acquisiti e riposano in appositi scatoloni molteplici rogiti riguardanti il trasferimento dei cespiti immobiliari.

[82] La nomina dell’Avv. Lettera, come si evince anche dalle dichiarazioni rese da costui e dal prof. D’Ercole, fu contrassegnata da una singolare reazione del precedente commissario, il cui mandato sarebbe comunque scaduto il mese successivo: il prof. D’Ercole infatti impugnò il provvedimento, ottenendo dapprincipio una sospensiva, il che costrinse il Ministro a reiterare la nomina con altro provvedimento.

[83] Lo stato dei trasferimenti è documentato in una serie di documenti raccolti in allegato ad una comunicazione dell’Avv. Lettera al P.M. in data 11-9-1995, contenuta nel faldone 12 delle produzioni del P.M.

[84] Una bozza del rogito è contenuta nel faldone 12 delle produzioni del P.M.

[85] Nel faldone 12 delle produzioni del P.M. è contenuta una serie di istanze e note dell’Avv. Lettera rivolte agli organi della procedura e/o alla controparte S.G.R., nelle quali si illustra la situazione e il punto di vista del commissario governativo: si consideri in particolare la nota del 18-7-1995, inviata al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma e al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Perugia, con una serie di allegati.

[86] Il contenzioso è ampiamente rappresentato da uno scambio di missive del 28-7-1995 e del 2-8-1995 tra il presidente di SGR, prof. Carbonetti, che alla fine del 1994 aveva sostituito il prof. Capaldo, e il commissario governativo: entrambe le missive figurano nel faldone 12 delle produzioni del P.M. in allegato a comunicazione al P.M. da parte del commissario governativo in data 11-9-1995

[87] La commissione fu nominata con DM 12-10-1994 dal Ministro Poli Bortone e presieduta dal dott. Agostino Elefante. Sul punto sono state acquisite le testimonianze di alcuni componenti, quali il prof. Scotti Camuzzi e il dott. Manfroni, già dirigente di Federconsorzi.

[88] Il relativo elaborato è contenuto nel faldone 12 delle produzioni del P.M. e contiene un’aspra critica dell’operato del Ministro Goria, per quanto attiene alla scelta di commissariare Federconsorzi e di chiedere poi la procedura di concordato anziché disporre la liquidazione coatta amministrativa.

[89] Cfr. dich. Manfroni, a detta del quale venne progressivamente meno la spinta politica.

[90] Il documento è ricompreso tra gli allegati della nota in data 18-7-1995, inviata dall’Avv. Lettera al P.M. di Roma e al P.M. di Perugia: in faldone 12 delle produzioni del P.M.

[91] L’Avv. Lettera inoltrò al riguardo un’istanza agli organi della procedura in data 3-7-1995, compresa tra gli allegati di cui alla comunicazione citata alla nota 85.

[92] Il parere del prof. Schelinger, datato 24-10-1995, è incluso tra le produzioni effettuate all’udienza del 13-7-2001 a margine dell’audizione del prof. Picardi

[93] Il provvedimento può trarsi dal faldone 12 delle produzioni del P.M., fascicolo 2.

[94] Il decreto emesso dal GIP reca la data del 22-3-1996 e concerne la partecipazione già trasferita a SGR nelle società immobiliari SAIIM, SAGRIM e INDIPENDENZA, la partecipazione nella BNA e vari crediti residui, all’uopo elencati in un allegato: crediti verso produttori agricoli, verso consorzi agrari, verso l’erario, verso l’Eima, verso il Ministero per le Risorse Agricole e Forestali (c.d. credito MAF),  verso le Regioni ed altri minori.

[95] Su tali cambiali si tornerà specificamente, avendo formato oggetto di ampia discussione.

[96] In questo caso il decreto reca la data del 14-4-1996

[97] Il parere è stato prodotto dall’Avv. Paola ed è inserito in un fascicolo contenuto nel faldone 5 delle produzioni del 20-6-2001.

[98] Appare peraltro singolare che a fronte della deduzione della nullità del contratto quadro si fosse ritenuta indefettibilmente operante la clausola sull’arbitrato.

[99] Essa fu preceduta da un articolato provvedimento del Tribunale di Roma in data 30-7-1998, con il quale, previa analitica ricostruzione delle ragioni del contenzioso, il liquidatore dell’epoca, Avv. Caiafa, fu autorizzato alla stipula: cfr. il provvedimento contenuto tra le produzioni dell’Avv. Paola di cui al faldone 5 citato.

[100] E non invece in virtù di non meglio precisati introiti conseguiti nei primi mesi successivi all’apertura del concordato, dei quali, non è dato comprendere su quali basi, ha fatto cenno la relazione della Commissione Parlamentare di Inchiesta.

[101] Cfr. dich. rese al dibattimento dai testi Norelli e Caiafa, nonché, in contrapposizione, sulla diversa natura attribuita ad alcuni crediti, dich. Esposito.

[102] La relazione fa parte delle produzioni dell’Avv. Del Re.

[103] Cfr. la cospicua documentazione acquisita all’udienza del 16-7-2001 a margine della deposizione dell’autorevole senatore, nonché la documentazione a suo tempo prodotta dall’On.le Cicchitto e acquisita all’udienza del 5-7-2001, unitamente al verbale delle dichiarazioni da costui rese in fase di indagini..

[104] Sul modo di intendere la funzione di Fedit si determinò un contrasto tra i dirigenti, essendovi chi vedeva l’ente come uno strumento di gestione dal vertice e chi invece lo vedeva essenzialmente al servizio dei consorzi “suoi proprietari”: cfr. dich. Manfroni.

[105] Preziose risultano in proposito le analisi contenute nella relazione particolareggiata del commissario giudiziale e nella relazione della Commissione Parlamentare di Inchiesta

[106] In tal senso si è espresso lo stesso Capaldo al dibattimento.

[107] Cfr. anche dich. Manfroni, che ha fatto riferimento alle costose consulenze.

[108] Cfr. dich. Genualdo.

[109] Cfr. le dich. dibattimentali rese da Paolo Bambara.

[110] Con un picco nell’ultimo biennio relativo ai debiti verso gli istituti bancari, saliti a circa 3.000 miliardi: cfr. dich. Manfroni e Genualdo.

[111] L’analisi degli ultimi bilanci è contenuta nella relazione della commissione ministeriale nominata dal Ministro Poli Bortone nel 1994 nonché nella relazione della commissione Martellini-Sica-Carbonetti, nominata dai commissari governativi con il placet degli organi della procedura: di ciò si parla ovviamente anche nella relazione della Commissione Parlamentare.

[112] Eloquenti paiono sul punto le dichiarazioni rese al dibattimento dall’ex commissario governativo Cigliana.

[113] Si considerino le dich. rese dall’ex commissario Gambino. 

[114] Si tratta dell’intervento del 4-6-1991

[115] Si è già visto invece come permanessero varie linee di credito, venute meno solo all’indomani del commissariamento.

[116] L’On.le Lobianco parlò addirittura di “patto scellerato”, espressione che ha poi rivisto e corretto al dibattimento, non riuscendo tuttavia a far comprendere il significato “autentico” del suo giudizio.

[117] Questo risultò l’atteggiamento del Presidente del Consiglio Sen. Andreotti e del Segretario politico della D.C. On.le Forlani in occasione della riunione col Ministro Goria che precedette il commissariamento.

[118] Trattasi di Silvio Pellizzoni.

[119] Si richiamano di nuovo le dichiarazioni di Pellizzoni in ordine al valore tattico della consigliata ispezione ed all’ipotesi di commissariamento già formulata con riferimento ai CAP.

[120] Gli appunti dell’ex commissario governativo Cigliana, acquisiti al fascicolo e contenuti nel faldone 6 delle produzioni del P.M., dimostrano come il Ministro avesse chiari i termini della questione e le differenze delle possibili procedure, ma spingesse nella direzione del concordato preventivo, mentre risulta che i commissari governativi avvertivano l’inadeguatezza di quella procedura e comunque ne auspicavano successivamente il mutamento. Quanto alla L.Prodi, di gran lunga il meccanismo più confacente, non può dirsi che Federconsorzi non avesse natura di gruppo e che tra le società che ne facevano parte non ve ne fossero di sicuramente commerciali, come la SIAPA, potendo del resto la stessa Federconsorzi considerarsi tale, alla stregua dell’assetto in concreto assunto e dell’attività svolta: sull’ipotesi di passaggio alla procedura disciplinata dalla L. Prodi, si considerino anche le dich. del teste Manfroni.

[121] Appunto del 28-6-1991 in cartellina “Incontri con il Ministro”.

[122] La mancanza di tali documenti è stigmatizzata anche dalla Commissione Parlamentare d’Inchiesta.

[123] In tal senso paiono eloquenti i rilievi formulati nella relazione della Commissione Parlamentare.

[124] Tra gli “appunti Cigliana” in faldone 6 delle produzioni del P.M., ve n’è uno del 21-11-1991, nel quale il problema risulta affrontato anche con il dott. Greco, il quale, senza sbilanciarsi, mostra di schierarsi contro un cambio di procedura e comunque contro l’ipotesi di applicazione della L. Prodi.

[125] Cfr anche le dich. dibattimentali dell’ex commissario governativo Gambino

[126] Accanto al pro-memoria del novembre 1991, vanno annoverati due successivi approfondimenti del gennaio e febbraio 1992, acquisiti a margine della deposizione del Roveraro, il quale ha precisato di essere stato mosso dall’esigenza di non disperdere la preziosa rete distributiva rappresentata dai Consorzi Agrari.

[127] La relativa relazione è contenuta nel faldone 3 allegato alla scheda 1 A

[128] Il relativo elaborato è contenuto nel faldone allegato 10 alla scheda 1 A

[129] L’elaborato è contenuto nel faldone allegato 10 alla scheda 1 A ed è stato comunque acquisito all’udienza del 13-7-2001.

[130] La relazione fa parte del faldone allegato 3 alla scheda 1 A.

[131] Quanto ai beni artistici va da un lato considerata la relazione Safarik, in faldone allegato 3 alla scheda 1 A e produzioni del 13-7-2001, e dall’altro la pregevole analisi dell’Avv. Lemme circa l’esistenza di un fedecommesso relativo ai beni artistici in Palazzo Rospigliosi: cfr la relazione dell’Avv. Lemme, contenuta nel plico relativo alla documentazione prelevata dalla G.d.F. tra il 2 e il 10 luglio 1996 presso il Tribunale civile di Roma e riguardante le procedure Federconsorzi e Agrifactoring.

[132] Il relativo elaborato è incluso nel faldone 6 delle produzioni del P.M. ed è contenuto in una cartellina gialla, compresa tra i c.d. appunti Cigliana.

[133] E’ anche il caso di Palazzo Rospigliosi, concesso in locazione alla Coldiretti ad un canone davvero poco remunerativo, con rinnovo avvenuto poco prima del commissariamento.

[134] Sul punto si rinvia anche all’analisi contenuta in una relazione del prof. Sica, in faldone allegato 5 alla scheda 1 A e alle pagine dedicate al tema dalla relazione della Commissione Parlamentare di Inchiesta.

[135] In tale direzione si muovono i rilievi critici formulati dal prof. Umberto Bertini, meglio nella relazione  prodotta in limine dall’Avv. Del Re che non al dibattimento.

[136] E’ sostanzialmente questo l’unico angolo visuale dal quale ha operato il prof. Bertini. Ma sull’argomento si tornerà in seguito.

[137] Pare emblematica la vicenda di Palazzo Rospigliosi, ambito dalla contessa Pallavicini, già proprietaria di una parte della costruzione: alla fine di una prolungata trattativa il bene fu ceduto da SGR alla Coldiretti per 75 miliardi, unitamente ad un’azienda agraria, denominata “Il Pino”.

Ciò ha fatto sorgere il dubbio che si fosse cercato di preferire l’associazione di categoria per tacitarne la riottosità. Ma in concreto la contessa Pallavicini aveva offerto una somma inferiore e comunque non consta che fosse mai stato proposto da taluno l’acquisto per una somma corrispondente a quella di 200 miliardi indicata dai consulenti della procedura. Cfr. anche le dich. del teste Ripa di Meana e la documentazione acquisita a margine della sua audizione.

[138]Il dott. De Vecchi, la cui relazione è stata acquisita a margine della deposizione all’udienza del 20-9-2001, si è occupato di BNA e di Banca di Credito Agrario di Ferrara: il predetto ha rilevato che la partecipazione in BNA aveva avuto un valore stabile fino al 1992, stimabile in 331 miliardi, calato poi nel 1993/1994. Il valore di 254/311 miliardi attribuito dai primi consulenti era da ritenersi comunque congruo. Il De Vecchi ha altresì posto in luce lo specifico interesse di Banca di Roma alla sorte di BNA. Quanto all’altra banca detto consulente ha segnalato la corrispondenza tra la sua stima di 135 miliardi e quella fatta nell’ambito della procedura, sottolineando come la successiva vendita alla Cassa di Risparmio di Ferrara avesse assicurato alla cedente una forte plusvalenza.

Il dott. Nicolini, escusso all’udienza del 19-9-2001, si è invece interessato di SIAPA, ponendo in luce la progressiva erosione di valore, peraltro coincidente nella sostanza con quello stimato dai primi consulenti, e rilevando come il gruppo CAFFARO, resosi poi acquirente, avesse tratto grandi vantaggi dall’acquisizione.

Il dott. Fontana, escusso il 16-7-2001, ha valutato la società FATA, stimandone il valore alla fine del 1990 e del 1992 e rilevando come la successiva acquisizione da parte dell’INA per 239 fosse risultata vantaggiosa per la cedente.

Il dott. Massari, sentito sempre il 16-7-2001, ha invece valutato la Massalombarda Colombani, stimando il valore al 31-12-1990 in 82/100 miliardi non troppo distante da quello indicato dai primi consulenti, e rilevando il tendenziale miglioramento, sfociato nella vendita da parte di SGR per 130 miliardi.

Infine il dott. Camagni, sentito alla stessa data del 16-7-2001, si è occupato della complessa vicenda della Fedital, confermando il valore stimato dai primi consulenti alle date di riferimento, anche se di fatto la società ebbe poi un travagliato percorso, che la portò sull’orlo del fallimento, fino ad essere ceduta al gruppo del finanziere Cragnotti ad un valore nettamente inferiore a quello stimato.

[139] E’ la tesi espressa al dibattimento e in una relazione a sua firma, contenuta nel faldone B delle produzioni difensive, effettuate prima della discussione, dal pur efficace consulente Emilio Salvidio.

[140] Si rinvia altresì alla relazione del consulente Salvidio.

[141] Pregevole risulta la ricostruzione contenuta nella relazione della Commissione Parlamentare di Inchiesta (pagg. 283 segg.)

[142] In faldone 6 delle produzioni del P.M.

[143] Tra le produzioni effettuate all’udienza del 27-6-2001 dall’Avv. Del Re vi è la sentenza della Corte di Appello di Roma in data 17-12-1997, depositata il 19-1-1998, che accoglie l’appello del MIRAAF avverso la sentenza del Tribunale di Roma che aveva riconosciuto la fondatezza delle ragioni del Consorzio Agrario di Milano.

[144] La sentenza è dell’8-11-2001 e fa parte del faldone B, contenente le produzioni effettuate dopo la chiusura della fase di assunzione delle prove orali e prima della discussione.

[145] Trattasi del parere già citato acquisito a margine della deposizione del prof. Picardi all’udienza del 13-7-2001.

[146] Sul tentativo di cartolarizzazione si sono pronunciati i testi Norelli, attuale G.D. della procedura, Caiafa, succeduto come liquidatore al prof. Cataudella, e Musco, attuale commissario giudiziale.

[147] Cfr. ad es. Cass. Sez. Un. Civ. 4351/1985, Cass. Sez. L. 2675/1986, Cass. Civ Sez. II. 2737/1971;  va peraltro segnalato quell’orientamento del Consiglio di Stato secondo cui la produttività di interessi dei crediti nei confronti dello Stato ai sensi dell’art. 1282 cc prescinde dall’impegno e dall’ordinazione di spesa, nonché dall’assenza di contestazioni: Cons. St. A.P. 2/1981.

[148] Cfr. Cons. St. III, 451/1980.

[149] Trattasi del decreto datato 22-3-1996, che si rinviene nel faldone direttamente trasmesso dal GIP, contenente i provvedimenti di sequestro.

[150] Al provvedimento di sequestro era allegata una distinta dei crediti, dalla quale risultavano crediti per circa 60 miliardi verso produttori agricoli, nonché crediti verso consorzi agrari portati da cambiali in portafoglio per 21 miliardi, cambiali presso banche per 678 miliardi e cambiali presso Agrifactoring per 181 miliardi.

[151] Trattasi del sequestro disposto con decreto del 24-4-1996.

[152] Cfr. dich. Lettera.

[153] Al riguardo si considerino le dich. rese anche dal dibattimento dalla teste Canestrini, che pur avendo manifestato una certa propensione alla reticenza, ha nella sostanza confermato quanto da ella in precedenza riferito. La stessa Canestrini ha anzi ribadito che in un caso il rag. Ciatti, non visto dall’Avv. Lettera, comparso nell’ufficio per chiedere alcune informazioni in materia di cambiali, le fece il gesto di tacere, ponendo il dito sulla bocca e sul naso, a sottolineare che l’Avv. Lettera sarebbe dovuto rimanere all’oscuro.

[154] Cfr. dich. Ciatti e Bambara.

[155] In realtà, nonostante le contrarie dichiarazioni di taluni, non si vede perché mai la Canestrini si sarebbe dovuta inventare, non solo al dibattimento, ma già nell’immediatezza delle indagini, l’episodio del trasporto dei titoli e quello relativo al gesto fattole dal rag. Ciatti

[156] cfr. a questo riguardo le perspicue osservazioni dell’Avv. Lettera.

[157] Si tratta della memoria inserita con i relativi allegati nel faldone A. Vanno inoltre considerati i documenti da 19 a 61 delle produzioni dell’Avv. Del Re.

[158] Cfr. deposizioni di Ciatti, Visco e Bambara

[159] Si rinvia in proposito al voluminoso lavoro del dott. Cociani, la cui relazione è stata acquisita all’udienza del 16-72001, a margine della di lui escussione orale

[160] Si è fatto ad es. il caso di Caltanissetta e Trapani

[161] cfr. ad es. doc. 19 e segg. prodotti dall’avv. Del Re.

[162] Si richiamano le perspicue osservazioni contenute nella memoria difensiva a pagg. da 20 a 24.

[163] L’articolato ragionamento è riportato alle pagg. 25 segg. della memoria difensiva.

[164] In sede di escussione orale in data 11-3-1998: il relativo verbale è stato acquisito unitamente alla relazione

[165] Il documento fa parte del faldone 6 delle produzioni del P.M. ed è costituito da una sentenza manoscritta, non altrettanto lucida quanto a